Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Grecia > Isole greche > Isole egee > Egeo Meridionale > Cicladi > Sicandro

Sicandro

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Sicandro
IMFJ sikinos01.jpg
Stato
Regione
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale

Sicandro (Sikinos) è un'isola greca nell'arcipelago delle Cicladi.

Da sapere[modifica]

Sicandro è una delle più piccole delle Cicladi ed anche una delle meno visitate forse per la mancanza di collegamenti marittimi frequenti con il Pireo. Si raggiunge, infatti con minor difficoltà dalle vicine Policandro (Folegandro) e Io. È un'isola senza alcuna pretesa che si presta benissimo per vacanze con il sacco al pelo. L'altitudine massima è 552 m s.l.m.

Cenni geografici[modifica]

Sicandro giace tra Io e Policandro ed ha una forma stretta e allungata. Ha una superficie di appena 41 km² e conta circa 300 abitanti. Nella sua sezione nord occidentale presenta una costa scoscesa che spesso cade a precipizio sul mare. Il suo territorio è per lo più roccioso e l'unica cultura di una certa rilevanza è quella dell'olivo. L'apicoltura è anche praticata e il miele di Sicandro è reputato eccellente.

Cenni storici[modifica]

L'antico nome di Sicandro era "Inoe" (Οινόη) con riferimento alla cultura della vite che doveva essere estesa fin dai tempi remoti. Secondo la mitologia, quando le Amazzoni di Limnos decisero di uccidere tutti gli uomini, Ipsipili, figlia del re Thoas, per sottrarre il padre alla carneficina, lo pose in un cesto affidandolo alle correnti marine. Il cesto fu raccolto da alcuni pescatori di Sicandro e il re poté così salvarsi. Dalle nozze successive del re con una ninfa nacque Sicandro da cui l'isola prese il nome. Sicandro fu colonizzata dagli Ioni e nel corso dei secoli conobbe molti padroni, similmente a quanto avvenne per le altre isole egee e, come quelle, conobbe il triste destino delle incursioni piratesche che si protrassero fino alla fine del XVIII secolo.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Alopronia — Lo scalo principale dell'isola dove attraccano i traghetti dal Pireo e dalle isole vicine, in particolare da Io. Una strada asfaltata di 3,5 km la unisce a Kastro e Choriò. Alopronia e anche un centro balneare con un litorale circostante ricco di spiagge. Qui si trova la grotta "Mavri Spilià" molto visitata.
  • Kastro e Choriò — Distanti fra loro solo un qualche centinaio di metri, sono i due villaggi principali di Sicandro. In conseguenza del fenomeno dell'emigrazione che ha colpito Sicandro, molte delle case dei due centri risultano oggi disabitate e si rianimano solo nel periodo estivo. Entrambi sono villaggi molto pittoreschi con case in pietra trattate a calce che si affacciano su stretti vicoli.

Altre destinazioni[modifica]

  • Ayios GeorgiosDialiskari, Ayios Pantelimon - I nomi delle spiagge nei dintorni dello scalo di Alopronia.
Litorale di Sicandro
Il villaggio di Sicandro
Tratto di costa deserta a Sicandro


Come arrivare[modifica]

In nave[modifica]

I collegamenti marittimi con il Pireo non sono affatto frequenti. È più facile raggiungere Sicandro dalle vicine Io e Policandro.

  • Dal Pireo con il traghetto "ROMILDA" della compagnia G.A. Ferries. Servizio valido per il 2008. La traversata dura 11 ore circa.
  • Da Policandro ogni martedì salpa alle 11:35 l'aliscafo "SUPERJET" della Sea Jets (solo in alta stagione dal 8/7/2008 al 26/8/2008). Rotta completa dell'aliscafo:
  • Kountouris Travel - Tel.: +30 22860 51168, +30 22860 51241. Fax: +30 22860 51168. L'agente delle principali compagnie marittime che operano sullo scalo di Sicandro.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Chiesa della Pantanassa. Una chiesa dedicata alla Madonna nel centro di Kastro e in puro stile cicladico.
  • Agios Bassilios. Piccola chiesa fuori del villaggio di Kastro.
  • Agios Anargyroi. Piccola chiesa fuori del villaggio di Kastro.
  • Monastero di Crisopiyì (Monastero della fonte aurea). Un monastero che fungeva da rifugio degli abitanti nel lungo periodo in cui Sicandro era soggetta a incursioni dei pirati. Il monastero, infatti, è simile ad una fortezza. Fu costruito nel 1690.
  • Episkopi. Un'area archeologica a sud ovest di Choriò. Vi si trovano i ruderi di una chiesa che fu edificata sul sito di un tempio pagano forse dedicato ad Apollo.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti