Scarica il file GPX di questo articolo

Austurland

Da Wikivoyage.
Austurland
VatnaJokull.jpg
Localizzazione
Austurland - Localizzazione
Stato
Capoluogo
Superficie
Abitanti
Sito istituzionale

Austurland (in italiano Terra dell'Est, o Austfirðir) è una regione turistica ed amministrativa situata nell'est dell'Islanda.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

La regione si estende lungo le coste orientali dell'isola, e fino a comprendere parte dell'area centrale degli Altopiani d'Islanda (chiamati anche ghiaccio d'Islanda), in cui si staglia il ghiacciaio Vatnajökull, il maggiore del Paese.

Il paesaggio è quindi diviso in due: da un lato abbiamo un ambiente tipicamente polare e montano, con clima decisamente rigido, e dall'altro una vasta pianura che si estende fino ai tipici fiordi della costa; tra le due zone climatiche esiste una vasta regione ricca di foreste. All'interno della regione si estende inoltre il Parco nazionale Skaftafell, un'area vastissima di origine vulcanica.

Cenni storici[modifica]

Le regioni dell'est pare che siano state scoperte e colonizzate per primi dai Vichinghi partiti dalla Norvegia, e proprio qui, nella località costiera di Mjóifjörður i norvegesi stabilirono il loro punto di approdo per le baleniere.

Una saga racconta che il primo vichingo a mettere piede sull'isola fu Naddoddr, che sbarcò nella costa sud dell'Austurland, e che battezzò l'isola con il nome di Snæland (Terra della neve).

Cultura e tradizioni[modifica]

Come la maggior parte dell'Islanda in questa regione il culto più diffuso è il cristianesimo, che ha le sue radici nel Paese dagli inizi dell'anno 1000.


Territori e mete turistiche[modifica]

Islanda orientale

Centri urbani[modifica]

Panorama di Breiðdalsvík
  • Egilsstaðir — Capoluogo e maggiore centro abitato dell'Austurland.
  • Breiðdalsvík — Una baia con una vallata circondata da alti monti. Sul fiume Breiddalsa si può praticare la pesca con lenza.
  • Faskrudsfjordur
  • Fljótsdalur (o Fljótsdalshreppur) — È uno degli agglomerati urbani meno popolati della nazione.
  • Höfn — Porto peschereccio sulla costa sud-orientale, Höfn è famoso per la festa dell'aragosta che ricorre a luglio. Il centro è dotato di aeroporto e costituisce la base per escursioni al ghiacciaio Vatnajökull, il più esteso d'Islanda nonché al Parco nazionale Skaftafell.
  • Mjóifjörður — Piccolo e stretto (18 X 2 km), Mjóifjörður rimane ancora fuori dai sentieri battuti dal turismo, per quanto offra bellissimi panorami dalle sue ripide scogliere. Poche le infrastrutture, in pratica un solo albergo nel minuscolo villaggio di Brekka, sulla baia all'ingresso del fiordo.
  • Neskaupstadur — Raggiungibile tramite una difficile strada montana a galleria, Neskaupstadur presenta numerose possibilità agli amanti delle escursioni in montagna. Una di queste è l'escursione al Monte Gerpir.
  • Reyðarfjordur — Evitato dai turisti per via di un'enorme fabbrica di alluminio che sorge sulle sue rive e di una altrettanto enorme centrale idroelettrica a monte.
  • Stöðvarfjörður

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

In nave[modifica]

Il porto di Seyðisfjörður rappresenta l'unica via di comunicazione via mare per macchine e mezzi pesanti tramite un traghetto che una sola volta la settimana collega l'isola all'Europa.


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Itinerari[modifica]

Djúpivogur

Ring Road[modifica]

Supponendo di entrare nella regione orientale dal nordest, dopo la visita al Parco nazionale Jökulsárgljúfur imboccheremo di nuovo la Ring Road che tira dritto fino a Egilsstaðir, capoluogo e maggior centro della regione. Seyðisfjörður è il porto di Egilsstaðir. Vi attraccano i traghetti della Smyril Line provenienti dal porto danese di Hanstholm.

Dal capoluogo imbocchiamo la statale 92 che permette l'accesso ai seguenti fiordi: Mjóifjörður, Neskaupstadur, Reyðarfjordur, Faskrudsfjordur, Stöðvarfjörður e Breiðdalsvík.

Raufarhofn-Egilsstaðir[modifica]

L'itinerario da Raufarhofn permette di visitare Bakkafjordur, Vopnafjörður e Borgarfjörður Eystri, i fiordi del nord non toccati dalla Ring Road. Ci si raccorda all'itinerario precedente all'altezza del capoluogo Egilsstaðir.

Oltrepassata Breiddalsvik ci si riallaccia alla Ring Road che costeggia le rive del Berufjord al cui ingresso sta il villaggio di Djúpivogur donde si possono fare escursioni in barca alla vicina isola di Papey, disabitata ma con numerose colonie di foche.

Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti