Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Cefalà Diana
Cefalà Diana
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Italia
Reddot.svg
Cefalà Diana
Sito istituzionale

Cefalà Diana è una città della Sicilia.

Da sapere[modifica]

Cenni storici[modifica]

L'attuale paese si trova in una zona abitata sin dall'età romana, frequentata nell'epoca bizantina, citato da Idrisi Nell'Impero bizantino, tuttavia, è importante ricordare che il termine kefalades/ΚΕΦΑΛΑΔΕΣ/ Κεφαλάδες (plurale di kefalàs/ΚΕΦΑΛΑ) era anche un appellativo attribuito agli arconti nobili militari, probabilmente per sottolineare il loro ruolo di capi o comandanti dell'esercito - un po' come noi usiamo il termine capoccia nel senso di capo: in questo senso, allora, non è escluso che alcune di queste famiglie abbiano effettivamente un legame con un kefalàs bizantino, soprattutto se si considera che diverse famiglie erano legate ai ranghi nobili militari della Grecia medievale (così come dell'Albania). Chefalà è il cognome di una nobile famiglia greca. Prima di concludere, ad ogni modo, va aggiunta un'ultima ipotesi riguardo ai in questione (soprattutto nel caso di Cefalà): osservando la toponomastica greca, va notato che diversi toponimi greci contengono la radice Kefal- - ad esempio l'isola di Kefalonia e il villaggio cretese di Kefalas, in questo senso, non si può escludere una derivazione dalla toponomastica greca bizantina.

Nel XII secolo divenne feudo, fondato dai normanni che costruirono il castello; mentre nel XIV secolo la zona si spopolò a causa di una epidemia di peste.

Nel 1329 il castello entrò a far parte del sistema difensivo dei Chiaramonte. Vent'anni dopo, il castello venne attaccato dai palermitani come reazione contro le razzie di un gruppo di catalani che lì aveva trovato rifugio, e venne in seguito utilizzato come magazzino.

Nel 1406 la baronia venne concessa agli Abbatellis, cui venne confiscata nel 1503 dopo la ribellione degli ultimi membri della famiglia.

Nel XVIII secolo i Diana, divenuti duchi di Cefalà nel 1684, fondarono il villaggio di Cefalà Diana.

Come orientarsi[modifica]

Piazza Umberto I

Il cuore della città è rappresentato da Piazza Umberto I.

Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Chiesa di San Francesco di Paola
Castello di Cefalà Diana
  • 37.91547513.4631261 Chiesa di San Francesco di Paola, Piazza Umberto I, 19.
  • 37.91733213.468542 Castello di Cefalà Diana, Via Mons. Castrense la Barbera. È un edificio normanno risalente al XII secolo (la zona in cui sorge viene ricordata nel 1121 come viam castelli cognomento Cephalas), costituito da un grande donjon fortificato, e posto in cima a Pizzo Chiarastella (670 m s.l.m.).
  • Fortezza Al Kazan, Pizzo Parrino.
Bagni di Cefalà Diana
  • 37.93037213.4724723 Bagni di Cefalà Diana (a circa 2 km a nord-nordest del comune di Cefalà Diana). Visto dall'esterno, l'edificio ha la forma di un semplice cubo con pareti destrutturate. È diviso in due ambienti di dimensioni diseguali da un triplo arco a sesto acuto poggiante su due colonne con capitelli corinzi. Nella più grande delle due aree, tre bacini sono incassati nel pavimento. Le vasche erano alimentate da sorgenti calde e fredde situate nelle vicinanze. Non è ancora chiaro se vi fosse uno stabilimento termale al tempo della dominazione araba in Sicilia o se sia stato costruito sotto i Normanni . Bagni di Cefalà Diana su Wikipedia Bagni di Cefalà Diana (Q799941) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Itinerari[modifica]


Altri progetti

CittàBozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.