Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Isole Gambier
Kamaka, sulle isole Gambier
Localizzazione
Isole Gambier - Localizzazione
Bandiera
Isole Gambier - Bandiera
Stato
Superficie
Abitanti

Isole Gambier (Îles Gambier o Archipel des Gambier) sono un piccolo gruppo di isole della Polinesia francese.

Da sapere[modifica]

Nelle isole non ci sono bancomat o banche, quindi è necessario portare una quantità di franchi polinesiani francesi sufficiente per le vacanze. La gente del posto lavora solo in contanti. Si può scambiare dollari americani o euro in franchi polinesiani francesi presso l'ufficio postale di Rikitea. Le pensioni a volte accettano carte di credito ma è bene accertarsene in anticipo.

Cenni geografici[modifica]

Sono localizzate a sud-est dell'arcipelago delle isole Tuamotu ma generalmente considerate un atollo separato da esse sia per la loro cultura e lingua (lingua mangareva), sia perché più strettamente correlate alle Isole Marchesi da un punto di vista morfologico. Mentre l'arcipelago delle Tuamotu comprende diversi atolli corallini, le Gambier, in particolare Mangareva, sono di origine vulcanica. A causa della sua vicinanza, l'atollo delle Temoe è talvolta incluso tra le Gambier.

Mangareva ha un'alta cresta centrale che percorre tutta la lunghezza dell'isola. Qui si trova il punto più alto dei Gambiers, il Monte Duff, che sale a 441 m lungo la costa meridionale dell'isola. L'isola ha una grande laguna di 24 km di diametro contenente barriere coralline i cui pesci e molluschi aiutarono gli antichi isolani a sopravvivere con molto più successo rispetto alle isole vicine senza scogliere.

Quando andare[modifica]

A 23 gradi sud, troverai il clima subtropicale più confortevole rispetto alle principali Isole della Società. L'umidità è più bassa e gli alisei forniscono un gradito sollievo. Il clima è paragonabile a quello delle Hawaii.

Cenni storici[modifica]

Mangareva un tempo era ricca di foreste e sosteneva una vasta popolazione che commerciava con altre isole tramite canoe. Tuttavia, l'eccessivo disboscamento da parte degli isolani tra il X e il XV secolo ha provocato la deforestazione dell'isola, con risultati disastrosi per l'ambiente e l'economia.

Il primo europeo ad arrivare a Mangareva fu il capitano britannico James Wilson nel 1797 sulla nave Duff. Wilson ha chiamato il gruppo dell'isola in onore dell'ammiraglio James Gambier, che lo aveva aiutato ad equipaggiare la sua nave.

Mangareva e le sue dipendenze nelle isole Gambier furono governate da una linea di re e successivamente reggenti fino a quando i francesi non annessero le isole nel 1882.

Lingue parlate[modifica]

Parlare francese (o mangareviano) servirà utile poiché pochissimi locali parlano inglese a livello colloquiale. Gli operatori pensionistici conoscono un inglese molto elementare e con un po' di francese, ce la si può cavare. In caso di emergenza, parlare col sindaco e/o agente di polizia, che aiuterà a trovare una persona che parla inglese. Ricordarsi di dire "merci" (grazie) e "nana" (ci vediamo più tardi) dopo che qualcuno ha prestato aiuto.

Letture suggerite[modifica]

Manga Reva: The Forgotten Islands, del pittore e autore Robert Lee Eskridge (Bobbs Merrill; 1931), offre osservazioni di prima mano sull'ambiente, i popoli e le tradizioni di Mangareva. Eskridge ha anche scritto e illustrato un libro per bambini sulla sua visita a Mangareva: South Sea Playmates (Bobbs Merrill; 1933).

Territori e mete turistiche[modifica]

Isole Gambier

Centri urbani[modifica]

  • Rikitea — Il villaggio più grande dell'isola di Mangareva e capoluogo delle Isole Gambier.

Altre destinazioni[modifica]

  • Akamaru — Possiede una chiesa del XIX secolo.
  • Aukena — Isola turistica con una chiesa e una torre di guardia del XIX secolo.
  • Mangareva — L'isola più grande dell'atollo (8 km di lunghezza e 15,4 km² di superficie) e l'unica sviluppata per il turismo, ospitando più della metà della popolazione dell'intero arcipelago. Il villaggio più grande dell'isola, Rikitea, è il capoluogo delle Isole Gambier.
  • Taravai — I suoi siti archeologici sono testimonianze degli abitanti del X secolo.
  • Temoe — Atollo.

Alle isole Gambier appartengono anche i seguenti isolotti disabitati: Angakauitai, Apou, Atumata, Gaioio, Kouaku, Makapu, Makaroa, Manui, Mekiro, Motu-O-Ari, Motu Teiku, Papuri, Puaumu, Rumarei, Tarauru Roa, Tauna, Teauaone, Teauotu, Tekava, Tenoko, Tepapuri Tepu Nui, Teohootepohatu, Tokorua, Totengengie, Tuaeu, Vaiatekeue.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

  • Aeroporto di Totegegie (IATA: GMR). Questo aeroporto nazionale si trova su una delle barriere coralline dell'isola di Mangareva, a circa 9 km dalla città principale di Rikitea. Da Papeete (IATA: PPT), il volo Air Tahiti numero VT951 parte alle 05:40 e arriva alle 11:05 e il volo di ritorno lo stesso giorno parte dalle 11:55 e arriva a Tahiti alle 14:50. Air Tahiti vola settimanalmente da Hao (IATA: HOI) e Tureia (IATA: ZTA). L'aeroporto è collegato a Mangareva e alla sua città Rikitea tramite taxi boat. Totegegie Airport (Q2395300) su Wikidata


Come spostarsi[modifica]

La circonvallazione dell'isola di 27 km può essere percorsa in 4-6 ore. È una bella passeggiata.

In auto[modifica]

Non ci sono auto a noleggio. Concorda con la propria pensione di essere prelevato al molo (dopo aver preso il traghetto dall'aeroporto sul motu).

In nave[modifica]

Se si desidera vedere una delle altre isole del gruppo, chiedere alla propria pensione di effettuare gite in giornata. Pension Moroi offre una fantastica gita di un giorno per vedere molte altre isole.


Cosa vedere[modifica]

Cattedrale di San Michele
  • Rovine di Rikitea (Nel villaggio principale di Mangareva, Rikitea). I visitatori troveranno una serie di rovine. Tra questi reperti archeologici vi sono un convento, un arco di trionfo, diverse torri di avvistamento, una prigione e un tribunale. Questi resti abbandonati sono stati notati per la loro atmosfera oscura e inquietante.
  • Rettorato di Rikitea (A Rikitea). Dall'altra parte del percorso dalla chiesa di San Michele di Rikitea c'è una canonica ben tenuta di 140 anni, occupata dal parroco.
  • Cattedrale di San Michele (A Rikitea). La sua storica chiesa neogotica fu costruita sul lato orientale di Rikitea tra il 1839 e il 1848 dai missionari della Congregazione dei Sacri Cuori di Gesù e Maria. L'edificio misura 48 m per 18 m e raggiunge un'altezza di 21 m. Può ospitare 1.200 persone ed è tre volte più grande della cattedrale di Notre Dame a Papeete. È la chiesa più grande del Pacifico meridionale. È costruito con pietra calcarea corallina e intonaco di calce corallina, importato con zattera dalle cave di Tauna, Tekava e Kouaku. Le due torri furono costruite nel 1847–48. L'interno è riccamente decorato con madreperla. L'altare ha ornamenti di belle incisioni di ostriche con perle di madreperla, racchiuse con perle nere. Cattedrale di San Michele (Rikitea) su Wikipedia cattedrale di San Michele (Q16536581) su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Monte Duff
  • Godersi un pezzo di pianeta quasi incontaminato dal mondo moderno; la laguna ad esempio è stupenda!
  • Visitare una fattoria di perle nere.
  • Trascorrere una giornata su un motu facendo un picnic.
  • Visitare le chiese storiche degli atolli.
  • Fare snorkeling è bello, e se ci fossero diving le immersioni sarebbero stupende.
  • Guardare le stelle di notte.
  • Fare un'escursione intorno all'intera isola o fino alla cima del Monte Duff, l'unico residuo vulcanico di tutti i vulcani originali che componevano l'arcipelago delle Tuamotu.


A tavola[modifica]

Ci sono uno o due ristoranti a Rikitea. Si può anche mangiare nelle pensioni (informali in anticipo poiché preparano cibo a sufficienza solo per coloro che sanno che verranno a cena). Il cibo nelle pensioni è semplice, gustoso e abbondante e non si uscirà con la fame. L'ospitalità è commovente.

Bevande[modifica]

Nonostante l'eredità dei test nucleari francesi nel vicino atollo di Mururoa, l'acqua è potabile e l'acqua in bottiglia è disponibile nei piccoli negozi della città. Molti degli abitanti, del suolo e delle acque sotterranee sono stati testati per la radiazione residua dal governo francese e da Greenpeace. Tutti i risultati sono stati negativi per i radionucleotidi. Non ci sono corsi d'acqua o pozzi di superficie e tutta l'acqua potabile viene raccolta tramite captazione dai tetti, e quindi abbastanza sicura da bere.

A Rikitea ci sono due piccoli mercati. Uno ha una discreta selezione di alcolici, ma si pagherà tutto a caro prezzo tranne la birra. Una bottiglia di Absolut Vodka può avere un prezzo fino a 100 dollari! Se si desidera avere qualcosa di specifico per il proprio viaggio, è meglio portarlo con sé per risparmiare, perché i prezzi anche a Papeete sono alti.

Di notte le pensioni e i piccoli ristoranti di Rikitea servono birra (Hirono). I prezzi sono alti, ma ragionevoli data la lontananza delle isole.

Sicurezza[modifica]

La gente del posto è amichevole e deliziosa. Spalamarsi molta crema solare e fare attenzione ai pesci pietra. Si consiglia uno spray per insetti. Gli europei, e in misura crescente i nordamericani, sono meno modesti dei polinesiani. Vestirsi in modo appropriato: la nudità pubblica è scoraggiata.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Isole Gambier
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Isole Gambier
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.