Da Wikivoyage.

Centro storico di Città del Messico
(Città del Messico)
Piazza della Costituzione
Localizzazione
Centro storico di Città del Messico - Localizzazione
Stato
Regione

Il Centro storico di Città del Messico è il nucleo originario della capitale del Messico.

Da sapere[modifica]

Il centro storico o Centro Histórico è una zona nettamente diversa dal resto della città. La sua architettura coloniale ed europea e le strette strade acciottolate la distinguono dal resto di Città del Messico. Ha un numero enorme di negozi, venditori ambulanti e soprattutto folla. L'area storica designata comprende più di 9.000 edifici, quasi un quarto dei quali sono strutture storicamente significative. Sebbene molti degli edifici risalgano all'era coloniale, molti altri furono significativi durante la Guerra d'indipendenza messicana, l'era post-indipendenza o anche gli opulenti edifici art déco dell'epoca della Rivoluzione messicana.

Cenni geografici[modifica]

Anche conosciuta come città dei palazzi, questa zona si colloca intorno alla Piazza della Costituzione, la principale piazza di Città del Messico e la quarta piazza più grande al mondo.

Cenni storici[modifica]

Tenochtitlan fu fondata nel 1325 su una piccola isola sul lago Texcoco, che occupava gran parte di quello che oggi è il Distretto Federale di Città del Messico. Secondo la leggenda, la città fu costruita dove gli Aztechi videro un'aquila seduta su un cactus che teneva un serpente nel becco, considerato un segno del dio Huitzilopochtli. Appena 13 anni dopo la fondazione di Tenochtitlan, la popolazione divenne troppo numerosa, così alcuni residenti si trasferirono nella vicina isola di Tlatelolco e vi stabilirono la propria monarchia, rivaleggiando con Tenochtitlan. Gli Aztechi costruirono un sistema di dighe che separavano l'acqua salmastra del lago da quella dolce degli affluenti, e portavano acqua dolce alla città attraverso un acquedotto. Allo stesso tempo, le dighe proteggevano la città dalle inondazioni. Le dighe furono distrutte da Cortés durante l'assedio di Tenochtitlan e il lago si prosciugò gradualmente, e il problema delle inondazioni non fu risolto fino agli anni '60. All'inizio del XVI secolo, Tenochtitlan divenne il centro dell'impero azteco; qui si trovava la residenza del sovrano supremo, che dal 1502 fu Montezuma II.

Nel 1519, l'esercito spagnolo al comando di Hernan Cortés sbarcò sulla costa atlantica e si avvicinò a Tenochtitlan in novembre. Montezuma non riuscì a negoziare pacificamente con loro, quindi dopo una settimana venne messo agli arresti domiciliari. A causa di disaccordi con il governatore spagnolo di Cuba, Cortes fu costretto a tornare sulla costa e il comando passò a Pedro de Alvarado, che non si distingueva per sottigliezza e metodi diplomatici. Quando Cortes tornò nel giugno del 1520, la situazione era piuttosto difficile e i rapporti con la popolazione locale erano ostili. Montezuma non godette più della fiducia della popolazione e presto morì o venne ucciso. Dopo la sua morte, gli Aztechi riuscirono a scacciare gli spagnoli dalla città e scelsero Cuauhtemoc come sovrano supremo. Nel maggio 1521 Cortés iniziò l'assedio di Tenochtitlan e in agosto vi sbarcò con un esercito e distrusse la città. Cuauhtemoc continuò a svolgere funzioni amministrative fino al 1525, quando fu impiccato con l'accusa di tradimento.

Dopo la distruzione di Tenochtitlan, Cortés trasferì la sua amministrazione a Coyoacán e iniziò a costruire una nuova città, che ora si chiamava Città del Messico. A quel tempo, la popolazione indiana di Città del Messico superava ancora significativamente quella spagnola e Tlatelolco rimase semplicemente sotto il controllo azteco. Il piano per la nuova città fu redatto da Alonso García Bravo e Bernardino Vázquez de Tapia all'inizio degli anni Venti del Cinquecento. Nel centro di Città del Messico si trovava la piazza Zocalo (ora ufficialmente chiamata Plaza de la Constitution), circondata da una griglia rettangolare di strade. Le case furono costruite secondo i modelli dell'architettura di Siviglia dell'epoca. Antonio Mendoza divenne il primo viceré del Messico nel 1535 (Cortez voleva davvero assumere lui stesso questa posizione, ma ricevette solo il titolo di marchese di Oaxaca). Entro la fine del XVI secolo, il centro moderno di Città del Messico era quasi completamente costruito e la struttura stradale è stata preservata da allora fino ai giorni nostri. Nella seconda metà del XVIII secolo ci fu una grande ondata di nuove costruzioni, soprattutto a ovest dello Zocalo, quando i nobili spagnoli che vivevano a Città del Messico acquistarono appezzamenti di terreno, demolirono vecchi edifici e si costruirono palazzi in stile barocco o classicista. Una parte significativa di loro è sopravvissuta fino ad oggi. La maggior parte della popolazione della città, tuttavia, viveva in una profonda povertà, che ricorda ancora gli edifici delle istituzioni ecclesiastiche formatesi nei secoli XVII e XVIII, il cui scopo era prendersi cura dei poveri: ospedali, orfanotrofi, case di cura.

Nel 1821 il Messico dichiarò l'indipendenza e nel 1824 la costituzione fece di Città del Messico la capitale del paese. Nel 1847, durante la guerra messicano-americana, le truppe americane quasi entrarono nel centro della città e furono fermate solo dall'effettiva resa del Messico. Seguì la cosiddetta Guerra di Riforma, durante la quale la città fu presa prima dai liberali sotto il comando del futuro presidente Benito Juarez, e poi dalle truppe francesi, che fondarono un impero in Messico guidato da Massimiliano. Nel 1867, alla fine vinsero i liberali, Massimiliano fu fucilato e i rapporti tra il governo di Benito Juárez e la Chiesa cattolica si deteriorarono a tal punto che tutti i monasteri di Città del Messico furono chiusi e distrutti o ceduti ad altri proprietari.

Sin dalla conquista spagnola, aristocratici e persone abbastanza facoltose hanno vissuto nel centro di Città del Messico. Dall'inizio del XX secolo iniziarono a spostarsi in altre zone della città, come Condesa e Roma. A metà del secolo, l'Università Nazionale Autonoma trasferì quasi tutti i suoi servizi e facoltà nel campus universitario a sud del centro. Negli anni Quaranta, il governo congelò l’affitto dei locali nel centro e rimase fisso fino al 1998. Per questo motivo i proprietari di case non avevano alcun incentivo a mantenere gli edifici in buone condizioni. A poco a poco, il centro della città cadde in completo declino, i ricchi non vivevano più lì e tutte le aziende che si rispettavano chiusero i loro uffici. Nel 1985 si verificò un catastrofico terremoto, a seguito del quale molti edifici furono distrutti e una parte significativa di essi non è stata restaurata fino ad oggi. Quindi, gli isolati sul lato sud del Parco Alameda rimasero in rovina per 15 anni, e poi furono edificati con grattacieli. Per la sua importanza storica, nel 1987 l'UNESCO ha dichiarato il Centro storico di Città del Messico patrimonio dell'umanità, insieme alla delegazione di Xochimilco. In questo periodo molti palazzi erano abbandonati o catturati da abusivi, i borseggiatori operavano per le strade e il centro era considerato una zona svantaggiata in cui era pericoloso affacciarsi a qualsiasi ora del giorno.

Dal 2000, il governo ha iniziato a compiere seri sforzi per riabilitare il centro di Città del Messico. Finora è stato possibile ripulire completamente i quartieri a ovest di Piazza della Costituzione e rimuovere da lì il commercio ambulante. Le aree a est dello Zócalo rimangono problematiche, nonostante isolate sacche di pace, come l’area ben sviluppata intorno alla Chiesa della Santissima Trinità. L'intero centro di Città del Messico è ormai considerato relativamente sicuro e il processo di riabilitazione, anche se lentamente, sta procedendo. In futuro, le zone ad est dello Zocalo dovrebbero assumere lo stesso aspetto delle zone ad ovest della piazza.

Come orientarsi[modifica]

Map
Centro storico di Città del Messico

Piazza della Costituzione
  • 19.43267-99.133171 Piazza della Costituzione (Plaza de la Constitución - El Zócalo) — Lunga 240 metri per lato, El Zócalo è una delle piazza più grandi al mondo. È delimitata dalla Cattedrale Metropolitana a nord, il Palazzo Nazionale a est e il Municipio a sud. Una grande bandiera messicana sventola al centro della piazza: ogni giorno, alle 18:00, viene ammainata e poi nuovamente issata. La piazza ospita una grande varietà di eventi, tra i quali concerti e manifestazioni. Ogni Capodanno i praticanti delle varie religioni indigene del Messico si riuniscono qui per benedire i credenti per il nuovo anno. Il 15 e 16 settembre la piazza ospita le celebrazioni per la festa dell'Indipendenza.
Piazza Santo Domingo
  • 19.43784-99.133742 Piazza Santo Domingo — Una piccola area di epoca coloniale, che si estende da sud a nord. Formalmente si tratta di due piazze: 23 maggio a nord della strada che le separa e la stessa Santo Domingo a sud, ma formano un unico complesso. Al centro della piazza si trova una fontana con un monumento a Josefa Ortiz de Dominguez, conosciuta con il soprannome di La Corregidora, l'eroina della Guerra d'Indipendenza messicana. La piazza è circondata da case settecentesche in stile barocco, e da nord è chiusa dalla barocca Chiesa di San Domenico. Sorge sul sito del monastero domenicano, da cui la piazza prende il nome. Ad ovest, vicino ad esso, si trova parte dello stesso monastero, la Cappella della Crocifissione. Sul bordo orientale della piazza si trova l’ex sede dell’Inquisizione nella Nuova Spagna, costruita tra il 1732 e il 1737. L'edificio è ora occupato da un museo della medicina.
  • 19.432641-99.1429983 Via Dolores — Parte della la strada è stata trasformata in strada pedonale, lungo di essa c'è una piccola Chinatown locale con cartelli, ristoranti e altri attributi.
Piazza delle Tre Culture
  • 19.451305-99.1376884 Piazza delle Tre Culture (Plaza de las Tres Culturas) — La piazza principale del quartiere Tlatelolco si trova a circa un chilometro a nord di Piazza della Costituzione. Progettato dall'architetto Mario Pani e chiamata così perché contiene tracce di tre civiltà contemporaneamente: precolombiana, coloniale e Messico indipendente. Quest'ultimo è rappresentato da antiestetici alti edifici residenziali e da un grattacielo, ora di proprietà dell'Università Autonoma, ma per i primi due vale la pena venire qui. La piazza è circondata da edifici multipiano che compongono il progetto residenziale Unidad Habitacional Nonoalco-Tlatelolco, realizzato negli anni '60 dall'architetto Mario Pani. Come sito di sviluppo urbano, il complesso è interessante (inoltre, sull'edificio Tecpan c'è un affresco di Siqueiros, e sulla Torre Insignia o Torre Banobras, la torre più alta del complesso a forma triangolare, il carillon più alto del mondo con 47 campane), ma al momento la zona presenta anche un alto tasso di criminalità. Anche le zone circostanti non sono del tutto sicure, quindi è necessario raggiungere la piazza in autobus o in metropolitana (Garibaldi), e poi camminare lungo Lázaro Cárdenas.
  • 19.43414-99.132045 Piazza Manuel Gamio — Contiene un diorama all'aperto dell'antica Tenochtitlán.
  • 19.43609-99.139466 Piazza Manuel Tolsá — In questa bellissima piazza potete trovare il Palacio de Minería, il Museo Nazionale d'Arte e la statua del re spagnolo Carlo IV detto anche (il cavallino) El Caballito.

Quartieri[modifica]

  • 19.438631-99.1626831 Colonia San Rafael — si trova a solo 1 km a ovest del centro storico della città. Fu fondato alla fine del XIX secolo come uno dei primi quartieri formali fuori dal centro città e inizialmente si rivolgeva ai ricchi dell'era Porfirio Díaz. Questi primi residenti costruirono grandi palazzi, molti con influenza francese, e molti ne rimangono ancora. Questo quartiere ora ha un gran numero di cinema e musei (El eco, El Chopo, El Museo Nacional San Carlos) e gallerie: Yautepec, La 77, @ El patio 77 B&B, Hilario Galguera.
  • 19.449356-99.1572752 Colonia Santa María la Ribera — Colonia nel quartiere Cuauhtémoc, 2 km a ovest del centro storico. Questa zona è stata designata come "Barrio Mágico" dalla città nel 2011 ed è stata creata alla fine del XIX secolo. La colonia raggiunse il suo apice tra il 1910 e il 1930. Negli anni '30 vi si trasferì la classe media e iniziò una nuova era di costruzione. Oggi la colonia è un mix di antichi palazzi e case (con oltre 1.000 classificati di valore architettonico o storico), piccoli negozi e attività commerciali, case popolari ed edifici abbandonati. La colonia ha un grande parco Alameda e musei (Museo de Antropologia, Museo de Geologia de la UNAM e il museo riaperto Chopo ospitato in un edificio simile a una cattedrale, sta subendo un drammatico restyling modernista da parte di Enrique Norten, il famoso architetto che vive a Città del Messico e New York.


Come arrivare[modifica]

La metropolitana di Città del Messico con evidenziate le fermate del Centro Storico

In metropolitana[modifica]

La metropolitana è probabilmente il mezzo più veloce per raggiungere il centro storico, tuttavia è bene prestare attenzione ai borseggiatori, in quanto le stazioni sono sempre molto affollate.

Ci sono diverse linee della metropolitana che collegano il centro storico al resto della città.

  • : stazioni 19.4259-99.1331 Pino Suarez, 19.4263-99.13782 Isabel La Católica e 19.4268-99.14243 Salto del Agua.
  • : stazioni Pino Suarez, 19.43228-99.132334 Zocalo (più vicina alla Piazza della Costituzione), 19.4355-99.13695 Allende, 19.4359-99.14066 Bellas Artes, 19.4372-99.14687 Hidalgo e 19.439-99.15398 Revolucion.
  • : stazioni Hidalgo, 19.4331-99.14779 Juárez e 19.4273-99.14910 Balderas.
  • : stazioni 19.4436-99.139111 Garibaldi, Bellas Artes, 19.4313-99.141312 San Juan de Letrán e Salto del Agua

Con l'autobus turistico[modifica]

L'autobus turistico a due piani ferma a nord della Piazza della Costituzione, sulla strada Monte de Piedad, a ovest della cattedrale. Il biglietto giornaliero costa $ 140 MXN (160 per l'escursione con guida in inglese).

Con il metrobus[modifica]

Il Metrobus è un sistema di trasporto pubblico veloce di tipo Bus Rapid Transit per autobus, che funziona con orario di servizio dal lunedì al sabato dalle 4.30 a 0.00; domenica e festivi dalle 5.00 a 0.00.

La linea 4 (arancione) del Metrobus ha due rami che attraversano il Centro Storico. Entrambi coprono la tratta che va dalla 19.44623-99.1517913 stazione ferroviaria Buenavista a quella di 19.43077-99.1149614 San Lazaro, adiacente alla stazione degli autobus Oriente. Su entrambi i rami ci sono alcuni autobus contrassegnati che proseguono oltre San Lazaro fino all'aeroporto di Città del Messico (entrambi i terminal). Gli autobus provenienti e diretti all'aeroporto hanno una tariffa di $ 30 MXN invece della normale tariffa Metrobus di $ 6 MXN.

Con il filobus[modifica]

Il filobus corre lungo la strada Lázaro Cárdenas: chiedete all'autista di farvi scendere in strada Madero.

In automobile[modifica]

Questo è il mezzo di trasporto meno consigliato per muoversi nel Centro Storico per via delle strade sempre intasate dal traffico, soprattutto durante i giorni feriali.

Ci sono diversi parcheggi a pagamento in zona che costano carica $ 14 MXN l'ora. Un 19.43474-99.1419615 parcheggio costoso è disponibile presso Bellas Artes.

Attenzione! La domenica è il "giorno della bicicletta": in quest'occasione Paseo de la Reforma viene chiusa ai veicoli a motore.

Come spostarsi[modifica]

A piedi[modifica]

Il modo migliore per spostarsi all'interno del Centro Storico è a piedi: tutti i monumenti e le attrazioni turistiche sono facilmente raggiungibili.

Con l'autobus turistico[modifica]

L'autobus turistico (in spagnolo Tranvia Turístico) parte da 19.43443-99.1419816 Avenida Juarez 66, tra l'Alameda Central e il Palazzo delle Belle Arti.

Il tragitto ha una durata di circa 45 minuti e tocca diversi luoghi di interesse della zona. Il servizio è attivo dalle 10:00 alle 17:00.

In risciò[modifica]

Ci sono alcuni risciò che possono portarvi all'interno del Centro Histórico.

Cosa vedere[modifica]

Zocalo[modifica]

Cattedrale metropolitana
L'altare del re
  • attrazione principale unesco 19.434394-99.1330821 Cattedrale metropolitana (Cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta), Plaza de la Constitución, +55 41654052, . $59 MXN, gratuito per i minori di 12 anni e per gli studenti con documento valido. Lun-Dom 10:00-18:00. La più grande cattedrale del continente americano. Progettata da Claudio de Arcinieaga, la costruzione iniziò nel 1573 e durò più di 300 anni. Si trova sull'area in cui in passato sorgeva un tempio dedicato al dio Tenochtitlan (o Xipe); questo fu distrutto nel 1521 dai conquistadores spagnoli, i quali eressero l'attuale cattedrale. All'interno della grande sagrestia è stato allestito un museo. Visitate le cappelle laterali dove i parrocchiani lasciano le offerte per i vari santi. Il Sagrario Metropolitano è una cappella laterale accanto alla Cattedrale che completata nel 1769. La facciata è un eccellente esempio di architettura churrigueresca messicana. Per una vista dall'alto della piazza, potete fare un tour di 40 minuti (solo in lingua spagnola) dei livelli superiori e dei campanili della cattedrale (M $ 12). Cattedrale di Città del Messico su Wikipedia cattedrale di Città del Messico (Q610961) su Wikidata
Palazzo Nazionale
Murale di Diego Rivera del Palazzo Nazionale
  • attrazione principale 19.4325-99.131112 Palazzo Nazionale (Palacio Nacional), Plaza de la Constitución. Ingresso libero con documento d'identità valido. Lun-Dom 09:00-17:00. Sorge su un terreno di 40.000 m² ed è la sede del potere esecutivo degli Stati Uniti Messicani. La costruzione dell'edificio risale al 1563 sul terreno che era occupato dalla casa di Hernán Cortés costruita nel 1523. L'uso originale del palazzo fu quello di alloggio del viceré. Il primo viceré ad abitarci fu Luis de Velasco. Più tardi il palazzo fu ristrutturato per ospitare anche i tribunali e il carcere della Corte Reale. L'edificio originale, dall'aspetto medioevale, iniziò a prendere il suo aspetto attuale di Costruzione barocca, dopo vari incendi che si sono succeduti nel XVII Secolo, i lavori terminarono solo nel secolo successivo. L'edificio fu poi utilizzato come residenza dei presidenti e degli imperatori del Messico (fino al 1884) e ospitò vari ministeri e la corte suprema. Il palazzo fu ricostruito molte volte e in modo significativo. Ora una parte è occupata dal tesoro e dagli archivi. L'interno del palazzo è interessante soprattutto per i pannelli di Diego Rivera che raffigurano la storia del Messico dagli Aztechi (a partire dalle immagini di Quetzalcoatl) fino alla metà del XX secolo. I pannelli di Rivera si trovano sulle scale che conducono dall'ingresso principale, così come al piano intermedio. Su uno dei pannelli è raffigurata, tra le altre persone, Frida Khalo con falce e martello e con in mano il Manifesto comunista. Al secondo piano sono state ricreate la sala dove si tenne il Congresso e dove fu adottata la Costituzione messicana, e la residenza del presidente Benito Juarez, che abitò nel palazzo. L'intero palazzo ha una forma piuttosto complessa con diversi cortili, ma la maggior parte è chiusa al pubblico. Il cortile, al quale si accede dall'ingresso principale, è aperto. Oltre il cortile, verso l'uscita, da non perdere la Cappella dell'Imperatrice e il piccolo orto botanico. Palazzo Nazionale (Messico) su Wikipedia Palazzo Nazionale (Q1517884) su Wikidata
Uffici del Distretto Federale
  • 19.43175-99.1335223 Uffici del Distretto Federale (Edificio de Gobierno) (sul lato sud di Piazza della Costituzione). Due edifici separati da Avenue 20 Novembre. Ospitano l'amministrazione del Distretto Federale di Città del Messico. L'edificio di destra (occidentale) fu costruito nel 1714 sul sito di quello vecchio che bruciò e fu ricostruito più volte. L'edificio a sinistra è stato costruito negli anni '40 appositamente per non disturbare l'insieme della piazza. Federal District buildings (Q5440197) su Wikidata
Portal de Mercaderes
  • 19.432642-99.1343814 Portal de Mercaderes. Complesso di edifici di epoche molto diverse, per lo più del XX secolo, che occupano l'isolato adiacente al lato occidentale di Piazza della Costituzione. Negli anni '50 fu realizzato un unico portale in uno stile simile agli altri edifici della piazza. Tra gli edifici spicca il Gran Hotel, la cui hall è stata realizzata in stile Art Nouveau dall'architetto Jacques Gruber con ricche decorazioni in ghisa e vetrate colorate. Old Portal de Mercaderes (Q7084756) su Wikidata
Monte di Pietà Nazionale
  • 19.4343-99.1341785 Monte di Pietà Nazionale (Nacional Monte de Piedad) (all'estremità nord-orientale di Piazza della Costituzione). Lun–Ven 8:30–18:00, Sab 8:30–13:00. Costruito all'inizio del XVI secolo e apparteneva a Cortez, anche se fu ricostruito molte volte in modo irriconoscibile. La facciata rivolta verso la piazza risale quindi al 1775. L'edificio ospita la sede dell'istituto finanziario di origine religiosa Monte di Pietà. L'ingresso durante l'orario lavorativo è gratuito. Nacional Monte de Piedad (Q3402106) su Wikidata
Templo Mayor
  • attrazione principale unesco 19.435-99.1313896 Templo Mayor (angolo tra Seminario e Justo Sierra, a destra della cattedrale). MXP95, gratuito la domenica (gen 2024). Mar-Dom 9:00-17:00. Il centro di Tenochtitlan fu distrutto dagli spagnoli nel 1521 e successivamente edificato. Si sapeva che le rovine del principale tempio azteco si trovavano da qualche parte, ma furono scoperte solo all'inizio del XX secolo e poi furono effettuati scavi a lungo e furono completati solo nel 1982. Un'area delle dimensioni di Piazza della Costituzione è stata aperta al pubblico e nel 1987 è stato aperto un museo del tempio, che ospita i reperti scoperti durante gli scavi. Il tempio era costituito da sette templi annidati uno dentro l'altro, alcune parti di sei di essi sono sopravvissute. Nella fontana tra Plaza de la Constitución e il museo si trova un diorama della Tenochtitlan precolombiana. Templo Mayor su Wikipedia Templo Mayor (Q774021) su Wikidata

A nord di Piazza della Costituzione[modifica]

Casa dei Conti di Heras y Soto
  • 19.436128-99.1360647 Casa dei Conti di Heras y Soto (Palacio de los condes de Heras y Soto). L'edificio fu costruito nel 1760 per i Conti di Eras y Soto. È notevole non solo per il suo rivestimento in tufo, ma anche per le sue sculture equidistanti su entrambe le facciate. Le migliori sculture sono proprio all'angolo dell'edificio. Per molto tempo all'interno c'è stato un archivio, e ora parte dell'edificio è occupata anche dall'Istituto di Tecnologia, quindi molto probabilmente non potrete entrare nel cortile, ma potete guardare attraverso i cancelli in ferro battuto. Palace of Counts Heras y Soto (Q6058497) su Wikidata
Murale di Diego Rivera presso il Segretariato della Pubblica Istruzione
Nuova Chiesa di Santa Teresa
  • 19.437055-99.1318038 Segretariato della Pubblica Istruzione (Secretaría de Educación Pública, SEP), República de Argentina #28 (A est di Plaza Santo Domingo). Gratuito. Lun-Ven 10:00-17:00, Sab 10:00-16:00, Dom 10:00-15:00. L'edificio, al primo e al secondo piano, contiene affreschi di Diego Rivera, i primi che completò al ritorno dalla Francia nel 1923-24. Secretariat of Public Education Main Headquarters (Q7444217) su Wikidata
Chiesa di Nostra Signora di Loreto
  • 19.43536-99.1273949 Nuova Chiesa di Santa Teresa (Santa Teresa Nueva), Piazza Loreto. Chiesa costruita nel 1715 dall'architetto Pedro de Arrieta in stile barocco. Accanto, infatti, c'è la verde Piazza Loreto con una fontana.
  • 19.436303-99.12764410 Chiesa di Nostra Signora di Loreto (Nuestra Señora de Loreto), Piazza Loreto. La chiesa fu costruita tra il 1806 e il 1819 ed è l'ultima grande chiesa coloniale di Città del Messico. È stata costruita in stile classicista; un dettaglio caratteristico dell'edificio è un'enorme cupola. La chiesa è cadente, cosa ben visibile dalla sua asimmetria. Nuestra Señora de Loreto Church (Q7068584) su Wikidata
Museo della Medicina Messicana
  • 19.437872-99.13338311 Museo della Medicina Messicana (Museo de la Medicina Mexicana, Palacio de la Inquisición), República de Brasil 33 (angolo tra Brasile e Venezuela, in Plaza Santo Domingo), . Gratuito. Lun-dom 9:00 – 18:00. Situato nell'ex Palazzo dell'Inquisizione, costruito tra il 1732 e il 1737. Il palazzo fu ad un certo punto destinato ad un'università e una parte di esso è ora utilizzata come museo che racconta la storia della medicina in Messico a partire dal XIX secolo. Il museo gestito dalla Facoltà di Medicina dell'Università Nazionale illustra oggi la storia dell'assistenza sanitaria in Messico a partire dal XIX secolo. Contiene una fantastica replica di un'antica farmacia. Palace of the Inquisition (Q7126272) su Wikidata
Museo della Caricatura
  • 19.435639-99.13272212 Museo della Caricatura (Museo de la Caricatura, Colegio de Cristo), Donceles 99. Il museo presenta la storia del disegno messicano, principalmente politico. Per comprendere le trame è consigliabile avere una conoscenza minima della storia del Messico. Situato nell'edificio della settecentesca Collegiata Cristo (poi fusa con la Collegiata San Ildefonso). Caricature Museum, Mexico City (Q5039534) su Wikidata
Rovine del centro culturale spagnolo
  • 19.434997-99.13263313 Centro culturale spagnolo (Centro Cultural de España), Guatemala 18 (Un isolato a nord di Piazza della Costituzione). Gratis. Mar–Ven 11:00 – 21:00, Sab 10:00 – 21:00, Dom 10:00 – 16:00. L'edificio del XVI secolo, ricostruito più volte, è stato gravemente danneggiato dal terremoto del 1985 e restaurato nel 1997 con l'intervento del governo spagnolo. Il complesso del centro è costituito da questo edificio e da un nuovo ad esso annesso e ha due facciate: una affacciata su via Donceles, l'altra rivolta verso via Guatemala. Durante il restauro sono state rinvenute rovine azteche nel seminterrato. Ci sono principalmente mostre di artisti contemporanei messicani e spagnoli, e c'è anche un museo con una mostra archeologica permanente, principalmente di oggetti trovati in questo luogo. Dal secondo piano si gode una bella vista sulla città. Centro Cultural de España (Q5062814) su Wikidata
Murali dell'Antico Collegio di Sant'Ildelfonso
  • 19.43605-99.13065814 Antico Collegio di Sant'Ildelfonso (Colegio de San Ildefonso), Justo Sierra 16. M$50, gratis domenica (gen 2024). Mar–Dom 11:00 – 18:00. L'elaborato edificio coloniale fu costruito all'inizio del XVIII secolo e servì come scuola fino al 1978. Negli anni '20 fu dipinto dall'interno da importanti artisti messicani. Gli affreschi più famosi dell'edificio appartengono a Jose Clemente Orozco (situati su tutti e tre i piani dell'edificio sulla parete settentrionale) e raffigurano scene del Messico contemporaneo in uno stile piuttosto cupo caratteristico di Orozco. Tra l'altro, ad esempio, c'è un affresco del Giudizio Universale, in cui Orozco, senza troppe esitazioni, mandò tutti all'inferno. Antico Collegio di Sant'Ildelfonso su Wikipedia Antico Collegio di Sant'Ildelfonso (Q2297137) su Wikidata
Chiesa La Enseñanza
  • 19.436153-99.13009415 Museo della Luce (Museo de la Luz), El Carmen 31 (angolo con San Ildefonso). M$35. Mar-ven 9:00 – 17:00, sab-dom 10:00 – 17:00. Il museo appartiene all'università e mostra una varietà di effetti ottici: riflessione, rifrazione, dispersione, ecc. Museum of Light, Mexico City (Q15260374) su Wikidata
  • 19.436097-99.13222516 Chiesa La Enseñanza (Iglesia de Nuestra Señora del Pilar), 104 Donceles. Lun-Sab 08:00-20:00, Dom 10:00-17:00. Nascosto in una strada laterale, questo gioiello molto stretto di chiesa fu costruito nel 1770 ed è noto per essere un eccezionale esempio di architettura churrigueresca messicana. Ancor più notevoli della facciata, però, sono i nove retablos dorati all'interno. La Enseñanza Church (Q6462320) su Wikidata

A est di Piazza della Costituzione[modifica]

Chiesa di Santa Inés
  • 19.43384-99.1305117 Chiesa di Santa Inés, 26 Moneda. Lun-dom 10:00 – 18:00. La chiesa superstite fu costruita nel 1684, ma divenne così fatiscente che dovette essere sostanzialmente restaurata. Nel XVII secolo, Juana Ines de la Cruz, considerata la più grande poetessa messicana, visse per un breve periodo nel monastero. Lo stile appare in transizione dal barocco al classicismo, per cui i lavori di completamento avvennero nel 1770. Da notare gli intagli sulle porte in legno. La chiesa fa parte del complesso monastico, occupato dal Museo José Luis Cuevas e dal Centro Culturale Ex-Teresa Arte.
    • Presso il Centro Culturale Ex-Teresa Arte, si tengono mostre temporanee. Church of Santa Inés (Q65068528) su Wikidata
  • 19.433653-99.12898318 Museo José Luis Cuevas, Accademia 13. M$40 (adulti), M$20 (studenti/insegnanti). Mar-dom 10:00 – 18:00. Il museo è stato inaugurato nel 1992 e si basa sulla collezione dell'artista José Luis Cuevas, uno dei maggiori artisti messicani della generazione successiva a Rivera e Siqueiros. La mostra comprende opere di artisti contemporanei messicani (incluso lo stesso Cuevas) e latinoamericani, nonché alcuni artisti dell'Europa occidentale, tra cui Rembrandt e Picasso. Nel cortile del museo è presente un'enorme statua chiamata, abbastanza appropriatamente, La Gigantesca. José Luis Cuevas Museum (Q6292752) su Wikidata
Chiesa della Santissima Trinità
  • 19.433086-99.12884419 Accademia di San Carlos (Academia de San Carlos), Academia 22. Gratuito. Lun-Ven 10:00 – 21:00. L'Accademia d'Arte fu costruita nel 1781 e successivamente ricostruita. L'edificio è notevole per la facciata e il cortile neoclassici. Un tempo ospitava il museo d'arte più antico dell'America Latina, ma negli anni 2000 era diventato troppo grande per l'edificio ed era stato spostato in altri due edifici in diverse zone di Città del Messico. Accademia di San Carlo su Wikipedia Accademia di San Carlo (Q337267) su Wikidata
  • 19.433158-99.12686120 Chiesa della Santissima Trinità (Templo de la Santísima Trinidad), Calle de la Santísima 12 (angolo con Emiliano Zapata). Chiesa barocca, una delle più belle della città. Fu costruita tra il 1755 e il 1783. Adiacenti all'edificio della chiesa si trovano anche ex edifici per uffici e ospedali, che sono stati venduti da tempo e non vengono utilizzati per lo scopo previsto. Innanzitutto è notevole la facciata barocca rivolta verso la Santisima, ma meritano una visita anche gli altri ingressi. La Santisima Church (Q6465169) su Wikidata
  • 19.433712-99.13141821 Museo della Segreteria delle Finanze e del Credito Pubblico (Museo de la Secretaría de Hacienda y Crédito Público, Museo SHCP), Moneda 4. M$8, gratis la domenica. Mar-dom 10:00 – 17:00. Nonostante il nome, questo è un museo d'arte. Viene presentata l'arte messicana degli ultimi trecento anni, compreso lo stesso Rivera. Il museo si trova nell'ex palazzo arcivescovile. Museo de la Secretaría de Hacienda y Crédito Público (Q1142398) su Wikidata
  • 19.433561-99.13098122 Casa della prima tipografia d'America (Casa de la Primera Imprenta de América), Lic. Francisco Primo de Verdad 10 (Ingresso dalla Moneda). Gratis. Lun-ven 10:00 – 18:00, sab-dom 10:00 – 17:00. La casa fu costruita nel 1524 dal frate francescano Jerónimo de Aguillar. Dal 1539 al 1560 ospitò una tipografia, la prima del continente americano, dove Juan Pablos stampò almeno 35 libri. Da allora l'edificio ha cambiato proprietario più volte e ora appartiene all'Università Autonoma di Città del Messico. Le attrezzature della tipografia non sono sopravvissute. Una parte dell'edificio è adibita a museo, che espone in particolare i libri più antichi stampati in Messico. La struttura interna dell'edificio, di cui ci si può fare un'idea senza nemmeno visitare il museo, è per nulla banale. House of the First Print Shop in the Americas (Q5915612) su Wikidata
Statuette cinesi del Museo Nazionale delle Culture
Chiesa di Santa Teresa la Antigua
  • 19.433186-99.13029623 Museo Nazionale delle Culture (Museo Nacional de las Culturas), Moneda 13 (sul territorio del Palazzo Nazionale, ingresso attraverso il Palazzo Nazionale), +52 55 5542 0187, . Gratuito. Mar-dom 10:00 – 17:00. Il museo è dedicato all'archeologia e all'antropologia di altri paesi (tutto ciò che riguarda il Messico si trova nel Museo Antropologico Nazionale). L'ex edificio della zecca (Casa de la Moneda, da cui il nome della strada), costruito nel XVI secolo. Museo Nacional de las Culturas del Mundo (Q6940503) su Wikidata
  • 19.433856-99.13071124 Chiesa di Santa Teresa la Antigua (Iglesia de Santa Teresa la Antigua), Licenciado Verdad 6. Costruita nel 1678 e ristrutturata nel 1845. Santa Teresa la Antigua (Q7419961) su Wikidata

A sud di Piazza della Costituzione[modifica]

  • 19.4311-99.131725 Corte suprema (Suprema Corte de Justicia), José María Pino Suárez 2 (all'angolo sud-est di Piazza della Costituzione). è necessario mostrare il passaporto. Lun-Ven 9:00 - 15:00. L'edificio coloniale, ben restaurato, contiene al suo interno tre enormi affreschi di José Clemente Orozco: Battaglie proletarie, Ricchezza popolare, Giustizia. Supreme Court of Justice of the Nation (Q130925) su Wikidata
Chiesa di Gesù di Nazaret
Dipinti di Orozco
  • 19.428686-99.13293326 Chiesa e Ospedale di Gesù di Nazaret (Iglesia y Hospital de Jesús Nazareno), 20 de Noviembre 82. L'ospedale fu costruito negli anni '20 del Cinquecento (le date indicate sono 1524 e 1528) su istruzione personale di Cortes ed è quindi uno degli edifici più antichi di Città del Messico. Presumibilmente in questo luogo ebbe luogo un incontro tra Montezuma e Cortes nel 1519. Integrata nel complesso ospedaliero è una chiesa in cui il coro e parte della navata sono stati dipinti da Orozco. Nel 1774 Cortez fu seppellito nella chiesa (a sinistra dell'altare c'è ancora una targa commemorativa), ma nel 1882 fu nuovamente trasferito, questa volta in un luogo sconosciuto. Hospital de Jesús Nazareno (Q5908694) su Wikidata
Altare di Ehecatl
Chiostro dell'ex monastero della Merced
  • 19.425294-99.1327127 Altare di Ehecatl (Incrocio tra due stazioni della metropolitana Pino Suárez). Un altare del XIV secolo dedicato al dio azteco Ehecatl (Quetzalcoatl) fu scoperto nel 1967 durante la costruzione della metropolitana e conservato proprio lì. È visibile dal passaggio sotterraneo tra le stazioni. È visibile anche dall’alto dalla strada; se per qualche motivo vi trovate lì, non dovete prendere necessariamente la metro.
  • 19.429483-99.12783628 Chiostro dell'ex monastero della Merced (Claustro del Ex Convento de la Merced). Tutto ciò che resta del monastero del XVII secolo. Il chiostro è riccamente decorato con intagli in pietra ed è un misto di stile moresco e barocco. La Merced Cloister (Q6463827) su Wikidata
Museo di Città del Messico
  • 19.429226-99.13240829 Museo di Città del Messico (Museo de la Ciudad de México), José María Pino Suárez 30, +52 55 5522 9936, . M$29 (adulti), M$14,50 (studenti/insegnanti/membri INAPAM); gratuito il mercoledì. Mar-dom 10:00 – 18:00. Il museo si trova in un palazzo coloniale appartenuto a un certo conte di Santiago de Calimaya. Dedicato alla storia della città, l'edificio in sé è forse più interessante del contenuto, la maggior parte delle sale sono occupate da mostre temporanee. Al secondo piano si trova l'ex studio del paesaggista Joaquín Clausella. Museo della Città del Messico su Wikipedia Museo della Città del Messico (Q1402600) su Wikidata
Museo de la Charrería
  • 19.426402-99.13615530 Museo dell'abbigliamento messicano (Museo de la Indumentaria Mexicana), José María Izazaga, 92. M$5. Lun-ven 10:00 – 17:00. Il museo si trova nel chiostro dell'Università di Suor Juana. La mostra comprende una collezione di abiti messicani (compresi quelli indiani) raccolti da Don Luis Márquez Romay dal 1922 al 1977. Museo dell'abbigliamento messicano (Q5556764) su Wikidata
Biblioteca Lerdo de Tejada
  • 19.426159-99.13719631 Museo de la Charrería, Isabel la Católica, 108. Gratis. Lun-ven 11:00 – 17:00. Charreada è l'equivalente messicano di un rodeo, una gara di equitazione. Il museo racconta la storia delle tradizioni charreade in Messico. Museo de Charrería (Q9047058) su Wikidata
Collegio Basco di Sant'Ignazio di Loyola
  • 19.42969-99.137832 Biblioteca Miguel Lerdo de Tejada, República de El Salvador 49, +52 55 3688 9837. gratis. Lun-Ven 09:00-17:30. Questo edificio barocco fu costruito come chiesa, ma negli anni '60 fu riconvertito per ospitare una biblioteca. Per i visitatori l'interesse principale è una serie di enormi murales dipinti dal pittore emigrato russo Vladimir Kibalchich Russakov (conosciuto in Messico semplicemente come Vlady). I murali nella sala principale sono intitolati La Revolución y los Elementos (o 'La rivoluzione e gli elementi'). Hanno richiesto otto anni per essere completati e sono considerati tra le opere più famose dell'artista. Biblioteca Miguel Lerdo de Tejada (Q16489693) su Wikidata
  • 19.428433-99.14071133 Collegio Basco di Sant'Ignazio di Loyola (Colegio de San Ignacio de Loyola Vizcaínas), Vizcaínas 21. Il collegio fu fondato nel XVIII secolo. Vizcainas si affaccia su una meravigliosa facciata barocca. All'interno c'è una scuola dove molto probabilmente non vi sarà permesso entrare, ma se in qualche modo riuscite a ritrovarvi all'interno, prestate particolare attenzione al cortile e alla cappella. Colegio de San Ignacio de Loyola Vizcaínas (Q5142937) su Wikidata

A ovest di Piazza della Costituzione[modifica]

Casa Borda

Le quattro strade che vanno da est a ovest in direzione del Parco dell'Alameda - Tacuba, Madero, 5 de Mayo, 16 de Septiembre - costituiscono la parte più integrale e autentica del centro coloniale. Il tratto Madero tra Piazza della Costituzione e il Parco Alameda è aperto solo ai pedoni.

  • 19.433572-99.13765834 Casa Borda, Madero 27 (all'angolo tra Madero e Bolivar). Originariamente apparteneva al proprietario della miniera José de la Borda, che la costruì nel 1775 per sua moglie su progetto del più famoso architetto messicano dell'epoca, Francisco Guerrero y Torres. La casa originariamente occupava un intero isolato ed era a due piani, ma poi la maggior parte fu distrutta e ne rimase solo un piccolo frammento. All'ingresso principale è presente una nicchia con la statua della Madonna di Guadalupe. Tutta la facciata superstite risale al XVIII secolo, ma la parte storica della casa si trova solo in Bolivar 26. Fino a poco tempo fa nella casa c'era un museo (Museo Serfin), che poi è stato chiuso. Borda House (Q4944441) su Wikidata
Palazzo di Iturbide
  • 19.433764-99.13886735 Palazzo di Iturbide (Palacio de Iturbide), Madero 17. Il palazzo fu costruito dal 1779 al 1785 dal conte Miguel de Berrio y Saldivar per sua figlia. Agustin de Iturbide, uno dei leader della guerra d'indipendenza messicana, che visse in questa casa dal 1821 al 1823, e in essa si proclamò imperatore Agostino I. Nel 1823 fu costretto a fuggire dal Messico, e nel 1824 ritornò e fu subito sparato. L'edificio è attualmente di proprietà del gruppo finanziario Banamex, che vi organizza mostre d'arte. L'edificio barocco a tre piani è notevole per la decorazione del piano terra e del mezzanino. Palace of Iturbide (Q130898) su Wikidata
Chiesa di San Francesco
  • 19.433447-99.14011136 Chiesa di San Francesco (Templo de San Francisco), Madero 7. I resti del complesso monastico francescano, costruito all'inizio del XVI secolo sul sito dello zoo di Montezuma. Le strutture moderne risalgono a tempi successivi. La chiesa fu costruita dal 1710 al 1716. Il terreno sottostante sta gradualmente cedendo (le prime due chiese di questo sito furono demolite per lo stesso motivo), quindi una scala scende alla chiesa dalla Cappella Bavanera (ingresso da via Madero). La facciata principale della chiesa, riccamente decorata, risale al 1766. Sono state conservate anche parti del chiostro del monastero adiacente alla chiesa. Church of San Francisco (Q5117093) su Wikidata
Casa de los Azulejos
Patio interno della Casa de los Azulejos
  • attrazione principale 19.434219-99.14020637 Casa de los Azulejos, Madero 4. Lun-Dom 7:00-01:00. La facciata della casa è rivestita su tre lati con piastrelle blu e bianche realizzate a Puebla. La casa fu costruita nel 1793, le tegole furono aggiunte successivamente, non si sa esattamente quando. All'interno dell'edificio si trovano due affreschi: uno (Fagiano) dell'artista Pacologue del 1919, l'altro (Omniscienza, raffigurante tre figure umane) di Orozco del 1925, questo è uno dei suoi primi lavori. L'edificio ospita un ristorante dal 1917. L'affresco di Orozco si trova sulle scale che portano al ristorante, e il ristorante attualmente è Sanborns, dove l'ingresso è gratuito. Poiché l'interno dell'edificio è stato ricostruito più volte ed è sotto la protezione dello Stato dal 1931, rappresenta un'insolita miscela di barocco e Art Nouveau. Casa de los Azulejos su Wikipedia La Casa de los Azulejos (Q1267814) su Wikidata
Torre Latinoamerica
Palazzo delle Poste Messicane
Interni del palazzo delle poste
  • 19.433889-99.14055638 Torre Latinoamericana, Eje Central Lázaro Cárdenas 2. M$60. Lun-Dom 9:00-22:00. Il grattacielo in vetro e cemento alto 139 m fu costruito nel 1956 dall'architetto Augusto Alvarez. Fino a poco tempo fa era l'edificio più alto dell'America Latina e rimane ancora uno dei più riconoscibili. Nel 1985 ha resistito a un terremoto di magnitudo 7,9. Al 42° piano c'è un ponte di osservazione e un bar. Si arriva con l'ascensore e al piano superiore (accesso tramite scale) c'è un piccolo museo che racconta la storia di Città del Messico e la costruzione della torre. Torre Latinoamericana su Wikipedia Torre Latinoamericana (Q947870) su Wikidata
  • attrazione principale 19.435686-99.140439 Palazzo delle Poste Messicane (Palacio de Correos de Mexico), Eje Central Lázaro Cárdenas 1. Questo grande edificio fu realizzato nel 1908 da Adamo Boari. Per molto tempo qui si trovava l'ufficio postale centrale e ora c'è il Museo postale (al piano terra) e il Museo di storia della flotta. La facciata dell'edificio è riccamente decorata, ma la struttura dell'edificio interno, con scale a chiocciola, soffitti trasparenti e altri elementi decorativi, è ancora più interessante. La maggior parte dei materiali utilizzati per costruirla furono portati dall'Italia. Palacio de Correos de Mexico su Wikipedia Palacio de Correos de Mexico (Q978161) su Wikidata
  • Museo Postale (Museo Postal), Eje Central Lázaro Cárdenas 1 (Nell'edificio del Palazzo delle Poste del Messico). Gratis. Mar-ven 9:00 – 17:30, sab-dom 9:00 – 14:00. Un museo molto piccolo che espone documenti storici e tutti i tipi di manufatti della storia della posta, come le cassette della posta.
  • Museo di Storia Navale, Eje Central Lázaro Cárdenas 1 (Nell'edificio del Palazzo delle Poste del Messico). Gratis. Mar-ven 10:00 – 17:00, sab-dom 10:00 – 14:00. Principalmente modelli di navi.
  • 19.43556-99.1394440 Palazzo delle Miniere (Palacio de Minería), Tacuba 5. M$15. Mer-Dom 10:00-18:00. L'edificio neoclassico fu costruito dal 1797 al 1813 secondo il progetto dell'architetto spagnolo Manuel Tols. Originariamente una scuola mineraria, l'edificio passò di mano più volte (a un certo punto fu per breve tempo la residenza dell'imperatore messicano Massimiliano) e alla fine divenne proprietà dell'Università Autonoma del Messico. Oggi ospita il Museo Manuel Tols. Palacio de Minería (Q3431087) su Wikidata
Vetrina del Museo interattivo dell'economia
  • 19.435417-99.13841741 Museo interattivo dell'economia (Museo Interactivo de Economía) (Tacuba 17). M$65. Mar-dom 9:00 – 18:00. Il primo museo al mondo dedicato esclusivamente all'economia è stato inaugurato nel 2006 ed è sponsorizzato dalla Banca del Messico. Il museo, in particolare, parla della produzione del denaro e della distribuzione dei beni. Il museo si trova nell'ex ospedale dei Betlemiti, un ordine fondato in Guatemala e sciolto per aver sostenuto i ribelli nella Guerra d'Indipendenza messicana. Negli anni '90 l'edificio barocco del XVIII secolo cadde in completo rovina, ma fu poi restaurato. Interactive Museum of Economics (Q6045328) su Wikidata
  • 19.43568-99.1389542 Museo Militare (Museo del Ejército y Fuerza), Filomeno Mata 6. gratis. Mar–Sab 10:00–17:00, Dom 10:00–16:00. Sono esposte per lo più armi spagnole antiche. Il museo è situato nell'edificio di un ex monastero betlemita (1675). La cappella del monastero si affaccia su Tacuba (casa 11).
Una sale del Museo Nazionale d'Arte
  • 19.436389-99.13944443 Museo Nazionale d'Arte (Museo Nacional De Arte). M $ 38,50 (2014). Mar-dom 10:00-17:30, chiuso il 25 dicembre e il 1 gennaio. Il museo presenta la storia dell'arte messicana dal XVI secolo ai giorni nostri. A quanto pare, se siete interessati al periodo coloniale, così come all'arte messicana prima del 1910, allora dovreste andare a vederli qui, ma di solito questi generi interessano principalmente gli specialisti. Il periodo più famoso della storia dell'arte messicana - Rivera, Siqueiros e i loro contemporanei - è rappresentato qui da piccole opere, e questi artisti sono famosi soprattutto per i loro affreschi, che, ovviamente, non sono rappresentati nel museo. Tuttavia la collezione è buona e, se avete tempo, il museo non dovrebbe essere trascurato.
    Di fronte al museo in Plaza Manuel Tolsa si trova un grande monumento equestre al re Carlo IV, realizzato in realtà da Manuel Tolsa, che fu trasportato a lungo da un posto all'altro e alla fine fu collocato qui. Il palazzo in cui si trova il museo fu costruito nel 1904 dall'architetto Silvio Contri. Per qualche tempo fu utilizzato come Ministero delle Comunicazioni, quindi un paio di stanze al piano terra raccontano la storia del telegrafo in Messico (ingresso con lo stesso biglietto).
    Museo Nacional de Arte (Messico) su Wikipedia Museo nacional de arte (Q1138147) su Wikidata
  • 19.433111-99.13850144 Museo della Calzatura El Borceguí (Museo del Calzado El Borceguí), C/ Bolivar 27, 1° piano. gratis. Lun-ven 10:00-14:00 15:00-18:00, sab 10:00-18:00. Collezione privata di vecchie scarpe dei secoli XVIII, XIX e XX. Il museo appartiene al negozio di scarpe El Borcegui, fondato nel 1865 e che vende scarpe ancora oggi. (Q17374405) su Wikidata

Parco Alameda e dintorni[modifica]

Palazzo delle Belle Arti
Decoro del Palazzo delle Belle Arti

Il centro vero e proprio, che si può definire come isolati di edifici storici, termina in 19.439239-99.1400997 via Lazaro Cardenas, a ovest della quale è più appropriato parlare di singoli edifici storici tra nuove costruzioni e grattacieli. Un filobus corre lungo Lazaro Cardenas, il che è piuttosto esotico per i paesi al di fuori dell'ex Unione Sovietica. A ovest di Lazaro Cardenas, all'incrocio con Calle Madero, c'è una stazione della metropolitana e il Palazzo delle Belle Arti, e direttamente a ovest di essi c'è il piccolo Parco Alameda, uno dei rari luoghi verdi nel centro di Città del Messico. Non c'è niente di particolarmente speciale nel parco in sé, con alcuni monumenti tra cui uno dedicato all'eroe nazionale e al presidente Benito Juarez, ma è un posto carino (e sicuro) dove sedersi su una panchina e rilassarsi.

Chiesa di Santa Veracruz
Murale di Orozco al Palazzo delle Belle Arti
  • unesco attrazione principale 19.435639-99.14127845 Palazzo delle Belle Arti (Palacio de Bellas Artes), Av Hidalgo 1, . Mar-Dom 11:00-18:00. L'edificio del centro culturale in stile Art Nouveau è stato costruito secondo il progetto dell'architetto italiano Adamo Boari. La costruzione iniziò nel 1905 e terminò solo nel 1934 a causa della guerra. L'ingresso all'edificio stesso è gratuito. Contiene due musei (il Museo del Palazzo delle Belle Arti e il Museo di Architettura), dove l'ingresso è a pagamento, oltre a un teatro, un bar e una libreria. Qui vengono organizzati concerti e mostre. Palacio de Bellas Artes su Wikipedia Palacio de Bellas Artes (Q1139081) su Wikidata
  • Museo del Palazzo delle Belle Arti (Museo del Palacio de Bellas Artes), Av Hidalgo 1 (Nell'edificio del Palazzo delle Belle Arti). M$35. Mar-dom 10:00 – 18:00. Una collezione di dipinti messicani, tra cui Siqueiros e Rivera. Molto probabilmente non vedrete nulla di tutto ciò, poiché le sale saranno dedicate a mostre temporanee. Tuttavia, se volete vedere gli affreschi del Palazzo delle Belle Arti, dipinti da Rivera, Orozco e Siqueiros, dovete andare al museo. E gran parte della struttura interna dell'edificio può essere vista solo pagando l'ingresso.
  • Museo di Architettura (Museo Nacional de Arquitectura), Av Hidalgo 1 (Nell'edificio del Palazzo delle Belle Arti). M$35. Mar-dom 10:00 – 18:00. Principalmente mostre temporanee.
Chiesa di San Giovanni di Dio
  • 19.436997-99.14375846 Chiesa di Santa Veracruz (Iglesia de la Santa Veracruz), Plaza Santa Veracruz (a nord del Parco Alameda). La chiesa barocca nella parte orientale della piazza apparteneva a un ordine religioso fondato da Hernán Cortés. L'edificio attuale fu costruito dal 1759 al 1776 e fu consacrato in onore di San Biagio. Come molti altri edifici nel centro di Città del Messico, l'esterno è decorato con tufo rosso scuro e le facciate sono decorate con sculture. La facciata principale si affaccia su via Hidalgo, ma in tempi normali l'ingresso alla chiesa avviene attraverso la facciata occidentale. All'interno, in una delle cappelle più lontane, da non perdere il gruppo scultoreo della Crocifissione del XVI secolo. Santa Veracruz Church, Mexico City (Q7419969) su Wikidata
Chiesa del Corpus Domini
  • 19.43696-99.1434347 Chiesa di San Giovanni di Dio (Iglesia de San Juan de Dios), Plaza Santa Veracruz (a nord del Parco Alameda, di fronte alla Chiesa di Santa Veracruz). La chiesa fu costruita nel XVIII secolo e apparteneva all'Ordine dei Bonifratra. Possedevano anche l'ospedale annesso alla chiesa, che oggi ospita il Museo Franz Mayer. Portale d'ingresso semicilindrico assolutamente meraviglioso.
Convento di San Diego
  • 19.4344-99.143748 Chiesa del Corpus Domini (Templo del Corpus Domini), Av. Juárez 44 (sul lato sud del Parco Alameda). L'intero lato sud del Parco Alameda (lungo Juarez Street) fu distrutto dal terremoto del 1985, e ora c'è un blocco di grattacieli di vari livelli estetici. L'unica cosa che ricorda gli antichi edifici è la facciata della Chiesa del Corpus Domini. Originariamente faceva parte di un monastero costruito nel 1720-1724 dall'architetto Pedro de Arrieta. La facciata è simile ad altre facciate barocche della città ed è riccamente decorata con sculture. Dopo il 1885 l'edificio rimase in rovina per 20 anni, poi fu in qualche modo restaurato e ora ospita l'Archivio di Stato. Infatti, la vecchia facciata è integrata nel nuovo edificio. Ex Temple of Corpus Christi (Q16242141) su Wikidata
Edificio El Moro
  • 19.436496-99.14670449 Convento di San Diego (Laboratorio d'Arte Alameda), Dr. Mora 7 (a ovest del parco Alameda). M $ 19 (2014). Mar-Dom 9:00-17:00. Il monastero fu costruito nel 1591. Al suo interno si trova il Museo del Laboratorio d'Arte Alameda, che ospita mostre temporanee e concerti. Laboratorio Arte Alameda (Q5968607) su Wikidata
  • 19.435835-99.14972450 Edificio El Moro (La Lotería), Paseo de la Reforma, 1. Il grattacielo (altezza 197 m) in stile Art Deco fu costruito dal 1938 al 1946. Al momento del completamento era l'edificio più alto della città. Dà l'impressione completa di un edificio costruttivista. All'interno si trova la sede della Lotteria Nazionale, motivo per cui l'edificio è conosciuto anche semplicemente come La Lotteria. Edificio El Moro (Q5818084) su Wikidata
Una sala del Museo Franz Mayer
  • 19.437042-99.14256751 Museo Nazionale della Grafica (Museo Nacional de la Estampa), Hidalgo 39 (Plaza de Santa Veracruz). M$13 (2014). Mar-Dom 10:00-18:00. Il museo è dedicato alla storia dell'arte grafica in Messico. Probabilmente non sarete in grado di esplorare la sua collezione permanente senza una buona conoscenza della storia spagnola e messicana. La maggior parte dell'esposizione, tuttavia, è dedicata a mostre temporanee, che possono essere piuttosto interessanti. Museo Nacional de la Estampa (Q2893965) su Wikidata
  • 19.437278-99.14331352 Museo Franz Mayer, Plaza de Santa Veracruz. M$45 (adulti), M$25 (studenti/insegnanti), gratuito (anziani/bambini sotto i 12 anni/membri del museo). martedì-venerdì 10:00-17:00, sabato-domenica 10:00-19:00. Il museo è situato nell'edificio del monastero e ospedale dell'Ordine di Bonifratra (1620 con molteplici ricostruzioni successive) ed espone una vasta collezione di arte applicata, raccolta dal finanziere Franz Mayer e trasformata in un museo nel 1986. Questa è la più grande collezione di arte applicata dell'America Latina. Tra le altre cose, ci sono collezioni di tessuti, ceramiche e argenti, oltre a una collezione piuttosto modesta di dipinti, che comprende però nomi famosi come Jusepe Ribera o Francisco de Zurbaran. Museo Franz Mayer su Wikipedia Museo Franz Mayer (Q1148324) su Wikidata
Il dipinto di Diego Rivera "Sueño de una tarde dominical en la Alameda Central"
  • 19.436075-99.1469153 Museo Murale Diego Rivera, Puente de Alvarado 50 (Ovest del Parco Alameda, angolo tra Balderas e Colon), . M$45 (adulti), gratuito (studenti/insegnanti), permesso fotografico M$5 (gen 2024). Mar–Dom 10:00–18:00. L'esposizione principale del museo è l'affresco di Rivera "Un sogno domenicale nel parco Alameda", che raffigura famosi messicani di vari tempi, tra cui, ad esempio, Cortez, l'imperatore Massimiliano e lo stesso Rivera. L'affresco fu dipinto nel 1946 sul muro dell'Hotel Prado, gravemente danneggiato dal terremoto del 1985 e demolito, e per l'affresco fu costruito un apposito museo. Inoltre vengono organizzate mostre temporanee di arte contemporanea. Museo Mural Diego Rivera (Q6033558) su Wikidata
  • 19.4383-99.14584754 Museo Kaluz (Hotel Cortes), Hidalgo 85 (angolo tra Hidalgo e Reforma; metropolitana per Hidalgo o Belle Arti), +52 55 2345 3168. M$90 (stranieri), M$60 (cittadini messicani). Mer-Lun 10:00 - 18:00. Museo d'arte eclettico che si trova a cavallo tra gli stili artistici tradizionali e il mondo dell'arte moderna e contemporanea. Il museo si concentra su opere che riflettono la storia e i mutevoli valori culturali di Città del Messico, una collezione unica in una città affollata di luoghi d'arte eccezionali. Il museo stesso è ospitato in un edificio storico, originariamente l'Hospedería de Santo Tomás de Villanueva, ma noto a generazioni di messicani come Hotel Cortes. L'edificio è stato ampiamente restaurato e aggiornato prima dell'apertura del Museo Kaluz nel 2021. Terrazza sul tetto con giardini tranquilli e un famoso caffè.
Una sala del Museo della Memoria e della Tolleranza
  • 19.434165-99.1446355 Museo della Memoria e della Tolleranza (Museo Memoria y Tolerancia), Piazza Juarez, +52 55 5130 5555, . M$75 (adulti), M$60 (studenti/insegnanti/anziani); mostre temporanee: M$ 30 (adulti), M$ 15 (ridotto). Mar-Ve 09:00-18:00, Sab Dom 10:00-19:00; ultimi biglietti venduti ½ ora prima della chiusura. Inaugurato nel 2010, questo museo è dedicato alla memoria dei genocidi e dei crimini contro l'umanità commessi in tutto il mondo, con l'obiettivo di promuovere la pace e la tolleranza. Sezioni separate del museo sono dedicate all'Olocausto, alla Bosnia-Erzegovina, al Ruanda, ai Khmer rossi, al Darfur, all'Armenia e al Guatemala. Museum of Memory and Tolerance (Q6033509) su Wikidata
  • 19.43505-99.1404156 Banca del Messico (Banco de México), Cinco de Mayo e Avda Eje Central. Ufficio della Banca Centrale messicana, costruito nel 1925. Banca del Messico su Wikipedia Banca del Messico (Q806208) su Wikidata
  • 19.4292-99.148857 Centro immagini (Centro de la Imagen), Plaza de la Ciudadela 2 (ingresso in Calle Balderas), +52 55 4155 0850, . gratis. Lun-ven 10:00-18:00. Questo è uno dei principali spazi espositivi per la fotografia di Città del Messico, con mostre a rotazione di lavori di fotografi messicani e internazionali. Il centro dispone anche di una piccola libreria. Centro de la Imagen (Q5762082) su Wikidata
Biblioteca del Messico José Vasconcelos
Interno della Biblioteca Vasconcelos
  • 19.429453-99.15025258 Biblioteca del Messico José Vasconcelos, Plaza de la Ciudadela No 4, +52 55 4155 0830. gratis. Lun-Dom 08:30-19:30. Situata in un'ex fabbrica di tabacco, è una delle biblioteche più grandi della città. Contiene diversi bellissimi cortili e biblioteche più piccole decorate secondo il carattere di diversi autori messicani che hanno donato le loro collezioni di libri alla biblioteca. Biblioteca de México "José Vasconcelos" (Q5727809) su Wikidata
  • 19.44741-99.1508159 Biblioteca Vasconcelos (Megabiblioteca), Eje 1 norte Mosqueta s/n (angolo di Aldama, accanto alla stazione ferroviaria di Buenavista), +52 55 9157 2800, . gratis. Lun-Dom 08:30-19:30. È la più grande biblioteca del Messico e funge da biblioteca centrale per le altre biblioteche del paese. È ospitata in un imponente edificio moderno progettato dagli architetti Alberto Kalach e Juan Palomar. È un must per i visitatori interessati all'architettura, non solo per il suo straordinario design esterno, ma per le sue famose "falature galleggianti" che creano l'illusione di scaffali di libri appesi al soffitto. La biblioteca ospita anche un'ampia collezione di arte contemporanea. Il piano terra ospita mostre temporanee gratuite e il parco comprende un giardino botanico con piante autoctone. Biblioteca Vasconcelos su Wikipedia Biblioteca Vasconcelos (Q6294156) su Wikidata
Museo Nazionale della Rivoluzione
  • 19.436951-99.15294460 Museo Nazionale della Rivoluzione (Museo Nacional de la Revolucion), Plaza, Av. de la República S/N, Tabacalera (Prendete la linea 2 della metropolitana fino a Revolucion, poi camminate per 3 isolati verso sud), +52 55 5546 2115. Lun-Ven 09:00 - 15:00, Sab-Dom 09:00 - 19:00. Eccellente museo storico spesso trascurato dai turisti stranieri, sebbene sia sorprendentemente popolare tra i visitatori messicani. Imponente edificio con un arco, una cupola in rame, una piattaforma di osservazione con viste eccezionali e una caffetteria. Molte scale. Scoprite di più sulla guerra civile messicana del XX secolo insieme alle storie dietro grandi eroi come Pancho Villa ed Emiliano Zapata. Museo Nacional de la Revolución (Q24510321) su Wikidata

Tlatelolco[modifica]

Zona archeologica di Tlatelolco
  • attrazione principale 19.4511-99.137561 Zona archeologica di Tlatelolco. Gratuito. Resti della città azteca di Tlatelolco. La città era più antica di Tenochtitlan ed era un importante centro commerciale. Nel 1521 fu conquistata dagli spagnoli al comando di Cortez. Rimangono resti del tempio e di edifici più piccoli, tra cui diversi altari e un muro quadrangolare su cui un tempo venivano esposti i teschi su pali. Sono stati ritrovati durante gli scavi, ma si è deciso di non esporli sul muro. Le rovine sono molto meglio conservate rispetto, ad esempio, al Templo Mayor e, sebbene non sia consentito salire sulle piramidi, è di gran lunga il complesso precolombiano più imponente nel centro di Città del Messico. L'ingresso alla zona archeologica di Tlatelolco avviene da Lazaro Cardenas, la zona è percorribile solo lungo un sentiero che si snoda tra le rovine, ritornando all'ingresso, dove si trova un piccolo museo al secondo piano, ed esce dalla zona vicino alla Chiesa. Sono presenti pannelli informativi dettagliati con testo in spagnolo e inglese. Tlatelolco (sito archeologico) su Wikipedia Tlatelolco (sito archeologico) (Q14623034) su Wikidata
Collegio di Santa Cruz de Tlatelolco
  • 19.450889-99.13669462 Collegio di Santa Cruz de Tlatelolco (Colegio de Santa Cruz de Tlatelolco). Il più antico istituto di istruzione superiore del Messico, fondato nel 1533 dai francescani per educare i figli della nobiltà azteca. Inizialmente, l'insegnamento veniva condotto in spagnolo, latino e nahuatl. La parte più interessante del complesso è la chiesa barocca di San Giacomo, costruita nel 1609 con pietre provenienti dai templi di Tlatelolco. Colegio de Santa Cruz de Tlatelolco su Wikipedia Colegio de Santa Cruz de Tlatelolco (Q2477757) su Wikidata
Memorial del 68
  • 19.4499-99.1367863 Memorial del 68, Av. Ricardo Flores Magon 1 (All'interno del Centro Culturale Universitario Tlatelolco (CCUT) dell'UNAM. traversa Pozzo Lazzaro Cardenas; Dalla metropolitana, esci alla stazione Garibaldi (linea 8) e cammina verso nord su Lazaro Cardenas, oppure dalla stazione Tlatelolco (linea 3) camminate verso est su Manuel González). M$ 30 (adulti), M$ 15 (studenti), gratuito (bambini sotto i 6 anni); ingresso gratuito la dom. Un museo dedicato alla memoria delle vittime della repressione della polizia nei disordini avvenuti sulla piazza nel 1968, durante le Olimpiadi. Tutte le spiegazioni sono solo in spagnolo, anche se l'architettura del museo è interessante. Inoltre, direttamente sulla piazza vicino alla chiesa si trova un monumento alle vittime. Memorial del 68 (Q5406027) su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Biciclette gratuite sul Paseo de la Reforma

La domenica mattina attraversate il centro in bicicletta. Il Paseo de la Reforma è chiuso al traffico automobilistico, così come molte altre strade del centro. Il governo di Città del Messico rende facile parteciparvi. Andate a Glorieta de las Palmas sul Paseo Reforma e cercate le grandi tende. Lì troverete biciclette che potete prendere in prestito per un massimo di 2 ore --- senza alcun costo --- basta mostrare il vostro documento d'identità e compilare un modulo. Le biciclette sono disponibili a partire dalle 8:00 e devono essere restituite entro le 14:00.

Acquisti[modifica]

Date un'occhiata al negozio nel cortile del Palazzo Nazionale, probabilmente avrà tutto ciò di cui avete bisogno. Cercate i supermercati a Balderas, a ovest e a sud dell'Alameda Park.

Fino agli anni '50 il Centro Histórico era il principale quartiere commerciale della città. Molti dei prestigiosi grandi magazzini del paese come Liverpool ed El Palacio de Hierro hanno aperto qui i loro primi negozi. Oggi la zona è ancora una delle più frequentate della città. La zona ha diverse strade dedicate ad un particolare tipo di shopping, ereditato dagli spagnoli. Fare shopping in Centro è una vera esperienza indietro nel tempo poiché molti degli spazi in cui si trovano i negozi sono davvero storici.

Mercati[modifica]

Anche se non avete intenzione di comprare nulla, può essere interessante passeggiare e dare un'occhiata. Ma state attenti ai soldi e ai documenti.

