Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Niğde
Niğde
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Turchia
Reddot.svg
Niğde
Sito istituzionale

Niğde è una città della Regione dell'Anatolia Centrale.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

La città si trova tra le montagne vulcaniche di Melandiz, che includono il Monte Hasan vicino alla città di Aksaray a nord, e il Massiccio Niğde a sud-sud-est. Il massiccio è una cupola di roccia metamorfica che contiene antimonio abbandonato e miniere di ferro. Diverse cave di marmo bianco sono attualmente attive. La città è anche il capoluogo della provincia omonima.

Quando andare[modifica]

 Clima gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
 
Massime (°C) 4,6 6,1 11,1 16,6 21,3 25,7 29,3 29,3 25,6 19,7 12,9 7,1
Minime (°C) -4,6 -3,6 0 4,5 8,3 11,8 14,8 14,3 10,2 12,1 6,1 1,8
Precipitazioni (mm) 31,4 32,2 35 45,2 48,3 25 4,9 3,9 7,9 26,9 32,2 40,7

Niğde ha un clima freddo semi-arido. Niğde ha estati calde e secche e inverni freddi e nevosi. La maggior parte delle precipitazioni avviene durante la tarda primavera.

Cenni storici[modifica]

L'area è un ricco terreno agricolo vicino a una serie di antiche rotte commerciali, in particolare la strada da Kayseri (l'antica Cesarea) alle porte della Cilicia. I coloni nel corso della storia includono Ittiti, Assiri, Greci, Armeni, Romani, Bizantini e infine i Turchi dal 1166 in poi. Nei primi Medio Evo, è stato conosciuto come Magida (greco: Μαγίδα), ed è stata regolata dai restanti abitanti della vicina Tyana dopo quest'ultima cadde agli arabi nel 708/709. All'inizio del XIII secolo Niğde era una delle più grandi città dell'Anatolia. Dopo la caduta del Sultanato di Rûm (di cui era stata una delle principali città), Niğde fu catturata dai Beylik anatolici come Karaman Beylik ed Eretna Beylik.

Tra gli immigrati più recenti vi sono i turchi provenienti dalla Bulgaria e da altri paesi balcanici, che si sono stabiliti qui grazie alle autorità turche negli anni '50 e '60.

L'Università di Nigde è stata aperta nel 1992 e sta iniziando a portare più servizi culturali e sociali in quella che è essenzialmente una grande città con un'atmosfera molto rurale, fornendo scuole, acquisti di base e altre necessità ai villaggi circostanti.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Da Kayseri è meglio prendere la D300 in direzione di Nevşehir e dopo circa 10 km girare a sud sulla D805. Questa conduce direttamente oltre Niğde dopo un totale di 135 km.

Da Nevşehir si guida la D765 verso sud via Derinkuyu fino alla D805. Qui si svolta a destra e la si segue per circa 10 km. Quindi si raggiunge Niğde dopo un totale di 85 km.

Da Aksaray si guida la D750 in direzione sud-est per circa 75 km e poi si svolta a sinistra sulla D330 verso Niğde. Dopo altri 35 km raggiungerete la città.

Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

  • 1 Castello di Niğde (Niğde Kalesi), Kale, İstasyon Cd. No:36. Questo castello probabilmente risale agli Ittiti. Niğde Castle (Q93392457) su Wikidata
Moschea di Alaaddin
  • 2 Moschea di Alaaddin (Alâeddin Camii), Kale, İstasyon Cd. No:36 (Nel castello di Niğde). La moschea fu costruita nel 1223 durante il regno di Keyqubad I (1220–1237) del Sultanato di Rum (precursore dell'Impero Ottomano). Il materiale da costruzione è la pietra da taglio. I portali sono due: quello del lato est è monumentale. La seconda porta si trova sul lato nord. Ci sono tre cupole nella parte meridionale della moschea. Il minareto si trova nell'angolo nord-est dell'edificio. A metà mattina le ombre delle incisioni rupestri del portale est disegnano il ritratto in chiaroscuro di una donna incoronata. Secondo la leggenda, quest'ombra è la sagoma della figlia del commissario di cui l'architetto si era innamorato. Ma potrebbero anche essere i resti di un culto della dea o un'allusione a Maria, una sorta di atteggiamento inclusivo nei confronti della popolazione cristiana della zona. Le immagini vere e proprie sono evitate nell'Islam, ma le tassellature e le immagini calligrafiche erano consentite, quindi le sagome "accidentali" progettate di tassellature di pietra scolpita sopra l'ingresso (muqarnas) sono diventate una fuga creativa. Niğde Alaaddin Mosque (Q16858226) su Wikidata
Tomba di Hudavent Hatun
  • 3 Tomba di Hudavent Hatun (Gündoğdu Türbesi, Hudavend Hatun Türbe o Huvand Hatun Türbe), Yenice, Arapdede Cd No:13. È un gonbad selgiuchide del XIV secolo. Fu costruita come Türbe (tomba) per Hudavend Hatun, la figlia di Kilij Arslan IV nel 1312. La tomba è in pietra ed è coperta da una cupola sormontata da un tetto piramidale a sedici lati su un corpo ottagonale. L'altezza totale è di 15,5 metri. Il marmo bianco è stato utilizzato negli architravi, negli archi, nelle targhe di iscrizione e nella cornice della cupola. La tomba è nota soprattutto per le sue elaborate incisioni vegetali e zoomorfe. Hudavend Hatun Türbe (Q16845329) su Wikidata
Sala del museo
  • 4 Museo archeologico di Niğde (Niğde Arkeoloji Müzesi), Yukarı Kayabaşı, Dışarı Cami Sk. No:11, +90 3882323390. Contiene oggetti trovati in siti nell'area circostante, tra cui il racconto di Köşk Höyük e la città greco-romana di Tyana , entrambi nella vicina città di Kemerhisar. Niğde Archaeological Museum (Q637009) su Wikidata
  • 5 Moschea Sungurbey (Sungurbey Camii), Niğde Merkez, +90 5453731480. Moschea costruita nel 1335 d.C.

Fuori dal centro abitato[modifica]

Monastero di Gümüşler
Chiesa di Küçükköy
  • attrazione principale 6 Monastero di Gümüşler, Efendibey, 51310 Gümüşler/Niğde Merkez (facilmente raggiungibile in autobus), +90 3882323390. Il monastero è scavato in una grande roccia ed è uno dei meglio conservati e più grandi del suo genere nella regione della Cappadocia. La parte più importante del complesso del monastero è la chiesa a nord. La chiesa comprende quattro navate chiuse autoportanti basate sulla pianta a croce greca; nella navata settentrionale della croce c'è una nicchia con due tombe. Ad ovest sono presenti due ingressi coperti da volta a culla. Si presume che almeno tre diversi maestri abbiano lavorato sui dipinti trovati sulle pareti della chiesa. Il monastero è stato riscoperto solo nel 1962. Gli affreschi risalgono al VII-XI secolo. Monastero di Gümüşler su Wikipedia Monastero di Gümüşler (Q19611369) su Wikidata
  • 7 Chiesa di Küçükköy, 51000 Küçükköy Köyü/Niğde (nel villaggio di Küçükköy, a circa otto chilometri a nord-ovest da Niğde). La chiesa è una basilica a tre navate esposta a est con un nartece a ovest. Pareti e pilastri sono gravemente danneggiati nella parte inferiore, la pittura nella zona del tetto è abbastanza ben conservata. Küçükköy Church (Q42307684) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Tyana — Sito archeologico della capitale del regno neo-ittita nel I millennio a.C., la sua storia proseguì fino al X secolo, quando cadde in rovina.
  • Parco nazionale di Aladağlar
  • Seguendo la strada per Kayseri, dopo pochi chilometri arriverete al bivio per Eskigümüş, dove potrete visitare chiese scavate nella roccia.
  • 1 Sorgenti termali di Çiftehan.
  • 2 Lago Çiniligöl. È il più grande dei laghi glaciali situati nelle montagne Bolkar. (Q6074213) su Wikidata
  • 3 Lago di Nar (Nar o Narlı Gölü). È un lago salmastro craterico. Lago di Nar su Wikipedia Lago di Nar (Q20988477) su Wikidata

Informazioni utili[modifica]

La città è piccola e c'è ancora molto spazio verde e giardini intorno alle case. Le persone generalmente tendono ad essere religiose e conservatrici.

Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Niğde
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Niğde
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.