Scarica il file GPX di questo articolo

(Reindirizzamento da Lago di Toblino)
Europa > Italia > Italia nordorientale > Trentino-Alto Adige > Trentino > Valle dell'Adige > Biotopo Lago di Toblino

Biotopo Lago di Toblino

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Biotopo Lago di Toblino
Il lago di Toblino ed il promontorio su cui sorge l'omonimo castello
Tipo area
Stato
Regione
Provincia
Superficie
Anno fondazione
Sito istituzionale

Lago di Toblino è un biotopo situato nel Trentino-Alto Adige.

Da sapere[modifica]

Il lago di Toblino (Tobliner See in Tedesco) è un piccolo lago alpino di fondovalle situato in Trentino, circondato da un rigoglioso canneto e da una vegetazione particolarmente interessante. Il lago e l'area circostante sono stati dichiarati un biotopo per interessi naturalistici sia botanici sia etologici, ed è come tale tutelato dalla Provincia autonoma di Trento. La balneazione non è tecnicamente vietata, ma la bassa temperatura dell'acqua e le forti correnti la sconsigliano fortemente.

Cenni geografici[modifica]

Si trova ad un'altitudine di 245 metri s.l.m., ed occupa la parte terminale della valle dei Laghi, non lontano da Trento e dai centri abitati di Padergnone, Sarche, Vezzano e Calavino. È collegato al lago di Santa Massenza, verso Padergnone.

Flora e fauna[modifica]

Il lago si trova in una condizione singolare, dal punto di vista climatico: mentre le montagne vicine manifestano le tipiche caratteristiche delle zone alpine, nel fondovalle l'azione del lago e le ultime propaggini del clima mite gardesano consentono lo sviluppo di specie submediterranee o addirittura, in coltivazione, di specie mediterranee. Per questo motivo dal 1992 il Biotopo Lago di Toblino è tutelato.

  • Flora

Possiamo trovare conifere come caducifoglie, e dunque pini ma anche lecci, salici e querce. Nella zona più bassa del bacino idrografico hanno anche prosperato piante di alloro, di rosmarino, di limone e di olivo. Sono presenti, ovviamente, specie lacustri e palustri (ninfee, canneti, lamineti..).

  • Fauna

Quanto alla fauna, va citata almeno quella lacustre. Oltre alle specie ittiche (per esempio la trota), il maggior interesse è rappresentato dagli uccelli acquatici: sono presenti anatre, cigni, folaghe, germano reale, l'usignolo di fiume, lo svasso maggiore e l'airone cinerino. Ma non va dimenticata la fauna pre-alpina ed alpina delle zone limitrofe allo specchio d'acqua.

Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Al castello e al lago di Toblino (a 18 km da Trento) si giunge percorrendo la S.S. 45 bis della Gardesana Occidentale nella cosiddetta Valle dei Laghi.

Permessi/Tariffe[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Castello e lago di Toblino
  • Castel Toblino (Schloß Toblin). Sulla mezzeria della riva nord del lago si trova un promontorio-penisola (un tempo isola formata da una frana rocciosa) su cui si erge il Castello di Toblino, originario del XII secolo ma ammodernato a partire dal Cinquecento da Bernardo Clesio prima e dai Madruzzo e dai Wolkenstein successivamente.
Fin dal 1100 il castello fu proprietà di vassalli del principe vescovo di Trento. La famiglia dei Da Campo ne entrò in possesso nel XIII secolo e dalla fine del Quattrocento rientrò nell'orbita dei beni vescovili. Passati i secoli di lotta e di contrasti tra le varie famiglie nobili del principato, il castello conobbe gli anni della tranquilla gestione clesiana e madruzziana, periodo al quale sono ascrivibili i maggiori lavori di restauro e trasformazione. Dal XVI secolo Toblino divenne sede periferica della corte trentina. Qui soggiornarono gli illustri ospiti del principe vescovo, si incontrarono i legati pontifici giunti a Trento per il Sacro Concilio e dimorarono molti facoltosi personaggi della corte vescovile.
Il Castel Toblino è un raro esempio di castello lacustre. La struttura è arroccata su una piccola e protetta penisola bagnata dall'omonimo lago nel territorio di Calavino. La sua collocazione ha evidenti motivi di strategia difensiva che qui sfrutta sia le condizioni naturali del terreno, sia la presenza dell'importante nodo stradale di collegamento tra Trento e le valli del Sarca e del Chiese. La forma quadrangolare del complesso trova uno dei segni di maggior interesse nel grande mastio di forma circolare, certamente la più evidente delle preesistenze medievali. L'ampia cinta merlata che circonda l'intero complesso e il grande parco circostante la residenza aggiungono un ulteriore carattere distintivo. Attualmente il castello, in ottime condizioni, è proprietà privata ed è adibito a ristorante.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]

  • 1 Castel Toblino Ristorante, Via Caffaro, 1 (in località Sarche di Calavino), +39 0461 864036. nel Castello
  • 2 Antica Trattoria Ponte Oliveti, Piazza Dell'Agricoltura, 8 (Sarche Di Calavino), +39 0461 564944. Ristorante di cucina tradizionale


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.