Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Britannia e Irlanda > Regno Unito > Scozia > Cintura centrale > Lothian > Edimburgo > Città nuova di Edimburgo

Città nuova di Edimburgo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Città nuova di Edimburgo
(Edimburgo)
Princes Street, National Gallery of Scotland e Calton Hill viste dall'alto del castello
Stato

Città nuova di Edimburgo (New town) è un distretto della città di Edimburgo.

Da sapere[modifica]

Cenni storici[modifica]

Il piano di James Craig per la creazione della città nuova
Princes Street con l'inizio dei lavori per l'edificio della Royal Institution - Vista di Alexander Nasmyth del 1825
Moray Place

A partire dal XVIII secolo l'interno delle mura della città vecchia stavano diventando sempre più affollate. Con l'atto di Unione con l'Inghilterra del 1707 venne meno anche la necessità di ripararsi all'interno delle mura cittadine. Nel 1752 a seguito del crollo di un edificio a 6 piani si iniziò a ventilare l'idea di ampliare la città. Nel 1766 si tenne una gara pubblica per stabilire quale architetto avrebbe dovuto disegnare la nuova Edimburgo. Tale concorso fu vinto dal giovane architetto James Craig.

Dopo alcune revisioni, i progetti di Craig furono approvati nel 1767 e coprivano l'area di Princes St, George St e Queen St e corrispondono essenzialmente a ciò che possiamo vedere ancora oggi. Nella zona si trovavano inizialmente solo case abbastanza costose, pochi edifici pubblici e gli abitanti dovevano ancora recarsi nella città vecchia per lavorare o andare al mercato. Di questa fase significativa per la sua bellezza è Charlotte Square, all'estremità occidentale di George Street e progettata da Robert Adam.

La parte settentrionale della città nuova fu costruita tra il 1802 e 1823 e rimane ancora oggi molto simile a quella di inizio ottocento, fatta eccezione per alcuni moderni negozi.

La parte più occidentale, il West End fu costruito soltanto tra gli anni 60 e 70 del 1800 e tra gli edifici simbolo di questa parte della città citiamo la St Mary's Episcopal Cathedral.

I giardini privati-condivisi erano una parte importante dei piani originari. Alcuni di questi (come i Princes Street Gardens e St Andrew's Square) sono oggi gestiti come parchi pubblici. Tuttavia molti rimangono privati, con i residenti del quartiere che pagano per la manutenzione dei giardini. I Queen Street Gardens, i Dean Gardens e il centro di molte piazze sono esempi di questo. Inoltre molte case a schiera hanno giardini privati nascosti nella parte posteriore.

L'area originaria tra Princes Street e Queen Street ospita oggi numerosi negozi e molti degli edifici originali sono stati oggi rimpiazzati. L'area a es di St Andrew's Square fu riprogettata per la costruzione del St James shopping centre ed è l'unica parte della città nuova dove la topografia originaria è scomparsa. Le altre zone conservano la loro struttura originaria, anche se numerosi edifici sono stati sostituiti.

Come orientarsi[modifica]

Attraversando i Princes Gardens (tramite il Mound o uno dei punti che lo scavalcano) si arriva nella New Town, costruita a fine del 1700 con l'intento di ospitare le élite cittadine in un quartiere più salubre e meno affollato. La New Town presenta un'architettura prevalentemente neoclassica e una pianta a scacchiera facile da navigare. Oggi è l'area più commerciale della città, con numerosi negozietti che si affiancano alle grandi catene internazionali e ai più prestigiosi grandi magazzini. La New Town conserva tuttavia, soprattutto nelle sue strade interne, il fascino di una città di fondazione.

Princes Street è l'arteria più celebre della New Town. Grosso modo corre parallela al Royal Mile e ne è separata dalla gola che ospita i Princes Street Garden. Il lato sud è libero da edifici il che permette splendide viste sul castello e la città antica. Ai suoi inizi (dal lato est) sta la mole dell'albergo Caledonian Hilton mentre in prossimità della sua estremità orientale si incontra un altro hotel, ancora più prestigioso, il Balmoral. Al centro della via si trovano gli accessi alla Waverley station. Il prolungamento ad ovest di Princes Street è Regent Road, che conduce alla Calton Hill, la collina disseminata di monumenti in stile neoclassico. Su Regent Road si affacciano palazzi di ugual stile. Tra questi spicca l'edificio che fu sede della Royal High School.

La mappa a scacchiera della New Town è completata da:

  • George Street — aperta nel 1767 e dedicata a re Giorgio III, George Street è stata a lungo tempo il cuore finanziario di Edimburgo, ma dal 2000 banche e uffici si sono a trasferiti nella zona di Edinburgh Park (a ovest del centro e presso lo zoo); oggi George Street ha rilevanza solo per i negozi e i pub spesso costosi. L'arteria collega le due piazze monumentali che chiudono la New Town, Charlotte Square, attorniata da case in stile georgiano, tra cui la Bute House, abitazione ufficiale del Primo ministro di Scozia, e St Andrew Square, ornata al centro dalla colonna di Melville, eretta a ricordo di Henry Dundas, un politico scozzese vissuto a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo e nominato visconte di Melville;
  • Queen Street — la più settentrionale delle vie della New Town, si affaccia dal suo lato nord sui Queen Street Gardens e alla sua estremità orientale si trova la prestigiosa Scottish National Portrait Gallery.

