Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Benin

Patrimoni mondiali dell'umanità in Benin

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Benin al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

Il Benin ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 14 giugno 1982.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Palazzo reale di Abomey 1985 Culturale (iii)(iv) Dal 1625 al 1900, 12 re si succedettero alla guida del potente Regno di Abomey. Con l'eccezione di Re Akaba, che ha avuto il suo palazzo a parte, tutti hanno costruiti i propri palazzi all'interno della stessa cinta muraria, in linea con palazzi precedenti per quanto riguarda l'uso dello spazio e dei materiali. I palazzi reali di Abomey sono l'unico ricordo di questo regno ormai scomparso. Abomey 2006 1.jpg
Complesso W-Arly-2 Pendjari 1996, 2017 Culturale (ix)(x) Questa estensione transnazionale (Benin, Burkina Faso) al Parco nazionale W del Niger, iscritto nel 1996 nella lista dei patrimoni mondiali, copre un'importante distesa di savana intatta sudanese-saheliana, con tipi di vegetazione tra cui praterie, aree arbustive, savana boscosa e vaste estensioni di gallerie forestali. Include il più grande e più importante continuum di ecosistemi terrestri, semi-acquatici e acquatici nella savana dell'Africa occidentale. La proprietà è un rifugio per le specie selvatiche che sono scomparse altrove nell'Africa occidentale o sono altamente minacciate. Ospita la più grande popolazione di elefanti dell'Africa occidentale e la maggior parte dei grandi mammiferi tipici della regione, come il lamantino africano, il ghepardo, il leone e il leopardo. Ospita anche l'unica popolazione di leoni nella regione. Arli-NP MS1219.jpg
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.