Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Itinerari > Giro del Motto dell'Arbujera

Giro del Motto dell'Arbujera

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search


Il Giro del Motto dell'Arbujera è un itinerario che si sviluppa attraverso i comuni di Colazza, Nebbiuno e Pisano in provincia di Novara, nel territorio dell'Alto Vergante.

Introduzione[modifica]

L'itinerario è una piacevole passeggiata escursionistica con degli interessanti punti panoramici e un percorso all'interno dei boschi costeggiando il rio Tiaschella e il torrente Terzago.

A chi si adatta[modifica]

Adatto a tutti, l'itinerario è lungo circa 6 km e si snoda su strade asfaltate, carrabili sterrate o sentieri pianeggianti.

Quando compierlo[modifica]

Tutto l'anno. Preferibile evitare le giornate ventose e piovose in quanto il tragitto è in parte su strada sterrata. L'itinerario offre zone d'ombra.

Come compierlo[modifica]

Percorribile esclusivamente a piedi o in mountain bike.

Dove iniziarlo[modifica]

  • 1 Parcheggio piazza Milano
  • 2 Oratorio di San Bernardo
  • 3 Chiesa dell'Immacolata
  • 4 Località "la rana"
  • 5 Ricongiungimento sentiero alto e basso
  • 6 Bivio per il Sasso del Diavolo
  • 7 Belvedere di Tapigliano
  • 8 Sasso del Diavolo
  • 9 Tapigliano
  • 10 Chiesa di San Leonardo
  • 11 Via Fiume
  • 12 Cappella e affresco

Tappe[modifica]

Dal punto 1 al punto 4[modifica]

Il punto di partenza è il parcheggio dietro il municipio di Colazza situato in piazza Milano.

Dal parcheggio si imbocca via Risorgimento proseguendo fino a piazza San Bernardo su cui si affaccia l'omonimo oratorio risalente al XIV secolo.

Fronteggiando l'oratorio si imbocca a sinistra la via Parroci Strola, dopo pochi metri è visibile sulla sinistra la cappella di San Bernardo che sovrasta una delle numerose fontane del centro storico di Colazza. Proseguendo sulla salita si imbocca la via Vittorio Veneto svoltando a sinistra, di fronte si trova il vecchio edificio scolastico con un piccolo ma grazioso porticato e alla sua sinistra un'altra cappella con una Madonna.

La vista dal sagrato della chiesa parrocchiale

Salendo ulteriormente si incontra la chiesa parrocchiale della Beata Vergine Immacolata con il suo sagrato erboso dal quale si gode di una bella vista panoramica sulla parte meridionale del lago Maggiore e sui laghi della provincia di Varese.

Sempre proseguendo per la via Vittorio Veneto si costeggia il muro del cimitero e si giunge ad un incrocio con un'ulteriore cappella chiamata cappella di via del Cimitero o di via per Fosseno raffigurante Gesù che abbraccia la Croce e con il piede sinistro schiaccia il peccato nella forma di un animale alato con in bocca una mela.

La cappella di via del Cimitero

Fronteggiando questa cappella si prosegue a destra su strada asfaltata fino alla fine dell'abitato quando la strada diviene sterrata e si giunge in località "la rana", un ampio spiazzo erboso dove si trova una stazione del metanodotto.

Punto 4 - Due possibili scelte[modifica]

Fronteggiando la stazione del metanodotto si segue il tragitto del Sentiero Novara (F1), si possono scegliere due opzioni, un sentiero più in pendenza che parte sulla destra appena giunti allo spiazzo erboso della rana o un sentiero più pianeggiante che costeggia il rio Tiaschella, poco prima di giungere ad un ampio pascolo i due sentieri comunque si congiungono per proseguire sul sentiero che porta fino ai primi edifici di Fosseno.

Punto 6 - Deviazione per il Sasso del Diavolo[modifica]

Il Sasso del Diavolo

Poco prima di arrivare all'incrocio con via Erbuiera a Fosseno (asfaltata) sulla destra è possibile una deviazione su una strada sterrata in lieve pendenza. Costeggiando dapprima una recinzione e poi seguendo il sentiero si giunge al cosiddetto "belvedere" di Tapigliano contraddistinto da un paio di panchine di legno e una croce in pietra, la vista panoramica è ostacolata dalla vegetazione. Proseguendo sul sentiero si arriva ad bivio con un cippo di pietra di colore rosso ed un cartello, seguendo il sentiero a sinistra si giunge al Sass Priatecia o Sasso del Diavolo, un masso erratico granitico legato a diverse leggende locali.

Punto 6 - Due possibilità di ristoro[modifica]

Dal punto 6 è possibile effettuare una sosta per il ristoro:

  • svoltando a sinistra è raggiungibile l'Agriturismo Piccolo Ranch, proseguendo invece per via Erbuiera e poi a destra Via Bertoletti in discesa verso la piazza di Fosseno si raggiunge il Circolo ACLI Gatto Blu. Entrambi offrono una cucina tipica con prodotti del territorio e a prezzi contenuti.

Punto 7 - Tapigliano[modifica]

Giunti nel centro abitato di Tapigliano è possibile una piccola deviazione verso la Chiesa di San Leonardo collocata su un "balcone" da cui si gode di una bella vista panoramica sul Lago Maggiore. Nel centro di Tapigliano vi è una possibilità di ristoro presso il Circolo di Tapigliano, anche questo locale ha una cucina con prodotti tipici con prezzi contenuti.

Dal centro abitato si imbocca la Via Fiume, proseguendo diritto sulla strada sterrata a tratti molto panoramica si ritorna all'abitato di Colazza imboccano la Via per Tapigliano, all'incrocio con via Umberto 1° si incontrano un affresco e sul lato opposto la più antica delle numerose cappelle votive di Colazza.

Percorrendo la stretta via Nazionale che attraversa il nucleo più antico del centro abitato si ritorna all'oratorio di San Bernardo e da lì al parcheggio di partenza. Un ultima possibilità di ristoro è offerta dal Vulcan Bar, in piazza Milano.

Sicurezza[modifica]

L'itinerario si svolge interamente su strade asfaltate o sterrate pianeggianti, il tratto boschivo che porta da Colazza a Fosseno non ha copertura telefonica.

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.