Scarica il file GPX di questo articolo
Tematiche turistiche > Itinerari > Giro delle ville di prestigio di Esino Lario

Giro delle ville di prestigio di Esino Lario

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Giro delle ville di prestigio di Esino Lario è un itinerario che si svolge attraverso il comune di Esino Lario, nel Lecchese.

Introduzione[modifica]

Il Villaggio Riva a Esino Lario

Sin dalla fine dell'Ottocento Esino Lario è stata meta di viaggio, dapprima per i geologi che si recavano in Grigna alla ricerca dei fossili presenti su queste montagne, e successivamente, a partire dagli anni 1960, dai villeggianti che dall'area milanese passavano le loro vacanze a Esino Lario, tanto che il paese divenne noto come "La Perla delle Grigne". Molte ville furono fatte costruire qui dai villeggianti più facoltosi. Questo itinerario vuole permettere di scoprire le residenze di maggior prestigio.

Preparativi[modifica]

Per questo itinerario non è necessario munirsi di particolari attrezzature. Si tratta di un tragitto percorribile a piedi: si consiglia di indossare delle scarpe comode per poter percorrere più agevolmente le salite e discese che si incontrano durante il percorso. Si segnala che la maggior parte di queste ville sono di privati proprietari: molte di queste possono essere osservate solo dall'esterno del giardino. Fanno eccezione Villa Clotilde (che ospita l'ufficio turistico) e Villa Gilardi, che oggi ospita un albergo e ristorante.

Dove iniziarlo[modifica]

Il punto si partenza consigliato è piazzale Gulfi, sotto il municipio di Esino Lario, che ospita un parcheggio per una trentina di automobili.

Come arrivare a Esino Lario.

Tappe[modifica]

  • 1 Piazzale Gulfi - punto di partenza
  • 2 Villa Confalonieri
  • 3 Villa Gilardi
  • 4 La Montanina
  • 5 Villa Luzzani
  • 6 Villa Acquali
  • 7 Villa Gilera
  • 8 Villaggio Riva
  • 9 Villa Clotilde
  • 10 Villa Silva
  • 11 Villa Santopietro
  • 12 Villa Minuccia
  • 13 Villa delle Marcelline

Dal punto 1 al punto 4[modifica]

Partendo da piazzale Gulfi, si percorre la strada provinciale 65 (viale Adamello) verso est, seguendo la salita. La prima villa si incontra sulla destra, in corrispondenza della prima curva della strada: si tratta di Villa Confalonieri, dominata dal grande cedro che si innalza nel giardino. Proseguendo i qualche metro lungo la stessa strada, sulla destra si trova il cancello d'ingresso al giardino di Villa Gilardi (oggi conosciuta come Villa Gigi), costruita negli anni 1930 dalla famiglia Gilardi e che oggi ospita l'albergo e ristorante Rosa delle Alpi; della stessa proprietà fa parte l'albergo La Montanina, che si incontra dopo la svolta a destra, che nasce con la funzione di incannatoio (per la lavorazione dei filati).

Dal punto 4 al punto 8[modifica]

Villa Gilera

Seguendo sempre la strada provinciale si raggiunge Villa Luzzani, che prende il nome dal primo proprietario, Pietro Luzzani Rebaj, che ne fu anche il progettista; a seguire, a distanza di poche decine di metri, Villa Acquali e Villa Gilera, quest'ultima fatta costruire dall'imprenditore Giuseppe Gilera, fondatore dell'omonima azienda motociclistica. Proseguendo nuovamente lungo la strada provinciale ci si trova davanti, sulla montagna, al Villaggio Riva, edificato tra il 1936 e il 1942 da Bernardino Riva, primo sindaco del paese nel dopoguerra. Il villaggio è formato da dodici ville diverse, tutte dotate di giardino e con una splendida vista sulla conca di Esino.

Dal punto 8 al punto 10[modifica]

Villa Clotilde

Tornando sui nostri passi, scendendo la strada provinciale, possiamo imboccare la via Montefiori (sulla destra) per raggiungere Villa Clotilde che si trova esattamente sul tornante in fondo alla strada. Questa villa fu costruita dalla famiglia Cazzaniga e oggi è il centro culturale di Esino Lario. Al suo interno ospita gli archivi Pietro Pensa, la biblioteca e l'ufficio turistico. All'interno del parco della villa si trova l'edificio che dal 2016 ospita il Museo delle Grigne.
Di fronte al cancello di Villa Clotilde troviamo Villa Silva, la prima di Esino dotata di campo da tennis, realizzato negli anni 1930.

Dal punto 10 al punto 13[modifica]

Villa delle Marcelline

Proseguendo lungo via Montefiori, quando questa si immette nuovamente sulla strada provinciale, troviamo Villa Santopietro: è una delle prime ville edificate in paese ed è caratterizzata da un affresco raffigurante San Giorgio, sulla facciata rivolta a est.
Uscendo da via Montefiori, e dirigendoci verso sinistra, possiamo imboccare il viale della chiesa (via don Rocca) dove possiamo incontrare sulla sinistra, dopo aver superato il complesso del Moncodeno, Villa Minuccia, progettata dall'architetto Mino Fiocchi per lo scultore Michele Vedani, autore degli splendidi altorilievi della Via Crucis che si incontra proseguendo verso la chiesa di San Vittore. Prima della Via Crucis, esattamente di fronte alla chiesa di San Nicolao, Sacrario dei caduti, troviamo l'ultima villa del nostro itinerario: la Villa delle Marcelline, così chiamata perché fu donata dal proprietario alle suore di Santa Marcellina all'inizio degli anni 1930.

Punto di arrivo[modifica]

Questo itinerario si può concludere proseguendo lungo il viale della chiesa fino a raggiungere la chiesa di San Vittore. Per tornare al parcheggio di piazzale Gulfi è sufficiente ripercorrere il viale fino alla chiesa di San Nicolao. A destra della chiesa è presente una strada a destra in discesa: percorrendola fino in fondo, svoltando a sinistra torniamo in piazzale Gulfi. Via San Nicolao presenta dei gradini: chi fosse impossibilitato a percorrerli può scendere lungo il viale della chiesa fino all'incrocio con la strada provinciale, dove potrà svoltare a destra in corrispondenza della Montanina per poi seguire la strada fino al piazzale.