Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Isola di Mozambico
Ilha de Moçambique
Veduta dsl forte di San Sebastiano
Stato
Regione
Posizione
Mappa del Mozambico
Reddot.svg
Isola di Mozambico

Isola di Mozambico è una città insulare, situata nella regione settentrionale del Mozambico.

Da sapere[modifica]

Isola di Mozambico ha dato il nome al paese di cui è stata la prima capitale. Per la sua ricca storia, testimoniata da un interessante patrimonio architettonico, nel 1991 l'isola è stata dichiarata dall'UNESCO Patrimonio mondiale dell'Umanità.

Cenni geografici[modifica]

L'isola è lunga circa 3 km, larga 300-400 m e orientata in direzione nord-est, sud-ovest. È situata all'ingresso della baia di Mossuril, a una latitudine approssimativa di 15º02 'S e una longitudine di 40º44' E.

Al largo della sua costa orientale stanno le isole gemelle di Goa e Sena (conosciute anche come Ilha das Cobras), entrambe di origine corallina.

Cenni storici[modifica]

Quando Vasco da Gama vi approdò nel 1498, l'isola era un insediamento swahili di arabi e negri con un suo sceicco dipendente dal sultano di Zanzibar e continuò ad essere frequentata da mercanti arabi che intrattenevano rapporti con i paesi affacciati sul Mar Rosso, la Persia, l'India e le isole dell'Oceano Indiano.

L'isola del Mozambico acquisì importanza strategica come scalo sulla rotta da Lisbona a Goa, diventando un ormeggio sicuro per i navigli portoghesi che non volevano incappare nel monsone. Là dove oggi si trova il palazzo Capitães-Generais, i portoghesi costruirono nel 1507 la Torre di São Gabriel lasciandovi una guarnigione permanente di 15 uomini.

La Cappella di Nossa Senhora do Baluarte, costruita nel 1522 all'estremità nord dell'isola è l'unico esempio di architettura manuelina in Mozambico.

Nel 1558 iniziò la costruzione della Fortezza di São Sebastião che terminò solo nel 1620 ed è la più grande dell'Africa meridionale. Questa fortezza era molto importante, perché l'isola era diventata un deposito di merci e metalli preziosi provenienti dall'India che servivano per pagare schiavi deportati dalla terraferma africana e anche avorio e legni pregiati venduti dai mercanti arabi.

In seguito altri paesi europei tentarono di accaparrarsi i lucrosi commerci che si svolgevano su questo tratto di costa africana. Gli olandesi tentarono di occupare l'isola tra il 1607 e il 1608 ma, non riuscendovi, le appiccarono fuoco distruggendone gli edifici.

La ricostruzione fu lunga, e in seguito i portoghesi persero il monopolio dei commerci dell'oro per la concorrenza di inglesi e francesi che avevano inaugurato nuove rotte nell'oceano Indiano.

Isola di Mozambico mantenne una certa importanza come punto della tratta degli schiavi destinati alle piantagioni del Brasile e il 19 gennaio 1763 le fu conferito il titolo di vila e nel 1818 quello di città.

La proclamazione dell'indipendenza del Brasile nel 1822 e l'abolizione del commercio degli schiavi decretarono il collasso economico dell'isola. Il colpo finale fu il trasferimento nel 1898 della capitale della colonia a Lourenço Marques. Dopo l'apertura del porto di Nacala nel 1970, l'isola perse quel che le restava della sua importanza strategica e commerciale.

Come orientarsi[modifica]

Isola di Mozambico è divisa in due parti: la "città di pietra" e la "città dei macuti". La prima conta circa 400 edifici, compresi i principali monumenti, e la seconda, nella metà meridionale dell'isola, conta circa 1200 case di precaria costruzione. Tuttavia, molte case in pietra sono anche ricoperte di macuti.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto più vicino è quello di Nampula (174 km, 2h e 30 min in auto) con voli da Maputo curati dalle compagnie Ethiopian Mozambique Airlines e LAM Mozambique Airlines.

Ilha de Moçambique è unita alla terraferma da un ponte di 3,5 km costruito nel 1967. La maggior parte degli autobus e dei pulmini (chapas) si arresta sulla terraferma in località Lumbo, dove bisognerà trasbordare su veicoli più piccoli per attraversare il ponte a causa di limitazioni di peso.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Fortaleza de São Sebastião.
  • Capela de Nossa Senhora do Baluarte.
  • Fortim de São Lourenço.
  • Igreja de Santo António.
  • Palácio dos Capitães-Generais.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Isola di Mozambico
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Isola di Mozambico
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.