Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Ecuador

Patrimoni mondiali dell'umanità in Ecuador

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Ecuador al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

L'Ecuador ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 16 giugno 1975.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Isole Galápagos 1978, 2001 Naturale (vii)(viii)(ix)(x) Situate nell'Oceano Pacifico a circa 1.000 km dal continente sudamericano, queste 19 isole e la riserva marina circostante sono state chiamate un unico "museo vivente e vetrina dell'evoluzione". Situato alla confluenza di tre correnti oceaniche, le Galapagos sono una fusione di specie marine. Le attività sismiche e vulcaniche in corso riflettono i processi che hanno formato le isole. Questi processi, insieme con l'estremo isolamento delle isole, hanno portato allo sviluppo di inusuali vite animali (come l'iguana di terra, la tartaruga gigante e molti tipi di fringuelli) che hanno ispirato la teoria dell'evoluzione di Charles Darwin della selezione naturale in seguito alla sua visita nel 1835. Galapagos.jpg
2 Città di Quito 1978 Culturale (ii)(iv) Quito, la capitale dell'Ecuador, è stata fondata nel XVI secolo sulle rovine di una città Inca e si trova ad un'altitudine di 2.850 m. Nonostante il terremoto del 1917, la città ha il meglio conservato e meno alterato centro storico dell'America Latina. I monasteri di San Francisco e Santo Domingo, e il Collegio dei Gesuiti Chiesa e di La Compañía, con i loro ricchi interni, sono esempi puri della "scuola barocca di Quito", che è una fusione di arte spagnola, italiana, moresca, fiamminga e indigena. Virgen de Quito-2.png
3 Parco nazionale di Sangay 1983 Naturale (vii)(viii)(ix)(x) Con la sua straordinaria bellezza naturale e due vulcani attivi, il parco illustra l'intero spettro degli ecosistemi, che vanno dalle foreste pluviali tropicali ai ghiacciai, con forti contrasti tra le vette innevate e le foreste di pianura. Il suo isolamento ha favorito la sopravvivenza delle specie autoctone, come il tapiro di montagna e il condor andino. Complejo de lagunas de Ozogoche.jpg
4 Centro storico di Santa Ana de los Ríos de Cuenca 1999 Culturale (ii)(iv)(v) Santa Ana de los Ríos de Cuenca si trova in una valle circondata dalle montagne delle Ande, nel sud dell'Ecuador. Questa città dell'entroterra coloniale, ora la terza città del paese, è stata fondata nel 1557 sulle linee programmatiche rigorose emanate 30 anni prima dal re di Spagna Carlo V. Cuenca osserva ancora il piano urbanistico ortogonale formale che ha rispettato per 400 anni. Uno dei centri agricoli e amministrativi della regione, è stato una fusione tra le popolazioni locali e di immigrati. L'architettura di Cuenca, gran parte del quale risale al XVIII secolo, è stato "modernizzato" nella prosperità economica del XIX secolo, in quanto la città divenne un importante esportatore di chinino, cappelli di paglia e altri prodotti. Domes of the New Cathedral in Cuenca, Ecuador.jpg
Qhapaq Ñan, sistema stradale andino 2014 Culturale (ii)(iii)(iv)(vi) Questo sito è un ampia rete di strade usate per comunicazione, commercio e difesa che coprono 30.000 km. Costruito dagli Inca per diversi secoli e basato in parte sulle infrastrutture pre-Inca, questa straordinaria rete attraversa uno dei terreni geografici più estremi del mondo legato alle cime innevate delle Ande (ad un'altitudine di oltre 6.000 m) fino alla costa, che attraversa foreste pluviali calde, fertili vallate e deserti assoluti. Ha raggiunto la sua massima espansione nel XV secolo, quando si diffuse in tutta la lunghezza e la larghezza delle Ande. Il sistema stradale andino, noto col nome di Qhapac Ñan, si sviluppa su più di 6.000 chilometri e comprende 273 siti che sono stati selezionati per evidenziare le conquiste sociali, politiche, di architettura e di ingegneria della rete, insieme con la sua infrastruttura associata per il commercio, alloggio e stoccaggio, nonché luoghi di significato religioso. Incatrail in Peru.jpg
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti