Scarica il file GPX di questo articolo

(Reindirizzamento da Mont Saint-Michel)
Europa > Francia > Francia settentrionale > Normandia > Bassa Normandia > Le Mont-Saint-Michel

Le Mont-Saint-Michel

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Le Mont-Saint-Michel
Mont St. Michel
Stemma
Le Mont-Saint-Michel - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Francia
Le Mont-Saint-Michel
Le Mont-Saint-Michel
Sito del turismo
Sito istituzionale

Le Mont-Saint-Michel è un comune francese. Importantissima località turistica, nota anche per il fatto che a seconda delle maree da isola si trasforma in "collina".

Da sapere[modifica]

Sull'isolotto venne costruito un santuario in onore di San Michele Arcangelo, il cui nome originario era Mons Sancti Michaeli in periculo mari (in latino) o Mont Saint-Michel au péril de la mer (in francese: in italiano, letteralmente, "Monte San Michele al pericolo del mare"). Dal 1979 fa parte dei Patrimoni mondiali dell'umanità dell'UNESCO.

La quasi omonima isola tidale di si chiama Mont Saint-Michel (senza il primo trattino), mentre il comune si chiama "Le Mont-Saint-Michel" (con articolo e primo trattino).

Cenni geografici[modifica]

Il Mont Saint-Michel si colloca nella baia che ne prende il nome e che si apre sull'oceano Atlantico. L'isolotto ha circa 960 m di circonferenza e una superficie di circa 7 ettari. La roccia, una formazione granitica, si eleva ad un'altezza di 92 m sul livello del mare, ma con la statua di San Michele collocata in cima alla guglia della chiesa abbaziale, raggiunge l'altitudine di 170 metri.

Le maree[modifica]

La baia in cui sorge l'isolotto roccioso è soggetta al fenomeno delle sabbie mobili, ma è soprattutto nota per l'eccezionale ampiezza delle maree (circa 14 metri di dislivello) che, anche a causa dell'andamento piatto, montano con grande rapidità (si dice con la velocità di un cavallo al galoppo): questo ha causato talvolta annegamenti e più di frequente disagi per le automobili lasciate parcheggiate troppo a lungo nelle parti più basse. Le maree della baia hanno molto contribuito all'inespugnabilità del monte, rendendolo accessibile al minimo della bassa marea (via terra) o al massimo dell'alta marea (via mare). La diga di accesso al Mont Saint-Michel, costruita nel 1880, trattiene la sabbia e aggrava l'insabbiamento della baia, rischiando di far perdere alla roccia la natura di isola: per impedirlo è stata prevista la sua sostituzione con passerelle sospese.

Cenni storici[modifica]

Fu saccheggiata dai Franchi, che finirono così la cultura trans-canale che era rimasta dopo la partenza dei Romani nel 460 d.C.

Prima della costruzione del primo stabilimento monastico nel VIII secolo, l'isola era chiamata "mons tumba". Secondo la leggenda, l'Arcangelo Michele apparve a San Aubert, vescovo di Avranches, nel 708 e gli ordinò di costruire una chiesa sull'isolotto roccioso. Aubert ignorò ripetutamente le istruzioni dell'angelo, fino a quando Michele bruciandolo col dito gli fece un buco nel cranio. Il cranio del santo, con il foro, può essere visto nella chiesa di St Gervais ad Avranches.

Il monte guadagnò importanza strategica nel 933 quando William "Long Sword", Guglielmo I, duca di Normandia, annesse la penisola del Cotentin, facendola diventare definitivamente parte della Normandia. Appare sull'Arazzo di Bayeux che raffigura la conquista normanna dell'Inghilterra nel 1066: Harold salva i cavalieri normanni dalle sabbie mobili nelle piane di marea durante una battaglia contro Conan II, Duca di Bretagna. Nei secoli successivi i ducati normanni e il patrocinio reale francese hanno finanziato la spettacolare architettura dell'abbazia.

Nel 1065, il monastero di Mont-Saint-Michel ha dato il suo sostegno al duca Guglielmo di Normandia nel suo diritto al trono d'Inghilterra. Fu premiato con proprietà e terreni sul lato inglese della Manica, tra cui una piccola isola situata ad ovest della Cornovaglia, che venne modellata come il Monte, ed è diventato un priorato normanno col nome di St Michael's Mount of Penzance.

Durante la Guerra dei Cent'anni, gli Inglesi attaccarono ripetutamente l'isola, ma non furono in grado di prenderla a causa di un miglioramento delle fortificazioni dell'abbazia. Le Michelettes - due bombarde in ferro battuto lasciate dagli Inglesi nel loro fallito assedio di Mont-Saint-Michel del 1423-1424 - sono ancora visibili vicino al muro di difesa esterna.

Quando Luigi XI di Francia fondò l'Ordine di San Michele nel 1469, pensava che la chiesa abbaziale di Mont Saint-Michel dovesse essere la cappella per l'Ordine, ma a causa della sua grande distanza da Parigi, la sua idea non poté mai essere realizzata.

La ricchezza e l'influenza dell'abbazia si estese a molte fondazioni figlie, tra cui Monte San Michele in Cornovaglia. Tuttavia, la sua popolarità e prestigio come centro di pellegrinaggio diminuirono con la Riforma, e al tempo della Rivoluzione Francese c'erano ormai pochi monaci residenti. L'abbazia fu chiusa e trasformata in una prigione, inizialmente per tenere gli avversari clericali del regime repubblicano. Seguirono prigionieri politici di alto profilo, ma dal 1836 figure influenti - tra cui Victor Hugo - lanciarono una campagna per ripristinare ciò che veniva visto come un tesoro architettonico nazionale. La prigione venne definitivamente chiusa nel 1863, e il monte venne dichiarato monumento storico nel 1874. Il Mont-Saint-Michel e la sua baia sono stati aggiunti alla lista UNESCO del Patrimonio Mondiale dell'Umanità nel 1979 per l'importanza culturale, storica e architettonica, così come la bellezza naturale e quella creata dall'uomo.

Come orientarsi[modifica]

La notevole architettura del santuario e la baia nel quale l'isolotto sorge con le sue maree ne fanno il sito turistico più frequentato della Normandia e uno dei primi dell'intera Francia, con circa 3.200.000 visitatori ogni anno. Numerosi immobili che vi sorgono sono individualmente classificati come monumenti storici e l'intero sito è nel suo insieme classificato come tale dal 1862.


Come arrivare[modifica]

Il nuovo ponte di accesso per l'alta marea

Da Aprile 2012 non è più possibile guidare fino ai piedi della montagna. Un nuovo parcheggio è stato costruito sulla terraferma (€ 12 per auto) e l'accesso alla montagna è a piedi, attraverso il nuovo ponte che è stato completato nel 2014 (circa 2.5 km) oppure tramite una delle navette gratuite che forniscono collegamenti regolari tra le 7:30 e mezzanotte. Tuttavia, il parcheggio è relativamente lontano (circa 800 m) dal luogo di partenza di navette e all'arrivo, ci sono poche centinaia di metri a piedi verso l'ingresso.

I parcheggi per le biciclette sono gratis, e il percorso da Pontorson al Monte non è particolarmente difficile.

In auto[modifica]

L'automobile è probabilmente il modo più economico e più semplice per raggiungere Mont Saint-Michel, anche se le code per l'ingresso al parcheggio sono spesso molto lunghe e i prezzi del parcheggio sono salati. Mont Saint-Michel è vicino all'autostrada A84 Caen-Rennes. In Normandia, da Caen lungo la A84 verso sud ovest dopo Avranches all'uscita per Pontorson. Dalla Bretagna e Rennes, l'uscita è prima di Avranches. Seguite poi le indicazioni per Mont-St-Michel per circa 20 km. I parcheggi sono enormi e non si riempiono mai del tutto, ma c'è un cammino lungo (quasi 2 km) fino al Monte stesso ed è disponibile un servizio navetta gratuito.

Le principali direttrici sono:

  • Da Caen, si deve prendere l'autostrada A84: uscita 34 verso Saint-Brieuc sulla Strada Nazionale 175.
  • Da Parigi ci vogliono circa 4 ore.

In treno[modifica]

Non c'è una linea ferroviaria diretta tra Parigi e Mont Saint-Michel, ma è possibile viaggiare fino a Pontorson in treno e poi terminare il viaggio in autobus. L'opzione migliore è il TGV da Gare Montparnasse a Rennes, e poi prendere il bus della "Keolis Emeraude (ex Courriers Bretons)"(tel. 02-99-19-70-70, http://www.destination-montstmichel.com;) 90 minuti di transfer fino all'isola (4 partenze da Rennes al giorno, la maggior parte delle partenze sono a tempo per abbinare l'arrivo del TGV a Rennes, ma è sempre meglio controllare i tempi per le modifiche dell'ultimo minuto). Sappiate che l'autobus si ferma all'ingresso del Mont St Michel stesso. Si può anche chiedere al conducente se si desidera scendere all'ostello prima di Mont St Michel. L'ingresso a Mont Saint-Michel al mattino può essere rallentato dal traffico. Allo stesso modo, aspettatevi un ingorgo in uscita dal momento che c'è solo una strada che conduce dentro e fuori del sito. Durante l'estate, gli ingorghi possono durare fino a un'ora o più quando ci sono un sacco di visitatori. Questo significa che si può correre il rischio di perdere il treno di ritorno a Gare Montparnasse se state facendo una gita giornaliera da Parigi. C'è una buona probabilità che il treno possa aspettare l'autobus di ritorno da Mont Saint-Michel nel pomeriggio se ci sono discrepanze sui tempi.

Un'altra opzione è prendere il TGV fino alla stazione di Pontorson-Mont St Michel (4 al giorno) con sosta a Rennes. La stazione ferroviaria di Pontorson è a non più di 15 minuti da Mont St. Michel. Ci sono autobus più volte al giorno. È possibile ottenere un orario dalla stazione ferroviaria di Pontorson.

Ci sono anche due autobus al giorno da Saint-Malo a Pontorson (linea 17, 1 ora, 3.20 € sola andata), che sono in orario per prendere la coincidenza con Mont St Michel (2.20 € sola andata).


Come spostarsi[modifica]

Mappa con la strada e l'entrata principale a destra

Il solo modo di girare l'isola è a piedi, e ci sono due porte d'ingresso alla città dentro le mura. A causa della natura turistica del Monte si può trovare molto affollato, soprattutto in piena estate. La Porte de l'Avancée, la porta principale alla fine della strada rialzata, conduce direttamente alla Grande Rue, che è piena di negozi di souvenir e turisti. Andate a destra su per le scale fino ai bastioni, che sono un po' meno affollati e offrono una splendida vista sulle distese fangose. La meno utilizzata Porte Eschaugette, a sinistra della porta principale, è la strada più tranquilla. Tutti e tre i percorsi convergono all'Abbazia sulla cima dell'isola.


Cosa vedere[modifica]

L'abbazia
  • Attrazione principale monumento storico francese 1 Abbazia di Mont Saint-Michel (L'Abbaye du Mont-Saint-Michel). Ecb copyright.svg Visite non guidate: 9€, audio guide (anche in Italiano): 4€. Simple icon time.svg Visite: 2 maggio-30 agosto 09:00-19:00, ultimo ingresso alle 18:00; 1 settembre-30 aprile 09:30-18:00, ultimo ingresso alle 17:00. Chiuso 1 gennaio, 1 Maggio e 25 dicembre. Messa: Mar-Dom 12:15. Una volta un piccolo umile monastero, l'isola e le sue fortificazioni sono di fatto cresciuti intorno a questo. Durante la Rivoluzione Francese, l'abbazia fu utilizzata come prigione, e per ripristinarla è stato necessario un imponente restauro. Qualche pezzo dell'epoca in cui era una prigione è stato conservato, come la ruota usata per sollevare i rifornimenti dentro e fuori il complesso. Quest'abbazia benedettina fu edificata a partire dal X secolo con parti giustapposte che si sono sovrapposte le une alle altre negli stili che vanno dal carolingio al romanico al gotico flamboyant. I diversi edifici necessari alle attività del monastero benedettino sono stati inseriti nello spazio angusto a disposizione.
  • 2 Notre-Dame Sous Terre Chapel. La chiesa carolingia chiamata Chapelle Notre-Dame-sous-Terre (Nostra Signora sottoterra) fu costruita attorno al 966 dai primi monaci benedettini sul punto dell'oratorio costruito da Saint-Aubert all'inizio del VIII secolo.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Ci sono vari ristorantini lungo le strade che portano a Mont Saint-Michel.

La specialità culinaria di Mont Saint-Michel sono le Omelettes, montate fino ad essere schiumose e leggere, e l' agneau de Pré Salé fatto con la carne degli agnelli che vivono lungo la costa. Nessuno dei ristoranti dell'isola è particolarmente buono (e sono tutti decisamente troppo cari), quindi è preferibile mangiare in una città nella campagna circostante.

Il centro storico alla base dell'abbazia ospita una vasta selezione di ristoranti, caffetterie, fast food e altro. Si noti che Mont Saint-Michel è un po' una trappola per turisti per quanto riguarda mangiare e le esigenze dei viaggiatori - controllate un po' di posti per trovare quello che costa meno. Anche allora, non aspettatevi un buon servizio.


Sulla strada di accesso al Monte c'è una piccola area di negozi, ristoranti e supermercati, anche se non a buon mercato, ma a prezzi più ragionevoli rispetto all'isola. C'è anche un parcheggio.

Prezzi medi[modifica]

  • Du Guesclin. Sui bastioni e con una bella vista sul mare. Il menu touristique, con le ostriche, omelette e agnello, parte da 17 €, che è decisamente economico per gli standard di Mont St Michel.
  • La Mere Poulard (All'entrata). Famoso per le omelette. Usano ingredienti non tradizionali e cucinano proprio di fronte alla vetrina del ristorante. Prenotate in anticipo, perché di solito è affollato. Inoltre le omelette le fanno solo ad alcuni orari, quindi assicuratevi di andare al momento giusto.


Dove alloggiare[modifica]

Mont Saint-Michel ha alcuni piccoli alberghi situati all'interno del borgo dell'isola. Hotel molto più grandi sono disponibili sulla terraferma di fronte l'isola e nella vicina città di Pontorson, ma molti visitatori vengono in giornata da Rennes o Saint-Malo, dato che l'isola può essere comodamente visitata in poche ore. Il parcheggio auto permette la sosta durante la notte ai camper come parte della loro tariffa standard.

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]

Nonostante le apparenze, la traversata della baia può essere pericolosa
Avviso di viaggio! ATTENZIONE: Provare a raggiungere Mont Saint-Michel da qualsiasi altra via che non sia la strada rialzata può essere pericoloso. Non è raro che i turisti si trovino circondati dalla marea, mentre fango e sabbie circondano l'isola. Se si decide di tentare la traversata, portare con sé una guida esperta e controllare l'orario della marea. Inoltre, non tentare la traversata quando la diga Couesnon rilascia la sua acqua.

Le distese fangose di marea che circondano l'isola contengono aree di fango profondo e sabbie mobili. I visitatori dell'isola sono invitati a non tentare di attraversare le distese a piedi. Tuttavia, se si decide di tentare la traversata, toglietevi le scarpe e pulitevi i piedi dopo, le distese sono estremamente fangose. La marea qui è una delle più veloci in Europa, e pertanto non si dovrebbe mai tentare eventuali passeggiate sulla sabbia senza controllare le maree. Si consiglia inoltre di tentare l'attraversata solo con una guida qualificata.

Il Monte ha diverse scale ripide, strapiombi e terreni irregolari. Tenete i bambini sotto stretta sorveglianza e prestate la dovuta attenzione in ogni momento.

Folla[modifica]

A causa della sua natura turistica il Mont può essere molto affollato, soprattutto in piena estate. A causa delle ripide scale fino all'Abbazia, le persone possono a volte sentirsi male, e potrebbero voler riposare nei numerosi giardini che hanno molti posti a sedere. Continuate a camminare quando gli altri sono dietro di voi, causare un blocco può infastidire gli altri.

Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Informazioni utili[modifica]

  • Ufficio turistico (Office de Tourisme), Corps de Garde des Bourgeois (A sinistra delle porte d'ingresso), +33 2-33-60-14-30. Simple icon time.svg Lun-Dom tranne 25 dicembre e 1 gennaio.


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).