Vai al contenuto

Scarica il file GPX di questo articolo
Da Wikivoyage.
Tematiche turistiche > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Tanzania

Patrimoni mondiali dell'umanità in Tanzania

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Tanzania al 2023.

Introduzione[modifica]

Mappa a tutto schermo Tanzania
Logo UNESCO
Bandiera nazionale

La Tanzania ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 2 agosto 1977.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo
Criteri
Immagine
Scheda
-3.20888935.4627781 Riserva naturale di Ngorongoro 1979, 2010 Misto
(iv)(vii)(viii)(ix)(x)

Scheda UNESCO
L'area di conservazione di Ngorongoro abbraccia vaste distese di altopiani, savane, boschi e foreste. Fondata nel 1959 come area di uso multiplo del suolo, con la fauna selvatica coesistente con i semi-nomadi pastori Maasai che praticano il tradizionale pascolo del bestiame, comprende lo spettacolare cratere di Ngorongoro, la più grande caldera del mondo. La struttura dispone di importanza globale per la conservazione della biodiversità a causa della presenza di specie globalmente minacciate, la densità di fauna selvatica che abita la zona e la migrazione annuale di gnu, zebre, gazzelle e altri animali nelle pianure del nord. La vasta ricerca archeologica ha anche prodotto una lunga sequenza di prove dell'evoluzione umana e le dinamiche uomo-ambiente, tra cui impronte dei primi ominidi risalenti 3.6 milioni di anni fa.
-8.95777839.5227782 Rovine di Kilwa Kisiwani e -9.04944439.5672223 rovine di Songo Mnara 1981 Culturale
(iii)

Scheda UNESCO
I resti di due grandi porti dell'Africa orientale ammirati dai primi esploratori europei si trovano su due piccole isole vicino alla costa. Dal XIII al XVI secolo, i mercanti di Kilwa commerciavano oro, argento, perle, profumi, stoviglie arabe, terracotta persiana e porcellana cinese; gran parte del commercio nell'Oceano Indiano passava quindi attraverso le loro mani.
-1.249722344 Parco nazionale del Serengeti 1981 Naturale
(vii)(x)

Scheda UNESCO
Le vaste pianure del Serengeti comprendono 1,5 milioni di ettari di savana. La migrazione annuale verso le pozze d'acqua permanenti da parte delle grandi mandrie di erbivori (gnu, gazzelle e zebre), seguiti dai loro predatori, è una delle più imponenti manifestazioni naturali del mondo.
-937.45 Riserva faunistica del Selous 1982 Naturale
(ix)(x)

Scheda UNESCO
Un gran numero di elefanti, rinoceronti neri, ghepardi, giraffe, ippopotami e coccodrilli vivono in questo immenso santuario, che misura 50.000 km² ed è relativamente non interessato dall'impatto umano. Il parco ha una varietà di zone di vegetazione, che vanno dai folti boschi fino alle aperte praterie.
-3.06666737.3666676 Parco nazionale del Kilimangiaro 1987 Naturale
(vii)

Scheda UNESCO
Con i suoi 5.895 m, il Kilimanjaro è il punto più alto del continente africano. Questo massiccio vulcanico si trova in uno splendido isolamento sopra le pianure circostanti, con la sua cima innevata che incombe sulla savana. La montagna è circondata da foreste di montagna. Numerosi mammiferi, molti dei quali specie minacciate, vivono nel parco.
-6.16494439.1987897 La città di Stone Town (centro storico) a Zanzibar 2000 Culturale
(ii)(iii)(vi)

Scheda UNESCO
La Stone Town di Zanzibar è un ottimo esempio di città commerciale swahili sulla costa dell'Africa orientale. Essa conserva il suo tessuto e paesaggio urbano quasi intatto e contiene numerosi edifici che riflettono la sua particolare cultura, che ha portato insieme elementi omogeneizzando i disparati elementi delle culture provenienti da Africa, regione araba, India, ed Europa per più di un millennio.
-4.72444435.8338898 Siti di arte rupestre a Kondoa 2006 Culturale
(iii)(vi)

Scheda UNESCO
Sulle pendici orientali della scarpata Masai confinante con la Rift Valley (o grande fossa tettonica) ci sono ripari naturali, lastre di rocce sedimentarie a strapiombo frammentate da faglie, i cui piani verticali sono stati utilizzati per le pitture rupestri per almeno due millenni. La spettacolare collezione di immagini in oltre 150 rifugi su oltre 2.336 km², molte con alto valore artistico, mostrano le sequenze che forniscono una testimonianza unica al cambiamento della base socio-economica della zona dei cacciatori-raccoglitori ad agro-pastori, e le credenze e idee associate con le diverse società. Alcuni dei rifugi considerano ancora che abbiano associazioni rituali con le persone che vivono nelle vicinanze, riflettendo le loro credenze, riti e tradizioni cosmologiche.
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti