Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Sestu
Veduta aerea
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Posizione
Mappa dell'Italia
Reddot.svg
Sestu
Sito istituzionale

Sestu è una città della Sardegna meridionale.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Sestu si trova vicino a Cagliari e confina con i territori comunali di Assemini, Cagliari, Monserrato, Monastir (SU), San Sperate (SU), Selargius, Serdiana (SU) e Settimo San Pietro.

Cenni storici[modifica]

Chiesa di San Giorgio
Chiesa di San Salvatore

Gli insediamenti umani più antichi nel territorio di Sestu risalgono al III millennio a.C. Poche tracce (vasellame di uso domestico) cartaginesi, databili al III secolo a.C., sono state rinvenute nella necropoli punico-romana di Corso Italia.

In altre zone della città sono state rinvenute inoltre monete risalenti al periodo di Caligola e Domiziano, un cippo funerario romano, una fibbia e la pietra miliare romana su cui viene spiegata la denominazione del sito. Il nome della città risale all'epoca romana e trae origine dalla posizione che aveva lungo il percorso della strada che da Cagliari portava a Porto Torres: Sexto ab urbe lapide, cioè presso la sesta colonna miliare, trovata nel paese con la scritta: Ad sextum lapidem.

Nel Medioevo Sestu appartenne al Giudicato di Cagliari e fu inserito nella Curatoria del Campidano. Dopo la caduta del Giudicato (1257) il villaggio fu compreso nei possedimenti d'oltre mare del Comune di Pisa.

Successivamente passò agli Aragonesi che nel 1324 lo infeudarono a Berengario Carroz. Nel 1363 venne creata la Contea di Quirra e la villa di Sestu entrò a far parte della Baronia di San Michele, infeudata sempre ai Carroz.

Nel 1363 insieme ad altre ville entrò a far parte della contea di Quirra. Nel 1603 la contea fu trasformata in marchesato, e dai Carroz passò ai Centelles; sempre compreso nel marchesato, fece poi parte della baronia di San Michele. Successivamente la signoria passò agli Osorio de la Cueva, che lo tennero fino all'abolizione del feudalesimo (1839) quando fu riscattato all'ultimo feudatario Filippo Osorio. Col riscatto dalla feudalità Sestu divenne un comune libero nel 1840, amministrato da un sindaco e da un consiglio comunale.

Oggi Sestu è una cittadina che conta circa 20.000 abitanti. Occupa una posizione strategica in un contesto territoriale in piena evoluzione. Centro di forte attrazione e crescente sviluppo socio-economico, grazie alla realizzazione di nuovi insediamenti abitativi, industriali e commerciali, è in continua espansione, non trascurando però la ricerca di un giusto connubio fra modernizzazione e tradizione.

Come orientarsi[modifica]

Frazioni[modifica]

  • Cortexandra
  • San Gemiliano
  • Moriscau
  • More Corraxe
  • Sa Cantonera
  • Magangiosa


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

In auto[modifica]

Prendere la SS 131 Carlo Felice e uscire a Sestu.

In nave[modifica]

Dal porto di Cagliari.

In autobus[modifica]

Da Cagliari con la Linea extraurbana ARST 110 e con la linea extraurbana ARST 109 oppure dal capolinea della metropolitana del policlinico di Monserrato con la linea 117 navetta Sestu.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Chiesa di Sant'Antonio
Chiesa di San Gemiliano

Chiese[modifica]

  • 39.3022229.0908331 Chiesa parrocchiale di San Giorgio.
  • 39.2941679.0894442 Chiesa parrocchiale di Nostra Signora delle Grazie.
  • 39.3027789.0933333 Chiesa di San Salvatore.
  • 39.2997229.0927784 Chiesa di Sant'Antonio.
  • 39.349.0688895 Chiesa di San Gemiliano. Chiesa campestre. Chiesa di San Gemiliano (Sestu) su Wikipedia chiesa di San Gemiliano (Q55832681) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]

  • San Giorgio. Simple icon time.svg 23 aprile.
  • Sant'Isidoro. Simple icon time.svg A maggio.
  • San Gemiliano. Simple icon time.svg Fine maggio la sagra; inizio settembre la festa.
  • Festival della canzone sarda. Simple icon time.svg A metà giugno.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

  • 39.3043899.0662221 La Corte del Sole, Ex SS 131, Km 10,800, località More Corraxe, +39 070 2299050, +39 070 2298178, fax: +39 070 2298697, . Simple icon time.svg Centro commerciale: Lun-Dom 10:00-21:00; supermercati IperPan e Hardis: Lun-Dom 9:30-21:00. Centro commerciale. Sono presenti diversi negozi, diversi punti ristoro, i supermercati IperPan e Hardis e un cinema.


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

  • 39.3043899.0662221 The Space Cinema, Ex SS 131, Km 10,800, località More Corraxe c/o Polo commerciale La Corte del Sole. Simple icon time.svg Lun-Ven 16:30-1:00; Sab 16:45-1:00; Dom 10:45-1:00. Cinema multisala dotato di 12 sale.

Locali notturni[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]

Numeri utili[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]



Nei dintorni[modifica]

  • 39.2159699.1150814 Cagliari
  • 39.35859.00495 San Sperate (prendere la SS 131 e uscire a Monastir (direzione Sassari).). Paese-museo a 20 km da Cagliari famoso per i suoi murales.


Altri progetti

CittàBozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.