Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Bonifacio
Porto di Bonifacio e bastione
Stemma
Bonifacio (Francia) - Stemma
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Francia
Reddot.svg
Bonifacio
Sito istituzionale

Bonifacio è una città costiera della Corsica situata nel dipartimento della Corsica del Sud, costruita attorno ad una profonda insenatura simile ad un piccolo fiordo circondato da pareti in calcare bianco, all'interno delle quali sono anche stati scavati nel tempo vani di vecchie case e magazzini.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

La cittadina si trova sull'estremità meridionale della Corsica, sullo stretto delle Bocche di Bonifacio che la separa dalla Sardegna. È affacciata di fronte a quest'ultima.

Cittadella di Bonifacio
Scalinata del re d'Aragona
Cimitero di Bonifacio
Falesie di Bonifacio

Cenni storici[modifica]

Il luogo dove ora sorge la città di Bonifacio era già abitato all'incirca 6.500 anni fa, data suggerita dal ritrovamento di reperti in una grotta lungo le sue alte scogliere.

In seguito all'interno della baia, l'insediamento fu occupato da mercanti greci e militari romani; dopo di loro la città fu a lungo in mano ai pirati del Mar Mediterraneo.

La tradizione afferma che il nome le venne attribuito solamente in seguito, grazie a Bonifacio II di Toscana, signore di Lucca e protettore della Corsica, che nell'833 rifondò qui un villaggio a difesa dalle incursioni dei Saraceni.

Abitata da coloni toscani, per due secoli rimase sotto il controllo della Repubblica marinara di Pisa fino a quando, alla fine del XII secolo, passò sotto il controllo della Repubblica di Genova, che nel 1490 espulse tutti i coloni di origine toscana. Una leggenda narra che i genovesi entrarono in città nel 1195 approfittando di un matrimonio e dello stato di ebbrezza della popolazione.

Grazie alla sua posizione strategica sia dal punto di vista geografico (possibilità di controllo sulle bocche di Bonifacio), sia da quello topografico (la città vecchia è edificata su delle alte scogliere a picco sul mare ed è accessibile solo dall'interno del fiordo), i Genovesi la fecero divenire una fortezza inespugnabile.

Tra gli assalti maggiori si può ricordare quello portato dal re d'Aragona nel 1420, durato cinque mesi, durante il quale venne costruita una scala lungo la parete della scogliera per consentire l'approvvigionamento dell'acqua, chiamata scalinata del re d'Aragona.

Circa un secolo dopo, la città di Bonifacio fu teatro di un nuovo assalto, questa volta da parte dei francesi e dei turchi, i quali riuscirono a massacrare la popolazione anche aiutati da un'epidemia di peste che dilagò in città proprio in quegli anni.

La città fu conquistata grazie all'inganno di un emissario genovese il quale permise che la guarnigione ritornasse sotto il dominio di Genova. Genova però la cedette alla Francia con il trattato di Versailles del 1768.

Nel 1793 Napoleone quando era ancora un giovane ufficiale, comandò per alcuni mesi la guarnigione del forte.

Giungendo ai giorni nostri, Bonifacio divenne luogo di rifugio di ricercati in fuga dalle coste sarde; oggi è invece una vivace cittadina turistica ricca di storia e dall'invidiabile collocazione geografica.

Come orientarsi[modifica]

La città è divisa in due zone: tutti i trasporti arrivano al porto, con il suo porto turistico, i terminal dei traghetti e bar e ristoranti sul lungomare. Incombente su di essa, la Cittadella o "Haute Ville" è il centro storico murato, un dedalo di vicoli, ristoranti, musei e siti storici. A 5 km a sud della città, Capo Pertusato è la punta meridionale della Corsica, con un faro e lo scoglio di Gouvernail.

Isole[modifica]

  • Isole di Lavezzi – Arcipelago a est del promontorio di otto isole, una sola delle quali, Cavallo, è abitata. Le coste delle isole di granito sono frastagliate di baie e sono piuttosto belle. Le isole sono il territorio europeo più meridionale della Francia. C'è un hotel costoso a Cavallo, ma il modo più semplice per visitare le Isole di Lavezzi (se non avete un'imbarcazione) è con un tour da Bonifacio, che può durare da tre ore a un'intera giornata. Cercate le escursioni nel porto di Bonifacio. Fanno parte della Riserva naturale delle Bocche di Bonifacio.
Chiesa di Santa Maria Maggiore
Isole di Lavezzi


Come arrivare[modifica]

Traghetto Moby a Bonifacio

In aereo[modifica]

L'41.5030569.0963891 aeroporto di Figari (IATA: FSC), situato a 25 km a nord-ovest di Bonifacio, collega diverse città francesi ed europee.

In auto[modifica]

La strada principale è la N196/N198 (o T40) da tutti i punti a nord. Con la vostra auto, parcheggiate nel parcheggio principale vicino al porto (2,80 € l'ora) e fate un'escursione o prendete il trenino turistico fino alla cittadella. La città alta è raggiungibile in auto, ma è congestionata e dispone di parcheggi pubblici limitati.

In nave[modifica]

  • 41.388519.156681 Terminal traghetti porto di Bonifacio (Gare Maritime), Quai Sotta Portigliola. Bonifacio è collegata tutto l'anno con Santa Teresa Gallura in Sardegna grazie ai traghetti Moby Lines e Blue Navy.


In autobus[modifica]

Una navette (minibus) collega Bonifacio a Scopetto, dove si collega all'autobus per Ajaccio (via Sartena e Propriano). A luglio e agosto funziona tre volte al giorno, 7 giorni a settimana; Da settembre a giugno viaggia due volte al giorno dal lunedì al sabato. Il tempo di percorrenza totale per Ajaccio è di 3 ore e mezza, tariffa 20,00 €.

Un autobus diretto collega Bonifacio a Porto Vecchio in 30 minuti, tariffa 9,00 €. A luglio e agosto funziona quattro volte al giorno, 7 giorni a settimana; Da settembre a giugno funziona due volte al giorno dal lunedì al sabato. Il primo autobus della giornata da Bonifacio si collega con il servizio di proseguimento da Porto Vecchio a Bastia.

Come spostarsi[modifica]

È un'escursione impegnativa fino alla Cittadella, anche se siete arrivati in traghetto all'estremità occidentale della città, bisogna camminare molto fino alla parte alta della città. Un approccio turistico ma più semplice è su "Le Petit Train", che parte ogni 30 minuti da aprile a ottobre (vedere la sezione Cosa fare per maggiori informazioni).

Chiesa di San Domenico
Chiesa di San Giacomo
Chiesa di San Bartolomeo


Cosa vedere[modifica]

Interno cappella di Santa Croce
Chiesa della Trinità
Cappella di San Rocco
Chiesa di Santa Maria Maddalena
  • 41.3891039.1651461 Zona porto. La zona del porto è piacevole per passeggiare e mangiare, ma probabilmente è meglio vederla dopo che avete visto la Cittadella e state pensando al vostro trasporto successivo. Il porto non serve solo come luogo dove salpano per le escursioni e dove cenano. È anche una zona della città con case colorate in prima linea e una montagna sullo sfondo, molto simile alle città costiere d'Italia. Offre anche una buona vista della Città Alta, dando già un'idea, ma lungi dal rivelare tutto ciò che vedrete lì.
  • 41.3877819.1594612 Cittadella di Bonifacio (Entrate nella Cittadella attraverso la 41.3873669.1601892 Porte de Gênes. Questo è stato per secoli l'unico ingresso alla città alta, fino alla creazione della Porte de France nel XIX secolo. L'imponente ponte levatoio è una sostituzione del 1830 dell'originale del XVII secolo. Il bastione che custodisce la porta è oggi un museo. Non è possibile percorrere il sentiero in cima alle mura (il Chemin de Ronde o Sentiero di pattuglia) poiché è chiuso per motivi di sicurezza.). La Cittadella è la grande attrazione e ci sono diversi modi per salire. Avenue Charles de Gaulle è la via principale dei veicoli, quindi è graduale e ha un marciapiede, ma è piena di traffico. Più panoramiche sono le scale, Montée Rastello, che iniziano con la chiesa di Sant'Erasmo. Salgono alla sella del colle dove attraversano Avenue Charles-de-Gaulle, poi si prosegue (oggi chiamata Montée St Roch) per entrare da Porta Genova. Una scala più ripida sale più a ovest, attraversando Quai Sott a Portigliola. I pedoni non possono entrare nella cittadella attraverso il tunnel sotto Porte de France.
    La sella del colle sotto la Cittadella è chiamata Passo di San Rocco. Punto di partenza di numerose passeggiate, dispone di una piccola cappella. Gode di un'ampia vista sullo stretto e offre una delle migliori viste dalla terraferma del 41.3855199.1629623 Grain de Sable. Chiamato anche U Diu Grossu o "dito grosso" in corso, questo è uno scoglio peculiare appena al largo, guarda in basso e ad est (a sinistra) dalla strada.
    Una volta all'interno delle imponenti mura, la strada principale diritta è Rue des Deux Empereurs (i due imperatori che alloggiarono qui furono l'imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V nel 1541 e Napoleone Bonaparte nel 1793). È piacevole passeggiare a caso per le stradine antiche, anche se vi sembrerà claustrofobico se centinaia di altri turisti faranno lo stesso. La Chiesa di Santa Maria è più o meno centrale. Attiguo è il Palazzo del Podestà, il governatore della città sotto la Repubblica di Genova: Maison du Podestat (Palazzu Publicu). È chiuso ai visitatori.
    Si parla di risanare queste e altre antiche cisterne, come un modo ecosostenibile per potenziare l'approvvigionamento idrico cittadino, da sempre precario.
    La cittadella è lunga solo circa 200 metri, quindi in pochi minuti a piedi si supera l'ingresso automobilistico di Porte de France, il municipio, il monumento alla Legione Straniera francese e la porta occidentale che esce sul promontorio calcareo. Qui si trovano la Chiesa di San Domenico, la torre di avvistamento toscana e la Loggia de l'Arsenal. Verso ovest si estende il promontorio o Altopiano Bosco, un tempo bosco di ulivi ma ora spoglio e battuta dai venti. Rue des Moulins conduce oltre edifici militari abbandonati e ceppi di antichi mulini a vento fino al cimitero marino e, ultimo ma non meno importante, il parcheggio principale della cittadella.
    Citadel of Bonifacio (Q22949605) su Wikidata
    • 41.3878579.1605484 Bastione dello Stendardo (Si trova presso la cittadella di Bonifacio.). Ecb copyright.svg Visita semplice: 2,50 €; Monument Pass: 4,50 €; gruppi da 10 persone: 2,00 €; Visita semplice dai 6 agli 11 anni: 1,00 €; Monument Pass dai 6 agli 11 anni: 1,50 €. Il museo principale della Cittadella, che racconta la vita turbolenta e i tempi della città.
    • 41.38629.1555895 Scalinata del re d'Aragona, 2, rue Fred Scamaroni, +33 495 73 11 88. Ecb copyright.svg Visita semplice: 2,50 €; Monument Pass: 4,50 €; gruppi da 10 persone: 2,00 €; Visita semplice dai 6 agli 11 anni: 1,00 €; Monument Pass dai 6 agli 11 anni: 1,50 €. Dal bordo sud-ovest della cittadella, 187 gradini conducono giù per le scogliere (la loro tacca diagonale è molto visibile dal mare) fino alla Grotta del Pozzo di San Bartolomeo. Questa grotta, alla quale oggi non è possibile accedere, ha una pozza d'acqua dolce filtrata dal calcare sovrastante, quindi era un importante approvvigionamento idrico per la città. È stato anche perforato un pozzo direttamente vicino alla chiesa di San Bartolomeo sul promontorio. La scalinata è intitolata ad Alfonso V, re d'Aragona, che ottenne il controllo di Bonifacio nel 1421 dai genovesi ma la città resistette a lui. La fantasiosa leggenda narra che i suoi uomini litigassero su per le scale e venissero respinti, ma più probabilmente ha semplicemente cercato di bloccare l'approvvigionamento idrico per costringere la città alla resa. Non ebbe successo e se ne andò. Obbligatorio abbigliamento adatto e bisogna essere in buone condizioni fisiche. Vietato accedere in ciabatte, infradito, scarpe con tacco e portare animali. Scalinata del re d'Aragona su Wikipedia Scalinata del re d'Aragona (Q1162474) su Wikidata
    • 41.3865039.1563646 Il Torrione (Torre di avvistamento toscana), Rue des Pachas. La torre di avvistamento è l'unica struttura della cittadella rimasta delle originarie fortificazioni toscane del IX secolo. È stata demolita e ricostruita più volte: la distruzione più recente risale al 1901 (poiché dava all'artiglieria nemica un segno troppo buono sulla città) e quella che vedete ora è una ricostruzione del 1980.
    • 41.38739.1560857 Loggia de l'Arsenal. San Domenico fu costruito come convento domenicano; tutto ciò che resta è la chiesa (elencata sotto nella sezione "Chiese") e questa Loggia, l'ex refettorio. La sua piazza colonnata ospita un mercato contadino il venerdì mattina.
    • 41.3871879.1589478 Palazzu Publicu, Rue du Palais. L'ex palazzo del governatore genovese fu costruito nel medioevo.
    • 41.399.159 Cimitero marino di Bonifacio (Cimetière Marin). Ricco di cappelle funerarie di famiglia del XVIII e XIX secolo e di arte funeraria. Bonifacio cemetery (Q2972506) su Wikidata
    • 41.387469.1600310 Place d'Armes. Si arriva a questa piazza salendo dal basso attraverso Porta Genova. Se state con le spalle al muro, la porta sarà alla vostra sinistra, il bastione Letendard a destra e Rue de Deux Empereurs entrerà direttamente in città. Il motivo di questo nome si trova proprio lì sulla piazza. L'imperatore Carlo V soggiornò nella casa a sinistra della strada nel 1541 per tre giorni durante la sua visita in viaggio dal Nord Africa, e Napoleone Bonaparte visse nella casa a destra nel 1793 per due mesi e mezzo.
    • 41.3867779.15965811 Place du Marché (Da porta Genova sempre a sinistra lungo il muro). Da questa piazza inizia una passeggiata che porta alla Scalinata del Re d'Aragona e più avanti al mastio, e offre splendide viste sul mare e sulla Sardegna.

Architetture religiose[modifica]

  • 41.38719.15901912 Chiesa di Santa Maria Maggiore. È la chiesa principale nonché la più antica della città, in gran parte romanica e probabilmente costruita nel XII secolo ma molto modificata nel tempo. Ha un campanile prominente e tre navate, con la navata centrale che contiene le reliquie di San Bonifacio. Nella parte anteriore, è possibile notare la loggia, il passaggio coperto per i pezzi grossi medievali per discutere di affari cittadini. Al di sotto di questa si trova una grande cisterna d'acqua, alimentata da edifici adiacenti da contrafforti acquedotti che attraversano le strade. Nel 1980 tentarono di trasformare la cisterna in un centro congressi ma, strano a dirsi, si riempiva d'acqua ogni volta che pioveva. Chiesa di Santa Maria Maggiore (Bonifacio) su Wikipedia chiesa di Santa Maria Maggiore (Q3585162) su Wikidata
  • 41.3879.15566913 Chiesa di San Domenico (Appena fuori dalla porta occidentale della Cittadella). Raro esempio di stile gotico in Corsica, questa chiesa risale al XIII secolo. Il campanile è di stile sconosciuto: inizia quadrato, diventa ottagonale, poi termina a merli. Occasionalmente si tengono concerti in chiesa. Chiesa di San Domenico (Bonifacio) su Wikipedia chiesa di San Domenico (Q3581384) su Wikidata
  • 41.3870819.15318114 Chiesa di San Bartolomeo. Chiesa del XVII secolo della confraternita trasformata in cinema. L'edificio è stato classificato come monumento storico nel 1994. Église Saint-Barthélemy de Bonifacio (Q22969238) su Wikidata
  • 41.38699.15658115 Chiesa di San Giacomo. L'ex chiesa, edificata dai genovesi all'inizio del 1300, era amministrata dall'ordine benedettino. Dopo la Rivoluzione francese fu chiusa, poi adibita a magazzino, recentemente convertito in sala da concerto. L'esterno non è molto presentabile, ma il precedente appuntamento è indovinato. Église Saint-Jacques de Bonifacio (Q22969240) su Wikidata
  • 41.3874319.15383116 Chiesa di Santa Maria Maddalena. Chiesa risalente al periodo tra il XV secolo e il XVI secolo, trasformata in frantoio. L'edificio è stato classificato come monumento storico nel 1994. Église Sainte-Marie-Madeleine de Bonifacio (Q22969242) su Wikidata
  • 41.4148399.16776117 Chiesa di Sant'Erasmo. È elencata nell'Inventario Generale dei Beni Culturali. Église Saint-Érasme de Bonifacio (Q38565222) su Wikidata
  • 41.4055399.12356718 Chiesa della Trinità. L'edificio è stato classificato come monumento storico nel 2016. Ermitage de la Trinité (Q31045961) su Wikidata
  • 41.386979.1572219 Cappella di Santa Croce. chapelle Saint-Croix de Bonifacio (Q103980281) su Wikidata
  • 41.3867979.15827220 Cappella di San Giovanni Battista (All'angolo di Rue Doria e Rue Saint-Jean-Baptiste). Cappella costruita nel 1775, appartenente alla confraternita di Giovanni Battista. All'interno si trova un gruppo scultoreo ligneo raffigurante la decapitazione di Giovanni Battista. Chapelle Saint-Jean le Baptiste de Bonifacio (Q38627439) su Wikidata
  • 41.3870069.16046421 Cappella di San Rocco. Questa minuscola cappella segna il punto in cui morì l'ultima vittima della peste allo scoppio del 1528. San Rocco, martire di Montpelier del XIV secolo, è particolarmente venerato per le sue intercessioni contro la peste e, a nome degli scapoli, persone falsamente accusate, e cani. Il giorno del suo Santo viene celebrato ogni anno qui il 16 agosto. Chapelle Saint-Roch de Bonifacio (Q60386045) su Wikidata
  • 41.4143119.16111122 Cappella di Santa Reparata (In auto: uscire dalla città sulla N196, alla rotonda proseguire sulla N198 in direzione Porto Vecchio, dalla rotonda proseguire per circa 2 km, poi girare a sinistra al cartello (D60), circa un chilometro in più fino al segnale di svolta a destra. A questo punto bisogna lasciare l'auto sul ciglio della strada e seguire la segnaletica per 100 metri a piedi). La cappella del IX secolo è uno degli edifici più antichi dell'isola. Fu costruito nel primo stile romanico e presenta forme piuttosto semplici. Probabilmente non entrerete. Come bonus, una splendida vista sulle montagne circostanti. Chapelle Sainte-Réparata, Bonifacio (Q1254127) su Wikidata


Eventi e feste[modifica]

  • Riti e processione della Settimana Santa. Simple icon time.svg Marzo o Aprile.


Cosa fare[modifica]

Trenino turistico di Bonifacio
  • Tour della città con il trenino turistico (Le Petit Train), Quai Noel Beretti, +33 04 95 73 15 07. Ecb copyright.svg 5,00 €. Simple icon time.svg Partenze ogni mezz'ora dal 41.389159.165383 chiosco vicino al porto turistico TIC e 41.387139.15724 fermata intermedia (anch'essa ogni mezz'ora) nella parte alta della città. Acquistate il vostro biglietto in anticipo, ma non lo venderanno se il prossimo treno è esaurito. Si allontana rumorosamente sulla Avenue Charles de Gaulle fino ai bastioni, fa un piccolo giro dell'altopiano del promontorio, quindi scende e riprende vicino al municipio prima di ridiscendere. Molte persone scelgono di salire e tornare a piedi ma non ci sono sconti per questo. Buona scelta se avete poco tempo per stare in città oppure se non ve la sentite di affrontare a piedi le salite dal porto o perché siete stanchi, o perché non siete abituati alle lunghe camminate.
  • Escursioni in barca SPMB (Société de promenades en mer à Bonifacio). Gite di 1 ora e mezza giornata di un consorzio di aziende locali, in direzione delle isole di Lavezzi. Vedrete le loro barche e le sentirete attraenti per i clienti dal porto turistico TIC.

Le immersioni nello Stretto sono eccellenti, anche se potreste dover andare fuori città (ad es. Porto Vecchio) per trovare una baracca commerciale per fare escursioni lì.

Visitate Capo Pertusatu, la punta meridionale della Corsica, a 5 km a sud di Bonifacio. Potreste fare un'escursione lì (ma pensate al ritorno) lungo il Campu Romanellu. Oppure pedalare o guidare verso sud dal centro città sulla D58 e poi sulla D260 fino in fondo. C'è un faro, lo scoglio "Gouvernail", con vista sullo Stretto verso la Sardegna, distante appena 12 km.

  • 41.3862199.1496531 Le Gouvernail (Timone della Corsica), Quartier St-François, +33 6 19 73 69 75. Ecb copyright.svg 2,50 €. Simple icon time.svg Luglio-metà Settembre: 9:00-20:00; Maggio-Giugno: 10:90-19:00; metà Settembre-fine Ottobre: 10:00-18:00. Il Gouvernail è una formazione rocciosa che sulla mappa assomiglia al timone della Corsica a forma di barca. Seguite i 168 gradini verso il basso; c'è un bunker della fine del XIX secolo scavato nella roccia per una postazione di tiro dei cannoni. (Q48747881) su Wikidata

Spiagge e calette[modifica]

In città[modifica]

Ci sono due piccole calette sulla spiaggia a nord dell'area naturale. Lo svantaggio: il porto non è lontano per entrambe.

  • 41.3920479.1570262 Plage de la Catena.
  • 41.3914399.151343 Plage de l'Arinella. , circondata da alte scogliere

A ovest di Bonifacio[modifica]

  • La 41.3741889.220774 Plage de Piantarella è una spiaggia sabbiosa lunga e stretta, dietro la quale si trova un lago balneare. Di fronte alla spiaggia si trova l'Île de la Pietra, una piccola isola. L'acqua è così bassa che potete camminare principalmente lì e non dovete nuotare.
  • La 41.3708179.2211865 Plage de Sperone si trova nelle immediate vicinanze dell'omonimo campo da golf tra due rocce.

A est di Bonifacio[modifica]

  • 41.3933169.1367746 Plage de Fazzio su una baia che è bloccata da isole rocciose e quindi a prima vista sembra un lago.
  • 41.3992959.1334817 Plage de Paraguan in una piccola baia incorniciata da rocce
  • 41.4266299.1049798 Plage de La Tonnara nella minuscola frazione omonima, ma con due ristoranti


Acquisti[modifica]

Numerosa la presenza in città di negozi di souvenir (soprattutto nella Città Alta), artigianato, prodotti locali, abbigliamento, ecc...

Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

Numerosa la presenza di bar e caffetterie sia al porto che nel centro città.

Dove mangiare[modifica]

Cappella di Santa Reparata

Numerosa la presenza di ristoranti sia al porto che nel centro città tra cui:

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Chiesa di Sant'Erasmo
Cappella di San Giovanni Battista

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]

  • 41.388049.162172 Farmacia (Pharmacie de Bonifacio), 87 Quai Comparetti, +33 04 95 73 00 02, fax: +33 04 95 73 11 33. Simple icon time.svg Lun-Sab 9:00-12:30 e 14:30-19:00.


Come restare in contatto[modifica]

Informazioni turistiche[modifica]

  • 41.3877159.1581893 Ufficio del turismo, 2, rue Fred Scamaroni, +33 495 73 11 88, .
  • 41.3888479.1651134 Punto informazioni del porto (Bureau d'information touristique de la marine), Port de plaisance.
  • Ufficio informazioni turistiche del Bastione dello Stendardo (Bureau d'information touristique du Bastion de l'Etendard), Place d'Armes.
  • Punto informazioni turistiche della scalinata del Re d'Aragona.


Internet[modifica]

A Bonifacio tutte le compagnie telefoniche francesi dispongono del 4G. A giugno 2022, il 5G non ha raggiunto la città.

Tenersi informati[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

CittàGuida: l'articolo rispetta le caratteristiche di un articolo usabile ma in più contiene molte informazioni e consente senza problemi una visita alla città. L'articolo contiene un adeguato numero di immagini, un discreto numero di listing. Non sono presenti errori di stile.