Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Lituania

Patrimoni mondiali dell'umanità in Lituania

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Lituania al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

La Lituania ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 31 marzo 1992.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Centro storico di Vilnius 1994 Culturale (ii)(iv) Centro politico del Granducato di Lituania dal XIII alla fine del XVIII secolo, Vilnius ha avuto una profonda influenza sullo sviluppo culturale ed architettonico di buona parte dell'Europa orientale. Nonostante le invasioni e la parziale distruzione, ha conservato un imponente complesso di edifici gotici, rinascimentali, barocchi e classici, nonché la sua struttura medievale e ambiente naturale. Vilnius St Anns church.jpg
2 Istmo di Curlandia 2000 Culturale (v) Insediamenti umani di questa allungata penisola con dune di sabbia, lunga 98 km e larga 0,4/4 km, risale alla preistoria. Durante tutto questo periodo è stata minacciata dalle forze naturali di vento e onde. La sua sopravvivenza fino ad oggi è stata reso possibile solo a seguito di incessanti sforzi umani per combattere l'erosione di questo istmo, drammaticamente illustrato da continui progetti di stabilizzazione e di riforestazione. Pilkosios kopos1.jpg
3 Sito archeologico di Kernavė 2004 Culturale (iii)(vi) Il sito archeologico di Kernavė, circa 35 km a nord-ovest di Vilnius in Lituania orientale, rappresenta una testimonianza eccezionale di circa 10 millenni di insediamenti umani in questa regione. Situato nella valle del fiume Neris, il sito è un complesso insieme di beni archeologici, che comprende la città di Kernavė, forti, alcuni insediamenti non fortificati, luoghi di sepoltura e di altri monumenti archeologici, storici e culturali tra la fine del periodo Paleolitico al Medioevo. Il sito di 194,4 ettari ha conservato le tracce dell'antica destinazione d'uso, così come resti di cinque fortezze imponenti, parte di un sistema di difesa di dimensioni eccezionali. Kernavė è stato un importante centro feudale nel Medioevo. La città fu distrutta dai Teutonico alla fine del XIV secolo, ma il sito è rimasto in uso fino ai tempi moderni. Lithuania Kierniów mounds2.jpg
Arco geodetico di Struve a:
  • 4 "Karischki" (Gireišiai) a Panemunelis
  • 5 "Meschkanzi" (Meškonys) a Nemencine
  • 6 "Beresnäki" (Paliepiukai) a Nemežis
2005 Culturale (ii)(iii)(vi) L'arco geodetico di Struve è una catena di triangolazioni geodetiche che vanno da Hammerfest in Norvegia al Mar Nero, attraversando 10 nazioni e per una lunghezza complessiva di circa 2.820 chilometri. Questa catena venne ideata e utilizzata dallo scienziato baltico-tedesco Friedrich Georg Wilhelm von Struve negli anni compresi fra il 1816 e il 1855 per determinare le esatte forme e dimensioni della Terra, tramite un lungo segmento di un meridiano. Ciò ha contribuito a stabilire l'esatta dimensione e la forma del pianeta e ha segnato un passo importante nello sviluppo delle scienze della terra e la mappatura topografica. Si tratta di uno straordinario esempio di collaborazione scientifica tra gli scienziati provenienti da diversi paesi, e di collaborazione tra monarchi per una causa scientifica. Originariamente, l'arco era costituito da 258 triangoli e da 265 punti fissi principali. Il sito ne comprende 34 punti delle stazioni originali, che erano stati realizzati mediante segnali di diversi tipi: buchi scavati nelle rocce, croci di ferro, "ometti" di pietre, obelischi, etc. Gireišiai. Struvės punktas. Takas.JPG
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti