Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia meridionale > Molise > Appennino molisano > Molise centrale > Baranello

Baranello

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Baranello
Baranello - Chiesa di San Michele Arcangelo
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Baranello
Baranello
Sito istituzionale

Baranello è una città del Molise.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Sulle alture dell'Appennino molisano nel Molise centrale, dista 11 km da Bojano, 13 da Campobasso.

Cenni storici[modifica]

Il borgo fu citato per la prima volta nel XIV secolo come possesso di Capece Galeota. In realtà però la fondazione risale all'epoca normanna. Nel 1591 il feudo fu venduto dai Carafa ai Marchese e poi ad Angelo Barone. Fino al XIX secolo Baronello farà parte del dominio degli Aragonesi e infine della famiglia Ruffo.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

  • Autostrada A14 Italia.svg Autostrada Adriatica A14:
  • da nord uscire a Termoli, seguire la direzione Campobasso, continuare sulla SS 87, svoltare sulla SS 647 in direzione di Campobasso, svoltare sulla SP 49 in direzione di Baranello.
  • da sud in direzione Pescara, continuare sull'autostrada A16, seguire la direzione Benevento, a Benevento continuare sulla SS 88, uscire in direzione Campobasso, continuare sulla SS 87 e poi sulla SS 17 in direzione di Termoli, prendere la SS 647, svoltare sulla SP 49 in direzione di Baranello.
  • Da Termoli prendere la SS 16, continuare sulla SS 87, svoltare sulla SS 647 in direzione di Campobasso, svoltare sulla SP 49 in direzione di Baranello.
  • Da Campobasso prendere la SS 87, svoltare sulla SP 49 in direzione di Baranello.

In treno[modifica]

In autobus[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Castello Ruffo. Fu costruito dai Longobardi e modificato in età normanna e medievale. La conformazione attuale è dovuta al restauro dopo il terremoto del 1805. Ha la forma rettangolare di palazzo baronale con quattro torri cilindriche medievali.
  • 1 Chiesa di San Michele. Fu consacrata nel 1818 dopo il tragico terremoto. La facciata è tripartita da quattro colonne tuscaniche con portali semplici. La parte interna a navata unica ha tele del Seicento sulla Strage degli Innocenti, la Adorazione dei Magi e la Presentazione di Cristo al tribunale.
  • 2 Ex Palazzo Comunale, via Santa Maria. Fu costruito in stile rinascimentale fiorentino dall'architetto Giuseppe Barone. Ospita la raccolta di cimeli ed opere d'arte che lo stesso ha lasciato al Comune di Baranello, in due sale adibite a museo.
  • 3 Museo Civico, Via Santa Maria (al 2° piano dell'ex palazzo comunale), +39 0874 460406. In due sale di esposizione sono raccolte le opere d'arte facenti parte della collezione Giuseppe Barone, dallo stesso donata al Comune. L'allestimento è rimasto lo stesso dell'inaugurazione, e mostra quindi le caratteristiche dei criteri espositivi ottocenteschi.
Sono esposti dipinti di scuola napoletana, vasellame italico, vasi attici, bronzi e utensili da cucina etruschi, terrecotte greche e romane, porcellane di Capodimonte e di Pescolanciano, cineserie.
  • 4 Fontana Monumentale, Largo Santa Maria. Costruita su progetto dell'architetto Giuseppe Barone è in stile neoclassico, ha corpo di forma rettangolare e statue ed altorilievi in bronzo; riporta unaiscrizione di dedica a Cerere.
  • 5 Palazzo Zurlo, Largo Conte Zurlo.
  • 6 Mulino Corona, strada comunale Coscia di Ponte. Situato sul fiume Biferno, è rimasto così com'era. Riporta iscritta su una pietra la data 1872; il mulino però è documentato da testimonianze documentali antecedenti.
  • Zona archeologica di Monte Vairano. Si trova tra Busso e Baranello e mostra i resti di un abitato sannitico dotato di mura che racchiudevano un'area di circa 50 ettari. Mostra i segni di tre porte.
L'abitato ha rivelato l'esistenza di dimore e attività produttive e commerciali di tipo urbano; una casa in particolare' la casa di LN che prende nome appunto dalle lettere incise su una parete, è stata oggetto di studio e di investigazione accurata.
Ha fornito in quantità arredi, piatti, lucerne, teganmi, pesi di telaio, otri per la conservazione di derrate alimentari.
Alcune costruzioni dell'insediamento poi mostrano una struttura di notevoli dimensioni


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Ristorante Ru Bangale, Via Alessandro Volta, +39 0874 460645.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 Agriturismo La Fonte, Contrada Terranova 25, +39 0874 460290.


Sicurezza[modifica]

  • 1 Farmacia Benvenuto, Via Guglielmo Marconi, 25, +39 0874 460405.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • 2 Poste italiane, Via Guglielmo Marconi, 44, +39 0874 460081.


Nei dintorni[modifica]

  • Campobasso — La città vecchia si sviluppa su un colle attorno al castello in posizione dominante. La città moderna si è sviluppata nel piano. È il centro più popoloso del Molise, di cui è capoluogo regionale.
  • Bojano — Fu potente città sannita, poi centro romano. Nel medioevo divenne sede episcopale. Conserva un bel centro storico ricco di chiese, oltre alla cattedrale.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.