Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa settentrionale > Norvegia > Norvegia settentrionale > Finnmark > Hasvik

Hasvik

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Hasvik
Villaggio di Sørvær, nell'isola di Sørøya appartenente a Hasvik
Stemma
Hasvik - Stemma
Stato
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Norvegia
Hasvik
Hasvik
Sito del turismo
Sito istituzionale

Hasvik è una città, Capoluogo del comune omonimo, situata nella Contea del Finnmark, in Norvegia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Il comune di Hasvik è un comune insulare che comprende il sud dell'isola di Sørøya e la parte settentrionale dell'isola di Stjernøya. Sørøya è per grandezza la quarta isola della Norvegia, escludendo l'arcipelago delle Isole Svalbard. Gli abitanti vivono nei tre centri principali che sono Hasvik, Breivikbotn e Sørvær.

Le isole si adattano poco all'agricoltura per cui la fonte principale dell'economia è la pesca, effettuata con numerosi pescherecci, con l'annessa industria della lavorazione del pescato. Il turismo, con i servizi ad esso connessi in continuo sviluppo, acquista sempre maggior importanza economica.

Quando andare[modifica]

Ogni stagione ha il suo fascino che fondendosi con la natura selvaggia rende il soggiorno molto speciale. In primavera le scogliere popolate da miriadi di uccelli consentono un safari fotografico con immagini uniche, in estate si possono effettuare la pesca e l'escursioni di ogni tipo, in autunno si può fare trekking a cavallo circondati da una sinfonia di colori e con il bianco inverno, di tutto rispetto innevato, un'escursione in slitta trainata da renne farà, come nelle fiabe, sognare.

Cenni storici[modifica]

Hasvik è il centro odierno più rinomato mentre quello amministrativo comunale è Breivikbotn.

Sørvær, altra cittadina, viene già nominata nel 1520 in occasione del primo censimento e risultava abitata da una trentina di famiglie.

La città di Hasvik restò fino al 1 Gennaio 1865 parte del comune di Loppa. Nel 1880 ebbe la massima importanza divenendo un centro per la caccia alla balena e trafficato porto delle baleniere ma iniziò il declino nel 1899.

Fu distrutta completamente nella Seconda guerra mondiale (1944) ma già nel 1946 grazie all'aiuto di altri comuni norvegesi, si poté iniziare la ricostruzione. Solo nel 1984 venne creato lo stemma della città raffigurante un gabbiano in volo. L'economia prevalente è basata sulla pesca.



Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Hasvik possiede un 1 aeroporto con vari voli giornalieri Widerøe che lo collegano ad Hammerfest e Tromsø.

In auto[modifica]

Da Alta prendere la E 6 sino a Langfjordbotn. Li imboccare la 882 per Øksfjiord indicazione porto ed imbarcarsi con il traghetto.

In nave[modifica]

Vi sono traghetti giornalieri da Øksfjord, Hammerfest e Alta.

In autobus[modifica]

FFR per ogni genere di informazioni tra cui linee, prezzi ed orari per pullman e traghetti.

Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Gli autobus locali collegano il centro città con le località dei dintorni o con le stazioni di altri autobus. Il prezzo del biglietto varia generalmente da 18 a 30 NOK ma è possibile comprare anche un biglietto giornaliero.

Cosa vedere[modifica]

Pescherecchi nel porto di Sørvær
  • 1 Breivikbotn (circa 17 km da Hasvik). Piccolo centro abitato, con circa 300 abitanti (2013) ma sede amministrativa comunale. Ha una bellissima baia proprio nel fiordo omonimo tale da dargli il soprannome di "Piccole Lofoten" sia per i suoi fondali sia per la bellezza delle montagne circostanti.
  • 2 Sørvær (circa 40 km da Hasvik). Piccolo villaggio di circa 200 persone (2013) dove nel 1520 venne effettuato il primo censimento con 31 famiglie. Dal 1880 con lo sviluppo della caccia alla balena Sørvær divenne il porto delle navi baleniere fino al 1899.
Incrociatore russo Murmansk
  • Sandvika. Nella piccola città non vive più nessuno ma dal 1800 al 1900 fu un importante centro di pesca e mercato di prodotti ittici. Nel 1916 decadde a favore di Breivikbotn, commercialmente più valida. Durante la Seconda guerra mondiale venne distrutta completamente come tante altre cittadine ma venne subito ricostruita.
  • Chiese. Le ricostruite chiese di Hasvik, Breivikbotn e Sørvær meritano una visita, per l'affascinante costruzione ed il punto di vista architettonico ed ambientale.
  • Chiesa (Dønnesfjord). La chiesa più interessante è senza dubbio quella di Dønnesfjord che è l'unica originale del 1888. Reca ancora le tracce del tentativo di bruciarla durante la Seconda guerra mondiale.
  • Nave Murmansk, Sørvær. L'incrociatore russo Murmansk naufragò nella notte di Natale del 1994 proprio davanti al molo di Sørvær e con i suoi 200 metri di lunghezza è diventato un punto di riferimento per i naviganti.
  • Roccaforte di Håen, Hasvik. La roccaforte costruita durante la Seconda guerra mondiale comprende bunker, piattaforme per cannoni e trincee. Purtroppo dato lo stato di decadenza in molte sezioni non è più consentito l'accesso, ma l'insieme rende ancora l'idea dell'intensità del conflitto subito dal popolo norvegese.
  • Ruderi del Neolitico, Nore (Isola di Sørøya). Tracce antichissime di attività umana con reperti datati circa 9.000 anni a.C., i resti delle abitazioni sono visibili anche dalla strada.


Eventi e feste[modifica]

  • Festival di Sørøy (Sørøydagene). Per festeggiare l'arrivo dell'estate, questo festival si tiene nel mese di Luglio e dura una settimana. Molto frequentato dalla popolazione locale e dai turisti ha spettacoli e divertimenti per tutti. Vi sono anche commemorazioni per i drammi subiti durante la Seconda guerra mondiale.
  • Gara di pesca (Sørøya Halibut Fishing Festival), +47 99346673, @ . Gara di pesca con premi vari. L'iscrizione non è gratuita, circa 650 € ma include varie offerte, soprattutto per il vincitore. Richiedere sempre la conferma della data che può variare.


Cosa fare[modifica]

  • 1 Sandvika. Escursione a circa 25 km da Hasvik, tra il torrente Stupavanda e l'insenatura Sarsetvatnet, è un'area demaniale attrezzata per pic-nic con una magnifica spiaggia di sabbia bianca. Fornita di ampio parcheggio ha un grande spazio giochi per bambini, barbecue e consente anche il campeggio con relativa concessione del comune di Hasvik. L'area è protetta da un regolamento che comprende varie norme tra cui quella che non consente il campeggio per più di dieci giorni. Informarsi bene sul regolamento perché le multe sono costose e non perdonano. È possibile effettuare la balneazione se il tempo ed il coraggio lo consentono.
  • Grotta (Bøle), Nordsandfjorden. Si consiglia l'escursione nel Nordsandfjorden alla grotta di Bøle che fu il rifugio, nel gelido inverno, della popolazione locale durante la Seconda guerra mondiale. Nella grotta ci vissero più di cento persone. La località è ben segnalata. Durante il Festival di Sørøy viene organizzata una cerimonia commemorativa.
  • Grotta (Kvithella), Nordsandfjorden. L'escursione a questa grotta, che servì anch'essa come rifugio invernale della popolazione durante la Seconda guerra mondiale, è più facile in quanto più facilmente raggiungibile dalla Strada 882. Ospitò circa una quarantina di persone e durante il Festival (o Giornate) di Sørøy vi viene organizzata una cerimonia commemorativa.
  • 2 Riserva naturale (Sørsandfjorden). Sørsandfjorden è una riserva naturale protetta per la fauna che vive sulle spiagge e per la particolarità delle stesse costituite da dune e chilometriche spiagge di sabbia bianca.
  • 3 Riserva naturale (Nordsandfjordel). Ottima metà per escursione è il Nordsandfjorden, riserva naturale protetta, anch'esso con le sue spiagge bianche e la ricca fauna.
  • Riserva ornitologica (Andotten). Le escursioni nella riserva comprende gli uccelli di mare e le scogliere in cui vivono. Tutto è protetto, oltre gli uccelli, anche i nidi e le uova ed è vietato oltre che il danneggiamento anche l'inutile disturbo. Tra la fauna si possono osservare anche cormorani e grandi rapaci.
  • Riserva ornitologica (Storgalten). L'escursione nella riserva può gratificare con l'incontro del maestoso e splendido havørn ovvero l'Aquila di mare, il più grande rapace dell'Europa settentrionale con apertura alare di 2,5 metri, che nidifica sulle coste del Finnmark ma di cui sono restate circa 500 coppie (2011).
  • Hasfjord Villmarksopplevelser, Hasfjordvn, 51 (A circa 7 km da Hasvik), +47 78451114, fax: +47 78451633, @ . Oltre ad affittare chalet, rorbuer, in riva al mare provvisti anche di sauna, organizza escursione personalizzate offrendo oltre caccia e pesca anche trekking a cavallo. Altre attività sono kayak, noleggio barche ed immersioni e safari in motoslitta in inverno


Acquisti[modifica]

La città è piccola e con pochi abitanti quindi vi sono pochi esercizi commerciali più indispensabili ma vi è anche una buona rivendita per accessori di pesca.

Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

  • Håen Café og Bistro, Storgata, 18, +47 78452299. Locale confortevole vista mare con licenza per superalcolici. Possibilità di cena.
  • Sørvær Gjestehus, Holmeveien, 13 Sørvær, +47 78452216. Aperto tutto l'anno è oltre a ristorante anche pub e bar con licenza per superalcolici.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • Spiseriet, Havneveien, 1 Sørvær, +47 78452299. Locale con bella vista sul porto di Sørvær, offre menù locale con caffè e dolci fatti in casa.

Prezzi medi[modifica]

  • Sørøya Havfiskesenter AS, Brevikbotn, +47 78451706. Situato al centro città con vista sul porto è aperto tutto l'anno e oltre alla ristorazione offre servizio bar e pub.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 2 Hasvik Hotel AS, Storgata, 18, +47 78451207, fax: +47 78451176, @ . situato sulla Storgata offre discreti servizi tra cui centro benessere con sauna ed un centro conferenze. Situato in un punto strategico offre una bella vista sul porto, oceano e montagne circostanti.


Sicurezza[modifica]

Come meta turistica Hasvik è veramente sicura dato l'esiguo tasso di criminalità ma si consiglia sempre di mantenere le precauzioni più elementari come chiudere a chiave l'auto o di non lasciare in giro oggetti preziosi.

Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Per i cellulari generalmente vi è la copertura GSM ma bisogna fare molta attenzione ai costi del roaming ed informarsi bene presso il proprio gestore. In alternativa si potrà usare una SIM norvegese tenendo presente che le chiamate internazionali hanno costi elevatissimi.

Per chiamare l'Italia dalla Norvegia comporre il codice d'accesso internazionale 00 + prefisso per l'Italia 39 + prefisso locale indicativo della città italiana zero compreso + numero desiderato.

Per chiamare la Norvegia dall'Italia comporre il codice d'accesso internazionale 00 + prefisso per la Norvegia 47 + numero desiderato (già comprensivo del prefisso locale).

Internet[modifica]

Spesso l'accesso ad internet è disponibile negli uffici turistici e che comunque sanno indirizzare agli internet bar. I prezzi all'ora vanno da 40 a 75 NOK (2011), raramente viene offerto gratis mentre in generale il wi-fi è gratuito in alberghi e caffè.



Nei dintorni[modifica]

Itinerari[modifica]

Un itinerario turistico potrebbe essere il tour Hasvik, Øksfjord, Alta, Skaidi, Hammerfest con ritorno ad Hasvik, tra aurore boreali, antiche incisioni rupestri, insediamenti same e sole di mezzanotte.

Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).