Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Camposampiero
Camposampiero - Il Municipio
Stemma
Camposampiero - Stemma
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Camposampiero
Camposampiero
Sito istituzionale

Camposampiero è una città del Veneto.

Da sapere[modifica]

Sul sostrato agricolo tipico della Pianura Veneta si è sviluppata anche un'economia dedicata al commercio ed all'industria oltre che ai servizi - ad esempio l'antico ospedale -.

Cenni geografici[modifica]

Camposampiero è città della fertile pianura veneta; dista 26 km da Padova, 16 da Cittadella, 12 da Castelfranco Veneto, 12 da Noale, 32 da Treviso, 39 da Vicenza, 41 da Venezia.

Cenni storici[modifica]

La zona fu interessata ad insediamenti romani e ad una diffusa centuriazione del territorio, ancora oggi leggibile nell'asse viario delle campagne. La campagna di Camposampiero fu interessata dalle grandi opere dei benedettini che favorirono il recupero e lo sviluppo dell'agricoltura. La posizione del centro abitato, tuttavia, all'incrocio di due grandi vie di comunicazione quali per Padova, Bassano, Noale rese indispensabile la fortificazione del luogo che fu molto conteso; le opere di difesa furono ulteriormente consolidate nel 1229. Nel 1513 le truppe della Lega di Cambrai, preso ed incendiato Noale, si impossessarono anche di Camposampiero arrecando distruzioni e rovine; si ritiene ah la distruzione del castello possa essere avvenuta in questo frangente. Le sue rovine vennero man mano eliminate fino alla sua sparizione pressochè completa. Analoga sorte ebbero le mura.

Il resto della vita di Camposampiero è legato alle vicende della Serenissima. Nel 2009 all'antico borgo è stato conferito il titolo di Città.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Il suo territorio comunale comprende, oltre alla città, la frazione di Rustega.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg Gli aeroporti più vicini sono:

In treno[modifica]

  • Italian traffic signs - icona stazione fs.svg 3 Stazione ferroviaria, Via Guglielmo Marconi, 24. Ha stazione ferroviaria propria.

Vi si incrociano le linee:

  • Bassano-Padova
  • Montebelluna - Padova
  • Castelfranco Veneto - Padova

In autobus[modifica]

  • Castelfranco Veneto - Padova (MOM)


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • 1 Chiesa di San Pietro. La chiesa subentra all'antica Pieve che la tradizione vuole fondata da San Prosdocimo (Primo secolo d.C.) in un sito diverso dall'attuale collocazione del tempio.
L'imponente chiesa attuale, che in quanto a dimensioni può essere considerata il Duomo della città, venne progettata da Antonio Beni ed inaugurata l'8 settembre 1940, e si ispira alla chiesa parrocchiale di Conselve in quanto a dimensioni, acustica e stile, non essendo né romantica né gotica, ma piuttosto di fattura "nostrana". Costituita da una navata unica conserva opere d'arte provenienti dalla vecchia chiesa, tra cui: l'altare maggiore; il cassone ligneo dell'organo e un battistero con coperchio, risalenti al Settecento; un altare in marmo nero, arricchito da un crocifisso finemente lavorato in marmo; una pala del Cinquecento (Madonna in trono attorniata dai Santi) che richiama la Scuola di Palma il Giovane e due dipinti di Sebastiano Santi, risalenti all'Ottocento. I lavori di restauro al tetto, al portone ligneo e il rifacimento degli intonaci esterni, compreso il campanile, si sono svolti durante la prima decade del 2000.
San Marco
  • Chiesa di San Marco Evangelista. È un monumento tra i più antichi e significativi di Camposampiero. Viene nominata nel testamento di Gherardino, della famiglia dei conti di Camposampiero alla fine del XII secolo. Inizialmente di dimensioni molto piccole, consacrata nel 1496, venne successivamente modificata per renderla più capiente. Fu ingrandita e decorata nel 1673 con le donazioni del patrizio veneziano Vittore Bondumier, che nella parrocchia aveva palazzo e proprietà. Nel 1733 l'intervento più importante andò ad innalzare la chiesa e a prolungarla, successivamente vennero edificati la cappella dedicata al Sacro Cuore di Gesù e la cappella dedicata ai Santi (XIX secolo). Le due navate laterali sono state ricavate invece nel 1923, con l'abbattimento di alcuni muri. In quell'occasione venne anche creato l'abside semicircolare. Infine nel 1956 le navate vennero prolungate verso sud. Le testimonianze più antiche ed insieme più significative dal punto di vista storico artistico, sono rappresentate da due affreschi attribuiti, come il soffitto, a Girolamo del Santo, artista del XVI secolo. Assai notevole anche la scultura lignea del crocifisso collocato sull'altare maggiore, opera probabilmente di artista veneto della prima metà del Settecento.
  • Castello feudale. Attualmente il castello feudale di Camposampiero ospita la sede dell'amministrazione comunale anticamente ospitava la sede feudale e le carceri. È possibile ammirare la torre dell'orologio a pochi metri dal castello.
  • Oratorio della Madonna della Salute. L'oratorio, originariamente oratorio “di San Giacomo”, è stato costruito dalla famiglia Quirini nel 1406. Quando la Serenissima estese il suo dominio su Camposampiero nel 1405, il castello e l‘area racchiusa dalle mura vennero confiscate ai Carraresi e dichiarate proprietà nazionale. Nell'ottobre dell'anno seguente i Quirini acquistarono un appezzamento di terra all'interno delle mura e vi eressero un grande palazzo, chiamato dal popolo Palazzon, dotato di giardino, casa per i lavoratori ed appunto l'oratorio dedicato a San Giacomo il Maggiore il quale conserva ancora oggi nel portale lo stemma dei Quirini. Passato ad altre proprietà, il palazzo durante il napoleonico Regno d'Italia fu demolito.
Con lo scoppio dell'epidemia di colera del 1836, per voto unanime della popolazione del paese, l'oratorio venne dedicato alla Madonna della Salute. Il ricordo della funzione dell'ultima domenica di luglio dello stesso anno, con la quale la chiesa venne dedicata alla Madonna supplicando la liberazione dal contagio, è vivo ancora oggi nella tradizione popolare. Sempre la tradizione sostiene che la Madonna non fu sorda a questa supplica e, mentre nei paesi vicini il contagio continuò per tutto agosto, a Camposampiero l'epidemia terminò con il luglio di quell'anno.


Eventi e feste[modifica]

  • Maratona di Sant'Antonio. Simple icon time.svg in aprile. Ricorda il cammino di Frate Antonio prima della morte, aprono per Camposampiero la stagione delle manifestazioni e delle serate che movimentano il centro cittadino
  • Fiera Regionale della Zootecnia di Rustega (nella frazione Rustega). Simple icon time.svg La prima domenica di maggio. È una manifestazione di notevole importanza che si svolge annualmente . Comprende raduno moto d'epoca, serate con musica dal vivo e stand gastronomico; in zona fiera (quartiere Bastia) sono visitabili la mostra equina, bovina ed avicola, oltre a molti altri animali di diverse razze, ma anche macchine agricole e giardinaggio. La mostra mercato offre una possibilità di commercio alla quale possono partecipare i commercianti della zona.
  • Sagra del Santo. Organizzata in onore del Sant'Antonio, con manifestazioni, stand gastronomico (quartiere Babelli) e Parco Divertimenti (in piazza).
  • Festa della Fragola. Simple icon time.svg seconda domenica di maggio. È costituita da diverse manifestazioni tra cui l'elezione di miss Fragola, la fiera mercato con oltre 200 bancarelle, le serate Alla riscoperta dei sapori in piazza castello, concerti, e altri tipi di intrattenimento.
  • Una piazza per giocare. Simple icon time.svg in giugno. Nella piazza del capoluogo vengono allestiti stand-laboratori nei quali i bambini possono cimentarsi nella realizzazione di manufatti, la partecipazione ha un costo di 3 euro ed è resa possibile grazie al patrocinio del comune e dell'associazione "anche il bambino è un cittadino" che offre diverse attività a favore della gioventù per sensibilizzarli alla vita sociale.
  • Estate in Piazza. Manifestazione che dura per tutti i mesi estivi con concerti serali organizzati dalle Accademie Musicali della città; presentazioni di libri con la collaborazione della Biblioteca Comunali; teatro, cinema, cabaret, intrattenimento.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Hotel Pino Verde, Via Borgo Padova 114, +39 049 9314001.


Sicurezza[modifica]

Italian traffic signs - icona farmacia.svg Farmacie

  • 4 Curri, Borgo Trento Trieste, 4, +39 049 5790133.
  • 5 Rialto, Via Rialto, 3, +39 049 5790113.
  • 6 Santo Spirito, Via Borgo Rustega, 71.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • 7 Poste italiane, Piazzetta Dante 12, +39 049 9317811, fax: +39 049 9303593.


Nei dintorni[modifica]

  • Castelfranco Veneto — Città murata, fondata una ventina di anni prima di Cittadella, le si contrapponeva come baluardo difensivo.
  • Cittadella — Città murata, nasce come risposta difensiva a Castelfranco.
  • Noale — Conserva la rocca, due torri, resti di un castello, una villa che rientra nel solco architettonico delle ville venete.

Itinerari[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Camposampiero
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Camposampiero
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.