Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Norvegia

Patrimoni mondiali dell'umanità in Norvegia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Norvegia al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

La Norvegia ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 12 maggio 1977.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Chiesa di Urnes 1979 Culturale (i)(ii)(iii) La chiesa di legno di Urnes (stavkirke) si trova nell'ambiente naturale di Sogn og Fjordane. È stata costruita nei secoli XII e XIII ed è un esempio eccezionale di architettura tradizionale in legno scandinavo. Esso riunisce le tracce di arte celtica, le tradizioni vichinghe e strutture spaziali romaniche. Urnes - Stavkirke - Extérieur 02.JPG
2 Bryggen (quartiere di Bergen) 1979 Culturale (iii) Bryggen, il vecchio molo di Bergen, è un ricordo dell'importanza che la città aveva nell'impero commerciale della Lega anseatica dal XIV alla metà del XVI secolo. Molti incendi, l'ultimo nel 1955, hanno devastato le caratteristiche case di legno di Bryggen. La sua ricostruzione ha seguito vecchi schemi e metodi tradizionali, lasciando così conservata la sua struttura principale, che è una reliquia di una antica struttura in legno urbana un tempo comune in Nord Europa. Sono circa 62 gli edifici che restano ancora oggi di questo antico paesaggio urbano. Bryggen, Bergen2.JPG
3 Città mineraria di Røros 1980, 2010 Culturale (iii)(iv)(v) La città mineraria di Røros e la "circonferenza", è legata alle miniere di rame. Fondata nel XVII secolo e sfruttata per 333 anni fino al 1977. Il sito comprende la città e i suoi paesaggi industriali-rurali culturali. Femundshytta, una fonderia con la sua area associata; e la tratta dei trasporti durante l'inverno. Completamente ricostruita a seguito della sua distruzione da parte delle truppe svedesi nel 1679, Røros contiene circa 2.000 case in legno a uno o due piani e una fonderia. Molti di questi edifici hanno conservato le facciate di legno annerito, dando alla città un aspetto medievale. Circondata da una zona cuscinetto, coincidente con l'area dei privilegi (la "circonferenza") concesso per l'impresa mineraria della Corona danese-norvegese (1646), la proprietà illustra la creazione e sviluppo di una cultura duratura basata sulle miniere di rame in una remota regione con un clima rigido. RorosViewFromSlagHeaps.jpg
4 Graffiti rupestri di Alta 1985 Culturale (iii) Questo gruppo di petroglifi nel fiordo di Alta, vicino al circolo polare artico, porta le tracce di un insediamento risalente al 4200-500 a.C. Le migliaia di dipinti e incisioni aggiungono alla comprensione dell'ambiente e le attività umane ai margini dell'estremo nord in epoca preistorica. Alta Felszeichnung Fischer.jpg
5 Vegaøyan, l'arcipelago di Vega 2004 Culturale (v) Un gruppo di decine di isole centrate su Vega, appena a sud del circolo polare artico, forma un paesaggio culturale di 103.710 ettari, di cui 6.930 ettari su terra. Le isole testimoniano un distintivo e frugale stile di vita basato sulla pesca e la raccolta delle piume di edredoni (un tipo di anatre), in un ambiente inospitale. Ci sono villaggi di pescatori, banchine, magazzini, case per edredoni (costruite per la loro nidificazione), paesaggi agricoli e fari. Ci sono prove di insediamenti umani dall'età della pietra in poi. Dal IX secolo, le isole erano diventate un importante centro per la fornitura di piume, che sembra aver rappresentato circa un terzo del reddito degli isolani. L'arcipelago di Vega riflette il modo in cui pescatori e agricoltori hanno, nel corso degli ultimi 1.500 anni, mantenuto una vita sostenibile e il contributo delle donne alla raccolta di piume. Seahouses at Ness, Vega.jpg
Fiordi della Norvegia occidentale, il Geirangerfjord e il Nærøyfjord 2005 Naturale (vii)(viii) Situati nella Norvegia sud-occidentale, a nord-est di Bergen, Geirangerfjord e Nærøyfjord, stanno a 120 chilometri l'uno dall'altro, sono parte del paesaggio norvegese dei fiordi occidentali, che si estende da Stavanger a sud di Åndalsnes, 500 chilometri a nord-est. Sono due tra i più lunghi e profondi fiordi del mondo, e sono considerati come archetipo dei paesaggi tipici dei fiordi e tra i più panoramici tra quelli che si possono trovare altrove. La loro eccezionale bellezza naturale è derivata dalle loro pareti di roccia cristallina strette e scoscese che si innalzano fino a 1.400 metri dal Mare di Norvegia e si estendono sino a 500 m sotto il livello del mare. Nelle pareti a strapiombo dei fiordi vi sono numerose cascate, mentre i fiumi a flusso libero incrociano le loro foreste di decidue e conifere fino a laghi glaciali, ghiacciai e aspre montagne. Il paesaggio è caratterizzato da una serie di fenomeni naturali di supporto, sia terrestri che marini, come le morene sottomarine e i mammiferi marini. Geirangerfjorden.jpg
Arco geodetico di Struve a:
  • 6 Fuglenes a Hammerfest
  • 7 Raipas a Alta
  • 8 Luvdiidcohkka a Kautokeino
  • 9 Baelljasvarri a Kautokeino
2005 Culturale (ii)(iii)(vi) L'arco geodetico di Struve è una catena di triangolazioni geodetiche che vanno da Hammerfest in Norvegia al Mar Nero, attraversando 10 nazioni e per una lunghezza complessiva di circa 2.820 chilometri. Questa catena venne ideata e utilizzata dallo scienziato baltico-tedesco Friedrich Georg Wilhelm von Struve negli anni compresi fra il 1816 e il 1855 per determinare le esatte forme e dimensioni della Terra, tramite un lungo segmento di un meridiano. Ciò ha contribuito a stabilire l'esatta dimensione e la forma del pianeta e ha segnato un passo importante nello sviluppo delle scienze della terra e la mappatura topografica. Si tratta di uno straordinario esempio di collaborazione scientifica tra gli scienziati provenienti da diversi paesi, e di collaborazione tra monarchi per una causa scientifica. Originariamente, l'arco era costituito da 258 triangoli e da 265 punti fissi principali. Il sito ne comprende 34 punti delle stazioni originali, che erano stati realizzati mediante segnali di diversi tipi: buchi scavati nelle rocce, croci di ferro, "ometti" di pietre, obelischi, ecc. Struve Geodetic Arc (LILLE-REIPAS).jpg
10 Sito industriale di Rjukan-Notodden 2015 Culturale (ii)(iv) Situato in un paesaggio mozzafiato di montagne, cascate e valli fluviali, il sito comprende centrali idroelettriche, linee di trasmissione, fabbriche, sistemi di trasporto e città. Il complesso è stato istituito dall'impresa Norsk Hydro per la produzione di fertilizzanti artificiali dell'azoto nell'aria. È stato costruito per soddisfare la crescente domanda del mondo occidentale per la produzione agricola nei primi anni del XX secolo. Le città societarie Rjukan e Notodden presentano alloggi dei lavoratori e delle istituzioni sociali legati per ferrovia e il traghetto per i porti in cui veniva caricato il fertilizzante. Il sito Rjukan-Notodden manifesta una combinazione eccezionale di attività e temi industriali associate al paesaggio naturale. Si distingue come esempio di una nuova industria globale nei primi anni del XX secolo. VemorkHydroelectricPlant.jpg
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti