Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Bastia
Veduta
Stemma
Bastia - Stemma
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Francia
Reddot.svg
Bastia
Sito istituzionale

Bastia è una città della Corsica.

Da sapere[modifica]

Cittadella di Bastia
Piazza San Nicola
Cattedrale di San Giovanni Battista

Bastia è la seconda città più popolosa della Corsica dopo Ajaccio con quasi 49.000 abitanti (2019). Il turismo non ha portato molta prosperità alla città e la disoccupazione rimane alta per gli standard francesi.

Bastia ha preso il nome da una costruzione genovese di una "bastiglia" nel 1300. Sia Bastia che bastiglia sono affini del "bastione" inglese. Bastia fu la principale capitale della Corsica genovese e divenne francese solo alla fine degli anni '60 del Settecento.

La siesta pomeridiana è un evento quotidiano serio a Bastia, e bisogna stare attenti a rispettare gli orari dei negozi (es. supermercato) per poter acquistare generi di prima necessità a prezzi normali.

Bastia è una tipica città corsa, con una cittadella genovese, un antico porto e case colorate intorno, che la rendono un po' diversa dalle città della costa occidentale italiana. Sebbene sia la seconda città più popolosa della Corsica, è improbabile che voi, a differenza di Ajaccio, lo sentiate. Ma Bastia funge da base per esplorare i dintorni: Il Capo Corso a nord, Mariana a sud e le montagne a ovest.

Cenni geografici[modifica]

Bastia è il capoluogo del dipartimento dell'Alta Corsica. La città confina con i comuni di Ville di Pietrabugno, Furiani, Barbaggio e Patrimonio.

Oratorio dell'Immacolata Concezione

Cenni storici[modifica]

Il territorio del centro della moderna Bastia è abitato almeno dal 1500 aC. I romani fondarono qui la colonia di Mantinon, che fu distrutta dai vandali e abbandonata dalla popolazione nel VI secolo. Nell'XI secolo sorse intorno al porto un piccolo insediamento, che allora si chiamava Cardo. Per tutto questo tempo, situata a 20 km a sud, Mariana era una città molto più significativa e, dopo la cristianizzazione della Corsica, vi si trovava la cattedra vescovile. Nel 1380 i genovesi, che cercavano un luogo per edificare una fortezza nel nord-est della Corsica, si stabilirono a Cardo, che, nella sua struttura, era loro ideale. L'area intorno al porto è ancora chiamata Terra Vecchia, e nel 1480 fu costruita anche la Nuova Terra Nova. In questo periodo, la città divenne nota come Bastia, dalla parola italiana "fortezza" (questa è la stessa radice della Bastiglia parigina). Fino alla fine del dominio genovese, Bastia era la città principale della Corsica, vi era un governatore e un governo. Nel XVII secolo la città crebbe molto, ed è di questo periodo che risalgono le chiese e le cappelle nel centro di Bastia. Per il popolo della Corsica, Bastia rappresentava il dominio genovese corrotto e inefficace e la città fu più volte saccheggiata. Così, nel 1730, la popolazione ribelle delle montagne circostanti conquistò la città e la derubò per quattro giorni. Nella seconda metà del XVIII secolo Bastia perse progressivamente la sua importanza, lasciando il posto alla posizione del capoluogo della Corsica, Ajaccio. Dopo il trasferimento della Corsica alla Francia nel 1811, Ajaccio, e non Bastia, divenne il centro del dipartimento unificato della Corsica. Tuttavia, Bastia riuscì a espandersi notevolmente nel XIX secolo e divenne una città industriale. Dopo la divisione della Corsica in due dipartimenti, Bastia divenne il centro del dipartimento settentrionale (tuttavia, nel 2018, i dipartimenti sono stati aboliti, unendoli nella regione della Corsica con il centro ad Ajaccio). Con un'alta probabilità, Bastia sarà la prima città corsa che vedrete.

Come orientarsi[modifica]

Sebbene la città stessa sia grande, il suo centro è piuttosto compatto. Se arrivate in ​​treno o con la nave, vi ritrovate in ​​vista di Place Saint-Nicolas, e tutto ciò che interessa a Bastia si trova tra essa e la fortezza, direttamente lungo la costa. Non sono più di 15 minuti a piedi.

Oratorio della Santa Croce
Chiesa di San Carlo Borromeo
Chiesa di Notre-Dame de Lourdes


Come arrivare[modifica]

Aeroporto di Bastia-Poretta
Porto di Bastia

In aereo[modifica]

L'42.5497229.4847221 aeroporto di Bastia Poretta (IATA: BIA), situato a 20 km a sud della città sulla principale autostrada costiera, nel comune di Lucciana, collega diverse città francesi ed europee.

Un vecchio autobus ricketty collega circa a ogni ora il centro città, impiegando 20 minuti, al costo di 9,00 € a persona e solo in contanti, all'autista. Trovare gli orari sul sito web dell'aeroporto. Per due o più persone, un taxi avrà probabilmente un valore migliore, soprattutto se l'alloggio a Bastia è lontano dal centro.

In auto[modifica]

La N198 attraversa la città, che va a nord fino al Capo Corso come D80, e a sud fino al resto della Corsica, compreso l'aeroporto. In particolare, i cancelli del terminal portuale vi conducono direttamente (l'uscita è solo a destra, alla prima rotonda bisogna svoltare, a meno che, ovviamente, non ci si stia dirigendo verso nord). Tutti i parcheggi nel centro di Bastia sono a pagamento e bisogna anche cercare i posti liberi. Se state cercando un 42.70879.45432 parcheggio gratuito, ci sono due opzioni ragionevoli, entrambe a 20 minuti a piedi dal Porto Vecchio e da Terra Nova. Uno è un po' più lontano dal terminal del porto, dopo la prima rotonda, guardate a destra, di solito ci sono posti. Se arrivate di giorno e non di domenica, potete lasciare l'auto nel parcheggio sotterraneo gratuito del 42.70839.4533 supermercato proprio di fronte all'uscita del porto (l'ingresso è dalla stessa rotonda). Il supermercato è chiuso la domenica e, ovviamente, la notte.

In nave[modifica]

  • 42.701879.455131 Porto di Bastia. Bastia è collegata tutto l'anno con Livorno, Savona, Nizza, Tolone e Marsiglia. Ci sono anche collegamenti stagionali con Golfo Aranci, Piombino e Genova.
Stazione ferroviaria di Bastia

In treno[modifica]

  • 42.7020289.4476612 Stazione ferroviaria di Bastia, Bastia, Pays Bastiais, Gare Ferroviaire CFC - Chemins de Fer Corse, Place de la gare, +33 4 95 32 80 61, +33 4 95 32 80 55, fax: +33 4 95 34 01 14. Un servizio ferroviario a scartamento ridotto collega Bastia con Ajaccio, Corte, Calvi e Isola Rossa. Il treno porta i passeggeri attraverso bellissime valli e passaggi spettacolari. Tuttavia, la corsa fino ad Ajaccio costa 22,00 € sola andata e il livello di comfort della corsa ricorda una carrozza trainata da cavalli su una strada sterrata. Il treno dalla popolazione locale viene chiamato "il brivido" (U Trinighellu) per una buona ragione. Stazione di Bastia su Wikipedia stazione di Bastia (Q967842) su Wikidata

In autobus[modifica]


Come spostarsi[modifica]

Esplorate la città a piedi. Molte strade sono pedonali e i percorsi dei veicoli sono molto congestionati.

La rete di autobus urbani è gestita da Société des Autobus Bastiais (tel. +33 4 95 31 06 65).

Un tram parte dalla stazione ferroviaria di Bastia, per circa 25 km a sud lungo la costa fino a Casamozza, dove si collega con la linea ferroviaria principale tra Bastia e Ajaccio. Il tram passa a 2 km dall'aeroporto di Bastia, la fermata più vicina è Lucciana, ma non c'è collegamento, quindi non funziona come mezzo per "entrare". È possibile ma non piacevole camminare tra i due lungo il percorso D107, mentre è da evitare il percorso D507.


Cosa vedere[modifica]

Oratorio di San Rocco
Cappella di Nostra Signora di Monserrato
Chiesa di Santo Stefano
Palazzo dei governatori genovesi, sede del museo etnografico di Bastia
  • 42.6919449.4519441 Cittadella di Bastia. La cittadella di Bastia è un quartiere abbastanza grande della città, all'interno del quale ci sono strade strette e la gente vive nelle case. Questo è il posto più interessante della città. La cittadella fu edificata dai genovesi nel XVI secolo ed è chiamata Terra Nova (Terra Nuova), in contrasto con quella antica, Terra Vecchia, situata nei pressi del Porto Vecchio, poiché la fortezza fu edificata in un luogo nuovo. La fortezza è chiusa da una cinta muraria e ha diversi ingressi. La più popolare è la porta Luigi XVI che conduce alla piazza centrale all'interno della cittadella, Place de Donjon. Le case più belle si affacciano proprio su questa piazza, ma questo non significa affatto che il resto vada trascurato. Passeggiate per le strade per osservare panorami incredibili. Cittadella di Bastia su Wikipedia Cittadella di Bastia (Q22949758) su Wikidata
  • 42.6966679.4488892 Piazza San Nicola (Place Saint-Nicolas). Una vasta area con una lunghezza di 300 metri e una larghezza di circa 100 si trova all'estremità settentrionale del centro storico di Bastia. A sud c'è un antico edificio ancora genovese, e a nord un tipico edificio francese del XIX secolo, come in quasi tutte le città della Francia continentale. La piazza stessa è fiancheggiata da platani ed è una popolare meta di vacanza. Sul suo lato occidentale (più lontano dal mare) ci sono diversi ristoranti e caffetterie. Piazza San Nicola (Q18005502) su Wikidata
  • 42.69589.45073 Porto Vecchio (Vieux-Port) (Tra il nuovo porto e la cittadella). Il porto naturale, delimitato su tre lati da scogli, è stato utilizzato come porto sin dalla fondazione di Bastia. Ora su queste rocce ci sono edifici multipiano multicolori, come nelle città portuali italiane. Lungo tutto il perimetro del Porto Vecchio è presente un terrapieno (per lo più pedonale), nel porto stesso sono parcheggiati yacht e pescherecci, e l'uscita da esso verso il mare è limitata da due moli con alle estremità dei fari. Da destra, Phare de la jetée du Dragon, c'è una splendida vista sul porto, Terra Vecchia e in lontananza le nuove aree di Bastia e del Capo Corso.

Architetture religiose[modifica]

  • 42.6979.450354 Cattedrale di San Giovanni Battista, Rue St. Jean. La chiesa barocca fu costruita dal 1636 al 1666. È la più grande chiesa parrocchiale della Corsica e la sua sagoma con due grandi torri domina completamente il panorama di Terra Vecchia. La situazione all'interno del XVIII secolo, in particolare l'organo del 1742. Il lato della chiesa (dove funziona l'ingresso) si affaccia sulla Piazza del Mercato (Place du Marché) al centro di Terra Vecchia, una piazzetta circondata su tutti i lati da autentici edifici del XVII secolo. Chiesa di San Giovanni Battista (Bastia) su Wikipedia chiesa di San Giovanni Battista (Q3581914) su Wikidata
  • 42.69229.45175 Procattedrale di Santa Maria Assunta, 12 Rue Notre Dame. La costruzione della cattedrale iniziò nel 1495, quando il vescovo era ancora a Mariana. Nel 1570 vi si trasferì la sede vescovile, che vi rimase fino al 1801, quando il vescovo di Corsica fu trasferito ad Ajaccio. La chiesa è enorme, ma è stata notevolmente ricostruita, e ad eccezione del campanile, costruito all'inizio del 1700, tutto il resto è in stile barocco, ed è difficile intuire la vera età dell'edificio. Anche la decorazione interna è in gran parte settecentesca, compreso il gruppo scultoreo dell'Ascensione di Maria nella cappella laterale destra. Fu realizzato a Bastia dallo scultore senese Gaetano Macchi. Il dipinto sopra l'altare, anch'esso raffigurante l'Ascensione di Maria, fu realizzato nel 1512 da Leonoro d'Aquila. Gli organi furono realizzati a Bergamo nel 1845. Rue Notre Dame, su cui è presente l'ingresso principale della chiesa, a sinistra (più lontano dall'ingresso principale della cittadella) termina con una scalinata in basso. Dalle scale si gode di una bella vista sul mare e sulla costa orientale della Corsica. Cattedrale di Santa Maria Assunta (Bastia) su Wikipedia Procattedrale di Santa Maria Assunta (Q3406130) su Wikidata
  • 42.69839.45036 Oratorio di San Rocco, rue Napoléon. La cappella fu costruita nel 1604 dopo la peste. Il dipinto dell'altare maggiore è stato realizzato nel XVIII secolo a Firenze da Giovanni Biliverti. Oratorio di San Rocco (Bastia) su Wikipedia Oratorio di San Rocco (Bastia) (Q22996384) su Wikidata
  • 42.69539.44767 Chiesa di San Carlo Borromeo, rue Jean-Baptiste-de-Caraffa. La chiesa fu costruita dai Gesuiti nel 1635 per il collegio da loro fondato a Bastia. La chiesa nello stile del classicismo si rivelò enorme, poiché si supponeva che tutti gli insegnanti e gli studenti dovessero essere collocati in essa. Ora è ancora di proprietà dei Gesuiti ed è chiusa per la maggior parte del tempo. L'area in cui si trova è piuttosto trasandata e chiaramente da ristrutturare, ma è notevole per la sua posizione sul pendio, scale e archi, nonché per la completa assenza di turisti, anche se dista solo un paio di minuti a piedi dal Porto Vecchio. Di fronte alla chiesa si trova la Casa Caraffa, uno degli edifici più antichi di Bastia. Chiesa di San Carlo Borromeo (Bastia) su Wikipedia chiesa di San Carlo Borromeo (Q22996383) su Wikidata
  • 42.70249.42758 Chiesa di Santo Stefano, Piazza di a Chjesa. Église Saint-Etienne de Cardo (Q22968826) su Wikidata
  • 42.69749.45019 Oratorio dell'Immacolata Concezione, Rue Napoléon. La Confraternita dell'Immacolata, una sorta di ordine monastico, iniziò a lavorare a Bastia nel 1588 e l'oratorio nella sua forma attuale fu completato nel 1609. Il portale centrale barocco in marmo di Carrara risale al 1704. Si sono conservati gli interni del XVIII secolo. L'altare maggiore contiene una copia del dipinto di Murillo. Nell'oratorio nel XVIII secolo si sono svolti eventi molto non banali legati alla storia della Corsica, ad esempio qui si è riunito il parlamento anglo-corso. Oratorio dell'Immacolata Concezione (Bastia) su Wikipedia Oratorio dell'Immacolata Concezione (Bastia) (Q22949764) su Wikidata
  • 42.69269.45231110 Oratorio della Santa Croce. Oratorio di Santa Croce (Bastia) su Wikipedia oratorio di Santa Croce (Q3584983) su Wikidata
  • 42.7039.4527811 Chiesa di Notre-Dame de Lourdes. chiesa di Notre-Dame de Lourdes (Q60385366) su Wikidata
  • 42.69069.438212 Cappella di Nostra Signora di Monserrato. Chapelle Notre-Dame de Montserato (Q22975970) su Wikidata

Architettura[modifica]

  • 42.693499.4511813 Ex Palazzo dei Governatori. Il palazzo, costruito dai genovesi dal XV al XVIII secolo, si affaccia su Place de Donjon. Nonostante l'edificio sia stato gravemente danneggiato durante la guerra, il palazzo è stato successivamente restaurato riuscendo a conservare l'aspetto di un edificio medievale, di cui una delle principali funzioni era quella difensiva. All'interno si trova il Museo etnografico.
  • 42.696729.4496614 Casa Castagnola (Maison Castagnola), 4 Rue de Terrasses. Uno degli edifici più antichi di Bastia (probabilmente dell'inizio del XVII secolo), così come il numero 5 di fronte, si trova all'angolo tra Rue de Terrasses (pedonale) e Rue St. Jean. Ora, tuttavia, entrambi gli edifici hanno chiaramente bisogno di essere ristrutturati.

Musei[modifica]

  • 42.699.45111115 Museo etnografico di Bastia (Si trova all'interno del palazzo dei governatori genovesi, nel quartiere della Cittadella di Bastia). Ecb copyright.svg 5,00 €. Simple icon time.svg 1° luglio-31 agosto: Lun–Dom 10:00-19:00; 1° aprile-30 giugno e 1 settembre-31 ottobre: Mar–Dom 10:00-18:00; 1 novembre-31 marzo: Mar–Sab 9:00-12:00 e 14:00-17:30. Il museo è dedicato alla storia della città dal XV alla metà del XX secolo e mostra, tra l'altro, vari allestimenti, schemi e fotografie. L'ex cappella ospita la collezione del Carlini, l'ex borgomastro, che donò alla città la sua collezione, principalmente oggetti d'arte decorativa dei primi dell'Ottocento. Inoltre, acquistando un biglietto, avete semplicemente l'opportunità di ispezionare l'edificio, ad esempio, nel seminterrato troverete due piscine in cui veniva conservata l'acqua potabile in caso di assedio. museo di Bastia (Q23595341) su Wikidata
  • 42.693259.4521916 Museo della miniatura (Ex polveriera della Cittadella). Ecb copyright.svg 4,00 € (2011). Simple icon time.svg Aprile-inizio ottobre: Lun–Dom 9:00-12:00 e 14:00-18:00. René Mattei ha dedicato molti anni alla costruzione di un modello in gesso del paese in scala, che ora è esposto nella sua stessa casa. Recensioni entusiastiche.

Attrazioni all'aperto[modifica]

  • 42.69429.451217 Giardino Romieu (Jardin Romieu). Ecb copyright.svg Ingresso libero. Il giardino è disposto sul pendio su cui sorge la fortezza. Se salite dal mare, dal Porto Vecchio, passerete comunque da qui. Un luogo piacevole, d'estate è buono per via dell'ombra, inoltre ci sono buoni panorami sul Porto Vecchio e sulla città a nord di esso.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

La maggior parte dei negozi si trova in città, dove diversi negozi di alimentari ben forniti vi faranno conoscere i prodotti locali.

Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Procattedrale di Santa Maria Assunta

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Informazioni turistiche[modifica]

  • 42.701919.451564 Office de Tourisme, Place St Nicolas, +33 4 95 54 20 40, fax: +33 4 95 54 20 41. Simple icon time.svg Giugno-Settembre: Lun-Dom 8:00-20:00; Ottobre-Maggio: Lun-Sab 8:00-18:00, dom 8:00-12:00.

Poste[modifica]

Ci sono 2 uffici postali a Bastia. Uno a Place St. Nicolas e uno un po' più a nord della città, verso Cap Corse. Il codice postale locale è 20200.

Internet[modifica]

A partire da giugno 2022, Bastia dispone del 5G con tutti gli operatori francesi.


Nei dintorni[modifica]

  • Esplorate il Capo Corso, l'aspra penisola che si estende a nord di Bastia. Una strada molto tortuosa, la D80, offre un percorso circolare panoramico ma a volte snervante. Concedetevi circa quattro ore per questo, tenete a bordo almeno mezzo serbatoio di carburante prima di iniziare e non abbiate fretta. Andando in senso antiorario, seguite la strada costiera principale a nord del porto di Bastia. Questo tratto lungo la costa orientale, sebbene tortuoso, è per lo più sufficientemente ampio da consentire il passaggio agevole del traffico e la prospettiva sottostante non è troppo vertiginosa. Passate per Erbalunga e Pietracorbara fino a Santa Servera, dove la strada si biforca: un ramo attraversa i monti via Luri fino alla costa occidentale, l'altro prosegue lungo la costa fino a Macinaggio. Gli autobus da Bastia percorrono la strada fin qui. Poi questa strada sale anche nell'entroterra, una strada senza uscita si dirama a Capo Nord a Barcaggio, e il gioco si fa serio. Il percorso di ritorno a sud lungo la costa occidentale è stretto, tortuoso e sterzante al di sopra del mare agitato, senza barriere tra voi e un dislivello molto lungo. Borghi lungo il percorso, abbarbicati sul fianco della montagna con porti panoramici ma precari, sono Centuri, Pino, Canari e Nonza. Infine la strada scende a Patrimonio, dove sarete sollevati per unirvi alla strada principale D81 per l'ultima strada in salita fino a Bastia. Una breve deviazione nell'altra direzione (verso Isola Rossa e Calvi) porta a San Fiorenzo.

C'è un argomento per percorrere il percorso del Capo Corso in senso orario, quindi sareste sul lato terrestre della strada lontano dal bordo della scogliera. Ma le parti più spaventose sono effettivamente a binario unico, con traffico in arrivo e un furgone bianco matto alle calcagna.

  • Bastia è un buon punto di partenza per un tour della Corsica, ma avete bisogno della vostra auto o di essere ciclisti molto in forma per girare questa isola aspra.

Le opzioni di trasporto pubblico sono molto più limitate, ma un autobus giornaliero collega Calvi e tutte le altre principali città della Corsica, mentre i treni partono ogni giorno per Corte e Ajaccio.


Informazioni utili[modifica]

Due bagni pubblici si trovano nel centro storico di Place Saint-Nicolas:

  • 42.701929.451465 Bagno pubblico Place Saint Nicolas lato nord.
  • 42.699439.450366 Bagno pubblico Place Saint Nicolas lato sud.


Altri progetti

CittàUsabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).