Scarica il file GPX di questo articolo

America del Sud > Stati andini > Ecuador > Sierra dell'Ecuador

Sierra dell'Ecuador

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Sierra dell'Ecuador
Quito with Cotopaxi.jpg
Stato

Sierra dell'Ecuador è una regione andina nello stato dell'Ecuador.

Da sapere[modifica]


Territori e mete turistiche[modifica]

Sierra settentrionale[modifica]

  • Otavalo — Rinomata per il suo mercato artigianale cui deve le sue fortune turistiche, Otavalo giace in una fertile vallata coltivata a mais e dominata dalle cime dei vulcani Cotacachi e Imbabura.
  • Cotacachi — Un pueblo tra bei paesaggi
  • Lago Cuicocha
  • Lago Mojanda
  • Peguche — Villaggio con fabbriche di tessuti, Peguche vanta idilliache cascate nei suoi immediati dintorni.
  • Ibarra — Capoluogo della provincia di Imbabura rinomata per i bei paesaggi, Ibarra conserva edifici di epoca coloniale
  • Tulcán — Città al confine con la Colombia

Sierra centrale[modifica]

  • Quito — Capitale del paese e capoluogo della provincia di Pichincha
  • Parco nazionale Cotopaxi — Alto 5.897, il Cotopaxi è la seconda vetta dell'Equador dopo il Chimborazo (6.267 m). Sebbene sia oggetto di escursioni di un giorno da Quito (25 km), potrebbe valer la pena trascorrervi un paio di giorni impiegando il tempo in escursioni a cavallo o in ascensioni alla sua vetta.
  • Latacunga — Capoluogo amministrativo della provincia di Cotopaxi, Latacunga offre la possibilità di soggiornare in una delle sue numerose haciendas con atmosfere tipiche dell'era coloniale. Latacunga è anche la base per escursioni al lago Quilotoa che occupa il cratere di un vulcano spento.
  • Saquisilí — Villaggio indio non ancora contaminato dal turismo, Saquisilí ospita un interessante mercato settimanale.
  • Ambato - Capoluogo della provincia di Tungurahua, Ambato è conosciuta come la città dei fiori e dei frutti. Degno di nota è il suo carnevale.
  • Baños — Alle falde del vulcano Tungurahua, Baños è la base per escursioni al Parco nazionale Sangay, inserito nella lista UNESCO dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità fin dal 1983.
  • Riobamba — Capoluogo della provincia di Chimborazo, Riobamba è situata in posizione spettacolare interamente circondata dalle alte vette delle Ande. A Riobamba è d'obbligo salire a bordo del treno turistico che compie il percorso noto come "Nariz del Diablo". Il treno passa per impervie gole scavate dai fiumi tra aspri paesaggi di montagna.

Sierra meridionale[modifica]

  • Cuenca — Capoluogo della provincia amministrativa di Azuay, Cuenca è città universitaria il cui centro storico figura nella lista UNESCO Patrimoni Mondiali dell'Umanità
  • Parco nazionale El Cajas — Ad una trentina di km da Cuenca, il Parco nazionale El Cajas è cosparso da una miriade di laghi.
  • Ingapirca — Rovine di epoca Inca di interesse non eccezionale nonostante costituiscano il sito archeologico più importante dell'Ecuador.
  • Saraguro — Villaggio indio i cui abitanti indossano ancora costumi ancestrali.
  • Loja — Capoluogo della provincia omonima, Loja può costituire una tappa per quanti abbiano deciso di proseguire il loro viaggio in Perù. La città sta sulla Pan-American e dista una quarantina di km dal valico di frontiera di Macará. La prima città di una certa importanza che si incontra dopo aver attraversato il confine è Piura
  • Parco nazionale Podocarpus
  • Vilcabamba — Villaggio a 40 km da Loja, Vilcabamba è rinomata per la salubrità del clima e per la longevità dei suoi abitanti.
  • Azogues — Capoluogo amministrativo della provincia di Cañar.


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti