Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Bordighera
Panorama di Bordighera
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Reddot.svg
Bordighera
Sito istituzionale

Bordighera è una città della Liguria.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Bordighera è situata sulla costa della Riviera di Ponente, ubicata sul capo Sant'Ampelio a circa venti chilometri dal confine con la Francia, ai piedi delle Alpi Marittime. Si tratta del comune più a sud di tutta la Liguria: il punto più meridionale del comune corrisponde a Capo Sant'Ampelio.

Le montagne a picco sul mare provocano in presenza di venti settentrionali (fenomeno che si verifica durante l'inverno) un effetto favonico che rende la stagione fredda molto mite (la media giornaliera delle temperature di gennaio è prossima ai +10 °C) e, durante l'estate, fresche e vivaci brezze marine attenuano la calura, che comunque raramente è eccessiva (media giornaliera nei mesi di luglio e agosto di circa +24 °C). Tra le vette del territorio il monte Nero (606 m) e la Colla Merello (224 m).

Suggestiva è la frazione di Sasso arroccata sulla collina bordigotta.

Il porto è l'ultimo approdo per barche turistiche prima del confine con la Francia.

« Poche case ammucchiate sopra un'altura che formano un labirinto di vicoli in salita e discesa, dove spira l'uggia della fortezza antica eretta in difesa dei Saraceni »
(Edmondo De Amicis descrizione della Città Vecchia di Bordighera)

Cenni storici[modifica]

Il borgo nacque intorno al V secolo a.C. grazie alla presenza dei Liguri, i quali si dedicarono all'agricoltura e alla pastorizia abitando in villaggi fortificati costruiti sulla sommità delle alture, in posizione strategica, di cui restano tracce di muri a secco dell'epoca preromana, accanto ad altre murature di epoca romana e medievale.

In epoca romana fu aperta la Via Julia Augusta, nel 13 a.C., per collegare la Liguria alla Gallia, lungo il percorso dell'attuale Via Aurelia. Proprio di quest'epoca è il ritrovamento, nel 1955, di una tomba di epoca imperiale testimone di un probabile insediamento agricolo dell'Impero romano nella zona.

Nei primi anni del V secolo un religioso eremita di nome Ampelio approdò su queste coste proveniente dalla Tebaide (Egitto) portando in dono - secondo la leggenda - noccioli di dattero. È un fatto che Bordighera assunse poi il nome di "Regina delle palme".

Epoca medioevale[modifica]

In una bolla di papa Bonifacio VIII del 1296 si cita per la prima volta il nome "Burdigheta" (da cui Bordighera).

Mappa del Dipartimento delle Alpi Marittime nel 1805, con Bordighera nel suo cantone

Il 2 settembre 1470 alcune famiglie di Castrum Sancti Nicolai, oggi Borghetto San Nicolò (frazione odierna di Bordighera), riunitesi nella locale chiesa parrocchiale decisero la riedificazione della città, precedentemente abbandonata. Questa assemblea segnò l'atto di fondazione di Bordighera in stile moderno: un borgo fortificato, alto sopra il colle e affacciato sul mare.

Epoca contemporanea[modifica]

Con la dominazione napoleonica la comunità di Bordighera rientrò nell'omonimo cantone nella giurisdizione delle Palme, con Sanremo come capoluogo; nel 1802 passò nel cantone di Ventimiglia nella giurisdizione degli Ulivi (capoluogo Oneglia). Dal 1805, con il passaggio della Repubblica Ligure nel Primo Impero francese, Bordighera fu ancora capo cantone del Dipartimento delle Alpi Marittime.

Pescatori sulla spiaggia di Bordighera in una fotografia ottocentesca

Fu annesso al Regno di Sardegna nel 1815 dopo il Congresso di Vienna del 1814, a seguito della caduta di Napoleone Bonaparte. Facente parte del Regno d'Italia dal 1861, dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel I mandamento omonimo del circondario di Sanremo facente parte della provincia di Nizza (poi provincia di Porto Maurizio e, dal 1923, di Provincia di Imperia).

L'Ottocento fu l'epoca d'oro della città, grazie al romanzo di Giovanni Ruffini Il dottor Antonio, che, pubblicato nel 1855 a Edimburgo, suscitò l'interesse degli inglesi per la città. Nel 1860 aprì il primo albergo, Hotel d'Angleterre (oggi villa Eugenia) e nel 1861 accolse il suo primo ospite illustre, il primo ministro inglese John Russell, I conte di Russell.

Uno di questi inglesi, il pastore anglicano Clarence Bicknell si stabilì a Bordighera dove fondò la biblioteca e il museo che porta il suo nome; fondò anche un gruppo esperantista e inoltre si dedicò alla esplorazione della flora locale; il suo successo maggiore fù la scoperta delle incisioni rupestri nell'alta Val Roia, (nel 1947 divenuto territorio francese).

Come orientarsi[modifica]

Un'immagine del 1909 di Bordighera Vecchia


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Bordighera
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Bordighera
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.