Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Cile

Patrimoni mondiali dell'umanità in Cile

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Cile al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

Il Cile ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 20 febbraio 1980.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Parco nazionale di Rapa Nui sull'Isola di Pasqua (Moai) 1995 Culturale (i)(iii)(v) Rapa Nui, il nome indigeno dell'isola di Pasqua, testimonia un fenomeno culturale unico. Una società di origine polinesiana che vi si stabilì circa nel 300 d.C. dando origine ad una potente, fantasiosa e originale tradizione della scultura e architettura monumentale, libero da qualsiasi influenza esterna. Dal X al XVI secolo questa società costruì santuari ed eresse enormi figure in pietra conosciute come moai, che ha creato un paesaggio culturale senza eguali e che continua ad affascinare le persone di tutto il mondo. Moai Rano raraku.jpg
2 Chiese di Chiloé 2000 Culturale (ii)(iii) Le Chiese di Chiloé rappresentano un esempio unico in America Latina di una forma eccezionale di ecclesiastica architettura in legno. Esse rappresentano una tradizione avviata dalla missione dei gesuiti nei secoli XVII e XVIII, continuata ed arricchita dai Francescani nel corso del XIX secolo, presente ancora oggi. Queste chiese incarnano la ricchezza immateriale dell'arcipelago di Chiloé, e testimoniano una riuscita fusione di cultura indigena ed europea, la piena integrazione della sua architettura nel paesaggio e l'ambiente, nonché ai valori spirituali delle comunità. Iglesia de Nercón.JPG
3 Quartiere storico della città portuale di Valparaíso 2003 Culturale (iii) La città coloniale di Valparaíso presenta un ottimo esempio di sviluppo urbano e architettonico in America Latina del tardo XIX secolo. Nella sua naturale configurazione ad anfiteatro, la città è caratterizzata da un tessuto urbano adattato alle colline che sono punteggiate con una grande varietà di campanili. Contrasta con il tracciato geometrico utilizzato in pianura. La città ha conservato le sue interessanti prime infrastrutture industriali, come ad esempio i numerosi "ascensori" sui ripidi pendii. Cerro Concepcion.jpg
4 Raffinerie di salnitro di Humberstone e Santa Laura 2005 Culturale (ii)(iii)(iv) Humberstone e Santa Laura contengono oltre 200 ex fabbriche di salnitro in cui i lavoratori di Cile, Perù e Bolivia hanno vissuto in città aziendali e hanno forgiato una cultura distintiva dei pampinos comunali. Che la cultura si manifesta nella loro lingua ricca, la creatività, e la solidarietà, e, soprattutto, nella loro lotta per la giustizia sociale pionieristica, che ha avuto un profondo impatto sulla storia sociale. Situato nella remota Pampa, uno dei deserti più aridi della Terra, migliaia di pampinos hanno vissuto e lavorato in questo ambiente ostile per oltre 60 anni, dal 1880, per elaborare il più grande deposito di salnitro nel mondo, che produce il nitrato di sodio fertilizzante usato per trasformare i terreni agricoli in Nord e Sud America, e in Europa, e produrre una grande ricchezza per il Cile. A causa della vulnerabilità delle strutture e l'impatto di un recente terremoto, il sito è stato anche posto sulla Lista del Patrimonio Mondiale in Pericolo per contribuire a mobilitare le risorse per la sua conservazione. Humberstone.jpg
5 Città mineraria di Sewell 2006 Culturale (ii) Situato a 2.000 metri sulle Ande, a 60 km ad est di Rancagua, in un ambiente caratterizzato da climi estremi, la città mineraria di Sewell fu costruita dalla società Braden Copper nel 1905 per ospitare i lavoratori in quella che sarebbe diventata la più grande miniera di rame sotterraneo del mondo, El Teniente. Si tratta di un eccellente esempio di città aziendali nate in molte parti remote del mondo dalla fusione di lavoro e delle risorse locali da una nazione industrializzata, per estrarre e processare ad alto livello le risorse naturali. La città è stata costruita su un terreno troppo ripido per veicoli a motore, Swell si strutturò intorno ad una grande scala centrale che saliva dalla stazione ferroviaria. Lungo il suo percorso incrocia piazze di forma irregolare, con alberi e piante ornamentali che costituiscono i principali spazi pubblici o piazze della città. Gli edifici lungo le strade sono in legno, spesso dipinti intensamente in verde, giallo, rosso e blu. Al suo culmine Sewell contava 15.000 abitanti, ma è stata in gran parte abbandonata nel 1970. Sewell flickr.jpg
Qhapaq Ñan, sistema stradale andino 2014 Culturale (ii)(iii)(iv)(vi) Questo sito è un ampia rete di strade usate per comunicazione, commercio e difesa che coprono 30.000 km. Costruito dagli Inca per diversi secoli e basato in parte sulle infrastrutture pre-Inca, questa straordinaria rete attraversa uno dei terreni geografici più estremi del mondo legato alle cime innevate delle Ande (ad un'altitudine di oltre 6.000 m) fino alla costa, che attraversa foreste pluviali calde, fertili vallate e deserti assoluti. Ha raggiunto la sua massima espansione nel XV secolo, quando si diffuse in tutta la lunghezza e la larghezza delle Ande. Il sistema stradale andino, noto col nome di Qhapac Ñan, si sviluppa su più di 6.000 km e comprende 273 siti che sono stati selezionati per evidenziare le conquiste sociali, politiche, di architettura e di ingegneria della rete, insieme con la sua infrastruttura associata per il commercio, alloggio e stoccaggio, nonché luoghi di significato religioso. Incatrail in Peru.jpg
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti