Scarica il file GPX di questo articolo
Oceania > Melanesia > Nuova Caledonia > Grande Terre (Nuova Caledonia) > Nouméa

Nouméa

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Nouméa
Panorama di Nouméa dalla Colline du Semaphore, dov'è situato l'ostello (Auberge de Jeneusse)
Stemma
Nouméa - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Abitanti
Posizione
Mappa della Nuova Caledonia
Nouméa
Nouméa
Sito istituzionale

Nouméa è il capoluogo della Nuova Caledonia, dipartimento francese d'oltremare nella Melanesia.

Da sapere[modifica]

Cenni storici[modifica]

Nouméa deve le sue origini al capitano di vascello Louis-Marie-François Tardy de Montravel che il 25 giugno 1854 la scelse per l'insediamento della sua guarnigione dandole il nome di Port-de-France. Il presidio militare occupava il "fort Constantine" che si trovava sul luogo dove oggi sorge l'ospedale Gaston-Bourret.

Come orientarsi[modifica]

Centro di Nouméa è la Place des Cocotiers, una vasta piazza rettangolare di 400 m di lunghezza. Al suo centro sta la fontana celeste realizzata nel settembre 1893 per commemorare il quarantesimo anniversario della presa di possesso della Nuova Caledonia da parte della Francia. La statua, alta 8 metri, diede scandalo all'epoca in quanto raffigura una donna seminuda. La modella che posò per lo scultore era una donna di origini arabe, Céleste Ben Yamina. La piazza è delimitata a nord dalla rue Jean-Jaurès e a sud dalla rue Anatole France. Entrambe le arterie hanno inizio dalla Colline du Semaphore dove si trova l'ostello della gioventù.

Rue de l'Alma, poco più a nord di Place des Cocotiers, è la strada dello shopping. Vi si affacciano numerose boutiques che vendono articoli di moda ma i prezzi sono salati.

Più su di Rue de l'Alma ha inizio l'avenue James Cook che rasenta il lato nord della darsena dove stazionano i catamarani veloci per le altre isole della Nuova Caledonia. Più avanti sta il museo della storia marittima (Musée de L'Histoire Maritime). L'avenue James Cook si arresta dopo 6 km in corrispondenza della penisola di Nou, ove sta il forte Tereka e uno dei migliori alberghi di Nouméa, il Kuendu Beach Resort, adatto a quanti non sopportano la confusione del settore sud descritto di seguito.

Settore sud[modifica]

Subito a sud del centro sta il Quartier Latin con il mercato municipale e l'ufficio delle poste a ridosso di Port Moselle e quindi la marina [1] dove stanno all'ancora innumerevoli imbarcazioni da diporto.

Ancora più a sud sta la zona più propriamente turistica di Nouméa disposta su golfi contornati da numerosi alberghi e con spiagge dove è ancora possibile fare il bagno. Di seguito un elenco delle baie di Nouméa:

  • Baie des Citrons
  • Baie de L'Anse Vata — Anse Vatà è la zona degli alberghi e delle "Boites de Nuit" che applicano una rigida selezione all'ingresso, improntata a criteri razzisti, secondo quanto denunciato nel 2009 dal quotidiano Nouvelles Calédoniennes. Di notte Anse Vata può risultare rumorosa per timpani delicati.
  • Baie de Sainte Marie
  • Baie de Magenta — In prossimità dell'aeroporto omonimo riservato ai soli voli domestici, la Baie de Magenta è il luogo dove attracca la Havanna, nave mercantile per Île des Pins e le Isole della Lealtà che però accetta anche passeggeri a un prezzo sensibilmente inferiore a quello della traversata in catamarano.

Settore nord[modifica]

Il settore nord di Nouméa non ha nulla di turistico essendo occupato dagli stabilimenti della Société Le Nickel, fondata nel 1910. Il minerale viene in parte raffinato sul luogo e in parte caricato allo stato grezzo su navi dirette soprattutto in Australia e Giappone

Quartieri[modifica]

Montravel è il nome di un quartiere popolare e di una collina sulla cui cima sta la torre delle telecomunicazioni. Dista 5 km dal centro e sta ad est della Colline du Semaphore. Vi si trova il Parco forestale (Parc Forestier), costituito da un giardino botanico e da uno zoo dove si possono ammirare esemplari rari di uccelli della Nuova Caledonia. Tra questi il cagou (nome scientifico: Rhynochetos jubatus) a rischio di estinzione.

Come arrivare[modifica]

In autobus[modifica]

Gli autobus provenienti da altri centri di Grande Terre fanno capolinea alla Gare Routière di fronte il mercato municipale (Avenue Henry Lafleur).

Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Vi sono 9 linee di autobus a Nouméa, contrassegnata ciascuna da un colore diverso. Gli autobus iniziano le loro corse dalle 05:30 e le terminano alle 19:00.


Cosa vedere[modifica]

Nouméa - Cattedrale di San Giuseppe
Opera di Lorenzo Piano al Centro Culturale Jean-Marie Tjibaou

Centro[modifica]

  • Museo della Città di Nouméa (Musée de la Ville de Nouméa), Rue Georges Clemenceau (Place des Cocotiers), +687 262 805. Ospitato in un edificio coloniale che fu sede di una banca, il museo espone soprattutto fotografie in bianco e nero che tracciano la storia della città di Nouméa dal 1853 fino al 1953.
  • Museo della Nuova Caledonia (Musée de Nouvelle-Calédonie), 45, avenue du Maréchal Foch (Angolo avenue Foch con rue Jean-Jaurès - zona centro). Ospitato in un edificio del 1970, il museo della Nuova Caledonia espone reperti archeologici quali incisioni rupestri, ceramiche che testimoniano il passato della civiltà melanesiana
  • Bibliothèque Bernheim, 41, Avenue du Maréchal Foch, +687 242 090. La biblioteca fu realizzata nei primi anni del XX secolo grazie alle elargizioni di Lucien Bernheim (1856-1917), un uomo di Mulhouse che fece fortuna in Nuova Caledonia grazie all'estrazione mineraria di cromo e cobalto. Essa è installata nel padiglione coloniale dell’Esposizione Universale di Parigi del 1901.
  • Cattedrale di San Giuseppe (Cathèdrale Saint-Joseph), 3 rue Frédéric Surleau. Costruita ricorrendo al lavoro forzato, la Cattedrale di Noumea fu inaugurata nel 1890 quando era ancora incompleta. Domina da un'altura il centro di Nouméa. All'interno si notano le 28 vetrate e le acquasantiere costituite da conchiglie giganti (Tridacna gigas)
  • Museo della Storia Marittima (Musée de L'Histoire Maritime), 11, Avenue James Cook (Vicino alla Gare maritime), +687 263 443. Inaugurato il 4 ottobre 1999, il museo espone modellini di piroghe e oggetti rilevati da relitti di navi affondate nel corso del XVIII secolo

Settore sud[modifica]

  • Acquario (Aquarium des Lagons), Promenade Roger Laroque (Sulla baia Anse Vata, vicino all'albergo Meridien), +687 262 731. Riaperto in una nuova e più ampia struttura realizzata grazie ai finanziamenti dell'Unione Europea, l'acquario di Nouméa è famoso soprattutto per la sua collezione di coralli fluorescenti.
  • Sede del Segretariato Generale della Comunità del Pacifico (Siège du Secrétariat Général de la Communauté du Pacifique (CPS)), 95 Promenade Roger Laroque, Anse Vata, +687 262 000.
  • Centro Culturale Jean-Marie Tjibaou (Centre culturel Tjibaou), Rue des accords de Matignon (Sulla Baia Magente, oltre l'aeroporto omonimo), +687 414 545. Dedicato alla cultura kanak, il centro Jean-Marie Tjibaou permette di documentarsi sulla cultura degli abitanti originari della Nuova Caledonia. Il centro propone anche spettacoli di danza e musica kanak. Il complesso che lo accoglie è stato realizzato nel 1998 su progetto dell'architetto Renzo Piano

Settore nord[modifica]

  • Forte Tereka. Situato all'estremità occidentale dell'isola di Nou, oggi congiunta alla terraferma, il Forte Tereka risale al 1878 ed offre splendidi panorami sull'oceano.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

Un elenco aggiornato dei locali notturni con il programma delle serate è reperibile sul sito www.noumeabynight.com

  • Flex Bar, 37 rue Jean Jaurés (Centro). "Soirées" a tema. In genere musica electro, house, Trance
  • MV Lounge, 22 rue Jules Garnier (Baie des Citrons). In genere serate con musica elettronica
  • Bodega Del Mar, 134 Promenade Roger Laroque. Simple icon time.svg Orario:Aperto dal martedì al sabato dalle ore 17:00. Ideale per gustare i tramonti di Nouméa in compagnia di un bicchiere di rum e tapas. Il programma serale comprende musica live.


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Il campeggio libero è possibile sull'isolotto artificiale di Sainte Marie o all'altro di Larégnére.

Prezzi modici[modifica]

  • Auberge de Jeunesse, 51 bis, rue Pasteur Marcel Ariège (In cima alla Colline du Semaphore), +687 27 58 79. Fa parte dell'associazione Hostelling International .

Prezzi medi[modifica]

  • Hotel Laperouse, 33, rue de Sébastopol (Centro città), + 687 272 251, fax: +687 259 037. 29 stanze tra singole e doppie. Alcune hanno il bagno privato.
  • Hotel Le Paris, 5/47 Rue De Sebastopol (Centro). Fa parte della catena Bestwestern.
  • Le Mocambo, 49 bis, rue Jules Garnier - Baie des Citrons- BP 678 - 98845 Nouméa Cedex, +687 262 701, fax: + 687 263 877, @ mocambo@canl.nc. Quaranta stanze in un edificio di 4 piani sulla Baie des Citrons.
  • Marina Beach Motel, 4, rue Auguste Page (A fianco dell'albergo Le Mocambo), +687 287 633. Appartamenti monolocali e bilocali. Dispone di sauna e bagni termali.
  • Motel Anse Vata, 19, rue Gabriel Laroque BP 4453 - 98847 Nouméa Cedex, +687 262 612, +687 741 701. A 5 minuti dalla spiaggia Anse-Vata, questo motel pratica prezzi concorrenziali e dunque, se volete trovar posto dovrete prenotare con largo anticipo.
  • Motel Le Bambou, 44, rue E. Spahr Val Plaisance 98800 Nouméa Cedex, +687 261 290. Anche questo albergo è molto noto ed è sempre affollato per via dei suoi prezzi bassi. Tutte le stanze hanno balcone, bagno privato e spesso angolo cottura. Si può affittare un monolocale anche per 1 mese. La spiaggia dista 10 minuti a piedi.
  • Appartel le Lagon, 149, route de l'Anse-Vata BP 440 - 98845 Nouméa Cedex, +687 261 255, fax: +687 261 244. Stanze singole e doppie + 41 monolocali. Sulla spiaggia.
  • Lantana Beach, 113, Promenade Roger Laroque Anse-Vata, + 687 262 212. 37 stanze (singole, doppie e triple) A pianterreno c'è una discoteca molto frequentata nei week-end con parecchio frastuono

Prezzi elevati[modifica]

  • Kuendu Beach Resort, Avenue James-Cook, Ile Nou, Nouville. BP 404 - 98845 Nouméa Cedex, + 687 243 000, fax: +687 276 033, @ kuendubeach@lagoon.nc. A 6 km dal centro, il Kuendu Beach Resort è situato sull'omonima spiaggia in fondo alla penisoletta detta Ile Nou. La sistemazione è in bungalows immersi nel verde. Si possono fare gite in barca a pedali o in kayak senza sovraprezzo. L'unità dispone di piscina. Possibilità di praticare immersioni subacquee anche per principianti.
  • Residotel Le Stanley, 33, rue de la Riviéra - Ouémo. BP 1617 - 98845 Nouméa Cedex, +687 232 323. Sulla sommità di una collina prospiciente la Baie de Saint Marie. il Residotel è composto da 57 monolocali e suites tutti con cucinotto e balcone. La piscina è sulle rocce che delimitano la spiaggia. Conviene a chi si ferma ameno una settimana.
  • Complex Nouvata Parc, 123, Promenade Roger Laroque. BP 137 98845 Nouméa Cedex, +687 262 200, fax: +687 260 558.
  • Le Meridien, Pointe Magnin BP 1915 - 98846 Nouméa Cedex., +687 265 000. Prezzi molto salati naturalmente ma la maggior parte dei clienti ha aderito a un viaggio organizzato. Al suo interno è ospitato un casinò.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Internet[modifica]

Ci si può connettere gratis alla rete tramite i computer della biblioteca del Segretariato Generale della Comunità del Pacifico se liberi, naturalmente.


Nei dintorni[modifica]

Faro di Amedeo
  • Faro di Amedeo (Phare Amédée). La più classica delle escursioni da Nouméa è quella al Faro di Amedeo, prefabbricato in Francia nel 1865 e montato su un isolotto a 18 km dall'ingresso del porto di Nouméa. La sua funzione era quella di impedire che le navi si incagliassero nei vicini banchi di corallo. Con i suoi 56 m. figura tra i più alti del mondo. L'agenzia Mary D Enterprises (+687 263 131) propone l'escursione al faro e al parco marino circostante in panfilo di 30 m. Altre agenzie effettuano l'escursione in barche dal fondo di vetro ma la più economica rimane quella con il catamarano "Spanish Dancer" del centro Amédée Diving Club. Siccome tutti lo sanno e i posti sono limitati prenotate o recatevi per tempo al molo.


  • Yaté (83 km da Nouméa) — Piccolo villaggio sulla costa orientale, Yaté è raggiungibile da Nouméa tramite la strada panoramica RP3 che si snoda tra verdi colline. La strada permette l'accesso al lago omonimo e al Parco Provinciale del Fiume Blu (Parc Provincial de la Rivière Blue). Yaté si presta per gli amanti delle escursioni a piedi o in fuoristrada. Nei suoi dintorni stanno le cascate della Maddalena (Chutes de la Madeleine) e quelle di Wadiana. È possibile campeggiare sulla spiaggia vicina alla missione di Touaourou o sulle altre tre nella penisoletta di Kwé Binyi.



Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.