Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Pianura padana lombarda > Bassa Bresciana > Padernello (Borgo San Giacomo)

Padernello (Borgo San Giacomo)

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Padernello
frazione di Borgo San Giacomo
Il Castello di Padernello
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Padernello (Borgo San Giacomo)
Padernello

Padernello, frazione di Borgo San Giacomo, è un centro della Lombardia.

Da sapere[modifica]

Il paese rientra in un possibile itinerario dei Castelli della Bassa Bresciana che annovera fra gli altri Barco, Villachiara, Orzinuovi, Ostiano.

Cenni geografici[modifica]

Nella campagna lombarda sulla sponda sinistra del fiume Oglio, frazione del comune di Borgo San Giacomo, dista 5 km dal suo capoluogo comunale, 11 da Orzinuovi, 15 da Soncino, 30 da Cremona, 31 da Brescia.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Castello Martinengo
  • 1 Castello Martinengo, +39 030 9408766, @ . Simple icon time.svg Mar-Ven 9-12/14.30-17.30 domenica 14.30/18.30; sabato pomeriggio aperto in occasione di manifestazioni; tutte le domeniche pomeriggio visite guidate.. Fu Bernardino Martinengo, della famiglia che possedeva in zona un vasto feudo (e che aveva fatto erigere più di un castello nei suoi possedimenti) a far costruire nel 1485 questa fortezza-residenza che si innesta su un precedente fortilizio, del quale si indovinano le tracce. Il castello si avvale di un possente mastio che ne sottolinea il carattere militare, anche se nell'insieme prevale la caratteristica di residenza signorile, sia pure fortificata. La zona del mastio corrisponde a quella più antica di tutta la costruzione; il ponte levatoio che attraversa un ampio fossato ancora pieno d'acqua e le due piccole torri angolari fungono anche di abbellimento, come pure le merlature della zona di più recente costruzione che, più basse, non rivestono più un ruolo di sola difesa, ma di decorazione architettonica e di abbellimento.
Dal ponte levatoio ancora funzionante si accede al cortile, i lati del quale presentano stili differenti, da quello semplicissimo a quello elegante e raffinato, con un signorile porticato di cinque arcate colonnate e capitelli raffiguranti gli stemmi dei Martinengo e dei Colleoni. Gli altri lati rivelano influense dell'architettura signorile mantovana che all'epoca veniva spesso imitata in questa zona della bassa pianura bresciana.
Lavori di riattamento e migliorie furono apportate nel Settecento, ad esempio con la costruzione del grande scalone a tre rampe che conduce al piano superiore. Anche l'esterno fu movimentato con aggiunte di corpi di fabbrica sporgenti e creazione di lesene ornamentali che rendono il castello quasi un unicum nella sua gradevole non omogeneità. Parecchie sale furono arricchite di stucchi ed affreschi.
Dopo quattro secoli di appartenenza ai Conti Martinengo il castello passò per asse ereditario alla nobile famiglia veneta dei Salvadego Molin Ugoni. In epoca contemporanea cadde in degrado; acquistato dal Comune di Borgo San Giacomo e da una società di imprenditori locali è tornato a nuova vita grazie alla costituzione della Fondazione Castello di Padernello, che ne ha curato il restauro e ne garantisce la visita e l'utilizzo per importanti manifestazioni e per usi culturali.
  • 2 Chiesa parrocchiale di Santa Maria in Val Verde. Come il castello, deve la sua costruzione alla famiglia Martinengo. La chiesa infatti, di antica origine medievale, si ammalorò tanto che nel 1579 cadde in rovina. Il conte Pompilio Martinengo Cesaresco la fece ricostruire nel 1583.
  • 3 Chiesa del Santissimo Redentore. Ha una storia singolare; infatti fu voluta dalla venerazione del popolo per un crocifisso quattrocentesco di buona fattura che si trovava nella cappella del vecchio cimitero adiacente alla parrocchia. La chiesetta fu costruita nel 1833 con le offerte della gente su un appezzamento donato dal conte Silvio Martinengo; il crocifisso tanto venerato poté così trovare una degna collocazione.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Soncino — Borgo fortificato con mura ed una Rocca in ottimo stato di conservazione, fu a lungo avamposto dei cremonesi contro i bresciani. Fa parte dei Borghi più belli d'Italia.
  • Orzinuovi — Centro sull'Oglio, si opponeva come roccaforte a Soncino sulla sponda opposta. Ha resti di fortificazioni, del castello, e una bella piazza di sapore veneto, retaggio della dominazione della Repubblica di Venezia
  • Villachiara &mdash La gran mole del castello Martinengo ricorda il lungo possesso feudale del paese da parte di questa nobile famiglia.
  • Barco — Conserva il castello dei Martinengo, famiglia che possedeva nella zona un grande feudo i cui paesi furono in gran parte dotati di manieri fortificati.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.