Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Marmara orientale
Bursa
Stato
Regione

Marmara orientale (Doğu Marmara) è una regione della Turchia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Situata a est del Mar di Marmara, la regione è proiettata al suo interno, dalle vaste terre desolate industriali interrotte da sconfinate periferie di grattacieli alle incontaminate montagne selvagge punteggiate da graziose città antiche ottomane.

Più o meno corrispondente all'antica Bitinia, la regione confina con la provincia di Istanbul a nord-ovest, la regione del Mar Nero occidentale a est, l'Anatolia centrale a sud e la regione di Marmara meridionale a ovest.

Il lussureggiante paesaggio montano è ovunque, con i fondovalle intermedi che forniscono gran parte della frutta e dell'oliva turche.

Il Golfo di İzmit, simile a una spada, attraversa la regione in profondità e ampie spiagge costeggiano la lunga costa del Mar Nero a nord. Il lago Sapanca e il turchese Lago İznik sono tra i più grandi del paese e i preferiti dalle famiglie turche della classe media che preferiscono un clima più mite e una vacanza più "addomesticata" rispetto alle coste dell'Egeo e del Mediterraneo, senza tutte le feste che si svolgono a Bodrum. Insieme alla sua bellissima gola, il fiume Sakarya è una delle principali caratteristiche a est. Aggiungete le foreste di pianure alluvionali piene di ninfee vicino alla foce del fiume, sorgenti termali e cascate qua e là.

Il paesaggio è costellaro di città antiche in tutta la regione - alcune in condizioni molto migliori di altre - tranne forse i sobborghi industriali lungo la costa settentrionale del Golfo di Izmit (ma anche lì scoprirete che molte città hanno mantenuto il loro nucleo storico intatto). Queste città si trovano alle radici dell'Impero Ottomano che iniziò alla fine del XIII secolo come un piccolo regno semi-nomade nell'area.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Adapazarı — Una delle più grandi città della regione, duramente provata dal terremoto del 1999
  • Bursa (anticamente Prusa, talvolta italianizzata in Brussa) — Comune metropolitano e la vecchia capitale ottomana dal 1326 al 1365.
  • Esenköy — Località turistica alla foce del Golfo di İzmit; si trova su una stretta striscia di terra tra il mare e le ripide montagne verdeggianti, ricordando le località del Mar Nero nel Caucaso
  • Eskihisar — È un peccato che i viaggiatori che da qui prendono i traghetti per Yalova non si prendano più tempo per visitate questo villaggio costiero alla periferia di Istanbul, sormontato da un antico castello
  • Gebze — Il sobborgo industriale di Istanbul ha un interessante complesso di moschee ottomane in centro
  • Hereke — Sede del laboratorio imperiale dei tappeti e del palazzo sul mare costruito appositamente per la visita dell'Imperatore Guglielmo nel 1884
  • Izmit — Alla fine del Golfo di Izmit, questa grande città è il cuore di gran parte dell'industria pesante turca
  • Iznik — Città storica meglio conosciuta per il suo ruolo nel cristianesimo primitivo, quando fungeva da sito dei Concili di Nicea
  • Osmaneli — Di solito fuori dall'attenzione dei viaggiatori, questa città situata nella valle del fiume Sakarya è piena di architettura ottomana imbiancata
  • Sapanca — Piacevole cittadina sul lago a est di Izmit, circondata da foreste lussureggianti
  • Söğüt — Piccola città fondata nel XIII secolo dalla tribù Kayı dei turchi Oghuz, da cui nacque l'impero ottomano
  • Taraklı — Città con un centro storico ben conservato all'interno delle foreste, con sorgenti termali
  • Termal
  • Yalova — Città costiera nota per le sue sorgenti termali che punteggiano le montagne boscose limitrofe e per la sua floricoltura
  • Yenişehir — Città agricola con un'area bazar tradizionale e un palazzo ottomano convertito in museo
  • İnegöl — La capitale del mobile della Turchia vanta un museo cittadino ben curato

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

C'è un aeroporto a circa 10 km a ovest di Yenişehir, che serve principalmente Bursa, il che significa che per le città regionali potrebbe essere necessario tornare sui propri passi da lì utilizzare i mezzi pubblici.

In auto[modifica]

Insieme alle strade uniformemente ben tenute che vanno su e giù per queste catene, guidare attraverso la regione è un'esperienza molto piacevole. L'autostrada O-4 / E80, che collega Istanbul con Ankara, fornisce un altro facile collegamento nella regione, così come l'autostrada D-650 che collega con Eskişehir e Antalya a sud.

In nave[modifica]

Vi sono traghetti veloci e "autobus marittimi" (traghetti per soli passeggeri di tipo catamarano) da vari porti su entrambi i lati del Bosforo a Istanbul, Yalova è un facile punto di ingresso nella regione, con collegamenti diretti con varie città.

In treno[modifica]

La ferrovia ad alta velocità tra Istanbul e Ankara attraversa la regione, facendo fermate nelle principali città lungo il suo percorso.

In autobus[modifica]

Le principali città della regione hanno collegamenti in autobus con altre parti del paese. Bursa è l'hub per le città più piccole nel sud-ovest della regione grazie agli ampi collegamenti in minibus, mentre Eskişehir svolge un ruolo simile per quelle nel sud-est.

Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

Tutte le strade principali in tutta la regione sono ben tenute, ma non senza curve strette in alcune zone.

In nave[modifica]

Traghetto a Yalova

Gli autobus del mare collegano una serie di città lungo il bordo meridionale del golfo con İzmit. C'è anche una linea di traghetti che collega Yalova (o meglio il porto di Topçular a 15 km a est della città) con Eskihisar su entrambi i lati del golfo, in diretta concorrenza con (e più economico) del ponte Osmangazi, che attraversa il golfo.

In treno[modifica]

Una linea ferroviaria in arrivo da Istanbul, si trova sull'asse ovest-est lungo la sponda settentrionale del Golfo di İzmit e la sponda meridionale del lago Sapanca e attraversa İzmit e Adapazarı, dove gira verso sud e prosegue lungo il fondo dell'imponente valle rocciosa e boscosa di Sakarya verso Eskişehir. Questa fa parte della linea ferroviaria Istanbul- Ankara, quindi un'alta frequenza di treni passeggeri su qualsiasi rotta nel paese, almeno una volta ogni due ore dalle 8:30 a mezzanotte, con la sezione della linea tra Istanbul e Adapazarı vi sono partenze ancora più frequenti, che iniziano anche prima, intorno alle 6:30.

In autobus[modifica]

Frequenti autobus e minibus collegano tra loro le città regionali. Se non riuscite a trovare un servizio diretto per la vostra destinazione, sceglietene uno che si diriga da qualche parte nel mezzo (come Yenişehir quando viaggiate da İnegöl a İznik), da dove potete trasferirvi rapidamente su un altro minibus diretto a dove state andando.

A piedi[modifica]

Per commemorare Evliya Çelebi, un viaggiatore ottomano del XVII secolo, il sentiero Evliya Çelebi è un sentiero escursionistico ed equestre di lunga distanza che si dirige verso l'interno dal villaggio di Hersek, sul Golfo di Izmit a est di Yalova, passando per İznik e una serie di villaggi storici lungo le pendici nord-orientali del Monte Olimpo della Misia prima di attraversare le montagne Domaniç nell'Anatolia centrale, raggiungendo infine Kütahya, Afyon, Uşak e Simav.

Cosa vedere[modifica]

Se avete bisogno di sceglierne una tra le città regionali, İznik è la più interessante grazie al suo patrimonio bizantino, selgiuchide e ottomano ampio e piuttosto sottovalutato e alla facilità di arrivarci. La città è quasi completamente racchiusa da mura di epoca bizantina, con la cattedrale di Santa Sofia ristrutturata che ne è il fulcro. Il resto della città è abbondantemente costellato di tombe e moschee selgiuchide e dei primi ottomani, alcune delle quali sono decorate con piastrelle colorate locali, una tradizione che risale a secoli fa.

A sud di İznik, Yenişehir ha un bazar storico a cui si accede da un cancello che si estende su un sentiero di lastre di pietra. A differenza delle sue controparti di Istanbul o Bursa, questo non è affatto un luogo turistico ed è completamente dedicato alle occupazioni tradizionali. Un'estremità del bazar è contrassegnata da una torre dell'orologio ottomana e da un bellissimo edificio del consiglio comunale, mentre dall'altra si trova la Şeki House, un palazzo ottomano convertito in museo.

Più a sud c'è İnegöl, con una casa storica convertita in Museo della città, che ricrea piacevolmente scene delle strade e dell'artigianato dei secoli passati.

I viaggiatori alla ricerca dell'eredità ottomana vorranno dirigersi a est da qui, attraverso la gola del passo Hamzabey/Ermeni Derbendi, un antico percorso che collega l'altopiano anatolico con i porti sul Mar di Marmara, a Söğüt, la prima capitale ottomana. Alla fine del XIII secolo, dopo essere migrata a ovest dalla loro patria in Turkmenistan, la tribù Kayı dei turchi Oghuz si stabilì in modo semi-nomade a Söğüt e dichiarò la propria indipendenza durante il regno di Osman I (1299–1324), nominando uno Stato e un sovrano. Söğüt presenta la tomba di Ertuğrul, il padre di Osman I e sotto il governo del quale i Kayı arrivarono a Söğüt, così come una piccola moschea costruita da lui stesso.

La vicina Bilecik presenta anche un paio di edifici ottomani in una splendida cornice che si affaccia su un burrone: la tomba dello sceicco Edebali, un influente sufi dei primi anni dell'Impero Ottomano, e una moschea costruita da Orhan (1324-1362), il secondo sovrano ottomano e figlio di Osman I. Il resto della città vecchia, tuttavia, fu gravemente danneggiato durante la guerra greco-turca del 1919-1922 e da allora è stato abbandonato.

A nord di Bilecik, aggrappato su una collina della valle del fiume Sakarya c'è Osmaneli, un miscuglio di città vecchia, composta da antichi edifici perfettamente ristrutturati e da quelli in grave abbandono, a volte l'uno accanto all'altro. La collina locale è dominata dalle rovine di una massiccia chiesa greco-ortodossa abbandonata dagli anni '20. Ora che il nuovo tracciato autostradale aggira la città, non riceve quasi nessun visitatore.

Più a nord, la valle del fiume si allarga in una delle più grandi pianure del paese. Nella campagna appena a sud della moderna città di Adapazarı si trova il ponte Sangarius, un imponente ponte di marmo costruito dall'imperatore romano d'Oriente Giustiniano I (527-565), in modo che il suo esercito potesse attraversare le acque spesso pericolose del Sakarya / Sangarius River facilmente durante le campagne contro i vicini molesti a est. A causa dei cambiamenti del corso del fiume nel frattempo, la sua portata è ora su uno stretto torrente.

Oltre il fiume a sud-est, la città di Taraklı nascosta tra le colline boscose è stata sottoposta a una bella ristrutturazione nel primo decennio degli anni 2000, ed è ora una graziosa città vecchia di case tradizionali imbiancate a calce. Taraklı può essere considerata parte della "cintura della città vecchia" del paese nella Turchia nordoccidentale, che si estende fino a Safranbolu.

Verso ovest, İzmit, la più grande città regionale, ha una sorta di centro storico collinare, con ripide strade acciottolate fiancheggiate da case di legno. Vicino alla costa sottostante si trova un museo archeologico, che espone i resti di un'epoca in cui la città era una delle capitali dell'Impero Romano ed era conosciuta come Nicomedia. Nelle vicinanze si trova anche un palazzo che serviva ai sultani ottomani come residenza di caccia.

Sul bordo settentrionale del Golfo di Izmit, Hereke era un importante centro di tessitura di tappeti, la sua fabbrica imperiale è ora un museo, essendo il luogo di origine dei tappeti che coprivano i palazzi ottomani. Nelle vicinanze si trova il palazzo sul mare costruito giusto in tempo per la visita del Kaiser Wilhelm tedesco alla fabbrica nel 1884.

Più a ovest, Gebze è il sito inaspettato di un bellissimo complesso di moschee ottomane, completo di un ricovero per poveri riproposto e una scuola che circonda la moschea, il tutto inghiottito dallo sviluppo moderno.

Il lungomare della vicina Eskihisar è abbellito dalla villa in legno di Osman Hamdi Bey (1842-1910), il fondatore del Museo Archeologico di Istanbul e uno dei primi pittori turchi moderni.

Sulla costa meridionale del Golfo, Karamürsel, dal nome di un primo ammiraglio ottomano, è il sito della tomba in marmo a cielo aperto del suo omonimo, mentre Yalova a ovest è piuttosto nota per la sua eredità repubblicana in quanto era il rifugio preferito del fondatore della Repubblica turca, Kemal Atatürk.

Cosa fare[modifica]

La stretta valle Ballıkayalar, a est di Gebze, è popolare tra gli appassionati di arrampicata su roccia e di escursionismo. Le offerte del Canyon Harmankaya, tagliato da un ruscello in profondità nella roccia di marmo, e dei suoi immediati dintorni a est di Bilecik vanno oltre e includono anche una buona attività di torrentismo. Esistono anche percorsi escursionistici consolidati nella valle Sakarya, in particolare intorno al villaggio di Doğançay a sud di Adapazarı, che portano ad alcune cascate remote sulle montagne. Sebbene le descrizioni dettagliate di alcuni percorsi possano essere raccolte online, nessuna di esse è segnalata.

E poi c'è il sentiero Evliya Çelebi (parzialmente) segnalato, menzionato sopra. Secondo quanto riferito, un'escursione lungo l'EÇW da parte a parte, tentata da poche persone, richiede poco più di 20 giorni.

Le sorgenti calde provengono da numerose località della regione; le tre sorgenti sviluppate più popolari sono a Yalova, Oylat e Taraklı - in quest'ordine.

L'unica stazione sciistica regionale è sul monte giustamente chiamato monte Kartepe (in turco "collina innevata"), appena ad est di İzmit.

A tavola[modifica]

In generale, i turchi sono grandi amanti della carne e la zona della Marmara orientale non fa eccezione. Sebbene le ricette raramente differiscano, molte città della regione sono famose per le loro polpette (köfte), con İnegöl che ha un certo grado di fama nazionale per la sua prelibatezza preferita.

Con l'acqua così tanto incorporata nella geografia regionale, il pesce è anche facile da pescare. I panini di pesce sono spesso pasti veloci nei paesi di mare. Nell'entroterra, il pesce d'acqua dolce è più popolare: gli allevamenti di trote del villaggio di Maşukiye sul lago Sapanca, ad esempio, attirano un gran numero di escursionisti dalle città vicine.

İzmit è famosa per il suo pişmaniye, un dessert composto da fili arrotondati di burro e zucchero, ed è paragonato allo zucchero filato. Lungo le autostrade intorno alla città ci sono una serie di piccoli negozi che pubblicizzano il loro pişmaniye con grandi cartelli: la tariffa corrente può arrivare a partire da 10 TL per cinque pacchi, e raddoppiano piacevolmente come regali dalla regione da riportare agli amici a casa.

Poiché questa è una delle principali regioni produttrici di frutta della Turchia, se vi capita di girovagare per le campagne in autunno, aspettatevi che molti frutti siano in abbondanza, in particolare mele, pere, mele cotogne e cornioli nel sud, e nocciole e kiwi nel nord.

Bevande[modifica]

La regione può essere considerata un po' conservatrice per gli standard della Turchia occidentale, se afferrare un paio di bottiglie di birra dal negozio più vicino non è mai troppo difficile, non aspettatevi qualcosa di speciale per quanto riguarda le bevande alcoliche locali.

Sicurezza[modifica]

Sebbene ben mantenute, le pendenze ripide fino al 10% sono spesso associate ai tornanti, queste non sono rare sulle strade regionali, quindi guidate in sicurezza.

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per dare un'idea generale sulla regione e offre una descrizione di possibili mete.