Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Europa orientale > Russia > Russia meridionale > Territorio di Krasnodar > Soči > Distretto centrale di Soči

Distretto centrale di Soči

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Distretto centrale di Soči
(Soči)
Stazione centrale di Soči
Localizzazione
Distretto centrale di Soči - Localizzazione
Stato
Territorio

Distretto centrale di Soči è un distretto della città di Soči.

Da sapere[modifica]

Il distretto centrale è uno dei quattro quartieri che compongono la città di Soči. Qui, in particolare, si trovano il rinomato lungomare, il parco Riviera, il porto marittimo e tutto ciò che si è soliti associare alla città di Soči.


Cenni storici[modifica]

Il quartiere centrale è il nucleo da cui si è sviluppata Soči, anche se il suo monumento più antico si trova, attualmente, in un'altra parte della città. Dopo la Guerra russo-turca del 1828-1829, l'Impero russo costruì una serie di fortezze tra cui Forte Alessandria (Форт Александрия) presso la foce del fiume Soči. Non si hanno notizie certe né sull'etimo del fiume né su quello del forte. Già nel 1839 il forte Alessandria fu ribattezzato Forte Navaginskij in onore del reggimento Navaginskij che si distinse durante le operazioni militari. Il forte sorgeva sulla parte elevata della riva del mare, leggermente più a Sud rispetto alla foce del fiume, proprio lì dove oggi sorge la Città alta (Верхний город). Quando nel 1854 la Russia perse la guerra contro la Crimea, del forte rimase un solo muro che è tuttora visibile nel centro di Soči. L'esercito russo fece ritorno a Soči nel 1864 e la fortezza fu ricostruita e dedicata a Dahovskij (anche questa volta in onore di un reggimento dell'esercito), solo non più sulla parte alta, bensì proprio presso la foce del fiume. In quel luogo oggi si trova la Città bassa (Нижний город). Questo forte venne chiamato insediamento di Soči nel 1896 e, infine, nel 1917 si guadagnò lo status di città. In quel periodo i Russi cacciarono dal territorio di Soči gli invasori turchi ma a causa delle paludi diffuse tutt'intorno a Soči e della natura inospitale, non fu almeno fino all'inizio del XX secolo una città turistica. Arrivare qui per via terra era infatti praticamente impossibile e anche un normale attracco era difficile. Via fiume potevano viaggiare solo piccole imbarcazioni e per questo dedicarsi al commercio fluviale rappresentava una vera e propria avventura. Si capisce che se già come meta di commerci era poco ambita, tanto meno Soči poteva allettare come meta turistica.

La situazione cambiò nel 1896 a causa della costruzione della strada che collegava Soči a Novorossijsk. Da quel momento, Soči (e in particolare la città alta) divenne subito meta di turismo soprattutto da parte dell'aristocrazia russa. Conseguenza di questo interesse fu la costruzione di ville che nulla avevano da invidiare alle lussuose residenze moscovite. Sulla riva destra del fiume sorse il primo centro balneare, la Riviera caucasica (Кавказская Ривьера) oggi distrutta. La parte destra della riva, invece, rimase la parte più povera della città almeno fino agli anni '30, quando il governo sovietico varò dei piani per una ricostruzione generale della città. La ricostruzione sovietica interessò in maniera particolare la riva, anche se non poco fu costruito anche nel centro di Soči. Risalgono a questo periodo, infatti, l'ospedale, gli hotel, i teatri, la stazione ferroviaria e quella marittima.

Nel dopoguerra e soprattutto dopo l'epoca staliniana, la città è stata costellata di case prefabbricate a causa della crescente popolazione. Un nuovo impulso nel campo edilizio si è avuto negli anni 2000 alla vigilia delle olimpiadi. A livello di armonia tutte queste fasi costruttive danno l'impressione di un caos a causa della sovrapposizione, spesso nello stesso quartiere, di antiche ville aristocratiche, di prefabbricati staliniani e di nuovi edifici a cinque piani in stile high-tech.

Come orientarsi[modifica]


Quartieri[modifica]

  • Città bassa — è il centro vero e proprio di questo distretto e si estende grosso modo tra la stazione ferroviaria e la riva del fiume Soči. A Sud-Ovest di questa parte si trova il Kurortnij prospekt, la via principale della città sulla quale si ergono i più importanti monumenti e luoghi d'interesse
  • Città alta — Dopo l'incrocio tra le vie Gorkij e Vojkov, la via principale (il Kurortnij prospekt) procede fino ad una terrazza. Qui inizia la cosiddetta Città alta.
  • Khosta — La Città alta prosegue per circa due km dopo i quali si esce dal distretto centrale per entrare nel distretto di Khosta,che si distingue nella Grande Soči per essere il luogo in cui si concentrano i parchi naturali presenti sull'alto corso del fiume Soči

Procedendo verso Nord-Ovest si esce dall'area urbana per incamminarsi in una zona caratterizzata quasi esclusivamente da centri per cure termali.

Come arrivare[modifica]

Per maggiori informazioni sulla rete dei trasporti vedi Soči

  • 1 Stazione centrale, via Gor'kogo (Горького), 56, +7 8622 60-90-09. Si consiglia di osservare con attenzione il magnifico edificio della stazione ferroviaria.
  • 2 Stazione degli autobus, via Gor'kogo (Горького), 56a, +7 8622 62 03 30, +7 8622 64 64 35. Simple icon time.svg 24h. Accanto alla stazione ferroviaria.
  • 3 Stazione marittima, via Vojkova (Войкова), 1, +7 8622 60-96-03.


Come spostarsi[modifica]

Con gli autobus è facile raggiungere Adler, Dagomys, Macesta, Monomajka e Khosta. I Taxi di linea viaggiano con una frequenza maggiore degli autobus ma solo fino alle ore 23.00 mentre il servizio degli autobus continua 24h al giorno.

Cosa vedere[modifica]

Cattedrale di S. Michele Arcangelo

Città alta[modifica]

  • 1 Faro, via Moskvina (Москвина), 10 (Sul lungo mare, di fronte alla sala concerti). L'antico faro di Soči, dalla caratteristica luce verde, fu costruito nel 1890, quando la città era raggiungibile solo via mare. Purtroppo non è consentito visitarlo dall'interno.
  • 2 Cattedrale di S. Michele Arcangelo, via Moskvina (Москвина), 12 (non lontano dal faro, vicino al porto). È considerato il primo importante edificio di culto ortodosso sul Mar Nero, anche se, probabilmente, esistevano già prima chiesette temporanee. Fu costruita sul finire del XIX secolo in ricordo della fine della Guerra del Caucaso. I lavori di costruzione durarono più di 20 anni a causa di continue interruzioni dovute alla contemporanea guerra con la Turchia. L'edificio, pur non essendo un capolavoro dell'architettura religiosa, presenta comunque elementi tipici del Sud russo. Lo stile richiama il classicismo europeo, fatta eccezione per il campanile, in tipico stile russo ortodosso. Accanto alla cattedrale potete ammirare un piccolo battistero dedicato alla Madre di Dio e risalente al 1995. Non dimenticate di prestare attenzione, sulla stessa via al numero civico 8, alla bellissima casa estiva di Voronov in puro stile Art-Nouveau.
  • 3 Muro del forte, via Moskvina (Москвина), 7 (nel cortile). La prima fortezza della città, il Forte Alessandria fu costruito sulla parte alta della terrazza vicino al mare, lì dove ora si trovano il faro e la cattedrale. Anche se il forte fu raso al suolo nel 1854, qualcosa di questa costruzione è rimasto. La parte, oggi ancora visibile, è un muro con aperture ad arco accanto all' edificio dell'ex ospedale № 1. Si tratta di una villa ad un solo piano costruita in uno stile neogotico. La villa è ora abbandonata e l'entrata al cortile è quasi sempre chiusa. Il destino di questo edificio è oggi incerto. Potete percorrere l'antica (e pericolante) scalinata di pietra e ammirare intorno a voi ciò che rimane dell'antica fortezza di Soči.
Villa Vera
  • 4 Villa Vera (Вера), viale Kurortnyj (Курортный пр.), 32. La villa e il piccolo parco appartenevano alla famiglia Mamontov, un tempo proprietari della maggior parte delle terre nel centro di Soči. Nel 1870, Mamontov creò qui un giardino ricco di piante esotiche poi diventato l'attuale Parco Riviera. La famiglia costruì anche una villa in legno che venne popolarmente chiamata Vera. La villa è, di fatto, la più antica dacia di Soci, la prima testimonianza di un interesse turistico verso questa città. Vedendola da lontano, la villa richiama le sembianze di una chiesa armena. Avvicinandosi, al contrario, si possono riconoscere i più disparati elementi architettonici e nell'insieme ricorda una specie di Art-Nouveau settentrionale. Durante la rivoluzione, proprio in questa villa, si insediò il locale comitato esecutivo del governo rivoluzionario e il 20 maggio 1920 fu firmato in queste stanze, l'atto di resa dell'armata bianca zarista. Prima della seconda guerra mondiale, essa diventò un centro di riabilitazione conosciuto con il nome di Zjuruly e dopo la guerra divenne un ospedale per i feriti di guerra.
Biblioteca Puškin
  • 5 Biblioteca Puškin, via Primorskaja (Приморская) 1. Una piccola villa in stile neogotico su due piani. Da notare le finestre ad arco simili a grosse gocce e la ripresa dei merletti dei castelli medievali.
  • 6 L'Ancora e il cannone (Якорь и пушка), P.zza Puškinskij (Пушкинский сквер) (di fronte alla biblioteca). Monumento del 1913, dedicato al 75° anniversario della fondazione della cittá. Il cannone è stato fuso nel 1807, l'ancora, nel 1779. Lo stile è quello dell'epoca zarista. L'epigrafe originaria è stata cancellata: ora il monumento è dedicato alla vittoria nella Guerra russo-turca.
  • 7 Casa di Gordon, via Primorskaja (Приморская) 4. Il medico A. Gordon è stato tra le personalità di spicco della città di Soči. All'inizio del XX secolo si impegnò assiduamente nel combattere la malaria e prima della rivoluzione costruì per se questa casa. Si tratta di un edificio carino in stile Art-Nouveau. Avvicinandovi a questo edificio non potrete non notare l'enorme struttura dell'Università olimpionica, costruita in occasione delle Olimpiadi, che ha inghiottito un intero quartiere pieno zeppo di edifici storici, tra cui lo stesso ospedale di Gordon. L'università è il più originale tra gli edifici costruiti per le olimpiadi (lasciamo a voi immaginare cosa possano essere gli altri) e si estende imponente con le sue torri di 16 piani che circondano la sala conferenze.
Casa di Uspenskij
  • 8 Casa di Uspenskij (Дом Успенского), via del Teatro (Театральная ул.), 6. Questa villa fu costruita nel 1884 dal nobile zarista Grigorij Uspenskij. È forse l'unico esempio dell'architettura autoctona di Soči prima che questa diventasse una meta turistica. Tipico di questo stile è la mancanza di ogni particolare complicato o di scopo puramente estetico; i materiali di costruzione sono semplice legno o mattoni e sono assenti balconi e verande.
  • 9 Teatro d'inverno (Зимний театр), P.za del Teatro (Театральная), 2. Il teatro, un perfetto esempio di architettura stalinista, fu costruito nel 1934-1937 riprende quasi esattamente il colonnato del Partenone. Si pensa che il portico dovesse circondare l'intero perimetro dell'edificio con lo scopo di dare una visione trionfale del teatro da due angolazioni contemporaneamente: dalla piazza del Teatro e dal mare. Il progetto subì in seguito diverse semplificazioni e il portico è stato costruito solo in corrispondenza della facciata principale. Questo teatro è diventato il modello di centinaio di altri teatri costruiti nel secondo dopoguerra in tutta l'URSS.
  • 10 Giardino Venčagov (Сад Венчагова), P.za del Teatro (Театральная) (sul lato sud-occidentale del Teatro d'inverno). Simple icon time.svg 09:00 - 18:00. Il giardino fu costruito agli inizi degli anni '90 dall'urbanista Sergej Venčagov che doveva abbellire la città con i suoi fiori in ogni stagione dell'anno. È stato necessario importare diversi tipi di terreno e numerose specie di piante da tutto il mondo. Attualmente crescono qui quasi 500 tipi diversi di piante tra floreali e non.

Città bassa[modifica]

Limitata a Est dalla via Gor'kij e a Ovest dal fiume Soči, la città bassa è stata, all'inizio del XX secolo, una specie di borgo artigianale, sede di numerose botteghe. Questa parte del distretto centrale è cambiato completamente con l'inizio dei lavori di ricostruzione e allargamento del Kurortnyj prospekt alla fine degli anni '30. Oggi questa parte non presenta niente di particolare se non la spettacolare stazione marittima.

Stazione marittima
  • Stazione ferroviaria centrale (Железнодорожный вокзал), via Gor'kogo (ул. Горького). La stazione fu costruita nel 1952 su progetto di Duškin, autore tra l'altro anche di uno dei grattacieli sovietici di Mosca. Oggi la stazione è un vero e proprio palazzo completo di una torre con orologio. Sicuramente, la stazione centrale, è tra gli edifici più interessanti di Soči: al centro dell'edificio c'è un atrio che come l'intero edificio è costellato di colonne, archi e portici.
  • Stazione marittima (Морской вокзал), via Vojkov (ул. Войкова), 1. Anche questo è un altro importante esempio di arte staliniana. Fu costruita nel 1955 su progetto di Alabjan e ricorda leggermente la Stazione fluviale del Nord di Mosca anche se di minori dimensioni ma più decorata: qui troviamo quattro sculture rappresentanti la personificazione femminile delle quattro stagioni e quella maschile dei quattro punti cardinali insieme a un gruppo di delfini. Anche le decorazioni sono molto interessanti: i soffitti sono tutti affrescati e le colonne sono decorate da bassorilievi oltre a enormi conchiglie che spuntano dal soffitto. L'architetto è riuscito a pieno a conferire all'edificio l'irripetibile stile russo meridionale.
  • 11 Fontane canterina (Поющие фонтаны), viale Kurortnyj (Курортный проспект). Si tratta di una fontana pensata per creare giochi di luce e per trasmettere musica. La costruzione risale al 1970 e l'ultimo restauro è del 2009.

Riva destra[modifica]

Chiesa di Vladimir I
Elegante edificio di fronte alla dacia di Zinov'eva

Prima della Rivoluzione d'ottobre, la riva destra del fiume Soči si chiamava Borgo di Chludov dal nome dell'imprenditore Vasilij Chludov che nel 1883 aveva comprato in questo territorio molte terre. Chludov cercò di rendere produttiva questa zona piantandoci grano, tabacco e uva ma i suoi sforzi si dimostrarono inutili e alla fine del secolo Chludov, disperato, vendette queste terre al governo russo. Qui sorse il parco Riviera e il centro di cure termali Riviera caucasica, il primo di tanti centri termali a Soči. Erano, inoltre, presenti palazzi di epoca zarista in stile eclettico che purtroppo non sono sopravvissuti all'avvento del nuovo capitalismo russo negli anni '90 del XX secolo. Oggi è conosciuta come la parte nuova della città, sede di locali e luogo di svago.

