Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Paliki
Spiaggia di Mania sul litorale di Paliki, (Lixouri)
Localizzazione
Paliki - Localizzazione
Stato
Regione
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale

Paliki (Παλική in greco) è il nome della zona occidentale di Cefalonia

Da sapere[modifica]

La selvaggia costa occidentale nelle vicinanze del monastero dei frati ortolani. Paliki, Lixouri
La spiaggia di Xi, detta la rossa per via del suo colore

Non molto battuta dai turisti e con scarse strutture turistiche, Paliki ha un carattere autentico e paesaggi diversi dal resto dell'Isola dominati da terreni carsici che producono uve da cui si ricava un ottimo vino.

Cenni storici[modifica]

Paliki tra il suo nome dall'antica città di Pali, probabilmente una colonia di Corinto che serviva da scalo intermedio sulla rotta tra la madrepatria e le ricche colonie di Sicilia. Gli scavi nella zona dove sorgeva questa antica città hanno rinvenuto utensili di epoca minoica e monete corinzie ma niente di eccezionale.

Recenti studi da parte di Autori britannici (Bittlestone e Underhill) ritengono che essa anticamente fosse separata dal resto dell'isola e credono perciò di doverla identificare con la Itaca omerica. L'ipotesi ritenuta altamente probabile dagli autori dello studio è che la penisola fosse appunto un'isola a sé stante 3000 anni fa. Gli eventi geologici successivi finirono poi per unirla a Cefalonia, mascherando quella che dovette essere l'isola descritta da Omero nell'Odissea. Bittlestone e Underhill hanno condotto studi geologici e geofisici molto ampi fra Cefalonia e Paliki soprattutto attraverso perforazioni nella parte meridionale dell'istmo che lega le due località. La presenza di fossili marini molto giovani ha confermato che smottamenti e frane possono aver riempito il canale marino che una volta separava due isole.

Territori e mete turistiche[modifica]

Centri urbani[modifica]

  • Chavriata — Poco oltre il precedente in posizione panoramica sul mar Ionio
  • Lixouri — Il centro più importante. È situata di fronte Argostoli alla quale è collegata da un andirivieni di traghetti.
  • Mantzavinata — Un paese florido prima del terremoto del 1953 ed oggi abitato da appena 200 anime. A 4 km da Lixouri. Vi si tiene ancora un festival del vino a settembre.

Altre destinazioni[modifica]

  • Atheras (Αθέρας) — Atheras è un minuscolo e remoto villaggio di appena 200 abitanti sul tratto di costa settentrionale di Paliki. A 3 km dall'abitato sta una profonda e stretta baia con una spiaggia circondata da scogliere e con l'isolotto di Averonissi al largo dove vi si rifugiano gabbiani ed altre specie di uccelli marini.
  • Kounopetra (letteralmente: Lo scoglio dondolante) — Un grosso scoglio che si muoveva continuamente prima del violento terremoto del 1953. In seguito al sisma subì uno spostamento e cessò il suo movimento.
  • Lepeda — Una spiaggia a sud di Lixouri con un piccolo monastero.
  • Petani (Πετανοί) — Una spiaggia solitaria, bella e incontaminata, per quanto le sue acque siano un pizzico freddine. È raggiungibile da Lixouri tramite una strada stretta e tortuosa soprattutto nell'ultimo tratto. Non ha alberghi, solo una taverna ma è comunque frequentata e molto amata da giovani un po' snob che ogni anno vi piantano le loro tende.
  • Xi — Questa spiaggia dal caratteristico color rosso costituisce il principale centro turistico di Paliki grazie a un grande albergo di categoria superiore che la sovrasta. Tende ad essere molto affollata nel fine settimana quando allegre combriccole di locali si mescolano ai turisti stranieri. Oltre il promontorio roccioso che la delimita si trovano altre spiaggette isolate dove vi si pratica il nudismo, il che spiega la popolarità di Xi, la rossa.


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • Monastero dei frati ortolani (Monì Kipurèon Μονή Κηπουραίων). Può costituire meta di un'escursione di poche ore da Lixouri. Il monastero si trova al termine di una strada asfaltata non particolarmente comoda e su un tratto di costa deserto ma suggestivo. Il monastero è chiuso per mancanza di vocazioni. Ammesso che si riesca a trovare il sentiero che conduce alla riva del mare, bisognerebbe comunque evitare la balneazione per via delle impetuose correnti che rendono pericoloso questo tratto del Mar Ionio.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti