Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Burkina Faso

Patrimoni mondiali dell'umanità in Burkina Faso

Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Burkina Faso al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

Il Burkina Faso ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 2 aprile 1987.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Rovine di Loropéni 2009 Culturale (iii) Quest'area di 11.130 m², è la prima ad essere iscritta nel Paese, con le sue imponenti mura di pietra, è la meglio conservata di dieci fortezze della zona Lobi e fa parte di un gruppo più ampio di 100 recinti pietra che testimoniano la potenza del commercio dell'oro transahariano. Situate vicino ai confini della Costa d'Avorio, Ghana e Togo, è stato recentemente dimostrato che le rovine hanno almeno 1.000 anni. L'insediamento è stato occupato dai popoli Lohron o Koulango, che controllavano l'estrazione e la trasformazione dell'oro nella regione, quando raggiunse il suo apogeo dal XIV al XVII secolo. Molti misteri circondano questo luogo, gran parte dei quali devono ancora essere scoperti. L'insediamento sembra essere stato abbandonato durante alcuni periodi nel corso della sua lunga storia. Da quest'area, che è stata definitivamente abbandonata nel XIX secolo, si prevede di ottenere molte altre informazioni. 2016.05-441-131ap wall Loropéni Ruins nr.Loropéni(Poni Prv.),BF sun15may2016-1106h.jpg
Complesso W-2 Arly-Pendjari 1996, 2017 Culturale (ix)(x) Questa estensione transnazionale (Benin, Burkina Faso) al Parco nazionale W del Niger, iscritto nel 1996 nella lista dei patrimoni mondiali, copre un'importante distesa di savana intatta sudanese-saheliana, con tipi di vegetazione tra cui praterie, aree arbustive, savana boscosa e vaste estensioni di gallerie forestali. Include il più grande e più importante continuum di ecosistemi terrestri, semi-acquatici e acquatici nella savana dell'Africa occidentale. La proprietà è un rifugio per le specie selvatiche che sono scomparse altrove nell'Africa occidentale o sono altamente minacciate. Ospita la più grande popolazione di elefanti dell'Africa occidentale e la maggior parte dei grandi mammiferi tipici della regione, come il lamantino africano, il ghepardo, il leone e il leopardo. Ospita anche l'unica popolazione di leoni nella regione. Arli-NP MS1219.jpg
Siti dell'antica metallurgia del ferro del Burkina Faso 2019 Culturale (iii)(iv)(vi) Questa proprietà è composta da cinque elementi situati in diverse province del Paese. Comprende una quindicina di forni a tiraggio naturale, diverse altre strutture di fornaci, miniere e tracce di abitazioni. 3 Douroula, che risale all'VIII secolo a.C., è la più antica testimonianza dello sviluppo della produzione di ferro trovata in Burkina Faso. Gli altri componenti della proprietà (4 Tiwêga, 5 Yamané, 6 Kindibo e 7 Békuy) illustrano l'intensificazione della produzione di ferro durante il secondo millennio a.C. Anche se la riduzione dei minerali di ferro per ottenere il ferro non è più praticata oggigiorno, i fabbri del villaggio svolgono ancora un ruolo importante nella fornitura di strumenti, mentre prendono parte a vari rituali legati alla siderurgia.  
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.