Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Piatra Neamţ
panorama
Stemma
Piatra Neamţ - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Romania
Reddot.svg
Piatra Neamţ
Sito istituzionale

Piatra Neamţ è una città della Romania, situata nella regione storica della Moldavia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Piatra-Neamț si trova ad un'altitudine di 310 m. slm in un'area sparsa di colline abbastanza alte, ultimi contrafforti dei Carpazi orientali. Bagnano la città il fiume Bistrița e il suo affluente Cuejdiu.

Quando andare[modifica]

La città gode di un clima continentale temperato con primavere brevi ed estati altrettanto brevi e mai troppo calde. Gli autunni sono invece lunghi così e gli inverni non particolarmente rigorosi,visto che le gelate non durano a lungo, salvo eccezioni.

Cenni storici[modifica]

Piatra Neamț è riferita una prima volta nella Cronaca russa (1387-1392) con il nome di Kamena e con il nome di Karácsonkő in documenti coevi relativi alla spedizione del 1395 del re ungherese Sigismondo dal Lussemburgo in Moldavia (in terra Molduana ante villam Karácsonkő).

Nel 1453 la città era abitata in prevalenza da Sassoni e Ungheresi. Tra il 1468 e il 1472 Stefano il grande ordinò la costruzione di una reggia. Vi si teneva una fiera importante che fu abolita solo nel 1797 in seguito al passaggio a un'economia di produzione di stampo artigianale e poi industriale che rese Piatra Neamţ il centro più importante della contea di cui oggi è capoluogo.

L' 8 novembre 1841 fu inaugurata a Piatra la prima cartiera in terra moldava e negli anni seguenti furono installate segherie, fabbriche di fiammiferi e di sapone. Negli anni della rivoluzione industriale il fiume Bistrița svolse il ruolo di vera e propria arteria di smistamento di materie prime: il legname tagliato nelle foreste circostanti era caricato su zattere che affluivano alle falegnamerie in città mentre i prodotti finiti venivano fatti viaggiare fino a Bacău e ai porti del Danubio dove venivano caricati su navi.

La città fu frequentemente colpita da inondazioni ma anche e soprattutto da incendi (maggio 1847, 9 luglio 1883, 14 giugno 1887, 6 luglio 1889, 18 agosto 1891 e 26 marzo 1902). Nel 1897 franò una parte della collina di Cozla e nel 1901 iniziò l'opera di consolidamento dei pendii piantando alberi e costruendo argini. Quattro anni più tardi nel parco Cozla fu inaugurato il giardino zoologico.

Alla fine del XIX secolo, la città era capoluogo della contea di Piatra-Muntele e Neamț e contava 17.391 abitanti di cui circa la metà era di confessione ebraica.

Il periodo tra le due guerre mondiali fu relativamente prospero mentre gli anni della II guerra mondiale furono difficili soprattutto dopo che il dittatore Ion Antonescu scelse Piatra Neamț come suo quartier generale per meglio coordinare le operazioni sul fronte orientale. L'avanzata dell'esercito sovietico nella contea causò gravi danni.

Nel secondo dopoguerra la città ottenne slancio dalla costruzione della diga sul lago Bicaz e di varie centrali idroelettriche. Dopo la caduta del regime comunista molte fabbriche chiusero i battenti creando disoccupazione e costringendo gli abitanti all'emigrazione. La situazione migliorò dopo l'anno 2.000 grazie a una serie di investimenti promossi dalle autorità locali e l'elargizione di prestiti da parte di banche europee. Nel primo decennio del 21° secolo fu varato il progetto di trasformazione di Piatra Neamţ in città turistica di interesse nazionale, ma a causa della crisi economica internazionale sopraggiunta nel decennio successivo, il piano non ha reso i frutti sperati.

Come orientarsi[modifica]

Dalla stazione ha inizio il viale della Repubblica (Bulevard Republicii) che finisce nella piazza Stefano il Grande (Piața Ștefan cel Mare) intorno alla quale stanno i principali monumenti e musei. La piazza si trova alle falde delle colline Cozla e Pietricica. La prima è raggiungibile in funivia.

Il viale Decebalo (Bulevard Decebal) taglia a metà il viale della Repubblica e conduce fuori città in direzione del lago artificiale di Bicaz e delle gole omonime.

