Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Göbekli Tepe
Göbekli Tepe
Localizzazione
Göbekli Tepe - Localizzazione
Stato
Regione
Superficie
Sito istituzionale

Göbekli Tepe ("collina tondeggiante") è un sito archeologico Patrimonio dell'umanità dell'Anatolia sudorientale.

Da sapere[modifica]

In questo sito è stato rinvenuto il più antico esempio di tempio in pietra, datato al X millennio a.C., e dunque risalente come minimo a 11600 anni fa.

Cenni geografici[modifica]

Situato a circa 18 km a nordest dalla città di Şanlıurfa, presso il confine con la Siria. Göbekli Tepe è costituita da una collina artificiale alta circa 15 m e con un diametro di circa 300 m, situata sul punto più alto di un'elevazione di forma allungata, che domina la regione circostante, tra la catena del Tauro e il Karaca Dağ e la valle dove si trova la città di Harran.

Cenni storici[modifica]

La valenza archeologica di questa località fu riconosciuta nel 1963 da un gruppo di ricerca turco-statunitense, che notò diversi consistenti cumuli di frammenti di selce, segno di attività umana nell'età della pietra.

Il sito fu riscoperto trent'anni dopo da un pastore locale, che notò alcune pietre di strana forma che spuntavano dal terreno. La notizia arrivò al responsabile del museo della città di Şanlıurfa, che contattò il ministero, il quale a sua volta si mise in contatto con la sede di Istanbul dell'Istituto archeologico germanico. Gli scavi furono iniziati nel 1995 da una missione congiunta del museo di Şanlıurfa e dell'Istituto archeologico germanico. Nel 2006 gli scavi passarono alle università tedesche di Heidelberg e di Karlsruhe. Il sito archeologico è stato aperto alle visite del pubblico nel marzo del 2019.

Dagli scavi effettuati si è accertato che il sito venne deliberatamente abbandonato e volontariamente seppellito con terra portata dall'uomo intorno all'8000 a.C. Sulla base dei risultati si ipotizza che Göbekli Tepe sia un santuario dell'età della pietra. Tuttavia, non è chiaro come fosse usato e quale religione vi fosse seguita.

Il 1° luglio 2018, Göbekli Tepe è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

Come arrivare[modifica]


Permessi/Tariffe[modifica]

  • Ingresso, @ . Ecb copyright.svg 45 TL (nov 2020). Simple icon time.svg 1 Apr - 24 Ott: Lun-Dom 10:00-18:00, 24 Ott - 1 Apr Lun-Dom 08:30-17:00.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Rilievi del tempio A
  • Tempio A (edificio del pilastro del serpente). È il primo ad essere scavato. Qui vennero alla luce dei pilastri verticali alti 3 circa metri. Attorno ai pilastri furono costruiti dei muri spessi più di un metro, costituiti da pietre lunghe circa 80 centimetri. Complessivamente il Tempio A ha una forma quadrata. L'ingresso era a sud-est, di cui è stata conservata una lastra di pietra scolpita che un tempo apparteneva a una porta. Tre dei pilastri hanno rilievi. Ci sono cinque rappresentazioni di serpenti sul fronte, che hanno dato all'intero complesso il nome di “edificio del pilastro del serpente”. In basso c'è una piccola rappresentazione di un animale a quattro zampe. Il pilastro 2 ha una rappresentazione in altorilievo di un bucrano sul dorso. Sul lato di questo pilastro rivolto verso la stanza c'era poi un gruppo di animali composto da un toro, una volpe e una gru. Questo tempio non è stato ancora completamente scavato. In particolare, il pavimento non è ancora stato raggiunto.
Rettile visto dall'alto
  • Tempio B (edificio del pilastro della volpe). Questo tempio presenta una coppia di pilastri centrali attorno ai quali erano disposti concentricamente diversi pilastri collegati da mura. Il diametro dell'edificio è di 9 metri in direzione est-ovest e da 10 a 15 metri in direzione nord-sud. I due pilastri centrali erano orientati in direzione nord-sud e all'interno dei loro pozzi hanno ciascuno una rappresentazione in altorilievo a grandezza naturale di una volpe, motivo per cui a questo edificio è stato anche dato il nome di "edificio del pilastro della volpe". Questi due pilastri si trovavano in un pavimento a terrazzo in cui una ciotola di pietra era posta davanti al pilastro 9, a cui un piccolo canale conduceva dall'esterno. Le altezze dei singoli pilastri variano considerevolmente, un argomento a favore dell'ipotesi che la struttura non fosse coperta. A parte i due pilastri centrali, solo altri due pilastri sono provvisti di rilievi. Un bassorilievo è stato apposto sulla superficie posteriore che presumibilmente mostra un rettile dall'alto.
Tempio C
  • Tempio C (Casa dei Cinghiali). Questo tempio si compone di quattro cerchi concentrici intorno a una coppia di pilastri centrali e ha un diametro totale di oltre 30 metri. Tuttavia, gli anelli del muro non furono creati contemporaneamente, ma furono gradualmente tirati su dall'esterno verso l'interno, rendendo l'interno del complesso almeno due volte più piccolo. Nove pilastri a T furono scoperti nell'anello interno del muro, sebbene debbano essere esistiti alcuni pilastri aggiuntivi che furono ad un certo punto rimossi probabilmente dai contadini. Finora sono stati trovati quattro pilastri del secondo anello di mura. Le rappresentazioni di questa struttura sono dominate dai cinghiali. Il pilastro 23, che fa parte dell'anello murario centrale, ha una rappresentazione quasi a grandezza naturale della testa di un cinghiale sul lato sinistro del pozzo. Il pilastro 12 del muro centrale mostra una decorazione particolarmente ricca. Vi sono cinque uccelli simili a papere davanti a uno schema a rete. Al di sotto, sul pilastro, c'è un potente cinghiale e sotto l'immagine della volpe. All'altezza del collo della volpe si trovava un pavimento in terrazzo, che, come mostra la parziale copertura del rilievo, deve appartenere alla fase di costruzione più recente del complesso. Lo stato di conservazione di questo tempio è relativamente scarso. La devastazione è grosso modo databile alla fine del neolitico pre-ceramico sulla base di alcuni frammenti rinvenuti nella fossa.
Rappresentazioni del tempio D
  • Tempio D. Il tempio D è il più grande, i meglio conservato e più riccamente progettato. Ha una pianta ovale con un diametro interno massimo di 20 metri. I suoi pilastri centrali sono alti più di 5 metri, quindi sporgono sui pilastri in un cerchio di almeno un metro. Il pilastro 20 fu danneggiato nell'età della pietra e ha tre rilievi sul petto del fusto raffiguranti il serpente, il toro e la volpe. Il pilastro 21 ha un rilievo quasi a grandezza naturale della testa di una gazzella sul lato sinistro, sotto il quale c'è un rilievo di un onagro e un grosso gatto. Sul lato destro sono mostrati due ragni o insetti, ma sono mal lavorati. Il pilastro 20 mostra una volpe sul lato sinistro dell'asta, un serpente sul petto e probabilmente una lepre sul lato destro. Il lato interno ha un programma di immagini particolarmente ricco, mentre la maggior parte degli altri pilastri non presenta decorazioni. Le immagini non sono più visibili nella zona superiore, ma sotto ci sono serpenti, segni H, un insetto, un ragno e una pecora. Il pilastro 38 reca un totale di sei raffigurazioni di animali, incluso un toro sulla faccia. Le altre rappresentazioni sono quelle di una volpe, un cinghiale e tre uccelli. Ci sono anche raffigurazioni di un bucrano e, sul lato opposto, di un uccello simile a un ibis.
  • 1 Museo.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]

  • 1 Caffetteria.


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Göbekli Tepe
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Göbekli Tepe
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.