  • 12 Dacia di Chludov (Дача Хлудова), Parco Riviera(парк «Ривьера). Villa costruita nel 1896 in stile pseudorusso su progetto dell'architetto moscovita Kekušev. È un tipico e purtroppo triste esempio dei restauri effettuati con il metodo della totale distruzione e completa ricostruzione di un nuovo edificio. Quello che potete vedere oggi appare alquanto pacchiano a causa degli accostamenti tra le pareti arancioni e il tetto blu e oro. È difficile credere che un tale edificio possa dare un'idea del vecchio stile architettonico legato a Soči. Si progetta di aprire un museo dedicato interamente a Chludov.
  • 13 Dacia di Trapeznikov (Дача Трапезникова), via Pirogov (ул. Пирогова), 10 (ala n. 2 del centro termale Zapoljar'e). Si tratta di una bella villa in stile saraceno. La ricostruzione risale al 2010-2012 quando è stato ridato all'edificio il suo antico aspetto. Oggi è un fantastico edificio, soprattutto quando immerso nella vegetazione tipica del luogo. Degni di nota sono il terrazzo colonnato e una torretta molto elegante.
  • 14 Dacia Zinov'eva (Дача Зиновьевой), via Vinogradnaja (ул. Виноградная), 22. Questa dacia è un particolare edificio dell'inizio del XX secolo, costruita con pietra locale. Sebbene si rintraccino influenze dell'Art-Nouveau, le forme rettangolari e le finestre alte e strette sembrano provenire da un'altra epoca. All'inizio l'edificio ricordava un castello medievale ma ora lo si percepisce come un prodotto d'avanguardia. Il lussuoso edificio della posta, posto di fronte alla villa, rassomiglia, invece, a un piccolo palazzo del periodo postbellico.
  • 15 Chiesa di Vladimir I di Kiev (Церковь Владимира Равноапостольного), via Vinogradnaja (ул. Виноградная), 18. Questa chiesa è di recente costruzione (terminata nel 2009). A vederla sembra di osservare una casa di marzapane. Le decorazioni sono abbastanza insolite benché sia difficile definirle come belle.
  • 16 Monumento a Churchill, Roosevelt e Stalin (Черчилль, Рузвельт и Сталин), via Vinogradnaja (ул. Виноградная), 14 (vicino all'hotel Charmaševskij (Хармашевский)). Forse l'unico monumento in Russia dedicato alla coalizione antihitleriana. È stato eretto nel 2008 dallo scultore israeliano Frank Meisler. Una copia dello stesso monumento è in Inghilterra e un'altra ancora negli USA. Nelle vicinanze si trova anche il museo dedicato alla seconda guerra mondiale
  • 17 Centro termale Kirov (Санаторий имени Кирова). Una gran parte della riva destra è occupata da centri termali che sarebbero potuti essere ottimi esempi di architettura sovietica se non fossero stati restrutturati di recente. Il migliore che si possa vedere è proprio il Kirov
  • 18 Parco Riviera (Парк Ривьера), via Egorov (ул. Егорова), 1, +7 8622 643377, +7 8622 643370. Simple icon time.svg 24h al giorno. Questo parco si estende su una superficie di 14,7 ha e fu fondato alla fine del XIX secolo da Mamontov, il quale nella sua tenuta Razdol'noe aveva piantato un giardino con molte piante rare. Chludov comprò la tenuta nel 1883 e vi costruì una dacia con un bosco circostante. Nel 1901 il parco fu venduto al comune di Soči e attualmente crescono qui 250 specie di piante. Il parco dispone anche di un kartodromo, una serie di attrazioni per bambini, una galleria d'arte, dei campi da tennis e una mostra di bambole artigianali. Tra gli elementi più importanti possiamo ricordare il viale dei pianti e il viale degli austronauti sul quale 45 astronauti tra sovietici e americani piantarono le magnolie.
  • 19 Eroismo per la vita (Подвиг во имя жизни), all'angolo tra il prospekt Riv'erskij e Kurortnyj (угол пер. Ривьерского и Курортного) (all'entrata del parco Riviera). Sotto questo nome si intende una serie di edifici dedicati al personale medico di Soči, il quale, durante la seconda guerra mondiale, ha curato mezzo milione di feriti. Il monumento posto dinanzi a questa fila di edifici è un arco d'acciaio decorato con le statue marmoree di medici e infermieri.

Cosa fare[modifica]

  • 1 Acquapark il Faro (Аквапарк Маяк), via Primorskaja (ул. Приморская), 3/7 (vicino alla sala concerti Festival'nyj. Fermata autobus Stereo), +7 8622 620508. Simple icon time.svg maggio-ottobre 10:00-19:00.
  • Acquario (Сочинский океанариум в парке Ривьера), via Egorova (ул. Егорова), 1 (nel parco Riviera), +7 8622 644343. Ecb copyright.svg 300 rubli, (bambin: 200 rubli). Simple icon time.svg estate 10:00 - 24:00, inverno 10:00 - 21:00 tutti i giorni.
  • 2 Escursione in Motonave (Прогулочный теплоход), via Vojkov (ул. Войкова), 1 (partenza presso il porto), +7 8622 609603. Ecb copyright.svg 300 rubli. Simple icon time.svg 11:00-21:00. Servizio di escursione su una motonave. Il servizio è attivo da maggio a ottobre

Musei[modifica]

Museo dell'arte
  • 3 Museo di storia locale (Музей истории города-курорта Сочи), +7 8622 642326. Ecb copyright.svg 100 rubli (2014). Simple icon time.svg Mar-Dom 09:00-18:00. Museo di storia locale, forse uno dei migliori della zona. Si possono ammirare anche reperti sugli astronauti. In un edificio separato si trova il Museo della gloria sportiva creato per le Olimpiadi.
  • 4 Museo dell'arte (Художественный музей), Prospekt Kurortnyj (Курортный пр.). 51, +7 8622 622947. Ecb copyright.svg 100 rubli (2014). Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-17:30.
  • 5 Museo Nicolaj Ostrovskij (Литературно-мемориальный музей Николая Островского), via Korčagin (ул. Корчагина), 4, +7 8622 622015, +7 8622 625270. Ecb copyright.svg 50+30 rubli (2014). Simple icon time.svg giugno-ottobre 10:00-19:00, ottobre-maggio 10:00-17:30, escluso il mercoledì. Museo letterario dedicato ad Ostrovskij, scrittore sovietico che abitò a Soči dal 1932. Il palazzo accanto ospita la mostra sulla storia letteraria di Soči.
  • 6 Museo della gloria sportiva (Музей спортивной Славы Сочи), via Sovetskaja (ул. Советская), 26а, +7 8622 642326, +7 9284489085. Ecb copyright.svg 80 rubli. Simple icon time.svg 11:00-21:00. Museo aperto nel 2010, ospita la storia delle Olimpiadi e in maniera particolare il ruolo di Soci nella storia delle Olimpiadi.


Acquisti[modifica]

  • 1 Centro commerciale (Торговая галерея), via Navaginskaja (Навагинская ул). Sulla stessa via si possono trovare diversi negozi di ogni genere
  • 2 Aleksandrija (Александрия), via Moskovskaja (ул. Московская), 22. Centro commerciale disposto su cinque piani, proprio nel centro di Soči
  • 3 More Moll, (ул. Новая Заря). Centro commerciale regionale. Qui potrete trovare più di 30 diversi ristoranti oltre a cinema multisala


Come divertirsi[modifica]

Teatro d'inverno
  • 1 Teatro d'inverno (Зимний театр), via del Teatro (ул. Театральная), 2, +7 8622 622006.
  • 2 Sala dei concerti detta Festival'nyj (Концертный зал «Фестивальный»), via Ordžonikidze (ул. Орджоникидзе), 5. La più moderna e capiente sala concerti di Soči. Può contenere fino a 2500 persone.
  • Sala delle degustazioni (Дегустационный зал «Аркадия») (presso Parco Riviera). Qui si può partecipare alla degustazione del miglior vino del sud della Russia. D'estate è aperta regolarmente mentre d'inverno solo su prenotazione.
  • 3 Bar London, via Nesebrskaja (Несебрская ул), 6, +7 8622 60 82 00. Ecb copyright.svg 500 - 1500 rubli a persona. Simple icon time.svg sempre aperto. Ristorante alla moda e bar, offre cucina europea e giapponese oltre a una vasta scelta di cocktail e alcolici in genere. Ogni settimana sono organizzati eventi o concerti.
  • 4 Club Šum (Шум), via Navaginskaja (ул. Навагинская), 9, +7 9882 37 54 20. Simple icon time.svg sempre aperto. 09:00-18:00: servizio ristorante, 19:00-7:00 karaoke. È un raffinato club con la possibilità di partecipare a serate/nottate karaoke ogni giorno. Si segnala anche un'ottima cucina e una vasta scelta di cocktail.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Art-Pizza (Арт-Пицца), via del Teatro (ул. Театральная), 9, +7 (8622) 62-26-66. Ecb copyright.svg all'incirca 500 rubli pro capite. Simple icon time.svg 10:00 – 24:00. Ottima pizza a prezzi ragionevoli. Ottima anche la posizione, proprio accanto al Teatro d'inverno
  • 2 Caffè Belye Nochi (Белые ночи), vicolo Morskoj (Морской пер.), 7. Ecb copyright.svg 150 rubli. Caffè di culto dove si può anche mangiare qualcosina tra cui un'ottima carne allo spiedo (il tipico shashlyk, шашлык del sud della Russia)
  • 3 McDonalds, Kurortnyj prospekt (Курортный пр.), 17/1, +7 (8622) 64-87-79, +7 (8622) 64-86-74. Simple icon time.svg 8:00 – 24:00.
  • 4 Mensa Bon Appetit, via Vorovskij (ул. Воровского), 19. Una buona mensa al cui fianco si trova un caffè dove si può prendere il caffè con un dolce.
  • 5 Trattoria Jaroslavna (Ярославна), +7 (8622) 64-37-60. Simple icon time.svg 10:00 – 20:00. Trattoria di medio livello situata nel quartiere della stazione centrale. Wi-fi disponibile

Prezzi medi[modifica]

  • 6 Puzataja hata (Пузатая хата), via Navaginskaja (ул. Навагинская), 9/1, +7 (988) 501-61-60. Ecb copyright.svg 200-350 rubli. Copiato dalla ucraina Puzatuju hatu, qui si serve del normale cibo russo-ucraino.
  • 7 San Marco, via Navaginskaja (ул. Навагинская), 3. Simple icon time.svg 8:00 – 6:00. Caffetteria-stuzzicheria aperta praticamente tutto il giorno
  • 8 Mama Roza (Мама Роза), via Moskovskaja (ул. Московская), 19A, +7 (8622) 64-28-72. Ecb copyright.svg circa 500 rubli a testa. Simple icon time.svg 11:00 – 23:00. Una buona pizzeria, locale confortevole. Wi-fi disponibile
  • 9 Nippon House, via Vorovskogo (ул. Воровского), 36, +7 (8622) 64-08-56. Ecb copyright.svg 250-350 rubli. Simple icon time.svg 11:00 – 24:00. Tipico ristorante giapponese
  • 10 Frau Marta (Фрау Марта), via Sovetskaya(ул. Советская), 2, +7 (8622) 33-72-72. Ecb copyright.svg 500-1500 rubli a persona. Simple icon time.svg 11:00 – 23:00. Ristorante tedesco vicino al porto. È un locale carino con un'ampia scelta di birre e gustosi Wurstel

Prezzi elevati[modifica]

  • 11 Genacvale (Генацвале), via Krasnoarmejskaja, 1 (sulla riva destra del fiume), +7 (8622) 33-08-88. Simple icon time.svg 12:00 – 24:00. Ristorante georgiano davvero ottimo.
  • 12 Kalipso, via Moskvina, 2 (vicino al porto), +7 8622 62-40-33. Ecb copyright.svg 2500 rubli. Simple icon time.svg 12:00-24:00.
  • 13 La Terrazza, Kurortnyj prospekt, 105B, +7 8622 965858. Ecb copyright.svg 2500 rubli a esta. Simple icon time.svg 12:00-24:00. Tipica cucina italiana
  • 14 via Vorovskogo, 3, +7 8622 643867. Ecb copyright.svg a partire da 500 rubli. Ristorante di lusso; nell'arredamento si percepisce qualcosa di mediterraneo, tuttavia la cucina non è tra le migliori che Soči possa offrire.
  • 15 Sinee More (Синее Море), via Černomorskaja, 11, +7 8622 662121, @ . Ecb copyright.svg 2500-5000 rubli a persona. Il ristorante più costoso di Soči; la cucina è tipicamente mediterranea


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • 1 Ostello Još (Ёж), via Čajkovskogo (ул. Чайковского) (sulla riva destra del fiume), +7 (8622) 34-03-15. Ecb copyright.svg 1000 rubli a persona; stanza singola a 1800 rubli. Comodo ed economico ostello anche se dall'arredamento curato e dalla disposizione delle stanze si direbbe più un hotel che un ostello. Accanto si trova il centro di studi per la lingua inglese. A breve sarà disponibile anche il Wi-fi
  • 2 Very Hostel, via Pervomajskaja (ул. Первомайская), 19, +7 (988) 187-87-00, +7 (918) 107-52-29. Ecb copyright.svg 800 rubli, stanza doppia: 2000 rubli.

Prezzi medi[modifica]

  • 3 Primorskaja hotel, via Sokolova ( ул. Соколова), 1, +7 (8622) 62-26-02 (amministrazione), +7 (8622) 62-26-16 (prenotazione), @ . Ecb copyright.svg doppie da 2300 rubli a persona. Gigantesco hotel con splendida vista sul mare. L'edificio che lo ospita risale al periodo prebellico e se si vuole credere ai clienti, meglio restare a guardare il mare o l'edificio che entrarci. Poche delle stanze dell'albergo possono dirsi moderne.
  • 4 Hotel Roza Vetrov (Роза ветров), via Pirogova (ул. Пирогова), 40В, +7 (8622) 53-29-39. Ecb copyright.svg doppie a partire da 3200 rubli. Hotel carino e di media qualità non lontano dal mare. Si può raggiungere il mare a piedi per andare o nuotare o utilizzare la piscina dell'hotel. Wi-fi disponibile

Prezzi elevati[modifica]

  • 5 Grand-Hotel e Spa Rodina (Родина), via Vinogradnaja (ул. Виноградная), 33 (sulla riva destra del fiume Soči), +7 (8622) 53-90-00. Ecb copyright.svg doppie a partire da 13 000 rubli. Questo hotel, traducibile in italiano come Hotel Patria, è il più costoso ma anche il migliore (5 stelle) di Soči. Si trova lì dove sorgeva un centro di cure termali ed è dotato di tutti i confort: piscina, centro benessere, un immenso parco, alcuni ristoranti di lusso e in poche parole tutto ciò che si possa desiderare da un hotel. I visitatori lo definiscono all'unanimità, "il miglior hotel della Russia" ma anche i prezzi concorrono tra i più alti dell'intera Russia: d'inverno sono semplicemente alti mentre d'estate la stanza più economica costa intorno ai 400 € a notte.
  • 6 Hotel Čebotarev' (Чеботаревъ), via Vinogradnaja (ул. Виноградная), 12/1 (sulla riva destra del fiume), +7 (8622) 53-26-80, +7 (8622) 53-26-89. Ecb copyright.svg doppie a partire da 5000 rubli. L'hotel si presenta in un edificio che enfatizza molto l'aspetto esteriore, ad iniziare dall'entrata presso la quale domina un gruppo scultoreo raffigurante il fondatore dell'hotel e la sua famiglia. La qualità, tuttavia, non pare essere all'altezza delle promesse, a cominciare dal tanto pubblicizzato Wi-fi che il più delle volte non funziona.


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti

4-4 star.svg Vetrina: l'articolo rispetta le caratteristiche di una guida e le sue sezioni sono estremamente complete.