Il proseguimento del viale Decebalo ad est prende il nome di viale Traiano e conduce fuori città in direzione di Bacău e del suo aeroporto internazionale.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto più vicino è quello di Bacău, 63 km più a sud. Lo scalo è servito dai voli internazionali della Blue Air che gestisce, fra gli altri, voli da/per Bergamo, Bologna, Roma-Fiumicino, Torino.

In treno[modifica]

Stazione ferroviaria
  • 46.9273326.3606171 Stazione di Piatra Neamţ, Piața Gării 1. Piatra Neamț railway station (Q20429820) su Wikidata

In autobus[modifica]

Informazioni sugli orari degli autobus sono reperibili sul sito autogari.ro. Al 2020 le autolinee Patru Plus Trans servivano parecchie località del distretto, compresi gli aeroporti di Iași e Bacău. Effettuavano corse anche per Bucarest e Cluj-Napoca Il loro capolinea è sulla piazza della stazione. Altre autolinee facenti capolinea nei paraggi della stazione sono ŧransmoldavia.

Come spostarsi[modifica]

Telegondola

Il trasporto pubblico locale è costituito da 18 linee di autobus che collegano la periferia al centro e da 3 linee di filobus tutte gestite dall'azienda Troleibuzul SA.

Diverse compagnie private effettuano trasporti locali su minibus (tipo Mercedes-Benz , Volkswagen , Iveco e Ford).

  • Funivia (telegondola). Una funivia collega la stazione ferroviaria con Cozla, la zona sulla cima della collina ove sono presenti impianti risalita sci. Il percorso ha una lunghezza di 1.915 m. e in corrispondenza della stazione in alto sono presenti bar, ristoranti e alloggi.


Cosa vedere[modifica]

Corte principesca
  • 46.9333326.368061 Corte principesca (Curtea Domneasca), Piața Libertății 2. Ecb copyright.svg a pagamento, ridotto per bambini. Simple icon time.svg Mar-Dom 09:00-17:00 (ottobre-marzo); 10:00-18:00 (aprile–settembre). Complesso che include la chiesa di San Giovanni e la torre campanaria. L'intero complesso fu realizzato tra il 1468 e il 1475 come residenza di Stefano il Grande (Q18539491) su Wikidata
  • Chiesa della Natività di San Giovanni Battista (Biserica Nașterea Sfântului Ioan Botezătorul), 2 Piața Libertății. La chiesa all'interno della corte reale fatta costruire da Stefano il Grande intorno al 1497. Nativity of St. John the Baptist Church, Piatra Neamț (Q6980147) su Wikidata

Architetture civili[modifica]

  • 46.92980326.3688242 Casa Paharnicului, strada Paharnicului, +40 233 212426. (Q43065180) su Wikidata
  • 46.9369226.3624933 Casa Lalu, strada Stefan cel Mare 44, +40 233 214351. Lalu House (Q43065356) su Wikidata

Architetture religiose[modifica]

Musei[modifica]

Museo d'Arte


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Spettacoli[modifica]

Teatrul Tineretului
  • 46.932226.3681 Teatro della gioventù (Teatrul Tineretului), Piața Ștefan cel Mare 1, +40 233 211 472. Piccolo teatro dove hanno recitato famosi attori romeni. Teatrul Tineretului Piatra Neamț (Q20432207) su Wikidata
  • 46.93851726.3544242 Stadio Ceahlăul (Stadionul Ceahlăul), Strada Eroilor. Impianto sportivo polivalente. Stadio Ceahlăul su Wikipedia Stadionul Ceahlăul (Q737106) su Wikidata


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 46.93144126.3631851 Turnul Berarilor, Bulevardul Decebal 26, +40 233 220 002. Simple icon time.svg Lun-Dom 11:00–00:00. Ristorante di cucina tradizionale romena con piatti anche di cacciagione molto saporiti. Turnul Berarilor è rinomato per le porzioni generose e un buon assortimento di birre.

Prezzi elevati[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Monte Ceahlău
Lago Rosso
  • 46.93826.1032 Lago di Bicaz -
  • 46.95525.94573 Parco nazionale Ceahlău (Parcul Național Ceahlău) -
  • Parco nazionale Cheile Bicazului-Hășmaș (Parcul Național Cheile Bicazului - Hășmaș) - Da Bicaz si possono raggiungere le 46.8119825.818944 gole omonime (Cheile Bicazului) e successivamente il 46.7893125.78695 Lago Rosso (Lacul Roşu) tra paesaggi alpini. Gli uffici del parco sono situati nel villaggio di Izvorul Mureşului, sul versante occidentale del massiccio.


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).