La scacchiera della New Town è completata da altre due vie longitudinali, Rose Street e Thistle Street (molto più strette e originariamente progettate per servitori e fornitori delle case patrizie), e da cinque strade più brevi che le intersecano perpendicolarmente.


Come arrivare[modifica]

Princes Street, National Gallery of Scotland e Calton Hill visti dal castello

Tutti i mezzi di trasporto vi porteranno nella città nuova: sia la stazione ferroviaria di Waverley che quella degli autobus di St Andrews si trovano qua.

Molte linee della compagnia Lothian bus passano lungo Princes St o la intersecano lungo George Street o the Mound. Molti autobus anche lungo Howe St., Dundas St., Leith Walk, Queensferry St., Regent Rd. e Shandwick Place. Il tram percorre Princes Street provenendo da ovest (aeroporto), ma le corse sono meno frequenti di quelle degli autobus.

Come spostarsi[modifica]

Camminare è spesso il modo migliore per muoversi nella città nuova poiché in macchina si avrebbero più problemi (traffico, parcheggi ...) che vantaggi. Molto dipende anche dal tragitto che dovete percorrere: questa zona di Edimburgo è lungo poco più di 3 km quindi percorrerli tutti a piedi può richiedere un po' di tempo, senza contare i dislivelli.

Cosa vedere[modifica]

Princes Street Gardens
  • 1 Princes Streeet Gardens (o Princes Gardens) (A cavallo tra la città vecchia e nuova). Tra i due quartieri centrali, questi imponenti giardini (anche noti come Princes Streeet Gardens) sorgono in una stretta valle. In origine, questa valle era occupata dal Nor' Loch, una palude che proteggeva il lato nord della città. La palude è stata prosciugata all'inizio del XIX secolo e trasformata in un giardino, il cui fondo nasconde la linea ferroviaria principale della città e la Waverly Station. A metà del parco, con il materiale sterrato dalla palude, è stato creato il Mound che ospita due dei musei principali della città (la Royal Scottish Academy e la Scottish National Gallery) e fornisce uno dei collegamenti principali tra le due parti del centro. Da visitare nei Princes Gardens il Floral Clock (un orologio funzionante realizzato ogni anno con fiori diversi) all'estremità occidentale dei giardini, l'imponente monumento a Sir Walter Scott (è possibile salire a piedi fino alla guglia principale per godere di un favoloso panorama della città) e il Ross Bandstand, al centro dei giardini, sul quale per tutta l'estate si svolgono concerti gratuiti di musica classica. "Princes Street Gardens" su Wikidata
The Scott Monument
  • 2 The Scott Monument, Princes Street Gardens orientali, +44 131 529-4068. Ecb copyright.svg £5 (solo contanti). Simple icon time.svg Apr-Set: Lun-Dom 10:00-19:00, Ott-Mar: Lun-Dom 10:00-16:00. Costruito nel 1846 per commemorare la vita di Sir Walter Scott, scomparso nel 1832, il monumento in stile gotico permette di salire 60 m sopra la città e di godere di un panorama unico. Non è accessibile a persone con mobilità ridotta poiché ci sono 287 gradini e nessun ascensore. "Scott Monument" su Wikidata
  • 3 Old Calton Burial Ground (A est di Princes Street e sud-ovest di Calton Hill). Contiene numerose tombe, lapidi, memoriali e altri ornamenti funebri. Tra i memoriali più celebri quello del filosofo David Hume e quello dedicato agli scozzesi che perirono durante la Guerra Civile Americana. "Old Calton Cemetery" su Wikidata
  • 4 National Gallery of Scotland, The Mound (A metà di Princes Street, l'unico edificio sul lato del castello), +44 131 624-6200. Ecb copyright.svg gratis. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-17:00 (-18:00 ad agosto). Ospita numerosi capolavori artistici e mostre temporanee. La parte occidentale fu aperta nel 2004 con una entrata sui Princes Street Gardens. Unisce la National Gallery con la vicina Scottish Academy gallery. National Gallery of Scotland su Wikipedia "National Gallery of Scotland" su Wikidata
  • 5 The Scottish National Portrait Gallery, 1 Queen Street (poco a nord di St Andrew Square), +44 131 624-6200, @ pginfo@nationalgalleries.org. Ecb copyright.svg gratis. Simple icon time.svg Lun-Dom 10:00-17:00 (aperture prolungate ad agosto). La prima galleria di ritratti realizzata al mondo si trova in Queen Street e si distingue dagli edifici adiacenti per essere costruita in arenaria rossa, al posto che in arenaria gialla utilizzata per quasi tutti gli altri edifici della città nuova. Presenta ritratti di scozzesi dall'antichità ad oggi, con nuovi volti che vengono aggiunti con il passare degli anni. Scottish National Portrait Gallery su Wikipedia "Scottish National Portrait Gallery" su Wikidata
Scottish National Gallery of Modern Art (edificio 1)
  • 6 Scottish National Gallery of Modern Art, 74 Belford Rd (All'estremità occidentale della città nuova. Se si vuole camminare dal centro città una buona idea è visitare anche il Dean Village (vedi attrazione seguente). In autobus prendere Edinburgh Coach Lines service 13; in alternativa c'è uno speciale Gallery Bus dalla Scottish National Gallery in Princes Street ogni ora dalle 11 alle 16 - incluse), +44 131 624-6200, @ gmainfo@nationalgalleries.org. Simple icon time.svg Lun-Dom: 10:00-17:00. La galleria ospita una buona collezione di opere d'arte moderna provenienti dalla Scozia e dal resto del mondo. Il museo è ospitato in un palazzo neoclassico adiacente al parco Water of Leith. Da visitare anche il "Giardino delle statue" posizionato di fronte al palazzo. Tra le varie collezioni della Galleria figurano opere di Picasso, Braque, Mondrian, Matisse, Andy Warhol, Roy Lichtenstein, i coloristi scozzesi... Scottish National Gallery of Modern Art su Wikipedia "Scottish National Gallery of Modern Art" su Wikidata
Dean Village
  • 7 The Dean Village (Dall'estremità occidentale di Princess St seguite Queensferry St verso nord-ovest, quando si presenterà una svolta a destra, girate a sinistra imboccando la ripida Bells Brae. In alternativa seguite la Water of Leith Walkway da Stockbridge.). Risalente al XII secolo, il Dean Village era il luogo dove si trovavano i mulini per la maicnazione del grano che hanno fornito cibo alla città per secoli sfruttando l'energia del Water of Leith che scorre in mezzo al villaggio, oggi incorporato nella città. "Dean" o "Dene" significa valle ripida e questo significa che la zona è protetta dai rumori della città nonostante la posizione Scendete per Miller Row per poter cogliere a pieno la bellezza del Dean Bridge progettato da Thomas Telford, che se attraversato su Queensferry Street sembra abbastanza povero. Sparsi per il villaggio ci sono cartelli informativi che descrivono i diversi edifici e la storia del villaggio. "Dean Village" su Wikidata
  • 8 The Georgian House, 7 Charlotte Square, +44 131 226-3318, @ thegeorgianhouse@nts.org.uk. Ecb copyright.svg 7,50£ adulti, gratis per iscritti a un trust come il FAI per l'Italia. Simple icon time.svg Fine marzo-ottobre: 10:00-17:00, novembre-metà dicembre e inizio marzo: 11:00-16:00. L'abitazione fu progettata da Robert Adam ed è arredata come sarebbe dovuta apparire attorno al 1796. All'interno della casa-museo è possibile ripercorrere le fasi della vita a Edimburgo sul finire del XVIII secolo: dalle sale da pranzo, la cucina nel seminterrato, sale da ricevimento e molto altro. A causa della ricerca di simulare l'illuminazione settecentesca, è consigliare visitare la casa negli orari con maggiore luce solare, soprattutto d'inverno. L'edificio si affaccia su di una grande piazza Georgiana con la maggior parte degli edifici costruiti su disegni di Robert Adam. "Casa Georgiana, Edimburgo" su Wikidata
  • 9 St Andrew's & St George's West Church, 13 George Street (estremità orientale di George Street), +44 131 225-3847, @ info@stagw.org.uk. Simple icon time.svg Lun-Dom: 10:00-14:00. Completata nel 1784, è la chiesa parrocchiale della Città nuova. Protetta come edificio di categoria A, la chiesa ha un inusuale design ellittico - prima in Gran Britannia - com un soffitto che unisce elementi scozzesi, romani e pompeiani. "St Andrew's and St George's West Church" su Wikidata
  • 10 Edinburgh Gin Distillery, 1a Rutland Place. Esplorate il luogo dove uno dei gin di Edimburgo è prodotto. Sono proposti differenti tour, quello base dura 45 minuti e comprende un assaggio o una bottiglia in miniatura dell'Edinburgh Gin.
  • 11 Dundas Street Independent Art Galleries. Simple icon time.svg Lun-Sab 10:00-17:00. Ci sono 7 gallerie d'arte nella parte settentrionale di Dundas Street (dopo i Giardini di Queen Street). Le gallerie sono in attività per vedere i lavori esposti, ma dare un'occhiata può essere un'occasione per scoprire nuovi stili e forme d'arte ed è gratis! La Scottish Gallery e la Fine Art Society espongono lavori di artisti affermati (e venduti a prezzi paragonabili a quelli delle automobili). La Torrance Gallery e alcune altre hanno lavori di artisi emergenti a partire da 100£.
  • 12 St Mary's Episcopal Cathedral, Palmerston Place. Simple icon time.svg Visita permessa di giorno quando non sono in corso funzioni liturgiche. Più grande cattedrale scozzese a tradizione anglicana, la costruzione dell'edificio religioso inizio nel 1874 su progetto di Sir George Gilbert Scott. La scuola di musica (aperta occasionalmente) ha affascinanti affreschi di Phoebe Anna Traquair. "St Mary's Cathedral, Edinburgh" su Wikidata
  • 13 St Mary's Metropolitan Cathedral, Cattedrale di Nostra Signora dell'Assunzione. Simple icon time.svg Visita permessa di giorno quando non sono in corso funzioni liturgiche.. La cattedrale cattolica fu fondata nel 1814 come cappella e acquisì il titolo di cattedrale nel 1886. La cappella originale fu progettata da James Gillespie Graham e col tempo ha subito numerosi alterazioni e ampliamenti. Ci sono celebrazioni liturgiche in inglese e polacco. Cattedrale di Nostra Signora dell'Assunzione (Edimburgo) su Wikipedia "cattedrale di Santa Maria" su Wikidata
  • 14 James Clerk Maxwell's Birthplace and Museum, 14 India Street, EH3 6EZ, UK. Simple icon time.svg La casa natale di James Clerk Maxwell è aperta su appuntamento. Le visite su appuntamento sono generalmente disponibili Lun-Ven 10:00-12:30 e 14:30-17:00 e durano circa 1 ora.. La risposta di Edimburgo a Newton e Einstein. Le equazioni di Maxwell permisero di unire l'elettricità e il magnetismo e spianarono la strada alla teoria della relatività di Einstein.


Cosa fare[modifica]

La porta della casa del Primo Ministro Scozzese? No, semplicemente quella di una delle case georgiane del centro città
  • 1 Calton Hill. Salite su questa collina al mattino o nelle prime ore della sera per ammirare l'alba o il tramonto sopra Edimburgo. Tuttavia, per ragioni di sicurezza, cerca di evitare ore di completa oscurità. La collina ospita vari monumenti tra cui il National Monument of Scotland (noto anche come Edinburgh's Folly-"follia di Edimburgo"), una replica incompiuta del Partenone d'Atene, costruito come un memoriale delle guerre napoleoniche, e la Nelson's Tower, costruita a forma di telescopio rovesciato in onore dell'eroe navale. Quest'ultima dispone di una "Time Ball" nella parte superiore, che scende alle 13:00 ogni giorno per consentire alle navi del porto Leith di impostare i loro orologi. La Time ball era originariamente gestita dall'Osservatorio della città, che si trovava qui fino a quando fu sostituito dal più grande Osservatorio Reale di Edimburgo nel sud della città, quando l'inquinamento luminoso del centro della città divenne un ostacolo per la visione delle stelle. Il City Observatory è stato ristrutturato dalla Collective Gallery come spazio espositivo per l'arte moderna, con un piccolo spazio espositivo e un bar. Calton Hill su Wikipedia "Calton Hill" su Wikidata
  • 2 Princes Street Gardens. Camminate in questo piccolo, ma suggestivo parco situato nella vallata che separa la collina del castello e Princes Street e che costituisce il confine tra città vecchia e nuova. Sedetevi su una delle panchine, rilassatevi ... magari avrete anche dei scoiattoli che vi faranno visita! "Princes Street Gardens" su Wikidata
  • 3 Edinburgh Playhouse, 18-22 Greenside Place. Precedentemente un cinema, ospita oggi musical e concerti.
  • 4 Vue, Leith Walk, +44 870 240 6020. Grande cinema multisala.


Acquisti[modifica]

La città nuova è la parte della città con il maggior numero di negozi, suddivisi in diverse zone:

Princes Street[modifica]

Princes Street rappresenta la parte meridionale della città nuova ed è il principale centro per lo shopping di Edimburgo. La via parte dalla stazione ferroviaria di Waverly e attraversando la città arriva fino a Lothian Road. Contiene negozi di grandi catene internazionali, come Primark, Topshop e H&M per i vestiti, negozi per turisti con prodotti tipici scozzesi e souvenir e grandi magazzini.

  • 1 Jenners (Venerable Department Store), 48 Princes Street (Di fronte allo Scott Monument), fax: +44 131 260-2280, @ jennersedinburgh@hof.co.uk. Un tempo il più antico grande magazzino indipendente al monto, fa oggi pare della catena House of Fraser (ce n'è un altro dalla parte opposta di Princes St al numero 145). L'edificio ha tuttavia conservato l'aspetto accattivante, con la magnifica Great Hall da vedere specialmente nel periodo natalizio. Nel seminterrato ha un negozio franchising del famoso negozio di giocattoli londinese Hamleys . "Jenners" su Wikidata
  • 2 St James Centre. Questo centro commerciale appena fuori l'estremità est di Princes Street, in un edificio molto poco attraente, è ora chiuso e sarà demolito per fare spazio a un nuovo grande centro commerciale che sarà completato nel 2020. L'adiacenti Grandi Magazzini John Lewis rimangono aperti durante la ristrutturazione.
  • 3 Princes Mall. Negozi esclusivi e non in un centro commerciale sotto copertura vicino alla stazione ferroviaria di Waverley.

George Street[modifica]

George Street ospita per lo più negozi più esclusivi e boutique, ma anche numerosi bar e ristoranti. Si snoda parallel a Princes St, 200 m più a nord.

  • 4 Slater Menswear, 100 George Street, +44 131 220-3223. Avamposto orientale della famosa istituzione di Glasgow. Vasta gamma a prezzi interessanti - ottimo servizio.
  • 5 Brooks Brothers, 57 George Street, +44 131 226-2827. L'unico negozio del Regno Unito fuori Londra di questo esclusivo rivenditore di vestiti Americano.

Multrees Walk[modifica]

Multrees Walk si trova all'angolo di Nord-Est di St Andrew Square, all'estremità orientale di George Street. Lungo la via si trovano grandi magazzini, negozi di famosi marchi di vestiti come Louis Vuitton, Calvin Klein, Daks e Kurt Geiger e gioiellerie come Azendi eLinks of London.

West End Village[modifica]

West End Village è centrato su William Street e Stafford Street, all'estremità occidentale della città nuova e a solo un paio di minuti a piedi da Princes St. L'area ospita numerosi piccoli negozi, ottimi per trovare vestiti e accessori alternativi e/o di stilisti emergenti. Ottimo anche per trovare un posto dove pranzare.

  • 6 Studio One, 10 Stafford St, +44 131 226-5812. Selezione classica di accessori per la casa, giocattoli e regali.
  • 7 Sam Thomas (vestiti da donna), 18 Stafford St and 5 William St. Abiti firmati, scarpe e accessori da donna.

Broughton Street[modifica]

Broughton Street, Boho area, nella parte nord-orientale della città nuova hanno una grande varietà di negozi, alimentari, bar e ristoranti. Spesso è poco frequentata dai turisti.

  • 8 The Dragonfly Gifts (precedentemente: Bliss), 111a Broughton Street (Proprio in fondo a Broughton Street, sul lato destro quando si è in discesa), +44 131 556-3311. Piccolo negozio con una bella gamma di carte e regali.
  • 9 Crombies (Renowned Butchers), 97-101 Broughton Street, +44 131 557-0111. Negozio di macelleria a conduzione familiare, giunto oggi alla terza generazione e che ha ricevuto negli anni numerosi riconoscimenti. Carne locale di grande qualità, ma il negozio è conosciuto soprattutto per la sua straordinaria gamma di salsicce.
  • 10 Villeneuve Wines (Enoteca indipendente), 49a Broughton Street, +44 131 558-8441, @ edinburgh@villeneuvewines.com. Simple icon time.svg Lun-Gio: 12:30-22:00, Ven-Sab: 9:00-22:00, Dom: 13:00-18:00. In questa enoteca, appartenente a una piccola catena locale, potrete trovare un'eccellente selezione di vini. Lo staff esperto è sempre pronto ad aiutare con qualsiasi consiglio di cui avrete bisogno. Buona gamma di birre in bottiglia, questo è anche un ottimo negozio per comprare whisky di malto con più di 150 varietà solitamente disponibili.
  • 11 Concrete Wardrobe, 50a Broughton Street. Un negozio indipendente gestito e curato da due designer tessili scozzesi per mostrare prodotti artigianali dalla Scozia. Arredi per la casa, vestiti, gioielli e regali. Un bel negozio in cui entrare anche solo per fare un giro.
  • 12 Real Foods, 37 Broughton Street. Uno dei primi negozi di Edimburgo specializzato nella vendita di cibo salutare, inaugurato nel 1975, vende un'ampia selezione di prodotti confezionati, alcuni piatti vegetariani, snack e una piccola selezione di frutta e verdura biologica.

Leith Walk[modifica]

Leith Walk unisce Edimburgo a Leith, quindi la metà meridionale si trova nella Città Nuova, e la metà settentrionale si trova a Leith. Leith Walk ha una straordinaria varietà di negozi indipendenti. C'è anche una serie di negozi di alimentari polacchi (Polski Sklep). La gente del posto sostiene che non c'è nulla che non si possa comprare da qualche parte su Leith Walk (anche se si tratta di prodotti illegali!). Divertitevi cercando di dimostrare che si tratti di una convinzione errata!

