Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Giordania

Patrimoni mondiali dell'umanità in Giordania

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Giordania al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

La Giordania ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 5 maggio 1975.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Petra 1985 Culturale (i)(iii)(iv) Abitata fin dalla preistoria, questa città nabatea di passaggio, situata tra il Mar Rosso e il Mar Morto, era un importante crocevia tra Arabia Saudita, Egitto e Siria-Fenicia. Petra è per metà costruita e metà scavata nella roccia, ed è circondata da montagne crivellate con passaggi e anfratti. È uno dei più famosi siti archeologici del mondo, dove antiche tradizioni orientali si fondono con l'architettura ellenistica. Petra Jordan BW 36.JPG
2 Qusayr Amra 1985 Culturale (i)(iii)(iv) Costruito nei primi del secolo VIII, questo castello del deserto eccezionalmente ben conservato era sia una fortezza con un presidio sia una residenza dei califfi omayyadi. Le caratteristiche più importanti di questo piccolo palazzo del piacere sono la sala delle udienze e l'hammam, entrambi riccamente decorati con affreschi figurativi che riflettono l'arte secolare del tempo. Qasr Amra.jpg
3 Umm al-Rasas (Kastrom Mefa'a) 2004 Culturale (i)(iv)(vi) La maggior parte di questo sito archeologico, che sorse come un accampamento militare romano e crebbe fino a diventare una città dal V secolo, non è stato ancora scavato. Contiene resti di epoca romana, bizantina e musulmana (da fine del III al IX secolo d.C.) e di un accampamento militare romano fortificato. Il sito ha anche 16 chiese, alcune con pavimenti a mosaico ben conservati. Particolarmente degno di nota è il pavimento a mosaico della Chiesa di Santo Stefano, con la sua rappresentazione delle città della regione. Due torri quadrate sono probabilmente gli unici resti dei metodi, ben noti in questa parte del mondo, degli stiliti (monaci asceti che hanno trascorso il tempo in isolamento in cima a una colonna o torre). Umm al-Rasas è circondata e costellata di resti di antica coltivazione agricola in una zona arida. Umm Rasas House ruins.JPG
4 Area protetta di Uadi Rum 2011 Misto (iii)(v)(vii) Il territorio di 74.000 ettari annoverato tra i siti misti (naturali e culturali), si trova nella Giordania meridionale, vicino al confine con l'Arabia Saudita. È dotato di un paesaggio desertico variegato costituito da una serie di strette gole, archi naturali, alte scogliere, rampe, frane enormi e caverne. Incisioni rupestri, iscrizioni e resti archeologici nel sito testimoniano 12.000 anni di occupazione umana e l'interazione con l'ambiente naturale. La combinazione di 25.000 incisioni rupestri con 20.000 iscrizioni tracciano l'evoluzione del pensiero umano e lo sviluppo iniziale dell'alfabeto. Il sito illustra l'evoluzione dell'attività pastorale, agricola e urbana della regione. Wadi Rum Monument.jpg
5 Sito battesimale "Betania oltre il Giordano" (Al-Maghtas) 2015 Culturale (iii)(vi) Situato sulla riva orientale del fiume Giordano, a nove chilometri a nord del Mar Morto, il sito archeologico è costituito da due aree distinte: Tell al-Kharrar, noto anche come Jabal Mar-Elias (Colle di Sant'Elia) e l'area delle chiese di San Giovanni Battista vicino al fiume. Situato in un ambiente naturale incontaminato il sito si crede che fu il luogo in cui Gesù di Nazaret fu battezzato da Giovanni Battista. È dotato di resti romani e bizantini, tra cui chiese e cappelle, un monastero, grotte che sono stati utilizzati da eremiti e piscine in cui si celebravano i battesimi, che testimoniano il carattere religioso del luogo. Il sito è un luogo di pellegrinaggio cristiano. Bethany (5).JPG
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti