Scarica il file GPX di questo articolo

Vinci

Da Wikivoyage.
Vinci
Panorama del castello di Vinci
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Vinci
Vinci
Sito istituzionale

Vinci è una città della Toscana.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

È situato nella zona settentrionale della Toscana, sulle pendici del Montalbano, massiccio collinare ricco di vigneti e oliveti e di terrazzamenti sorretti da caratteristici muri a secco.

La parte più antica di Vinci presenta una pianta a forma di mandorla, insolita in questa zona della Toscana. Vista dall'alto, fa pensare a un'imbarcazione a due alberi (dove i due alberi sarebbero la torre della Rocca dei Conti Guidi e il campanile della chiesa di Santa Croce). Il centro storico del borgo leonardiano è noto, per questo motivo, anche come “Castel della Nave”.

Cenni storici[modifica]

Al plebiscito del 1860 per l'annessione della Toscana alla Sardegna i "sì" non ottennero la maggioranza degli aventi diritto (738 su totale di 1784), con un astensionismo da record, sintomo dell'opposizione all'annessione.

Vinci fu liberata dall'occupazione nazifascista per l'opera della brigata partigiana "Silvano Fedi" di Pistoia, guidata da Enzo Capecchi e Artese Benesperi, dopo lunghi scontri con i tedeschi.

Per ragioni legate alla sua importanza storica, al comune di Vinci fu concesso il titolo di città con decreto del Presidente della Repubblica Luigi Einaudi datato 15 luglio del 1954.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Chiesa di Santa Croce.
  • Santuario della Santissima Annunziata.
  • Biblioteca Leonardiana.
  • Casale di Valle, Via Torrino (Località Valle).
  • Museo Leonardiano.
  • Museo ideale di Vinci.
  • Piazza dei Guidi.
  • Villa del Ferrale (Frazione Anchiano).
  • Villa di Mercatale, Via Provinciale (Frazione Mercatale).
  • Villa Dianella Fucini, Via Dianella 38 (Frazione Sovigliana).
  • Villa Vignozzi, Via della Torre 6.
  • Casa Natale di Leonardo da Vinci (Frazione Anchiano). visitabile
  • Castello dei Conti Guidi.
  • Piazza dei Guidi. Riqualificata nel 2006 con un intervento d'arte contemporanea ideato da Mimmo Paladino, con una suggestiva illuminazione con l'utilizzo di tecnologie avanzate a led e fibre ottiche nel rispetto della sostenibilità e del risparmio energetico
  • L'Uomo di Vinci. Scultura lignea di Mario Ceroli che si rifà al celebre disegno leonardiano dell'Uomo vitruviano, inaugurata nel 1987
  • Monumento equestre, Piazza della Libertà. In bronzo, realizzato da Nina Akamu (2001).


Eventi e feste[modifica]

  • Lettura Vinciana. Simple icon time.svg metà aprile. Organizzato dall'Amministrazione Comunale presso la Biblioteca Leonardiana ed istituita da Renzo Cianchi, si affida a uno principali studiosi dell'opera di Leonardo da Vinci l'onore e il compito di fare un intervento critico riguardo a uno dei molti campi di cui l'inventore si occupò, gettando le basi per discussioni, pubblicazioni e studi sull'opera Leonardesca.
  • Menar mascelle all'or di cena. Simple icon time.svg giugno. Organizzato dalla Proloco di Vinci presso la piazza del Castello dei Conti Guidi, consiste in una festa e in una cena in stile rinascimentale, dove i camerieri sono vestiti con i costumi dell'epoca e i partecipanti vengono intrattenuti da giullari, sbandieratori e musicisti.
  • Festa dell'Unicorno. Simple icon time.svg luglio. È una manifestazione medievale/fantasy organizzata dall'associazione Circolo Fantasy. Nel 2005 nasce l'idea della Festa dell'Unicorno, come un'idea di festa medievale che coniugasse il fantasy ai giochi di ruolo dal vivo e viene designata la Rocca di Vinci come luogo adatto per lo scopo. Nel giorno di questa manifestazione, le strade vengono chiuse ed è possibile passeggiare per le vie del centro, circondati da persone in maschera, provenienti da tutte le parti d'Italia.
  • Il Volo di Cecco Santi. Simple icon time.svg ultimo mercoledì di luglio. È una rievocazione medievale, una vera e propria messa in scena di ciò che è avvenuto nel passato: i cittadini di Vinci si vestono con i costumi medievali e ripropongono il corteo storico della popolazione, che accompagna, insieme a una contrada generalmente ospite dal Palio di Fucecchio, il condannato per le vie del paese. Il corteo è composto da sbandieratori, da nobili, da giudici e da soldati, seguiti dal carro su cui viene trasportato Cecco Santi, legato con delle corde e tenuto in custodia da un boia. Dietro al carro c'è la folla dei popolani, che canzona e beffeggia il traditore. Tutto questo è accompagnato da suonatori di trombe e tamburi, che per tutto il tragitto ricreano l'atmosfera medievale, suonando un motivo solenne e tipico dell'epoca. La meta, che viene raggiunta dal corteo a fine sfilata, è un palco posto sotto il Castello di Vinci. Lì, Cecco Santi viene posto di fronte a tutta la folla e un giudice legge la condanna a morte. Letta la condanna, Cecco Santi viene portato via e viene lanciato un fantoccio dal Castello, facendolo scivolare attaccato a un cavo. A questo, segue uno spettacolo di fuochi artificiali che conclude la rievocazione.
  • Calici di Stelle (Piazza del Castello e terrazza panoramica.). Simple icon time.svg 10 agosto. La serata prevede degustazione di vino, assaggi dei piatti tipici del territorio e l'allestimento di mostre visitabili dai partecipanti della serata.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.