  • 13 Valvona & Crolla (World-famous Deli), 19 Elm Row, Leith Walk. La sua facciata grigia sembra modesta, ma attraversata la porta entrerete in un paese delle meraviglie del cibo, in gran parte proveniente direttamente dall'Italia importato dalla famiglia che ha possiede e gestisce quest'attività dal 1934. Se vi piacciono i prodotti del negozio e i loro profumi, ma non avete tempo di cucinarli, sedetevi al bar nel retro del negozio e gustate ciò che più preferite. Se non riuscite a raggiungere il negozio originale, hanno anche un piccolo spazio dentro Jenners in Princes St.
  • 14 Harburn Hobbies, 67 Elm Row, Leith Walk. Azienda a conduzione familiare fondata negli anni '30 e specializzata in modellini di treni e ferrovie, compresi alcuni modelli esclusivi di questo negozio.
  • 15 Vinyl Villains (dischi di seconda mano), 5 Elm Row, Leith Walk. Negozio di dischi usati del tipo che si trovava in ogni città del Regno Unito. Vinyl Villains è sopravvissuto grazie al mantenimento di elevati standard di servizio e alla presenza di molti articoli interessanti in magazzino. Specializzato in vinile, vende anche CD, magliette, poster e fanzine (riviste amatoriali).


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

George Street[modifica]

George Street ospita alcuni dei locali più alla moda di Edimburgo. Sono molto affollati al termine degli orari di lavoro, soprattutto il venerdì. Non si tratta dei tradizionali locali scozzesi, ma rappresentano la parte moderna della città.

  • 1 Opal Lounge, 51 George Street. Punto di riferimento della vita notturna della città, frequentata anche da celebrità britannica. Dj durante quasi tutte le serate.
  • 2 Tonic, 34a North Castle St. Cocktail bar premiato con numerosi riconoscimenti - da provare il Silver Mercedes, molto popolare. Si tratta di uno dei locali più interessanti della zona.
  • 3 Fingers, 61a Frederick Street, +44 131 225-3026. Locale con una licenza che permette di servire alcolici fino a tarda notte è quindi molto popolare sul tardi, luogo ideale per chiudere la serata. Può attrarre gente abbastanza eclettica, se recandovi qui vi viene in mente la scena del bar in Star Wars non sarete i primi a pensarci!
  • 4 All Bar One, 29-31 George Street. Locale di una catena di bar diffusi nel Regno Unito.
  • 5 The Dome, 14 George Street, fax: +44 131 624-8649, @ sales@thedomeedinburgh.com. In passato sede centrale di una banca, al piano interrato si trova la discoteca Why Not con un ingresso separato. La discoteca è molto frequentata soprattutto dai giovani.
  • 6 The Standing Order, 62-66 George St, +44 131 225-4460. Altro edificio in precedenza sede di una banca oggi convertito nel locale che fa parte della catena J.D. Wetherspoon con un'ampia scelta di bevande a prezzi abbastanza bassi: una pinta della locale birreria Caledonian IPA costa circa 2£, una pinta di birra e un hamburger sui 7£. Dello stesso gruppo anche The Alexander Graham Bell, 128 George Street, vicino Charlotte Square.

Rose Street[modifica]

Questa stretta via che scorre parallela e in mezzo Princes St e George St era la via dei locali e dei pub, ma oggi è diventata meno importante anche perché numerosi bar hanno aperto in altre parti della città come lungo George Street. Lungo la via rimango comunque molti pub e, se non volete bere, passateci anche solo per fare due passi.

  • 7 The Kenilworth, 152-154 Rose Street, EH2 3JD. A pub aperto nel 1904 in un edificio risalente al 1789. L'interno e tutto piastrellato.

Thistle Street eYoung Street[modifica]

Thistle Street e Young Street, che si snodano parallele a George Street un isolato più a nord, ospitano un buon numero di pub più tradizionali.

  • 8 The Oxford Bar, 8 Young St, +44 131 539-7119. Pub scozzese non speciale, ma reso famoso da "Harry il più scortese barman scozzese" (che non lavora più qui) e per essere usato come sondo per alcune azioni dei romanzi du Ian Rankin della serie "Inspector Rebus". "The Oxford Bar" su Wikidata

Broughton Street[modifica]

Broughton Street nella parte nord-orientale della città nuova ospita numerose tipologie di bar. Gay, gay-friendly, traditionali, trendy, lungo Broughton Street c'è almeno un bar che si addice ai tuoi gusti.

  • 9 The Basement, 10-12a Broughton Street, +44 131 557-0097. Uno dei primi locali lungo la via e che ha contribuito a portare allo sviluppo della stessa. Ambiente trendy ma non eccessivamente esclusivo. In un seminterrato (come si può facilmente dedurre dal nome) vicino all'estremità superiore della via. Ottima selezione di birre anche tedesche, ceche e messicane e buon cibo.
  • 10 Mathers, 25 Broughton street. Simple icon time.svg Lun-Gio 11:00-24:00, Ven-Sab: 11:00-24:30, Dom 11:30-23:00. Bar tradizionale con buone birre e whisky e accettabile cibo. Grande schermo per partite di calcio e rugby.
  • 11 The Cask & Barrel, 115 Broughton Street, +44 131 556-3132. I lettori dei romanzi di Christopher Brookmyre riconosceranno questo luogo come il ritrovo abituale del giornalista investigativo Jack Parlabane, luogo dove avvenivano incontri informali con la polizia. Nove birre alla spina e molte altre in bottiglia. Buona selezione di whisky. Luogo ideale dove guardare le partite di calcio o rugby su uno dei 7 schermi presenti. Non è raro poter assistere a tre partite differenti contemporaneamente, gli schermi sono in genere spenti e accesi solo per eventi importanti.

Cumberland Street[modifica]

Cumberland Street si snoda da ovest a est da Dundas Street a Dundonald Street

  • 12 The Cumberland Bar, 1-3 Cumberland Street. Altro pub con connessioni letterarie: questo è il luogo abituali per i ritrovi dei personaggi del libro 44 Scotland Street di Alexander McCall Smith. Pub popolare tra gli studenti della città nuova e gli impiegati degli uffici locali. Molto affollato d'estate poiché possiede un giardino. Molte bevande, magari un po' più costoso di quelli di Broughton Street ma più economico di George Street.

West Register Street[modifica]

La stretta West Register Street è nascosta dietro a Burger King all'estremità orientale di Princes Street. Vale la pena cercarla dato che ospita numerosi bar interessanti.

  • 13 The Voodoo Rooms, 19a West Register Street, +44 131 556-7060, @ info@thevoodoorooms.com. Luogo molto interessante, andateci per bere uno o due drink o prenotate un tavolo nell'area del ristorante e provate una pietanza del menu eclettico di ispirazione Cajun. Il locale ospita anche concerti e spettacoli.
  • 14 Cafe Royal Circle Bar, 17a and 19 West Register Street, +44 131 556-4124. Bel pub in un edificio in stile vittoriano progettato nel 1862 come esibizione di infissi e mobili. L'adiacente ristorante Cafe Royal Oyster Bar continua il tema.

Queensferry Street[modifica]

Via principale all'estremità occidentale di Princes Street.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Snax, 15 West Register Street. Simple icon time.svg Lun-Ven: 6:30-17:00, Sab: 7:00-17:00, Dom: 7:30-17:00. Un piccolo fast food indipendente. Il cibo è economico e buono, perfetto per i turisti con un budget limitato. Ha anche una buona scelta di pietanze adatte per i vegetariani.
  • 2 Rapido (Fish'n'Chips e molto altro), 77–79 Broughton Street, +44 131 556-2041. Tutte le pietanze tradizionali dei locali che vendono fish and chip, ma anche opzioni vegetariane. Dirigetevi all'estremità sinistra del bancone per involtini, primi piatti e alcuni dessert allettanti. Ci sono solo alcuni tavoli all'interno e alcuni sgabelli per sedersi e mangiare su un piano sistemato a contatto con la vetrina.
  • 3 Piccante (The Disco Chippy!), 19 Broughton St, +44 131 478-7884. Personale molto cordiale e un DJ nei fine settimana. Il menu include tutto ciò che ti aspetteresti da questa friggitoria. Ottimi gli hamburger.

Prezzi medi[modifica]

  • 4 Cafe St Honore, 34 North West Thistle Street Lane. Ecb copyright.svg pranzo con una pietanza da 10,50£, cena con due portate 18£. Abbinando cibo scozzese con pesce fresco, questa caffetteria ha un ambiente caldo e invitante. Disponibili menu senza glutine e lattosio.
  • 5 Henderson's, 94 Hanover Street. Simple icon time.svg Lun-Gio 8:30-21:00, Ven-Sab 8:30-22:00, Dom 10:30-16:00. Un'istituzione a Edimburgo: è il più antico ristorante vegetariano ancora in attività della città. Buffet di insalate self-service nel seminterrato ad Hannover st e bistrot vegetariano in altre tre sedi in città.
  • 6 The Mussel Inn, 61-65 Rose Street, +44 843 2892 481, @ info@mussel-inn.com. Ecb copyright.svg piatti principali 12-30£. Ristorante di pesce di proprietà di allevatori di molluschi, ingredienti direttamente dalla costa occidentale.
  • 7 Lune Town Cantonese Restaurant, 38 William Street (vicino alla St Mary's Cathedral). Ecb copyright.svg Menu a pranzo (fino 14:30) con tre pietanze a 10,90£ (2017). Simple icon time.svg Mar-Gio 12:00-23:00, Ven 12:00-24:00, Sab 17:00-24:00, Dom 16:00-23:00. Ristorante cinese premiato con numerosi riconoscimenti.
  • 8 A Room in the West End, 26 William Street, +44 131 226 1036. Molto frequentato dagli abitanti della città, serve piatti legati alla tradizione scozzese a prezzi ragionevoli.
  • 9 Café Marlayne French Restaurant, 76 Thistle Street. Ecb copyright.svg Pranzo: menu fisso due pietanze 10,90£, tre pietanze 13,50£ (2017). Bistrot francese elegante che serve ottimi piatti della cucina francese. Il secondo ristorante si trova in cima a Leith Walk, in Antigua Street 13.

Prezzi elevati[modifica]

  • 10 Palm Court at The Balmoral, 1 Princes Street, +44 131 556-2414. Ecb copyright.svg The del pomeriggio: Lun-Ven: 29£, Sab-Dom 35£. Simple icon time.svg The del pomeriggio servito da mezzogiorno alle 17:30. Prendete il vostro Afternoon Tea nel Palm Court con tè e caffè illimitati e una vasta gamma di piatti dolci e salati. Con musica d'arpa dal vivo. Si consiglia vivamente di prenotare un tavolo.
  • 11 The Printing Press Bar & Kitchen, 21-25 George Street (c/o The George Hotel), +44 131 240-7177, @ reservations@printingpressedinburgh.co.uk. Ecb copyright.svg piatti principali 12-28£. Simple icon time.svg Lun-Dom ristorante: 12:00-22:30, bar: 11:30-01:00. Vivace ristorante che serve prodotti scozzesi di provenienza locale in un edificio georgiano ristrutturato recentemente.
  • 12 Pompadour by Galvin, Princes Street, EH1 2AB (c/o Waldorf Astoria Caledonian Hotel, all'incrocio fra Lothian Rd e Princes St), +44 131 222 8975. Ecb copyright.svg £35 - £75. Simple icon time.svg Mer-Sab solo cena 18:00-22:00. Ottima cucina in stile francese, molto prodotti di provenienza locale.


Dove alloggiare[modifica]

The Balmoral Hotel - l'orologio è un paio di minuti avanti per aiutare i viaggiatori a non perdere i propri treni

Prezzi modici[modifica]

  • 1 easyHotel.com Edinburgh, 125a Princes Street, +44 131 226-5303. Ecb copyright.svg Camere doppie da 35£ a notte, ma alcune camere non hanno le finestre e la televisione costa 5£ ectra. Albergo nel cuore della città con viste sul Castello e sui giardini di Princes Street ... sempre che la camera abbia le finestre!
  • 2 Edinburgh Central Youth Hostel, 9 Haddington Place, +44 131 524-2090. Ecb copyright.svg da 16£ per un letto in dormitorio. Grande ostello vicino all'estremità superiore di Leith Walk, a circa 10 minuti a piedi dalla stazione di Waverley. Insolitamente per la SYHA, serve pasti e il caffè è aperto al pubblico. C'è anche una cucina disponibile per gli ospiti e numerosi televisori. Oltre ai dormitori, sono disponibili anche alcune camere (incluse le singole).
  • 3 ibis Styles Edinburgh Centre St Andrew Square, 19 St Andrew Square, +44 131 292-0200. Ecb copyright.svg Da 49£ colazione inclusa. Albergo della catena Ibis styles caratterizzata dal colore verde che si differenzia dai normali alberghi ibis per gli arredamenti più colorati e in qualche modo artistici. Le tariffe includono solitamente anche il WiFi e la colazione. In ogni camera c'è un bollitore con delle tazze e delle bustine di the e caffè. Alcuni extra sono un divano extra o un balcone che dà sulla piazza.

Prezzi medi[modifica]

  • 4 Adria House, 11-12 Royal Terrace, EH7 5AB (all'estremità orientale della Città Nuova), +44 131 556-7875. Ecb copyright.svg 40-70£ per persona a notte (camera doppia - 2018). Una guest house ben tenuta, accogliente, a conduzione familiare e completamente non fumatori.
  • 5 B+B Edinburgh (ex The Melvin House Hotel), 3 Rothesay Terrace, +44 131 225-5084. Ecb copyright.svg da 79£ a notte. Albergo tradizionale con belle visuali.
  • 6 My Edinburgh Life (ex The Glenora Guest House), 13-14 Rosebery Crescent, +44 131 337-1186. Situato nell'area di Haymarket e consigliato nella guida Michelin del 2008, serve colazioni biologiche.
  • 7 Lyncliff Hotel, 4 Windsor Street, EH7 5JR (estremità settentrionale di Leith Walk), +44 131 556-6972, fax: +44 131 478-7059, @ greg@lyncliff.co.uk. Ecb copyright.svg Doppie da 75£ per notte (2018). Disponibili camere doppie triple e familiari, albergo abbastanza basilare con molti servizi in comune (anche il bagno).
  • 8 Mercure Edinburgh City - Princes Street Hotel, 53 Princes Street, EH2 2DG, +44 844 815 9017. Ecb copyright.svg da 65£ a notte. Check-in: 14:00, check-out: 12:00. Albergo quattro stelle con viste sui giardini di Princess Street e sul castello.
  • 9 Parliament House Hotel, 15 Calton Hill, +44 131 478-4000. Ecb copyright.svg Da 130£ a notte. Albergo tre stelle nel centro.
  • 10 Learmonth Travelodge, 18 - 20 Learmonth Terrace, EH4 1PW, +44 131 343-2671, @ gm.learmonth@crerarmgmt.com. In quartiere vittoriano nella zona più occidentale della città nuova. Albergo nello stile Travelodge, molto spartano.

Prezzi elevati[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Internet[modifica]

In quasi tutti i bar, ristoranti e grandi magazzini della città nuova sono presenti a disposizione dei clienti connessioni WiFi gratuite a internet.


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita al distretto. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).