Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Üsküdar è un distretto (Ilçe) e un comune (Belediye) soggetto al comune metropolitano (Büyükşehir Belediyesi) di Istanbul.

Da sapere[modifica]

In epoca bizantina Üsküdar era nota con il nome di Scutari e in epoca classica come Chrysopoli dal nome di una colonia fondata dai Greci della Calcidica nel VII secolo a.C. Nel periodo ottomano la città era nota per il gran numero di cimiteri che vi si trovavano. Oggi conta quartieri residenziali preferiti dalla medio-alta borghesia di Istanbul per la loro tranquillità. Vi abitano anche molti studenti attratti dai prezzi più bassi che non sulla sponda europea. La zona intorno al pontile dove partono i traghetti tende invece ad essere molto affollata. Üsküdar è una città molto bella e tranquilla, affascinante con il suo bazar e la splendida fontana nella piazza antistante la Moschea, che merita sicuramente una visita.

Cenni geografici[modifica]

È situato nella parte asiatica della città, all'ingresso meridionale del Bosforo, a nord del comune di Kadıköy.

Cenni storici[modifica]

Üsküdar corrisponde all'antica località di Crisopoli (nel medioevo, ribattezzata Scutari), appartenente alle colonie ioniche sulle coste dell'Asia Minore, ed in particolare alla regione della Bitinia. Fu la prima parte dell'odierna Istanbul ad essere conquistata dagli Ottomani, nel 1352.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Üsküdar ha sedici quartieri (Semtler) e trentatrè vicinati (Mahalleler), i quali sono:

  • Acıbadem, con il vicinato di Acıbadem.
  • Altunizade, con i vicinati di Altunizade · Barbaros.
  • Bahçelievler, con il vicinato di Bahçelievler.
  • Beylerbeyi, con i vicinati di Beylerbeyi · Burhaniye.
  • Bulgurlu, con i vicinati di Bulgurlu · Küçük Çamlica.
  • Cumhuriyet, con il vicinato di Cumhuriyet.
  • Çengelköy, con i vicinati di Çengelköy · Güzeltepe.
  • Ferah, con il vicinato di Ferah.
  • Kandilli, con i vicinati di Kandilli · Kuleli · Küçüksu.
  • Kirazlıtepe, con i vicinati di Kirazlıtepe · Mehmet Akif Ersoy.
  • Kuzguncuk, con i vicinati di Icadiye · Kuzguncuk · Sultantepe. — Uno dei due quartieri ebraici di Istanbul. L'altro è quello di Balat nel distretto di Fatih.
  • Mimarsinan, con i vicinati di Ahmediye · Aziz Mahmut Hüdayi · Mimar Sinan.
  • Muratreis, con i vicinati di Muratreis · Selami Ali · Valide-i Atik.
  • Selimiye, con i vicinati di Salacak · Selimiye · Zeynep Kamil.
  • Ünalan, con il vicinato di Ünalan.
  • Yavuztürk, con il vicinato di Yavuztürk.


Come arrivare[modifica]

In nave[modifica]

  • 41.0106129.0097841 Harem (si pronuncia hah-rehm). Simple icon time.svg Lun-Sab 05:30-23:00 e Dom 19:00-22:00. Ci si arriva comodamente da Istanbul (terminal Sirkeci) con un traghetto di linea dopo circa un quarto d'ora di traversata nel grandioso scenario del Bosforo. Ci sono anche traghetti passeggeri regolari da Kadikoy a Üsküdar a sud e nord di Harem per Besiktas (per Beyoğlu) e Kabatas sul lato europeo. Il traghetto parte ogni 30 minuti. La tariffa del passeggero è di 2,60 TL se acquistata con un Istanbulkart. Le aziende che utilizzano questo servizio includono: Ben Turizm, Efe Tur, ES Turizm, Mersin Nur Turizm e Pamukkale.

In bus[modifica]

  • 41.01119829.0118272 Stazione di Harem (Harem Otogari) (sulla sponda asiatica del Bosforo, a sud di Üsküdar e a nord di Haydarpaşa. Si può raggiungere dal centro di Istanbul con i vaporetti che partono dal molo di Sirkeci essendo di fronte al terminal dei traghetti. Collegamenti anche con la linea della metropolitana M5 e la linea ferroviaria Marmaray. È possibile raggiungere Harem con gli autobus locali 12 Kadiköy - Şile, 13M Şerifali - Üsküdar, 16A Pendik - Üsküdar, 16F Findikli - Üsküdar, 16M Ataşehir - Üsküdar, 16U Uğurmumcu - Üskandüğar - Üsküdar, 18 , 139A Üsküdar - Şile - Ağva, 320A Samandira - Üsküdar.). Per molti anni la principale stazione degli autobus nella parte asiatica di Istanbul e serve destinazioni dell'Anatolia. Gli autobus che viaggiano da e tra la stazione degli autobus Esenler di Istanbul e le destinazioni dell'Anatolia si fermano nella parte asiatica di Istanbul per far salire e scendere i passeggeri. Se viaggiate tra la parte europea di Istanbul e l'Anatolia (cioè, la Turchia asiatica), vale la pena considerare di salire o scendere dall'autobus sul lato asiatico poiché ci vogliono tra 1¼ e 1 ora e mezza per viaggiare da e attraverso uno dei ponti sul Bosforo e attraversare il traffico sul lato europeo per raggiungere la stazione degli autobus di Esenler. Ci vogliono poi dai 35 ai 50 minuti per viaggiare con i mezzi pubblici dalla stazione degli autobus di Esenler a Sultanahmet o Beyoğlu. Prenotate un posto in anticipo poiché alcuni autobus arrivano sul lato asiatico da Esenler senza posti vuoti.
Molte delle compagnie di autobus (specialmente quelle più grandi che offrono un lungo elenco di destinazioni) si sono trasferite nei propri mini-terminal nel quartiere periferico di Dudullu nel distretto di Ümraniye o più a est a Samandıra nel distretto di Sancaktepe. Queste posizioni forniscono un accesso più conveniente alle principali autostrade anatoliche. Usano i servis per trasferire i passeggeri tra varie località (tra cui Harem, Kadıköy e Üsküdar) e i loro mini-terminal.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Üsküdar ospita diverse moschee di Sinān, tra cui quella che è considerata la sua ultima opera, la moschea Atik Valide, e la Mirimah (da non confondere con la Mihrimah Sultan Camii, sempre di Sinān). Nell'interno, all'ingresso del cimitero Karacaahmet, nel 2009 è stata eretta la Sakirin Camii, prima moschea la cui realizzazione interna è stata affidata a una donna, Zeynep Fadıllıoğlu.

  • Moschea di Üsküdar. Molto interessante e assolutamente da non perdere.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • Harem Hotel, Selimiye Ambarı Sokak No:2 CAP 34668, +90 216 310 68 00, fax: +90 216 334 77 30.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

In tutte le filiali (şubeleri) delle PTT (Organizzazione delle Poste e Telegrafi, in turco: Posta ve Telgraf Teşkilatı), oltre a spedire lettere, pacchi e telegrammi, è anche possibile effettuare il cambio di valuta.

Internet[modifica]

Vari punti di collegamento senza filo a Internet (WLAN e OWLAN) gratuiti, sono messi a pubblica disposizione, da alberghi, aziende, comune, ristoranti, supermercati e altri. Trovi una cartina abbastanza aggiornata su wiman.me.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.