Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Italia > Italia nordorientale > Emilia-Romagna > Romagna > Appennino romagnolo tosco-marchigiano > Appennino romagnolo > Brisighella

Brisighella

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Brisighella
Veduta di parte di Brisighella e della valle del Lamone
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa dell'Italia
Brisighella
Brisighella
Sito istituzionale

Brisighella è una città dell'Emilia-Romagna.

Da sapere[modifica]

Sulle prime alture appenniniche faentine, l'abitato antico sorge elevato sulla parte moderna che si è sviluppata nel piano. È centro termale. Si fregia del riconoscimento della Bandiera arancione attribuita dal TCI e fa parte de I borghi più belli d'Italia .

Cenni geografici[modifica]

Nella valle del Lamone, sulla strada che da Faenza collega la Romagna alla Toscana e a Firenze.

Cenni storici[modifica]

Fondata nel 1290 da Maghinardo Pagani di Susinana il centro si avvantaggiava della vicinanza del Lamone, dell'incrocio di strade commerciali di cui alcune già usate in epoca romana, la presenza di alture che fornivano morfologiacamente riparo per la difesa dell'abitato e l'abbondanza di gesso nelle colline come ricchezza naturale. Si costruirono pertanto due fortificazioni su una collina gessosa: la Torre di Maghinardo, che divenne poi la Torre dell'Orologio, e la più possente Rocca edificata su un'altra altura nel Cinquecento.


Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Nel suo vasto territorio comunale si trovano anche i centri abitati di Boesimo, Casale, Castellina, Croce Daniele, Fognano, Fornazzano, La Strada, Marzeno, Monte Romano, Pietramora, Purocielo, Rontana, San Cassiano, San Martino in Gattara, Urbiano, Villa San Giorgio in Vezzano e Zattaglia.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg

In auto[modifica]

In treno[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

La Rocca
  • 1 Rocca Manfrediana, via Rontana. la sua edificazione fu iniziata nel 1310 da Francesco Manfredi, signore di Faenza; giunse all'apsetto attuale con gli interventi strutturali del 1457, di Astorgio II Manfredi e del 1503 dai Veneziani, che eressero la torre maggiore. La Rocca di Brisighella è una delle fortificazioni fra le meglio conservate della regione. Rocca Manfrediana su Wikipedia "Rocca Manfrediana" su Wikidata
  • 2 Torre dell'Orologio. Era l'antica torre di Maghinardo, trasformata nel cinquecento dopo l'erezione della Rocca. Ospita una raccolta di strumenti che nei secoli servirono per la misurazione del tempo. Conserva una riproduzione del famoso pendolo di Foucault. "torre dell'Orologio" su Wikidata
  • Collegiata dei Santi Michele e Giovanni Battista, piazza Carducci. Di costruzione seicentesca, raccoglie al suo interno opere quattro-cinquecentesche
  • Chiesa di Santa Maria degli Angeli. Nel coro è conservata una Madonna col Bambino e Santi di Marco Palmezzano del 1520
Via degli asini
Pieve del Tho
  • 3 Via degli asini. Nel pianoro sottostante la collina delle fortificazioni gli antichi abitanti di Brisighella, per ovviare alla ristrettezza dello spazio, aprirono nella cortina degli edifici una vera e propria via, in pratica un portico che percorreva tutto l'abitato, Lungo questa via coperta passavano le carovane di asini carichi di gesso, olio, vino, lane e seta destinate ai mercati di Venezia e di Firenze. Sullo stesso livello del portico si trovavano le stalle, ai piani inferiori magazzini e cantine; ai piani superiori le abitazioni. Di questa caratteristica via coperta rimane oggi solo la parte centrale. Sono rari gli esempi di vie coperte; in Italia se ne può trovare un'altra, in perfetto stato di conservazione, a Morro d'Alba nell'Anconetano, dove prende il nome di La Scarpa, ed è un camminamento coperto che percorre tutt'attorno l'antico centro storico fortificato. Via del Borgo su Wikipedia "via del Borgo" su Wikidata
  • 4 Pieve di San Giovanni in Octavo (Pieve del Tho). Come dice il suo nome, si trova all'ottavo miglio dalla via Emilia, ed è poco distante da Brisighella sulla via Faventina. Nominata per la prima volta in un documento del 909, era la chiesa madre delle 22 chiese della valle del Lamone. La tradizione la vuole edificata sui resti di un tempio di Giove Ammone, cosa che pare verosimile visto il gran numero di reperti romani che ha fdato la zona, oltre al numeroso reimpiego di materiale romano nella costruzione stessa della chiesa. L'aspetto attuale è quello raggiunto con gli interventi edilizi del 1572.
L'interno conserva belle opere d'arte, fra cui un cotto di scuola toscana della prima metà del XV secolo, la Madonna della Melagrana; un Crocefisso senese del 1270; un paliotto in arenaria di arte longobarda del VI-VII secolo; statue e dipinti di artisti faentini.

Terme[modifica]

  • 4 Terme di Brisighella, viale delle Terme. Lo stabilimento termale si trova in centro all'interno di un parco naturale ed utilizza acque sulfuree e acque salso-iodiche che recano giovamento in molte affezioni croniche delle vie respiratorie quali rinite, sinusite, faringite, laringite, bronchite cronica, asma bronchiale e sordità rinogena. Un reparto specialistico è dedicato alla cura della sordità rinogena e alla cura delle affezioni respiratorie dei bambini.


Eventi e feste[modifica]

  • Feste medievali. Simple icon time.svg Prima metà di luglio.. A Brisighella furono fra i primi a puntare sulle feste medievali in costume, tradizione che ha poi preso piede in ogni parte d'Italia. Le feste di Brisighella ogni anno si ispirano ad un diverso tema che anima le vie della città richiamando un gran numero di visitatori.-->


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

Le colline della valle del Lamone producono olio pregiato. Il Brisighello è un extravergine di oliva estratto a freddo. L'altro olio di oliva della zona è il Nobil Drupa che viene ricavato da olive ghiacciole e prodotto in quantità limitata. Brisighella fa parte dell'Associazione nazionale Città dell'olio.

Altre eccellenze alimentari sono il formaggio conciato che viene fatto stagionare nelle cavità gessose; il carciofo moretto, la pera volpina e l'antica razza suina della Mora romagnola.

Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]

Italian traffic signs - icona farmacia.svg Farmacie

  • 5 Zoffoli, Via Roma, 16, +39 0546 81242.
  • 6 Ghinelli, Via Marzeno, 50 (in località Marzeno), +39 0546 40192.
  • 7 Ottaviani, Via Emiliani, 53 (in località Fognano), +39 0546 850004.
  • 8 San Cassiano, Via San Cassiano, 32 (in località San Cassiano), +39 0546 86166.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]

  • 9 Poste italiane, Via A. Maglioni, 3, +39 0546 85773.


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.