Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Itinerari > Un paesaggio di pietra

Un paesaggio di pietra

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Un paesaggio di pietra è un itinerario che si svolge prevalentemente lungo la ciclabile che collega Malesco a Druogno in Val Vigezzo.

Introduzione[modifica]

Questo itinerario lineare, con dislivello limitato, consiste in un tragitto a mezzacosta che permette di ammirare il paesaggio della Val Vigezzo terra d'elezione per la produzione di pietra ollare. Il percorso previsto (sola andata) è lungo circa 7,7 km; si può tornare percorrendo il medesimo traggito fatto all'andata o usando il collegamento ferroviario tra le stazioni di Druogno e Malesco.

Preparativi[modifica]

Il percorso non presenta particolari difficoltà e può essere affrontato a piedi o in bicicletta. Nel secondo caso si può usare il servizio di bike sharing che permette di prendere la bici alla stazione di Malesco e restituirla a quella di Druogno (o viceversa).

Dove iniziarlo[modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Come arrivare a Malesco.

L'itinerario può iniziare da qualsiasi punto di Malesco. Qui descriviamo il percorso a partire dalla piazza della fontana del basilisco.

Come arrivare a Malesco.

Tappe[modifica]

  • 1 Fontana del basilisco (punto di partenza)
  • 2 Chiesa parrocchiale dei Santi Apostoli Pietro e Paolo
  • 3 Oratorio di San Bernardino da Siena
  • 4 Antico lavatoio di
  • 5 Ecomuseo
  • 6 Biblioteca di Druogno (punto di arrivo)

Si parte dalla piazza della fontana del basilisco, di fronte a cui i possono ammirare il lato sinistro della chiesa parrocchiale dei santi apostoli Pietro e Paolo e la facciata dell'oratorio di san Bernardino da Siena; dietro a quest'ultimo si trova l'edificio che racchiude l'antico lavatoio ora utilizzato come luogo espositivo.

Si esce dalla piazza della chiesa seguendo la strada principale tenendo sulla destra i due edifici religiosi, giunti al primo incrocio si svolta a sinistra in via Trabucchi. A metà circa della via, sulla sinistra, si trova l'ex-ospedale che dà il nome alla via ed è ora sede dell'Ecomuseo Ed Leuzerie e di Scherpelit. Si prosegue per altri 200 metri e si gira a sinistra in via Mellerio giungendo in piazza Sostine da cui si prende via dei Monti. Superato il ponticello sul torrente, si gira a destra e dopo circa 200 metri si imboccala ciclabile che prosegue fino a Druogno.

Arrivati a Druogno, nei pressi della casa vacanza si attraversa la ferrovia e, svoltando a sinistra, si passa di fronte alla stazione. Da qui si prosegue lunga la ciclabile che termina sulla statale. Fatti gli ultimi duecento metri sulla statale si arriva alla biblioteca di Druogno dove si chiude il percorso.

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.