Vai al contenuto

Da Wikivoyage.

Palermo ovest
(Palermo)
Parco della Zisa
Stato
Regione
Territorio

Palermo ovest è un distretto della città di Palermo.

Da sapere[modifica]


Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

  • Altarello
  • Boccadifalco
  • Borgo Nuovo
  • Cruillas-San Giovanni Apostolo
  • Cuba-Calatafimi
  • Mezzomonreale-Villatasca
  • Montegrappa-Santa Rosalia
  • Noce
  • Resuttana-San Lorenzo
  • Uditore-Passo di Rigano
  • Zisa

Frazioni[modifica]

  • Baida
  • Boccadifalco


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]

In tram[modifica]

  • 38.12821213.3278711 Parco Uditore, Viale Leonardo da Vinci. Tram 2 e 3
  • 38.12730213.3240062 Beato Angelico, Viale Leonardo da Vinci. Tram 2 e 3
  • 38.12680313.3180713 Ruggeri, Viale Leonardo da Vinci. Tram 2 e 3
  • 38.1268113.313364 Casalini, Viale Leonardo da Vinci. Tram 2 e 3
  • 38.1265713.309825 Campo Ribolla, Viale Leonardo da Vinci. Tram 2 e 3
  • 38.12624913.3047476 Michelangelo - Castellana, Viale Leonardo da Vinci. Tram 2 e 3
  • 38.12627113.2990947 Modica, via Modica. Tram 2
  • 38.1292813.2989988 Piazza Santa Cristina, via Modica. Tram 2
  • 38.12987313.2936099 Piazza Amerina/san Paolo, viale Piazza Armerina (capolinea). Tram 2
  • 38.13111313.30463310 Michelangelo, viale Michelangelo. Tram 3
  • 38.134413.3095411 CEP, via Filippo Paladini (capolinea). Tram 3
  • 38.12738113.32933912 Einstein, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.12394113.3289613 Di Giorgi - Di Blasi, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.12309313.32932514 Settembrini - Di Blasi, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.12080813.32882315 Perpignano est/ovest, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.11586613.32913416 Emiri est/ovest, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.11370513.32964417 Portello - Zisa, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.11083513.32981518 Pitré est/ovest, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.10736513.33034619 Pagano - La Loggia, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.10679513.3299620 Uscibene, Viale Regione Siciliana. Tram 4
  • 38.10415913.32952321 Pollaci - Calatafimi, Viale Regione Siciliana (capolinea). Tram 4


Cosa vedere[modifica]

Villino Florio
  • 38.11961113.3435831 Villino Florio, Viale Regina Margherita, 38 (Nei pressi del castello della Zisa), +39 091 702 5471. Gratis. Mar-Dom 9:00-13:00. Realizzato in stile liberty tra il 1899 e il 1902 dall’architetto Ernesto Basile per la famiglia Florio. L’interno presenza pregevoli soluzioni curve nei decori e nell’eclettismo delle forme. Nel 1962 a seguito di un incendio doloso venne distrutto il piano terra e perduti i decori originali. Oggi la villa è visitabile ma gli interni sono privi di mobilia originale e molte parti sono ricostruite concedendo un’idea del suo antico splendore. Villino Florio su Wikipedia Villino Florio (Q4012961) su Wikidata
Parco della Favorita
  • 38.16222213.3377782 Parco della Favorita (Real tenuta della Favorita), Viale Ercole. È il parco cittadino più esteso della città e si trova all'interno della Riserva naturale orientata Monte Pellegrino. Il parco venne creato nel 1799 da Ferdinando III di Borbone come luogo agricolo e per riserva di caccia. All’interno si possono percorrere diversi percorsi a piedi o in bicicletta. Parco della Favorita su Wikipedia parco della Favorita (Q775878) su Wikidata
  • 38.10559513.3228883 Qanat Gesuitico Alto, Fondo Micciulla, 25 (Dalla stazione centrale navetta gratuita o bus 109 fino alla fermata Piazza Indipendenza, cambio bus 309 o 389 fino alla fermara Calatafimi-De Filippo. Proseguire a piedi su via Titina De Filippo fino a via Nave. Dal Politeama bus 104 o 108 fino alla fermata Piazza Indipendenza, cambio bus 309 o 389 fino alla fermara Calatafimi-De Filippo. Proseguire a piedi su via Titina De Filippo fino a via Nave), +39 3498478288, +39 091329407. 10€ (dic 2020). su prenotazione, Lun-Ven 19:00 in poi. Il Qanat è un sistema di trasporto idrico di origine persiana. Lungo tutto il cunicolo, alto generalmente 1,55 metri e largo 0,60-0,80 metri, si aprono sulla volta dei pozzi che consentivano l'accesso al cunicolo e per la ventilazione. La pendenza di tali cunicoli varia tra il 4 e il 6 per mille, esso è visibile per circa 1100 metri. Il Qanat è stato in parte ampliato ad opera dei gesuiti che erano i proprietari dei fondi sovrastanti.
La Zisa
Nicchia della sala principale con fontana e Muqarnas.
  • unesco 38.11666713.3411114 Castello della Zisa (Museo d'Arte islamica), Piazza Zisa (Dalla stazione centrale bus 124 fino alla fermata L'Emiro-Guerrazzi. Dal Politeama bus 124 fino alla fermata L'Emiro-Guerrazzi o bus 106 fino alla fermata Piazza Principe di Camporeale.). Intero 6€, ridotto 3€ (dic 2020). Mar-Sab 9:00-19:00, Dom e festivi 9:00-13:30. Il palazzo della Zisa sorgeva fuori le mura della città di Palermo, all'interno del parco reale normanno, il Genoardo (dall'arabo Jannat al-arḍ ovvero "giardino" o "paradiso della terra"), che si estendeva con splendidi padiglioni, rigogliosi giardini e bacini d'acqua da Altofonte fino alle mura del palazzo reale. Le prime notizie dell’edificio risalgono al 1165 esso venne completato nella costruzione nel 1175. Nel 1806, la Zisa pervenne ai Principi Notarbartolo, che ne fecero propria residenza effettuando diverse opere di consolidamento, quali il risarcimento di lesioni sui muri e l'incatenamento degli stessi per contenere le spinte delle volte. Venne trasformata la distribuzione degli ambienti mediante la costruzione di tramezzi, soppalchi, scalette interne e nel 1860 fu ricoperta la volta del secondo piano per costruire il pavimento del padiglione ricavato sulla terrazza. Nel 1955 il palazzo fu espropriato dallo Stato, ed i lavori di restauro, iniziati immediatamente, vennero poco dopo sospesi. Dopo un quindicennio d'incuria ed abbandono nel 1971 l'ala destra, compromessa strutturalmente dai lavori e dagli interventi di restauro, crollò. Solo nel 1991 l’edificio riaprì a fronte di una ricostruzione delle parti crollate e la creazione del museo d’arte islamica.
    Il palazzo, concepito come dimora estiva dei re, rappresenta uno dei migliori esempi del connubio di arte e architettura normanna con ambienti tipici della casa normanna(compresa la doppia torre cuspidata) e decorazioni e ingegnerie arabe per il ricambio d'aria negli ambienti. Si tratta, infatti, di un edificio rivolto a nord-est, cioè verso il mare per meglio captare attraverso i tre grandi fornici della facciata e la grande finestra belvedere i venti che venivano inumiditi dal passaggio sopra la grande peschiera antistante il palazzo e la presenza di acqua corrente all'interno della Sala della Fontana che dava una grande sensazione di frescura.
    La Zisa su Wikipedia La Zisa (Q1000054) su Wikidata
Villa Napoli - parete laterale con archi normanni
Villa Napoli - facciata
  • 38.10619713.3342325 Villa Di Napoli (Villa Napoli, Cuba soprana), via Francesco Speciale, +39 0917071425. Non visitabile. Questa villa seicentesca è stata costruita su un preesistente edificio normanno. Se di per sé la villa risulta interessante per il suo stile architettonico prettamente siciliano, è ancor più interessante conoscere l'edificio più antico. Se si accede all'interno del giardino (purtroppo normalmente chiuso) si ha la possibilità di vedere la parete est che mostra ancora le arcate tamponate dell'antico edificio normanno. Questo infatti era la cosiddetta Cuba soprana circondata da un vasto lago di acqua e da un immenso giardino di cui faceva parte anche la Cubola. L'edificio era molto simile a quello della Cuba ed era una residenza di caccia del re che in quest'area di Palermo trovava riparo. L'edificio è attualmente in abbandono e ha subito per anni furti e spoliazioni delle parti pregiate. Ad oggi si attende un restauro e un ripristino dell'area del giardino. Villa Di Napoli su Wikipedia Villa Di Napoli (Q16621364) su Wikidata
Cubula
  • 38.10656913.3369256 Cubula (Piccola Cuba), Via di Villa Napoli (All'interno del giardino di Villa Napoli. Dalla stazione centrale metro linea A fino alla fermata Palazzo Reale-Orleans o navetta gratuita o bus 109 fino alla fermata Piazza Indipendenza. Quindi cambio con bus 389 o 309 fino alla fermata Calatafimi-Marinuzzi. Dal Politeama bus 104 o 108 fino alla fermata Piazza Indipendenza. Quindi cambio con bus 389 o 309 fino alla fermata Calatafimi-Marinuzzi), +39 0917071425. Non visitabile. Questo piccolo edificio risale al 1184 e venne realizzato da architetti fatimidi su richiesta del re Guglielmo II di Sicilia come parte del giardino della Cuba soprana. Ha una pianta quadrata sormontata da una cupola circolare e archi ogivali a conci regolari a tre ghiere leggermente incassate. Il monumento è in attesa di essere inserito nell'Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale come Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco. Cubula su Wikipedia Cubula (Q1142978) su Wikidata
Castello della Cuba
  • 38.10777813.34257 Palazzo della Cuba (Castello della Cuba, Cuba sottana), Corso Calatafimi, 100 (Dalla stazione centrale metro linea A fino alla fermata Palazzo Reale-Orleans o navetta gratuita o bus 109 fino alla fermata Piazza Indipendenza. Quindi cambio con bus 389 o 309 fino alla fermata Calatafimi-Tukory), +39 0916391111, +39 091 81015, +39 091 81011, +39 091 091590299. Intero 2 €, ridotto 1€ (19-25 anni), gratis sotto i 18 anni. Ingresso libero per gli appartenenti alle facoltà di lettere e filosofia, storia dell’arte e architettura muniti di tesserino di riconoscimento. Il biglietto permette la visita della Necropoli Punica. Lun-Sab 9:00-19:00. Ogni prima domenica del mese 9:00-13:30. La Cuba fu costruita nel 1180 per il re Guglielmo II. L'uso originale era di padiglione di delizie, ossia di un luogo in cui il Re e la sua Corte potevano trascorrere ore piacevoli al fresco delle fontane e dei giardini di agrumi, riposandosi nelle ore diurne o assistendo a feste e cerimonie alla sera. Le notizie sul committente e sulla data sono note grazie all'epigrafe posta sul muretto d'attico dell'edificio. La parte del committente fu ritrovata nel XIX secolo scavando ai piedi della Cuba:
    « [Nel] nome di Dio clemente e misericordioso. Bada qui, fermati e mira! Vedrai l'egregia stanza dell'egregio tra i re di tutta la terra Guglielmo II re cristiano. Non v'ha castello che sia degno di lui ... Sia lode perenne a Dio. Lo mantenga ricolmo e gli dia benefici per tutta la vita. »
    Nei secoli successivi, il lago fu prosciugato e sulle rive furono costruiti dei padiglioni, usati come lazzaretto dalla peste, come alloggio per una compagnia di mercenari borgognoni ed infine proprietà dello Stato nel 1921. Negli anni '80 comincia il restauro. L'edificio ha forma rettangolare, al centro di ogni lato sporgono quattro corpi a forma di torre. Il corpo più sporgente costituiva l'unico accesso al palazzo dalla terraferma. I muri esterni sono ornati con arcate ogivali e nella parte inferiore si aprono alcune finestre separate da pilastrini in muratura. Al centro dell'ambiente interno si vedono i resti di una splendida fontana in marmo, mentre la sala centrale era abbellita da muqarnas. Proprio alla Cuba, tra le acque e gli alberi che la circondavano, Boccaccio ambientò la sesta novella della quinta giornata del suo Decameron. Proprio alla Cuba, tra le acque e gli alberi che la circondavano, Boccaccio ambientò la sesta novella della quinta giornata del suo Decameron. È la vicenda d'amore tra Gian di Procida e Restituta, una ragazza bellissima di Ischia rapita da "giovani ciciliani" per offrirla in dono al allora re di Sicilia: Federico III di Sicilia.
    Palazzo della Cuba su Wikipedia Palazzo della Cuba (Q532823) su Wikidata
  • 38.10861113.3458 Necropoli punica di Palermo, Corso Calatafimi 100, +39 0916391111, +39 091 81015, +39 091 81011, +39 091 091590299. Gratis. Da gennaio 2020 aperta i lunedì di prima e terza settimana, 9:00-13:00, su prenotazione. In caso di giornata festiva apertura nella seconda e quarta settimana. Necropoli punica di Palermo su Wikipedia necropoli punica di Palermo (Q3874168) su Wikidata
Santissima Trinità alla Zisa
  • 38.11745613.3410569 chiesa della Santissima Trinità alla Zisa (Cappella palatina della Zisa), Via G. Whitaker, 42 (Accanto all'ingresso del Palazzo della Zisa). L'edificio risale al 1175 e divenne una cappella privata voluta da Guglielmo I di Sicilia, accessibile tramite un antico passaggio dal Palazzo della Zisa. L'edificio subirà delle trasformazioni con l'inserimento di una chiesa successiva che renderà l'antico impianto adibito a sacrestia. Nella parte orientale della costruzione più antica è presente una cupola che poggia su un tamburo interno ottagonale formato dall'alternanza di monofore e nicchie strombate, raccordato alle pareti da muqarnas. Nella parte superiore della parete opposta all'altare si trovano due finestre dove si pensa che i sovrani si affacciassero per assistere alla messa. Chiesa della Santissima Trinità (Palermo) su Wikipedia cappella della Santissima Trinità alla Zisa (Q1034847) su Wikidata
Castello dell'Uscibene
  • 38.10666713.32833310 Castello dell'Uscibene (Palazzo Scibene o palazzo dello Scibene), Via Nave, 6 (Dal porto bus 107 dalla fermata Crispi-Scinà (lato valle) fino alla stazione Giachery. Poi metro B fino alla fermata Notarbartolo. Dalla stazione Notarbartolo tram linea 4 fino alla fermata Uscibene. Dalla stazione centrale metro linea A fino alla fermata Notarbartolo. Dalla stazione Notarbartolo tram linea 4 fino alla fermata Uscibene. Dal Politeama bus 102 dalla fermata Piazza Sturzo fino alla fermata Piazza Boiardo. Dalla stazione Notarbartolo tram linea 4 fino alla fermata Uscibene). Non visitabile. La sua costruzione sarebbe databile secondo alcune interpretazioni tra il 1130 ed il 1154 in pieno periodo ruggeriano, ma è anche possibile che la sua costruzione sia ritardabile di alcuni decenni. Si tratta di un luogo di sollazzo estivo situato nella parte ovest della città, probabilmente venne abitato da alcuni arcivescovi palermitani. Il monumento è il frutto di una storia stratificata di trasformazioni e di restauri che lo hanno interessato dall'Ottocento ad oggi. Al centro è presente una fontana simile a quella del castello della Zisa e si trova in una sala cruciforme, sono presenti anche delle piccole volte di tipo orientale. L'edificio è in totale stato di abbandono, stritolato (purtroppo) dalla vegetazione e dai detriti. Castello dell'Uscibene su Wikipedia Castello dell'Uscibene (Q2502474) su Wikidata
Acquedotto romano ai Cantieri della Zisa
  • 38.11727313.33998511 Acquedotto romano ai Cantieri della Zisa. Questo acquedotto romano è visibile dal cortile posteriore dei Cantieri della Zisa o dai tetti della Chiesa della Santissima Trinità alla Zisa. In epoca arabo-normanna venne utilizzato per portare l'acqua al palazzo della Zisa. Oggi è in stato di abbandono e non accessibile a causa della presenza di recinzioni di terreni privati.
Camera dello scirocco fondo Micciulla
  • 38.10859713.3243212 Camera dello scirocco fondo Micciulla, via Micciulla (quartiere Altarello). Questa camera dello scirocco è scavata nella roccia ed è posta quindi ad un livello basso rispetto al terreno. Venne costruito sul finire dell'Ottocento e qui le classi nobili trovavano refrigerio nelle giornate di caldo. Scesi i gradini si trova un ambiente circolare aperto con dei sedili naturali, qui è anche visibile l’ingresso a un qanat alimentato da fiume Gabriele. Questa struttura si trova all'interno di una superficie di circa due ettari che per lunghi anni è stato di proprietà di una famiglia mafiosa. Nel 1980 fu sequestrato dal giudice Giovanni Falcone e, dopo essere stato confiscato, venne assegnato agli scout che lo hanno recuperato dal degrado. Camera dello scirocco fondo Micciulla (Q103820625) su Wikidata
  • 38.11863713.3425913 Palazzo Wirz, Piazza Sacro Cuore.
  • 38.11820313.34058314 Cantieri Culturali della Zisa. Cantieri Culturali alla Zisa su Wikipedia cantieri Culturali alla Zisa (Q3655766) su Wikidata
  • 38.1072713.35023415 Fossa della Garofala, Viale delle Scienze.
  • 38.16486913.33428116 Villa Niscemi, . Villa Niscemi su Wikipedia villa Niscemi (Q16621503) su Wikidata
  • 38.12655613.33877817 Villa Alliata di Pietratagliata, Via Serradifalco. Villa Alliata di Pietratagliata su Wikipedia Villa Alliata di Pietratagliata (Q4011757) su Wikidata
  • 38.11681113.34264418 Giardino della Zisa. Giardino della Zisa su Wikipedia Giardino della Zisa (Q3763921) su Wikidata
  • 38.11833313.31305619 Ex Aeroporto di Palermo-Boccadifalco (aeroporto "Francesco e Giuseppe Notarbartolo" di Palermo-Boccadifalco). Ex aeroporto militare. Aeroporto di Palermo-Boccadifalco su Wikipedia Aeroporto di Palermo-Boccadifalco (Q1432299) su Wikidata
  • 38.1097513.35005620 Chiesa della Madonna dei Rimedi (convento dei Carmelitani Scalzi), piazza dell'Indipendenza. Chiesa della Madonna dei Rimedi su Wikipedia chiesa di Santa Maria dei Rimedi (Q2223083) su Wikidata
  • 38.11166713.33916721 Catacombe dei Cappuccini, . Convento e Catacombe dei Cappuccini (Palermo) su Wikipedia catacombe dei Cappuccini (Q1728834) su Wikidata
  • 38.11172213.33944422 Chiesa di Santa Maria della Pace. Chiesa di Santa Maria della Pace (Palermo) su Wikipedia chiesa di Santa Maria della Pace (Q2223101) su Wikidata
  • 38.10913913.35219923 Parco d'Orléans, Corso re Ruggero (adiacente a palazzo d'Orléans). Parco d'Orléans su Wikipedia parco d'Orleans (Q2052051) su Wikidata
  • 38.123313.341424 Villa Malfitano, Via Dante, 167, . Villa Malfitano su Wikipedia Villa Malfitano Whitaker (Q4012242) su Wikidata
  • 38.10949513.34591525 Albergo dei Poveri, Corso Calatafimi n. 217. Albergo dei Poveri (Palermo) su Wikipedia Albergo dei Poveri (Q3607965) su Wikidata
  • 38.1658813.3139126 Museo aptico di Sicilia. Museo aptico di Sicilia su Wikipedia Museo aptico di Sicilia (Q3867661) su Wikidata
  • 38.129713.327727 Parco Uditore. Parco Uditore su Wikipedia parco Uditore (Q16587097) su Wikidata
  • 38.112213.3385928 Cimitero dei Cappuccini, piazza Cappuccini. È stato realizzato a partire della metà del XIX secolo quando le nuove disposizioni sanitarie vietarono le sepolture nelle chiese e nelle catacombe. Vi si trovano numerose cappelle gentilizie e monumenti funerari su progetto di architetti e scultori di rilievo come Antonio Ugo e Domenico De Lisi. Tra le personalità illustri qui seppellite troviamo: il politico Francesco Crispi, lo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa e la moglie, il magistrato Pietro Scaglione e il politico Pio La Torre entrambe uccisi dalla mafia. Cimitero dei Cappuccini (Palermo) su Wikipedia cimitero dei Cappuccini (Q3676915) su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Sport[modifica]

  • 38.15472213.3405561 Stadio delle Palme. Stadio delle Palme su Wikipedia Stadio delle Palme (Q3967942) su Wikidata
  • 38.15276713.3422752 Stadio Renzo Barbera. Stadio Renzo Barbera su Wikipedia stadio Renzo Barbera (Q28500) su Wikidata
  • 38.151913.34533 Ippodromo della Favorita. Ippodromo della Favorita su Wikipedia Ippodromo della Favorita (Q3801699) su Wikidata
  • 38.10765613.3127394 Campo Tenente Onorato, Via Giuseppe di Marco, 1. Campo Tenente Onorato su Wikipedia campo Tenente Onorato (Q3654632) su Wikidata
  • 38.12800413.3108095 PalaMangano. PalaMangano (Palermo) su Wikipedia PalaUditore (Q3889181) su Wikidata
  • 38.1128713.190216 Palasport Fondo Patti. Palasport Fondo Patti su Wikipedia palasport Fondo Patti (Q1145215) su Wikidata
  • 38.14994413.343757 Piscina olimpionica comunale di Palermo. Piscina olimpionica comunale di Palermo su Wikipedia piscina olimpionica comunale di Palermo (Q3905730) su Wikidata


Acquisti[modifica]

  • 38.10702913.340381 Supermercato CONAD, Corso Calatafimi, 194, +39 091 485136. Lun-Sab 8:30-20:30, Dom 8:30-13:30.


Come divertirsi[modifica]

  • 38.16055613.3341671 Teatro di Verdura, Viale del Fante 70/B. Teatro estivo utilizzato durante l'estate per le rappresentazioni del Teatro Massimo. Teatro di Verdura su Wikipedia Teatro di Verdura (Q3982335) su Wikidata
  • 38.10692313.3408072 Cinema Marconi Multisala, Via Cuba, 12, +39 091 421574.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 38.10465313.3522091 Albergo Athenaeum, Via Luigi Giannettino 4 (zona università). Hotel tre stelle.

Prezzi medi[modifica]


Come restare in contatto[modifica]



DistrettoBozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.