Scarica il file GPX di questo articolo

Africa > Africa meridionale > Sudafrica > Limpopo

Limpopo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Limpopo
Le gole del fiume Lapalala nella riserva della biosfera del Waterberg
Localizzazione
Limpopo - Localizzazione
Bandiera
Limpopo - Bandiera
Stato
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale

Limpopo è una provincia del Sudafrica.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

È la più settentrionale delle province sudafricane, con tre frontiere internazionali: Botswana a nordovest, Zimbabwe a nord e Mozambico ad est. A sud confina le tre province sudafricane di Mpumalanga, Gauteng e Nordovest.

Quando andare[modifica]

Essendo attraversato dalla linea del tropico del Capricorno, il Limpopo è caratterizzato da un clima secco che si fa più caldo man mano che si procede verso nord. L'altitudine gioca un ruolo importante stemperando di parecchio le temperature che si attenderebbero in un paese tropicale. Così ad esempio il capoluogo Polokwane, situato ad un'altitudine media di 1300 m s.l.m., presenta temperature che oscillano tra i 21–22 °C di gennaio e gli 11 °C di luglio. Dicembre-gennaio (estate australe) è il periodo più piovoso mentre luglio è il mese più asciutto.

I fondovalle conoscono condizioni meteorologiche ben diverse con temperature che possono raggiungere valori estremi nel periodo estivo (dicembre-gennaio) e con piogge ben più copiose che alimentano una rigogliosa vegetazione.

Cenni storici[modifica]

Sito archeologico di Mapungubwe

Nel territorio della provincia si trova l'importante sito archeologico di Mapungubwe, capitale di un regno della tribù bantu dei Kalanga (o BakaLanga), fiorente tra il 1075 e il 1228. Dal 2003 il sito archeologico di Mapungubwe è stato inserito nella lista UNESCO dei patrimoni mondiali dell'umanità.

Tra il 1848 e il 1902 il territorio entrò a far parte del Transvaal, una delle repubbliche fondate dai boeri, i discendenti dei coloni olandesi che nel 1835 avevano intrapreso la grande marcia (Die Groot Trek) in direzione degli inospitali altopiani interni nel tentativo, risultato poi vano, di sfuggire al controllo dei britannici che nel 1795 avevano occupato Città del Capo e successivamente le altre zone costiere.

Oggi la popolazione del Limpopo è costituita al 97% da Bantu, con prevalenza delle etnie Sotho e Tsonga. Al tempo dell'apartheid vi furono istituiti numerosi bantustan, riserve dove venivano confinate le varie tribù bantu, reintegrate nella Repubblica sudafricana dopo la caduta del regime dell'apartheid nel 1994.

I bianchi assommano al 2.6%, gli asiatici, con prevalenza di indiani allo 0.3% e i meticci allo 0.3%.

Lingue parlate[modifica]

L'inglese è la lingua franca del Limpopo. Il sapedi (lingua sotho del nord) è la lingua più diffusa (52.9%), seguita dallo tsonga| (17.0%) e dal venda (16.7%).

L'afrikaans, la lingua dei boeri, è parlato dal 2.6% della popolazione.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Bela-Bela (ex Warmbaths) — Un centro sviluppatosi intorno a sorgenti termali che sgorgano dal sottosuolo al ritmo di 22.000 litri l'ora e a temperature di 52 °C . Bela-Bela è molto frequentata in quanto costituisce uno degli accessi alla riserva della biosfera di Waterberg.
  • Haenertsburg — Un villaggio di poche anime nella valle degli Olifanti ma frequentato da turisti amanti delle escursioni a piedi. I suoi dintorni sono infatti molto verdi grazie a piogge più copiose che altrove. Durante l'anno vi si svolgono fiere di cui una a luglio con vendite di prodotti artigianali e fiori.
  • Louis Trichardt (ex Makhado) — Un centro di 25.000 abitanti, di per sé non molto attraente ma che costituisce la base per escursioni ai monti Soutpansberg.
  • Modimolle (ex Nylstroom) — Centro di allevamento di bestiame. Il nome Modimolle significa "posto degli spiriti".
  • Modjadjiskloof (Duiwelskloof) — Villaggio 18 km a nord di Tzaneen, famoso per un gigantesco baobab seccatosi nel 2017, dopo mille anni di vita.
  • Mokopane (ex Potgietersrus) — Un centro minerario del Bushveld tra estesi agrumeti.
  • Mookgophong (ex Naboomspruit) — Cittadina agricola vicino alla riserva di Nylsvley, una delle migliori per praticare il birdwatching.
  • Musina (ex Messina) — Il centro abitato più vicino al posto di frontiera con lo Zimbabwe.
  • Phalaborwa — Un centro minerario prossimo a uno degli ingressi al parco nazionale Kruger. Un'altra grande attrazione naturale dei dintorni di Phalaborwa è il Blyde River Canyon.
  • Polokwane (ex Pietersburg) — Capoluogo.
  • Thohoyandou — Capoluogo del distretto di Vhembe ove ai tempi dell'apartheid venne confinata l'etnia venda. Situata in una regione costellata di lagni e boschi, Thohoyandou costituisce la base per escursioni al parco provinciale Nwanedi. Ad est sta anche uno degli ingressi al parco nazionale Kruger, uno dei più visitati del Sudafrica.
  • Tzaneen — Il maggior centro nella valle degli Olifanti.

Altre destinazioni[modifica]

La provincia del Limpopo è ricca di parchi e riserve naturali. Questi sono suddivisi in tre tipologie: parchi nazionali (National Parks), parchi provinciali (Provincial Parks) e riserve naturali (Nature Reserves).

Parchi nazionali

  • 1 Parco nazionale Kruger (Kruger National Park)
  • 2 Parco nazionale Mapungubwe (Mapungubwe National Park) — Il parco intorno le rovine di Mapungubwe, capitale di un regno fiorente tra l'XI e il XIII secolo.
  • 3 Parco nazionale Marakele (Marakele National Park) — Un parco di montagna piuttosto isolato che tuttavia offre buone possibilità di avvistamento di elefanti, rinoceronti e leoni qui trasferiti dal vicino parco Kruger.

Parchi provinciali

Riserve naturali

  • Riserva della biosfera del Waterberg (Thaba Meetse) — Dichiarata riserva della biosfera dall'UNESCO, il Waterberg ha un notevole interesse paesaggistico e anche archeologico in quanto vi sono state scoperte pitture rupestri dell'Età della Pietra, opera dei primi popoli San prevalentio nell'area circa 2000 anni fa, prima di essere scacciati dalla migrazione dei popoli Bantu. La riserva si estende sugli omonimi monti ed è attraversata dal fiume Lapalala che ha scavato delle gole nel suo alto corso.
  • Riserva faunistica di Ndzalama (Ndzalama Wildlife Reserve)
  • Riserva naturale di Atherstone (Atherstone Nature Reserve)
  • Riserva naturale di Modjadji (Modjadji Nature Reserve)


Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Il Limpopo è attraversato nel senso nord-sud dall'autostrada a pedaggio N1, che va da Johannesburg e Pretoria fino a 1 Beitbridge, il posto di frontiera con lo Zimbabwe (Regione di Matabeleland).

In autobus[modifica]

Translux e Greyhound sono le autolinee che provvedono collegamenti internazionali.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]

In caso di emergenza si può chiamare:

  • Polizia: 10111
  • Ambulanza: 10117


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e presenta informazioni utili a un turista. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.