Murale presso il Mercato Presidente Abelardo Rodriguez
  • 19.437133-99.1277831 Mercato Presidente Abelardo Rodriguez (Mercado Presidente Abelardo Rodriguez). L'edificio del mercato, costruito nel 1934, è interessante soprattutto per i mille metri quadrati di affreschi e pannelli realizzati dagli studenti di Diego Rivera, tra cui Antonio Pujol e Pablo O'Higgins, sotto la direzione di Rivera. All'ultimo piano si trova una scultura di Isamu Noguchi, abbinata al suo pannello "Storia del Messico". Abelardo L. Rodriguez Market (Q4666658) su Wikidata
Mercado de la Merced
  • 19.425922-99.1240582 Mercado de la Merced (metro La Merced ). lun-dom 6:00-18:00. Delimitato dalle vie Santa Escuela, General Anaya, Rosario e Cerrado del Rosario. Il più grande mercato di prodotti tradizionali di Città del Messico, costruito nel 1890. La Merced Market, Mexico City (Q3377015) su Wikidata
Mercado de Sonora
  • 19.422208-99.1246833 Mercado de Sonora, Av Fray Servando Teresa de Mier (angolo Calz de la Viga, metro La Merced ). lun-dom 8:00-17:00. Uno dei mercati più interessanti, specializzato in medicine tradizionali, ambientazioni per il Giorno dei Morti e rituali magici. Qui si vendono anche animali. Il mercato è regolarmente pattugliato dalla polizia. A causa dei casi di vendita di animali rari vietati, vengono regolarmente effettuati raid della polizia. Mercado de Sonora (Q5548562) su Wikidata
  • 19.43-99.14474 Mercado San Juan, Ernesto Pugibet (metro San Juan de Letrán ). Il mercato è specializzato in prelibatezze; molti ristoranti costosi di Città del Messico acquistano qui i loro prodotti. Qui potete trovare prodotti importati (ad esempio dall'Europa), così come prodotti tradizionali messicani. mercato di San Juan (Q28517857) su Wikidata
  • 19.43026-99.143055 Mercato dell'artigianato di San Juan (Accanto al Mercado San Juan). Lun-Dom 10:00–16:00. Vendita di tutti i tipi di souvenir e oggetti di arte popolare provenienti da tutto il Messico: ceramiche, tessuti, intagli, pelletteria e gioielli.


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Il Centro Histórico è il posto migliore per gustare i piatti tradizionali della cantina, comprese le bevande, dove vengono serviti gratuitamente pasti leggeri e stuzzichini, chiamati botanas. Ci sono cantine ovunque nel quartiere, tutte con un interessante significato storico, musica dal vivo e interessanti tipi di affari della zona. Sono tipicamente un ritrovo maschile, ma le donne sono accettate e al sicuro, preparatevi solo a ricevere un'attenzione speciale se vi presentate. Per i rinfreschi analcolici, in quasi ogni isolato durante il giorno si trovano juguerias che vendono venti tipi di frullati a partire da M$25. Per un'autentica esperienza messicana, visitate una pulqueria e provate una tradizionale bevanda regionale a base di agave fermentata solo in Messico!

Prezzi medi[modifica]

  • 19.43008-99.13871 El Huequito Bolivar (El Huequito Bolivar), República de El Salvador 42 D (Angolo di República del Salvador). Lun-Dom 8:00 - 23:00. Questo angolo dei tacos è una buona opzione se volete provare i "tacos al pastor".


Dove alloggiare[modifica]

La maggior parte degli hotel di fascia media di Città del Messico non si trovano in centro, ma nelle zone di Condesa Roma e Son Rosa. Da lì il centro è facilmente raggiungibile con la metropolitana o anche a piedi.

Prezzi modici[modifica]

  • 19.435651-99.1337251 Mexico City Hostel, República de Brasil 8 (angolo nord-ovest della Catedral Metropolitana, fermata metro Allende o Zócalo), +52 55 12 36 66, +52 55 12 77 31, . 140-250 pesos (8-15€). Ostello comodo per giovani viaggiatori. In un edificio modesto e senza pretese troverete tutta una serie di comodi servizi: dalla cucina in comune al Wi fi. Colazione inclusa.
  • 19.436992-99.1354252 Hotel Habana, Rep De Cuba No. 77, +52 55 55 18 15 91. Buone stanze ad un prezzo abbastanza basso.
  • 19.438888-99.13333 Hotel Rio de Janeiro, Rep De Brasil (vicino lo Zocalo), +52 55 551 81 591. da 70 pesos (4€). Hotel davvero economico in pieno centro città. A prezzi stracciati (4-5€ a notte) potrete avere una piccola ma confortevole stanza con l'unico handicap che il bagno è in comune con gli altri ospiti dello stesso piano. Molte delle camere più costose (10€) hanno anche una TV in camera.

Prezzi medi[modifica]

  • 19.441753-99.1642034 El patio 77 B&B, García Icazbalceta 77 (a tre isolati dalla stazione SAN COSME sulla linea blu), +(52)(55)55928452, . da 60 € a notte. Check-in: 15:00, check-out: 12:00. Questo B&B è stato il primo ad essere adattato per un consumo eco-friendly. Si trova in un palazzo in stile francese del XIX secolo e offre solo 8 stanze di media qualità con tutti i principali comfort.
  • 19.431567-99.1354255 Hotel NH Collection Mexico City Centro Histórico, Palma 42, +52 55 51301850. 74€. Questo hotel ha il grandissimo vantaggio di trovarsi nel centro città a pochi passi dalle principali attrazioni. In quanto a comodità è un hotel di medio-alta qualità.

Prezzi elevati[modifica]

  • 19.433925-99.1345296 Zócalo Central Hotel Hotel Zócalo Central, Av Cinco De Mayo 61. 90€. Hotel moderno vicino al centro storico, stanze piccole ma ben arredate. Il Wi fi è compreso nel prezzo ma molti viaggiatori hanno segnalato che la connessione non sempre funziona.
  • 19.435109-99.1511787 Barceló México Reforma, Paseo de la Reforma, 1, +52 555 12 85 000. 130€ a notte. Check-in: 15:00, check-out: 12:00. Hotel in un palazzo completamente ristrutturato nel centro storico, culturale e finanziario della capitale.
  • 19.434085-99.1358268 Hotel Rioja, Cinco de Mayo 45 (nel centro storico), +52 55 21 8333. 240 € (luglio 2011). Check-in: 7:00. Hotel di poche pretese, molto vicino a Zocalo. Lo spagnolo vi tornerebbe utile per comunicare con il personale ma la maggior parte di loro parla anche inglese.


Sicurezza[modifica]

Nel complesso, camminare nel Centro Storico è sicuro, ma è un'area in cui dovete tenere gli occhi aperti ed essere consapevole di ciò che vi circonda. Le vie dello shopping e i vecchi grandi magazzini sono divertenti, ma tenete presente che i negozi chiudono notevolmente prima che in altri posti e le strade iniziano a diventare tranquille entro le 21:00 quasi tutte le sere. Il Centro diventa più lussuoso andando a ovest verso la Zona Rosa, e più grintoso andando a est verso i mercati di Merced e Sonora. Un suggerimento conservatore sarebbe quello di evitare le aree a est dello Zócalo dopo il tramonto ed evitare sempre il quartiere di Tepito (la gente del posto va lì per merce di contrabbando a buon mercato, ma gli stranieri hanno maggiori probabilità di farsi derubare le tasche piuttosto che di fare un affare). Plaza Garibaldi è un luogo squallido, ma dal 2020 la città ha intensificato la presenza della polizia e ha ripulito la piazza dopo diversi anni di calo del traffico turistico. Ci sono ancora molti mariachi lì e un sacco di tequila e tacos, ma è un'altra zona che potreste voler visitare durante le ore diurne, restate in posti con molte persone ed evitate di bere eccessivamente.

Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

I servizi di telefonia cellulare a Città del Messico sono eccellenti. La copertura 5G sarà la norma dal 2023, in particolare con Telcel, e i punti bui senza copertura sono praticamente sconosciuti nel Centro Storico.

Internet[modifica]

La connessione Wi-Fi gratuita è disponibile nella maggior parte degli hotel, ristoranti e altri luoghi turistici. Il governo della città fornisce un servizio Wi-Fi gratuito a tutti nei parchi e nelle piazze pubbliche, inclusa l'Alameda nel Centro Storico.

Informazioni utili[modifica]

Si ritiene che Città del Messico abbia più musei di qualsiasi altra città al mondo e la maggior parte di essi si trova nel centro storico.

Suonatori d'organo[modifica]

Suonatore d'organo

Le strade del Centro Storico risuonano spesso del suono nostalgico dei suonatori d'organo, che accendono i loro strumenti storici tramandati attraverso generazioni di suonatori. La tradizione inizia più di 130 anni fa, durante l'era Porfiriato. Secondo la tradizione locale, Porfirio Diaz voleva che il Messico emulasse le tradizioni europee, una delle quali era il suono della musica di strada a Berlino proveniente da un numero apparentemente infinito di suonatori d'organo. I suonatori di organo adottarono lo stile dell'uniforme kaki dei soldati di Diaz e il popolo messicano apprezzò i suoni dei piccoli organi mentre passeggiavano per le strade del centro.

Danzatore azteco allo Zocalo

I suonatori di organo sono considerati parte della cultura immateriale della città. Sebbene possano essere trovati nelle città di tutto il Messico, è nella capitale che la maggior parte esercita ancora il proprio commercio, in particolare nel Centro Storico. La tradizione però sta lentamente morendo. Meno suonatori di organo girano per le strade rispetto a una volta. I giovani raramente vogliono seguire l'esempio dei loro padri. I passi e i nuovi organi sono quasi inauditi poiché la maggior parte degli strumenti sono stati fabbricati in Germania, che non esporta più organi dalla Seconda guerra mondiale. Se sentite il suono caratteristico di un organetto, capite che state ascoltando una tradizione con più di 130 anni alle spalle. Se lo apprezzate, gettate qualche pesos nel cappello del suonatore d'organetto. Sta lavorando per le mance!

Danzatori aztechi[modifica]

I ballerini tradizionali aztechi sono un appuntamento fisso nel Centro Storico, soprattutto nello Zocalo tra la Catedral Metropolitana e il Templo Mayor. I ballerini sono chiamati concheros e, sebbene le loro danze non siano necessariamente basate sulla tradizione orale tramandata attraverso la comunità indigena locale, prendono sul serio la loro danza e fanno del loro meglio per imparare il più possibile su strumenti, musica, costumi, danze ed eventi astronomici e religiosi che contavano per gli Aztechi, in modo che ciò che vedete e ascoltate sia il più vicino possibile a un'autentica esperienza culturale azteca come è probabile per la maggior parte dei turisti provare. Guardate, apprezzate e date la mancia agli artisti!

Altri progetti

DistrettoBozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.