Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Pianure settentrionali del Guatemala
Veduta aerea dell'isola di Flores
Stato

Pianure settentrionali del Guatemala è una regione del Guatemala che si estende dai piedi delle catene montuose Cuchumatanes, Chama e Santa Cruz verso nord, compresa la parte settentrionale del dipartimento di Alta Verapaz, l'estremo nord del dipartimento di El Quiché, e tutto il vasto dipartimento di Petén.

Da sapere[modifica]

Questo territorio, oltre a offrire ai suoi visitatori una natura dalle molte sfaccettature, spinge il visitatore ad assaporare uno stile regionale distintivo (El Estilo Petén) attraverso la diversità dei suoi siti Maya.

Quando andare[modifica]

Il Petén è un mix di foresta pluviale tropicale, in particolare nel nord, e aree di savana aperta, quindi le giornate saranno calde. In molte parti del dipartimento la foresta è stata sgomberata per consentire l'allevamento e c'è poca ombra, quindi è bene portarsi molta acqua e un cappello adatto. È più mite da novembre a febbraio, quando le notti possono essere un po' fredde (ma non fredde come negli altopiani). La stagione delle piogge inizia a fine maggio o inizio giugno e continua fino a ottobre, con frequenti piogge e zanzare più numerose.

Cenni storici[modifica]

Più di mille anni fa, quello che ora è il Petén era il fulcro della civiltà classica Maya, con un'ampia popolazione e molte grandi splendide città. Per ragioni ancora non completamente comprese dagli studiosi, la civiltà crollò intorno all'anno 900. Il popolo Maya non "scomparve" (più del 40% della popolazione del Guatemala è etnicamente Maya tutt'oggi), ma non furono costruiti nuovi templi e palazzi, la popolazione della regione di Petén è diminuita, e dopo un po' le antiche città sono state riassorbite dalla giungla.

Dai tempi coloniali spagnoli fino alla metà del XX secolo, il Petén era considerata la frontiera selvaggia del Guatemala, con solo poche città come Flores immerse nella vasta giungla e quasi nessuna strada. Negli ultimi decenni sono state costruite nuove autostrade, le persone si sono trasferite nell'area e hanno sgomberato ampie sezioni della giungla a favore dell'agricoltura, sebbene altre ampie porzioni di giungla siano state preservate come parchi nazionali. L'ecoturismo e le fantastiche rovine delle antiche città Maya attirano molti visitatori. Tuttavia, il Petén resta meno sviluppato rispetto ad altre parti del Guatemala.

Lingue parlate[modifica]

La lingua diffusa in quest'area è lo spagnolo. Guide che parlino inglese o altre tra le principali lingue internazionali, possono essere ingaggiate a Tikal.


Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • 1 Dolores — Una piccola città nel sud di Petén, con un bel nuovo museo archeologico e una chiesa coloniale (la più antica del dipartimento).
  • El Ceibo
  • El Naranjo (Naranjo)
  • El Remate — All'estremità orientale del lago Petén Itzá, El Remate è un villaggio con qualche albergo. Si trova a breve distanza dall'incrocio (El Cruce) della carretera nº3 con la nº 13. La prima va da Flores alle rovine di Tikal, la seconda conduce a Melchor de Mencos, valico di frontiera con il Belize, oltre il quale si trova San Ignacio, capoluogo del distretto di Cayo.
  • 2 Flores — Capoluogo del dipartimento di Petén e base di partenza per le escursioni al sito archeologico di Tikal.
  • 3 Lanquín
  • 4 Melchor de Mencos — Piccola città e l'unica frontiera terrestre per andare in Belize
  • 5 Poptún
  • Raxruja
  • San Andrés
  • 6 Sayaxché — Sayaxché è una città di 60.000 abitanti situata a 60 km a sud ovest di Flores. È dotata di alberghi, il che ne fa una buona base per visitare una serie di rovine sparse nel territorio di sud ovest fino ai confini con lo stato messicano di Chiapas (El Ceibal, Aguateca, Dos Pilas, Tamarindito e il più remoto "Altar de Sacrificios").

Altre destinazioni[modifica]

Guatemala-Peten-around-Flores.png
  • Aguateca — Rovine Maya vicine al sito di Dos Pilas.
  • Dos Pilas — Rovine Maya vicine al sito di Aguateca.
  • El Chal — Rovine maya precolombiane non restaurate con alcuni monumenti gravemente erosi.
  • El Mirador — Enorme antica rovina Maya risalente al preclassico, molto poco visitata a causa del fatto che si trova lontano dalle principali rotte turistiche.
  • El Perú (Waká) — Rovine Maya in cui sono state trovate numerose tombe tra cui quella più famosa nota come la tomba della regina.
  • El Tintal — Remote rovine Maya tra il villaggio di Carmelita e il sito di El Mirador.
  • Holtun — Rovine maya non restaurate accanto alla strada da Flores a Melchor de Mencos.
  • Ixkún — Rovine maya non restaurate con una piccola collezione di monumenti protetti, tra cui la più grande stele di Petén.
  • Ixlu (anche Saklamakhal o Saclemacal) — Piccole rovine maya non restaurate sull'istmo tra i laghi Petén Itzá e Salpetén.
  • La Blanca — Uno dei maggiori siti Maya dell'età pre-classica, le cui rovine sono ancora in restauro.
  • Lago Petén Itzá — Il lago, il più grande del Guatemala dopo quello di Izabal è rinomato per l'isola che ospita Flores, il capoluogo del dipartimento. Flores fu l'ultimo baluardo maya a cadere nelle mani dei conquistadores spagnoli. Un pontile collega l'isola alla riva meridionale del lago dove è situato il villaggio di Santa Elena. Lo specchio lacustre e la lussureggiante vegetazione che lo circonda, offrono riparo a una ricca fauna.
  • Motul de San José — Antico sito archeologico della civiltà Maya situato a nord del lago Petén Itzá.
  • Nakbe — Sito archeologico della civiltà maya, situato nel bacino di Mirador.
  • Nakum — Sito archeologico maya riportato alla luce nel 1905.
  • Seibal (Ceibal o El Ceibal) — Rovine Maya in cima a dei pendii a circa 100 metri sopra il fiume Pasión.
  • Semuc Champey — Cascata a sud.
  • Tikal — Le rovine maya di Tikal sono uno dei più interessanti siti archeologici dell'America centrale. Si trova a 63 km a nord est di Flores e 27 da El Cruce, per la carretera n° 3.
  • Topoxté — Rovine Maya su un'isola vicino a Yaxhá.
  • Uaxactún — Altro sito archeologico ubicato a 25 km a nord di Tikal raggiungibile tramite una strada sterrata.
  • Yaxhá — Sito archeologico su una diramazione della carretera nº 13, Yaxhá è di difficile accesso.


Come arrivare[modifica]

In autobus[modifica]

Non lesinare sulle corse in autobus a lunga distanza. Gli economici chicken bus possono essere divertenti per un breve tratto, ma la maggior parte degli autobus di prima classe è più confortevole e vale il prezzo pagato per i viaggi lunghi.

Il percorso da Città del Guatemala via Poptún è servito da tre compagnie di autobus di prima classe, Linea Dorada, Autobuses del Norte e Fuente del Norte . Quest'ultimo da anni gestisce autobus più economici tra Flores e Città del Guatemala, ma più recentemente gestisce anche autobus diurni e notturni che includono posti a sedere di prima classe e deluxe. Le camitas al piano di sotto sono lussuose, ma specialmente dalla capitale, di notte, è meglio avere un maglione leggero da indossare.

Il percorso via Cobán dura circa 12 ore in autobus, a differenza delle circa 8/10 attraverso l'altra rotta, ma è più panoramico. Dalla capitale ci si imbarcherà su un mezzo Monja Blanca, ma anche se si deve scendere a Cobán per montare su un minivan, questa città può essere presa in considerazione per una visita turistica e non solo come un mero scalo.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Il dipartimento di Petèn è costellato da centinaia di siti archeologici Maya, molti dei quali meritano una visita. Sfortunatamente la maggior parte dei turisti vede "solo" Tikal, che è certamente l'apoteosi, ma a discapito degli altri gioielli Maya nascosti nella giungla. Per i curiosi avventurieri i siti archeologici intatti nelle foreste di vecchia vegetazione attendono solo di essere esplorati. Tra le rovine nascoste che meritano una visita ci sono: Holmul, La Honradez, Chochkitan, Kinal, Xultun, Dos Aguadas e Rio Azul. Anche se la loro estensione è paragonabile a quella di Tikal, il numero di visitatori annuali in questi siti raggiunge solo una media di 20 persone. La qualità delle strade verso i siti più lontani lascia molto a desiderare. Pertanto è consigliabile intraprendere questo tipo di viaggi solo durante la stagione secca (da febbraio a giugno). I viaggiatori che desiderano visitare i percorsi turistici più affollati, ma comunque trovare siti ben esplorati con servizi, sono invitati a visitare San Clemente, La Blanca e Nakum (che rappresentano la più grande acropoli di palazzi del mondo Maya).

Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]

Bevande[modifica]

Due buone birre in Guatemala sono Gallo, che probabilmente è tutto ciò che si troverà nelle città più piccole, e Moza (che è una gustosa birra alla spina). Entrambe hanno il 5% di alcol.

Nella maggior parte dei ristoranti ci sono anche bevande fruttate di tipo smoothy chiamate licuados, che vengono preparate con una varietà di frutta rigorosamente fresca.

Infrastrutture turistiche[modifica]

L'hotel Jaguar Inn Hotel, si trova a Flores ma all'interno del parco nazionale, quindi non è necessario spostarsi da e per il centro città. L'hotel offre una buona colazione tipica guatemalteca (fagioli e tortillas) ma non è disponibile l'acqua calda. Di notte, le luci e l'elettricità cessano di essere disponibili intorno alle 18:00, dopo di che sarà possibile ascoltare i versi degli animali durante tutta la notte.

Sicurezza[modifica]

Restare sempre sulla strada battuta e insieme ad un gruppo, stando attenti a non allontanarsi. Nei posti fuori mano può essere davvero facile perdersi su sentieri sconosciuti nella giungla. Nelle città e nelle zone turistiche bisogna fare del proprio meglio per mescolarsi senza attirare troppa attenzione.