Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Vulture
Rionero in Vulture-Panorama
Stato
Regione
Abitanti
Sito del turismo

Vulture è un territorio della Basilicata.

Da sapere[modifica]

Il turismo nel Vulture è prettamente naturalistico.


Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Dal punto di vista culturale, la zona del Vulture offre perlopiù castelli e chiese come luoghi d'interesse. Sono degni di nota i castelli federiciani, i più importanti dei quali sono quello di Melfi, che ospita al suo interno uno dei più interessanti musei della civiltà lucana, dalle radici preistoriche e protostoriche alle successive trasformazioni legate all'evoluzione sociale ed economica del territorio; di Castel Lagopesole (oggi sede ufficiale del "Centro Studi Federiciani"), e di Venosa, edificato dal duca Pirro del Balzo e contenente tracce di cultura romana, normanna ed ebraica.

Tra i luoghi di culto religioso più distintivi sono da menzionare l'Abbazia della SS. Trinità a Venosa, che è formata da due chiese, un'antica ed una nuova, conosciuta per non essere mai stata portata a termine; la Cattedrale di Santa Maria Assunta a Melfi, edificata dai Normanni in stile romanico; l'Abbazia di San Michele a Monticchio, fondata nel X secolo dai frati Benedettini e la Cattedrale di Rapolla, costruita nel XII secolo con portale in stile romanico e con campanile del 1209.

Itinerari[modifica]

Castelli e costruzioni federiciane

Cosa fare[modifica]

Gli ecoturisti possono praticare escursioni a piedi, in bicicletta e anche a cavallo. Facilmente, si possono osservare i falchi che volteggiano in cielo e i cinghiali al pascolo. Monticchio è il luogo più rappresentativo di questa forma di turismo nel Vulture, ove è possibile esplorare, sia a piedi che provvisti di mountain bike, la sua rigogliosa vegetazione, i suoi laghi e i suoi monumenti, tra tutti l'Abbazia di San Michele, che offre un panorama suggestivo dei laghi. Oltre a Monticchio vi è la fiumara di Atella, un altro posto in cui si possono percorrere sentieri naturalistici come quelli del bosco comunale di Bucito, costituito da querce e sorgenti e assegnato alle associazioni WWF e LIPU. Nel cuore del bosco si trova il cosiddetto "Casone", in passato teatro di scontro tra i briganti di Carmine Crocco e l'esercito piemontese.

A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti