Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Francia > Francia centrale > Alvernia

Alvernia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Alvernia
Puy de Dôme du Plateau de Gergovie.jpg
Localizzazione
Alvernia - Localizzazione
Stemma e Bandiera
Alvernia - Stemma
Alvernia - Bandiera
Stato
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito del turismo
Sito istituzionale

Alvernia (Auvergne, in occitano Auvèrnhe/Auvèrnha) è una regione della Francia, nella zona del Massiccio Centrale.

Da sapere[modifica]

L'Alvernia prende nome dai celti Arverni.

Cenni geografici[modifica]

Il paesaggio regionale varia molto, alternando continuamente valli, montagne, pascoli e foreste. Gran parte della regione si estende sul Massiccio centrale; quasi un sesto della superficie totale della Francia.

La parte settentrionale della regione (l'Allier) è un paese di colline. Il territorio regionale nel mezzo è tagliato in due sempre in direzione nord-sud da una pianura, la valle dell'Allier. Ad Ovest degl'altopiani occidentali dominano la valle della Sioule e la riva sinistra della Dordogna superiore, mentre a est degli altopiani orientali, ci sono le terre del Forez, della Margeride e del Livradois.

Nel Massiccio dei Monts Dore sorge il Puy de Sancy, il punto più elevato dell'Alvernia (1886 m). Inoltre sono circa una dozzina le vette oltre i 1600 m.

Il fiume più importante che scorre in Alvernia è l'Allier mentre il lago naturale più grande dell'Alvernia e il Lago d'Aydat,

Cenni storici[modifica]

L'Alvernia storica come si presentava nel XVIII secolo, corrisponde all'incirca alla zona che comprende i dipartimenti del Cantal, Puy-de-Dome, e una piccola parte del dipartimento dell'Alta-Loira e il sud dell'Allier.

Lingue parlate[modifica]

Ci sono due lingue autoctone nella regione Alvernia:

  • Lingua occitana o d'oc si parlar in quasi tutta la regione, di solito in forma di alverniate (o in forma Vivaro-alpino a Yssingeaux e linguadociano a Aurillac).
  • Lingua francese o Langue d'oïl, in una forma dialettale parlata nella metà settentrionale del Borbonese (dipartimento dell'Allier), verso Moulins.

Letture suggerite[modifica]

  • CHAMBON Jean-Pierre, & OLIVIER Philippe (2000) “L'histoire linguistique de l'Auvergne et du Velay: notes pour une synthèse provisoire”, Travaux de linguistique et de philologie 38: 83-153
  • DAHMEN Wolfgang (1985) Étude de la situation dialectale dans le Centre de la France: un exposé basé sur l'‘Atlas linguistique et ethnographique du Centre', Paris: CNRS


Territori e mete turistiche[modifica]

È composta da 4 dipartimenti:

Centri urbani[modifica]

  • Clermont-Ferrand — Capoluogo della regione e centro mondiale dell'industria degli pneumatici (Michelin), sede di Università e vescovile. È patria di Blaise Pascal insigne matematico e filosofo del '600.
  • Aubusson-d'Auvergne — Situato nel dipartimento del Puy-de-Dôme.
  • Aurillac — Anticamente capitale dell'Alvernia e oggi capoluogo del dipartimento del Cantal, ha un bel centro storico che attornia l'abbazia di St. Gerard fondata nel sec. X e ricostruita interamente dopo la distruzione subita alla metà del Seicento. Notevole la "Madonna nera" della chiesa di Notre Dame de Neiges, statua lignea del XVII secolo. In un'ala del castello di St. Etienne è il "Museo dei vulcani" con una interessante collezione di minerali e sale di esposizione sul fenomeno del vulcanismo.
  • Besse — Situato nel dipartimento del Cantal.
  • Le Mont-Dore — Rinomata stazione termale già nota ai Romani ed anche stazione di sport invernali in una cerchia di monti del massiccio di Mont Dore. Una funivia porta al Salon du capucin (1286 m) e da qui, salendo per un sentiero, si raggiunge il Pic du Capucin (1463 m) dal quale sono visibili la Dordogna e la catena dei Puys. Nei dintorni a 4 km c'è il Pied du Sancy da dove una funivia porta alla più alta vetta della Francia centrale il Puy de Sancy (1885 m) da cui il panorama spazia sull'Alvernia fino alle alpi del Delfinato, a 7 km si trova La Bourboule frequentata stazione idrominerale sulla Dordogna.
  • Le Puy-en-Velay — Capoluogo del dipartimento dell'Alta Loira e sede vescovile, è una pittoresca cittadina sovrastata da enormi picchi vulcanici (i puys). È rinomata per le sue chiese, mete di pellegrinaggi e per l'artigianato del ricamo.
  • Montluçon — Comune situato nel dipartimento dell'Allier.
  • Moulins — Capoluogo del dipartimento dell'Allier, già borgo medioevale ha preso il nome dai numerosi mulini presenti un tempo sul fiume Allier. Fu capitale del ducato di Borbone fino alla metà del sec. XVI. Di rilievo la Cattedrale di Notre Dame di stile gotico fiammeggiante del 1468-1507 con all'interno la venerata statua lignea della "Madonna nera" e in sagrestia i due famosi trittici: uno della fine del XV secolo considerato un capolavoro dei primitivi francesi, ha al centro la Madonna in trono tra angeli e sulle ante i committenti Pietro II di Borbone e Anna di Beaujeu: è opera di un artista ignoto detto Maestro di Moulins. Il Musée du Folklore è dedicato al folclore del Bourbonnais con ricostruzione di ambienti, costumi e raccolte iconografiche.
  • Saint-Flour — è un antico borgo fortificato di 7600 abitanti situato su una colata di lava ha la bella cattedrale di St. Pierre et St. Flour costruita su pietra basaltica nera dell'Abbazia di Cluny nel sec. XI, e il castello di Pesteil con torrione del Trecento.
  • Saint-Nectaire — stazione idrominerale, ospita la bella chiesa romanica di St. Nectare (sec. XII), in parte rifatta nel XIX secolo, della quale è interessante anche il ricco "Tesoro".
  • Salers — cittadina medioevale con mura antiche e notevoli edifici che si affacciano sulla Grande Place.
  • Tournemire — Situato nel dipartimento del Cantal.
  • Vichy — Posta ai margini settentrionali dell'Alvernia sul fiume Allier è una moderna cittadina termale di fama mondiale che, durante l'occupazione tedesca dal 1940 al 1944, fu sede del governo collaborazionista francese del maresciallo Petain. È dotata di parchi, viali, alberghi e il Grand Etablissement Thermal del 1903, il più grande d'Europa che sfrutta acque bicarbonate, clorure e solfate note dal tempo dei Romani per la cura dell'apparato digerente e del sistema circolatorio.

Altre destinazioni[modifica]

  • Puy de Dôme — Cono vulcanico a quota 1465 m sacro ai Romani, dei quali sono i resti di un tempio a Mercurio, e ai Galli. Imponente la cattedrale di Notre Dame, chiesa in posizione dominante raggiungibile con una monumentale scalinata, meta fin dal Medioevo di pellegrinaggi alla "Madonna nera".


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'Aeroporto di Clermont-Ferrand Auvergne ospita l'hub regionale di Air France e nel 2003 ha superato il tetto di un milione di passeggeri all'anno.

Altri aeroporti che servono la regione sono: l'Aeroporto d'Aurillac nel dipartimento di Cantal e l'Aeroporto di Montluçon Guéret, quest'ultimo però si trova nel dipartimento della Creuse nella vicina regione del Limosino.

In auto[modifica]

Il completamento della costruzione degli assi autostradali nord-sud (Parigi-Montpellier-Spagna) ed est-ovest (Bordeaux-Lione-Ginevra, le autostrade A71, A75 e A89), s'incrociano a Clermont-Ferrand, permettono adesso di collegare tutte le grandi metropoli nazionali.


Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

La qualità delle strade è eccellente su tutte la reti nazionali e dipartimentali.

In treno[modifica]

Dal 1º gennaio 2002, la regione gestisce il servizio TER servizio in virtù di un accordo con SNCF.I servizi nei sobborghi di Clermont sono stati aumentati in misura significativa (il tasso è di un treno ogni 15 minuti nella prima corona).


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti