Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa orientale > Russia > Siberia > Territorio dell'Altaj

Territorio dell'Altaj

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Territorio dell'Altaj
Vista della città di Belokuricha
Localizzazione
Territorio dell'Altaj - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Territorio dell'Altaj - Stemma
Territorio dell'Altaj - Bandiera
Stato
Regione
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale

Territorio dell'Altaj è una regione della Russia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Il Territorio dell'Altaj (in russo: Алтайский край) è un Kraj della Russia, nel Distretto Federale Siberiano. Confina con il Kazakistan, l'Oblast' di Novosibirsk e l'Oblast' di Kemerovo e la Repubblica dell'Altaj. Il centro amministrativo della città è Barnaul.

Il principale corso d'acqua della regione è il fiume Ob'.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Barnaul (Барнаул) —
    Accademia d'arte e cultura di Barnaul
    Capoluogo della regione, è anche la città più importante. Nacque come città di minatori nel XVII secolo e oggi ospita importanti musei d'ogni tipo (da quello di storia militare, a quello della letteratura, a quello dedicato al Tempo). La città ospita anche numerose aree verdi raggruppate in quattro grandi parchi.
  • Belokuricha (Белокуриха) — A noi italiani il nome può non dir nulla ma questa città era uno dei centri turistici più pubblicizzati dell'epoca sovietica. Sicuramente non potrà competere con le sorgenti termali di Mineral'nye vody o con quelle caucasiche ma è anche sicuramente il migliore in tutta l'area siberiana. Caratteristiche della città, oltre le miracolose acque sorgive, sono le primavere ed estati calde (bollenti se confrontate con la media delle temperature russe) e le immense coltivazioni di rose. Esiste anche un'usanza romantica: per il 140° anniversario delle terme fu inaugurato un Albero dell'amore su cui oggi fidanzatini e coppie meno giovani appendono dei piccoli lucchetti con i loro nomi e gettano la chiave nella vicina fontana in segno del legame che li unisce...insomma non tutti i russi sono poi così freddi.
  • Bijsk (Бийск) — Antica città di passaggio. Secondo le statistiche passano di qui almeno due milioni di visitatori l'anno ma solo pochi hanno il tempo o la voglia di fermarsi a visitare questa gemma siberiana. Qui inizia la grande autostrada Čujskij (proseguimento dell'M52) e per questo è conosciuta principalmente come snodo del sistema di strade della regione ma in realtà, la città ospita dei veri e propri tesori in fatto di architettura e di natura. A cominciare dalla magnifica cattedrale e a finire alla mozzafiato vista sul fiume Ob dalla terrazza panoramica a Nord della città.
  • Kamen'-na-Obi (Камень-на-Оби) — Il nome significa "Pietra sull'Ob" e in effetti questa città è stata una vera pietra angolare per il commercio sul fiume Ob. Oggi rimane poco del suo passato di fiorente centro commerciale se non gli edifici e le ville lussuose dei mercanti sulla via principale, via Lenin.
  • Zmeinogorsk (Змеиногорск) — La "città d'argento" e non è un appellativo affettuoso ma trova la sua origine nel fatto che nasce nel '700 come villaggio per i minatori impegnati nelle vicine cave d'argento. Oggi è un piccolo centro che si può visitare in un'escursione di mezza giornata ma che riserva un bel po' di sorprese tra cui una dozzina di monumenti storici o architettonici e una fabbrica antica ma ancora attiva di Vodka.

Altre destinazioni[modifica]

  • Cascate del fiume Šinok (Каскад водопадов на реке Шинок) — Nei pressi della cittadina di Tog-Altaj, il fiume Šinok crea queste spettacolari cascate che da millenni lavorano le dure pareti rocciose dei monti siberiani.
  • Lago Aja (Озеро Ая) — Uno dei posti di ritrovo preferiti dagli abitanti della regione che amano fare qui il bagno, questo lago continuamente alimentato dal fiume Katun' è immerso in un affascinante paesaggio naturale.
  • Riserva naturale Tigirekskij (Заповедник Тигирекский) — Un bellissimo parco-riserva con centinaia di specie vegetali, tra cui molti fiori.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Barnaul possiede un aeroporto internazionale (IATA:BAX) anche se le altre città con cui è collegato sono solo le maggiori asiatiche e russe e per arrivare qui dall'Europa è necessario prima raggiungere Mosca o un altro aeroporto internazionale asiatico.

In auto[modifica]

La principale strada che attraversa l'Oblast' è la M52-RUS.svg Novosibirsk - Barnaul anche conosciuta come autostrada Čujkskij dal nome del fiume che costeggia.

In treno[modifica]

Da Mosca, dalla stazione Kazanskij partono i treni della linea N. 036B che termina proprio a Barnaul e quelli della linea 096H che passa anche per alcune città minori della regione. Da Mosca il viaggio dura circa due giorni e mezzo e si dipana su una linea lunga 3500 kilometri.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]

L'attività turistica sicuramente più diffusa nelle riserve naturali della regione e nei piccoli centri è il trekking sulle spettacolari montagne e colline dell'Altaj dalla cui cima si può godere di una vista spettacolare. Tuttavia, non dimenticate, le moltissime spa presenti in città come Belokuricha che da decenni sono attrezzate per accogliere turisti da ogni parte del mondo. Solo a Belokuricha sono presenti 15 centri termali che ospitano 5000 visitatori alla volta. Nei pressi della città e a Zmeinogorskij sono invece attivi alcuni dei più importanti centri sciistici della regione attivi quasi tutto l'anno con quote dai 550 metri ai 2700 metri.

Annualmente, poi, vengono organizzati importanti eventi di vario genere. A Srostki, villaggio natale dello scrittore Vasilij Šukšin si organizzano spesso eventi letterari. In altri luoghi dell'Altaj, invece, si celebrano festival come quello del formaggio o quelli dedicati ai diversi generi musicali (d'autore, rock e tradizionali).


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.