Vai al contenuto

Da Wikivoyage.

Parque Estatal Cañón de Fernández
Fiume del parco
Tipo area
Stato
Stato federato
Superficie
Anno fondazione

Parque Estatal Cañón de Fernández è un'area protetta situata nello stato di Durango.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Il Parco Statale Cañón de Fernández (PECF) si trova nella parte nord-occidentale dello staro di Durango, all'estremità meridionale del comune di Lerdo ed è attraversato dal fiume Nazas. La sua lunghezza originaria era di 350 km e sfociava nell'estinta Laguna de Mayrán.

Flora e fauna[modifica]

Il parco è una zona umida ripariale che ospita un gran numero di specie vulnerabili e in via di estinzione, nonché comunità ecologiche minacciate, ed è un centro di elevata biodiversità di flora e fauna. Questa zona umida contribuisce a ricaricare le falde acquifere e a moderare il clima locale. Svolge le funzioni di un corridoio biologico, unendo due dei più importanti ecosistemi regionali: il deserto del Chihuahua e le foreste temperate della Sierra Madre Occidentale.

Flora[modifica]

Nell'area predomina la macchia xerica con 15.355,31 ha (89%), questa macchia è definita, ma secondo la sua struttura e fisionomia varia nei diversi luoghi a seconda della topografia e del tipo di terreno di questo tipo di macchia. comprendono:

  1. Macchia rosetofila del deserto: così chiamata perché in essa crescono piante spinose che crescono a forma di rosetta, costituendo una superficie di 13.679,00 ha della superficie totale dell'ANP. In questo boschetto dominano le specie di lechuguilla (Agave lechuguilla), noa (Agave victoriae-reginae), maguey (Agave asperrima), guapilla (Hechictia glomerata), yucca del deserto (Yucca elata) e yucca cinese (Yucca filifera ). Al centro di questo boschetto sono evidenti almeno tre chiazze, nelle rocce si osserva abbondanza di Noa (Agave victoriae-reginae) associata a guapilla ( Hechictia glomerata ), nella parte delle conoidi alluvionali sono presenti macchie di yucche (Yucca filifera e Yucca elata), e nelle parti collinari sono presenti numerose macchie di lechuguilla ( Agave lechuguilla);
  2. Macchia microfilla desertica: così chiamata perché la vegetazione presenta foglie ridotte, intere, prive di picciolo, prive di vascolarizzazione o con venatura ridotta ad una nervatura che in alcune specie non supera la base, questa macchia occupa una superficie di 1.674,60 ha dell'ANP. In questo tipo di boschetti crescono specie come la governatrice ( Larrea tridentata ), sangue di drago o sanggada ( Jatropha dioica ), origano ( Lippia origanoides), Tasajillo ( Cylindropuntia leptocaulis ), nopales ( Opuntia spp.), candelilla ( Euphorbia antisyphilitica ), ocotillo ( Fouqueria splendens ), alcune mamilarie ( M. conglomeratus , M. pottsii e M. imbricata ), coryphantas ( C. cornifera e C. durangensis ), cactus unghia di gatto ( Glandulicactus uncinatus ), telocactus ( Thelocactus bicolor ), artiglio di gatto giallo fiore ( Ferocactus hamatacanthus ) tra gli altri.

Foresta a galleria come corridoio ripariale: vengono presentate come comunità altamente sviluppate in relazione al loro ambiente. Si trovano ai margini dei letti dei fiumi, dei ruscelli e dei canali, dando origine ad una stretta fascia che spesso funge da corridoio faunistico mettendo in comunicazione comunità vegetali isolate. Questo tipo di vegetazione corrisponde ad una superficie di 589,09 ha dell'ANP, nel sito si riscontra una dominanza di piante quali ahuehuetes ( Taxodium mucronatum ), pioppi ( Populus fremontii e P. tremuloides ), salici ( Salix spp.), mesquite ( Prosopis grandulosa ), virginio ( Nicotiana glauca ), frassini ( Fraxinus spp.) e alcune specie esotiche come il mora ( Morus nigra ), l'eucalipto ( Eucalyptus resinifera ), il noce ( Juglans spp.).

La composizione floristica e le diverse associazioni vegetali sono semplicemente legate da problemi di disposizione dei corpi acquatici, in questo modo vengono distribuite anche le specie che rientrano in qualche categoria di rischio secondo NOM-059-SEMARNAT-2010. Nell'Area Naturale Protetta e dai campionamenti effettuati sul campo è stata riscontrata la presenza di 180 specie distribuite in 53 Famiglie e 125 Generi.

Fauna[modifica]

Per la sua struttura e ubicazione, il Canyon Fernández è riconosciuto come un importante rifugio biologico, che a sua volta conta innumerevoli canyon sui pendii dei rilievi delle colline adiacenti al fiume Nazas. Ciò gli conferisce caratteristiche uniche nello stato di Durango, che favoriscono l'esistenza di specie di fauna sia endemiche che migratorie con status speciale in alcune categorie di rischio. Nel sito è presente una grande quantità di fauna nella quale spiccano vari gruppi:

  • Anfibi – Questo tipo di fauna si trova principalmente sulle rive del fiume, spiccano tre specie principali, la rana leopardo ( Lithobates berlandieri ), il rospo smeraldino ( Anaxyrus debilis ) e la raganella dell'olivo ( Gastrophryne olivacea ), per citarne alcune. Sono state identificate 7 specie distribuite in 4 famiglie e 5 generi.
  • Rettili – Sono più diversi e hanno una maggiore distribuzione nel sito, evidenziando lucertole come il geko nordorientale ( Coleonyx brevis ), l'huico ( Aspidoscelis gularis ), l'huico tigre ( Aspidoscelis tigris ), la lucertola sorda maggiore ( Cophosaurus texanus ) e la lucertola sorda minore ( Holbrookia maculata), il camaleonte dalla coda tonda ( Phrynosoma modestum ) che si trova nelle zone pedemontane, lucertola scorpione ( Sceloporus magister ) che si trova nella zona della magueyera, lucertola squamosa dal collare ( Sceloporus poinsettii ) che è comune nelle zone rocciose, mesquite ( Sceloporus grammicus ) che è comune sul tronco di numerosi alberi lungo il fiume, la lucertola striata ( Sceloporus belli ) che si trova spesso sui tronchi di mesquite e huizache, a volte su carcasse di animali, la lucertola nera della sera ( Xantusia vigilis ) è imparentata con i tronchi caduti e le yucche, alcune tartarughe come la tartaruga del fango ( Kinosternon flavescens ), la tartaruga puzzolente ( Kinosternon hirtipes ), la tartaruga dalle orecchie rosse come specie invasiva ( Trachemys scripta ) e serpenti come il serpente da giardino ( Leptotyphlops humilis ). Si osserva in luoghi con elevata umidità, serpenti a sonagli ( Crotalus spp.) localizzati nelle zone pedemontane delle rive dei fiumi e nei torrenti asciutti, e serpente mascherato ( Elaphe guttata ) che ha abitudini anfibie e crepuscolari nella zona delle rive dei fiumi. La diversità di questo gruppo è composta da 50 specie distribuite in 17 Famiglie e 28 Generi.
  • Mammiferi – Sono segnalate specie di roditori come il topo tascabile ( Chaetodipus penicillatus ) e il ratto bruno ( Sigmodon hispidus ); Nella foresta a galleria e nella macchia microfillosa sono segnalati topi dai piedi bianchi (Peromyscus sp.), topi tascabili del deserto ( Chaetodipus Penicillatus ), topi cactus ( Peromyscus eremicus ), ratti canguro ( Dipodomis merriami ) e ratti dalla gola bianca ( Neotoma albigula ), scoiattolo antilope ( Ammospermophilus leucurus ) e scoiattolo delle rocce ( Spermophilus variegatus ). Tra i grandi mammiferi troviamo la puzzola ( Mephitis sp.), il procione ( Procyon lotor ), il coyote ( Canis latrans), la volpe ( Urocyon cinereargenteus ) e il gatto selvatico ( Linx rufus ), ma sono presenti anche alcune specie relitte come il cacomixtle ( Bassariscus astutus ), sono segnalate anche alcune specie di pipistrelli come il pipistrello dalla lingua lunga ( Choeronycteris mexicana ), il pipistrello del deserto ( Antrozous pallidus ) e il pipistrello messicano dalla coda lunga ( Tadarida brasiliensis ). In questo gruppo sono state registrate 39 specie distribuite in 16 Famiglie e 33 Generi.
  • Uccelli – Di questo gruppo ce n'è un gran numero ma tra quelli che spiccano di più ci sono l'aquila nera ( Buteogallus anthracinus ) molto vicina alla diga Francisco Zarco, l'aquila grigia ( Buteo nitidus ) di cui sono stati avvistati dei giovani, e il il falco pescatore (Pandion haliaetus), la garzetta di Montagu ( Ardea herodias ), l'anatra ( Annassp.), la tortora dal petto maculato ( Columbina passerina ) molto comune sulle rive del Nazas, il colibrì lucifero ( Calothorax lucifer ) che si nutre dei fiori del virginio , il magnifico colibrì ( Eugenes fulgens ), il gufo cornuto ( Bubo virginianus ), la civetta delle tane ( Athene cunicularia ), il picchio messicano ( Picoides scalaris ) che normalmente si vede ai margini dei Nazas, la passera messicana ( Haemorhous mexicanus ), la passera dal petto rufu falco ( Accipiter cooperii ), pigliamosche nero ( Sayernis nigricans ), osservati nella foresta a galleria, negli alberi spinosi o tra altre specie. Questo gruppo costituisce la fauna più diversificata dell'ANP, sono state censite 72 specie distribuite in 34 Famiglie e 59 Generi.

Quando andare[modifica]

Il clima registrato nella zona è molto secco, con una temperatura media annua di 20°C. La temperatura media minima è di 15 °C e quella massima di 30 °C; segnalando il più alto tra i mesi da maggio a settembre. La precipitazione media annua è di 260 mm, ed è concentrata tra i mesi di giugno e settembre (regime estivo) e l'evaporazione corrisponde a 10 volte la precipitazione annuale, essendo maggiore a maggio e giugno.

Cenni storici[modifica]

Nel 2008 è stato riconosciuto come sito di importanza internazionale prima della Convenzione di Ramsar, a causa dell'esistenza di una vasta zona umida formata dalla zona ripariale e dal bacino della diga Francisco Zarco, nel mezzo del Deserto del Chihuahua.

Come arrivare[modifica]


Permessi/Tariffe[modifica]


Come spostarsi[modifica]

Mappa a tutto schermo Parque Estatal Cañón de Fernández


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]

Questo ecosistema attira centinaia di persone che amano attività come la mountain bike , il birdwatching, l'osservazione del paesaggio, il motociclismo , l'alpinismo , il kayak , ecc.

Attività come il motociclismo stanno causando enormi danni a questo ecosistema, essendo un'attività consentita. La pesca eccessiva ha anche devastato le popolazioni ittiche.

Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

  • 25.424926-103.7407031 El Tasajillo.
  • 25.441978-103.7362282 camping 2010.
  • 25.432265-103.7355673 Glamping Laguna.


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]



ParcoBozza: l'articolo rispetta il modello standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.