Hyderabad

Da Wikivoyage.
17°21′58″N 78°28′34″E / 17.366°N 78.476°E / 17.366; 78.476
Hyderabad
హైదరాబాద్
Andhra PradeshIndia
Via affollata della città
Appellativi: City of Pearls o Cyberabad
Abitanti: 7.193.640 (2008)
Prefisso tel: +91 40
CAP: 500 xxx
Posizione
Mappa dell'India
Hyderabad
Hyderabad
Sito del turismo di Hyderabad
Sito istituzionale di Hyderabad

Hyderabad è la capitale dell'Andhra Pradesh, stato dell'Unione Indiana.

Introduzione[modifica]

Quando andare[modifica]

Il miglior periodo per visitare Hyderabad va da ottobre a marzo, quando le temperature scendono fino a toccare talvolta gli 8°.

Da aprile a giugno il caldo è insopportabile. Da luglio a settembre decorre la stagione delle piogge portate dal monsone. Queste in realtà non sono molto frequenti ma talvolta possono rivelarsi particolarmente violente assumendo la forma di vere e proprie tempeste.

Cenni storici[modifica]

Hyderabad: Ingresso all'"HITEC City", il centro tecnologico più importante dell'Unione Indiana insieme a quello di Bangalore

Hyderabad fu fondata nel 1589 per volere del sultano Muhammad della dinastia Quli Qutb che si era resa indipendente dal sultano Bahmani di Bidar un secolo prima. Due anni dopo fu eretta la moschea Charminar ancora oggi simbolo di Hyderabad. La dinastia si mantenne fino al 1687 anno in cui Hyderabadi fu incorporata nell'impero Moghul.

Nel 1724 il governatore Nizam Asaf Jah si rese indipendente. Durante il periodo coloniale Hyderabad era considerata la città più prospera dell'India. Al momento dell'indipendenza il nizam avrebbe preferito l'unione con il Pakistan ma il governo federale di Nuova Delhi stroncò le sue velleità con l'invio di truppe. Nel 1956 la città fu proclamata capitale del neo costituito stato di Andhra Pradesh.

Nel 1995 il primo ministro dell'Andhra Pradesh, Chandrababu Naidu varò una serie di leggi volte ad attrarre multinazionali estere. Fu grazie a queste iniziative che la Microsoft scelse Hyderabad come sede della sua rappresentanza in India. Altre compagnie seguirono il gigante californiano ed oggi la città è nota con il nomignolo di Cyberabad.

Come orientarsi[modifica]

Il fiume Musi che scorre nel senso della latitudine, divide la città in due parti. La città vecchia, ove sono situati i maggiori monumenti cittadini è situata sulle riva meridionale mentre la città moderna si è sviluppata su quella settentrionale fino a raggiungere le sponde del lago Hussain Sagara.

Quartieri[modifica]

  • Amids & Basheerbagh — Due quartieri commerciali lungo le omonime arterie che muovono dalla città vecchia in direzione del lago Hussain Sagara.
  • Begumpet — A nord ovest del lago "Hussain Sagara", Begumpet è il quartiere dello shopping, soprattutto di articoli informatici.
  • "Banjara Hill" e "Jubilee Hills" — Due quartieri contigui ad ovest del lago Husain. Il primo ospita l'albergo più lussuoso della città, il Taj Krishna più altri due sempre appartenenti alla catena alberghiera Taj. Il secondo è un quartiere a carattere residenziale, preferito dalle ricche famiglie di Hyderabad. Vi si trova il Parco nazionale Kasu Brahmananda Reddy e un romantico bacino artificiale, il Lotus Pond, dove i fortunati residenti di Jubilee Hills si dedicano al jogging mattutino.
  • Secunderabad — Quartiere sul lato nord orientale del lago, Secunderabad era un tempo una città separata, assorbita dallo sviluppo edilizio di Hyderabad e oggi si ritrova entro i suoi limiti urbani. È una zona priva di interesse ma possiede molti alberghi di prezzo medio (tre stelle).
  • HITEC City — Situata nel settore ovest di Hyderabad, a 9 km dal centro, la "HITEC City" è il quartiere ove hanno sede diverse compagnie operanti nel campo della tecnologia e del Business Process Outsourcing (BPO), compagnie che hanno valso alla città il nomignolo di "Cyberabad" e ne hanno anche determinato il boom economico.
  • New Oroville — Un curioso quartiere futurista il cui nome fa il verso al celebre ashram legato alla memoria del filosofo Sri Aurobindo. Le case di New Oroville sono fatte a cupola e ricordano enormi iglù. Esse avrebbero la funzione di resistere a terremoti e alle intemperie più violente. Il quartiere è dovuto all'inventiva di un ingegnere informatico che ha militato a lungo nei ranghi della Microsoft prima di passare alla Catalytic Software che a New Oroville ha appunto il suo quartier generale. Da vedere senz'altro.


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

"Rajiv Gandhi International Airport" è il nome del nuovo aeroporto di Hyderabad, inaugurato nel marzo del 2008. È situato in località Shamshabad e dista 22 km dal centro.

Voli diretti dall'Europa sono effettuati da Lufthansa (Francoforte) e British Airways (4 voli alla settimana da Londra - Heathrow).

Altre compagnie che operano sullo scalo internazionale di Hyderabad sono Emirates Airline, Gulf Air, Kuwait Airways, Qatar Airways

Al momento i trasferimenti per il centro avvengono a mezzo dell'Aero Express, un autobus navetta in funzione anche nelle ore notturne (fino alle 03:30). La frequenza è di mezz'ora, di un'ora dopo le 23:30.

I taxi delle compagnie Easy Cabs (+91-40-4343-4343) e Meru Cabs (+91-40-4422-4422) sono gli unici autorizzati ad accedere nell'area aeroportuale. Tutti gli altri dovranno essere chiamati con il radio taxi. Di seguito un elenco di compagnie che dispongono di vetture con aria condizionata:

  • Dot Cabs (+91-40-2424-2424)
  • Orange Radio Cabs (+91-40-4445-4647)
  • Select Cabs (+91-40-4415-1515).

In treno[modifica]

Hyderabad è ben collegata a Mumbai da una strada ferrata elettrificata sulla quale transitano treni "veloci" ma non secondo gli standard europei. È consigliabile pertanto viaggiare su treni notturni con servizio di cuccetta (anche per risparmiare sulle spese d'albergo). Uno dei treni più veloci, l'Husaingar express (2701), impiega più di 14 ore per coprire i 790 km che separano le due città.

Buoni collegamenti ferroviari con Bangalore (12 ore circa), Chennai (13 ore)

I treni da Delhi impiegano mediamente più di 26 ore per arrivare ad Hyderabad ma si può fare tappa ad Agra, Gwalior, Jhansi, Bhopal o Nagpur se si viaggia a scopi turistici. Le città dianzi elencate sono infatti interessanti di per sé o per i loro dintorni.

Hyderabad dispone di 3 stazioni ferroviarie:

  • Nampally - La principale e anche la più vicina al centro.
  • Secunderabad
  • Kachiguda

In autobus[modifica]

Mahatma Gandhi Bus Station (MGBS) è la maggiore stazione di autobus extraurbani (V su scala nazionale). Occupa quasi per intero l'isola formata dal fiume Musi in corrispondenza del centro. È nota popolarmente come la "Imlibun bus station". Non è comunque l'unica. L'altra è la "Jubilee Bus Station" che copre destinazioni entro lo stato di Andhra Pradesh.

Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Hyderabad è sprovvista di metropolitana ma in compenso è dotata di una rete di treni suburbani, utile per chi dovesse spostarsi da una stazione ferroviaria all'altra oppure dal centro in uno dei sobborghi cittadini compresi quello di "HITEC City" e di Secunderabad dove sta la maggioranza degli alberghi. È possibile acquistare un biglietto cumulativo, valido anche per gli autobus urbani. In ogni caso i visitatori stranieri sono invitati ad acquistare un biglietto di prima classe.


Cosa vedere[modifica]

I. Riva sud del fiume Musi[modifica]

Charminar: la moschea dei 4 minareti, simbolo della città di Hyderabad
Hyderabad: Makkah Masjid
Il palazzo Chow Mahalla
Birla Mandiri
Il museo di belle arti "Salar Jung"
Statua del Buddha nel mezzo del lago Hussian Sagar
  • Charminar. Una moschea ma, più propriamente, un arco tionfale del XVI secolo il cui nome letteralmente significa i "4 minareti". Fu eretta per commemorare la fine di una terribile epidemia di peste che aveva decimato la popolazione della città fondata appena qualche anno prima. Il monumento ha una forma squadrata ed è assurto a simbolo di Hyderabad.
  • Makkah Masjid. Non distante da Charminar, Makkah Masjid è una delle più grandi e antiche moschee dell'India. I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1617 e furono portati a termine nel 1694, al tempo dell'imperatore moghul Aurangzeb. Per la sua costruzione furono impiegati mattoni provenienti da La Mecca, la città santa dell'Islam, donde il suo nome. Il 18 maggio del 2007 la moschea fu oggetto di un attentato dinamitardo che fece 18 vittime e una cinquantina di feriti.
  • Palazzo Chowmahalla. L'antica residenza dei principi della dinastia Asaf Jahi che ebbe il controllo dello stato di Hyderabad fino al 1947, anno della proclamazione dell'indipendenza dell'India. Il nome significa "I quattro palazzi". I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1754 e si protrassero per oltre un secolo. Nel'anno 2000 Barkat Ali Khan Mukarram, ultimo discendente della dinastia decise di restaurare la reggia dei suoi avi e di aprirla al pubblico. Khilwat Mubarak è l'edificio che ospita la sala del trono ornata da 19 stupendi lampadari in cristallo provenienti dal Belgio.
  • Museo "Salar Jung. Uno dei più importanti musei dell'India. È situato sulla riva meridionale del fiume Musi in prossimità del ponte Nayapul. Fu inaugurato nel 1951 ed è ospitato in un palazzo nobiliare. Interessanti le collezioni di arte islamica costituite da oggetti appartenuti alla famiglia Salar Jung che svolse un importante ruolo al tempo in cui Hyderabad era un principato musulmano sotto il controllo dei Nizam. Tra questi numerosi astrolabi, elaborati orologi ancora funzionanti, spade con gemme incastonate e stupendi tappeti persiani. Il pezzo più ammirato è la "Rebecca velata", una scultura neo classica dell'italiano Giovanni Maria Benzoni (1809–1873). Il museo è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:00, eccetto il giovedì.
  • Birla Mandir. Un tempio indù dedicato al signore Venkateshwara e alle sue spose "Padmavati" e "Andal". Per la sua costruzione furono impiegate 2000 tonnellate di marmo bianco del Rajasthan. È una costruzione recente essendo stato consacrato nel 1976. Si trova in posizione panoramica su una collina che guarda la riva sud del lago Hussain Sagar.
  • Palazzo Falaknuma (5 km a sud del centro). —Un palazzo principesco disegnato sul finire del XIX secolo da architetti italiani. È completamente rivestito di marmo di Carrara. L'edificio ospita una stupefacente collezione di giade oltre ad altre di manoscritti rari. Eccezionale gli arredi fra cui spiccano numerose statue in marmo


II. Riva nord del fiume Musi[modifica]

Hyderabad: statua del Buddha nel mezzo del lago Hussian Sagar
Hyderabad: Scorcio del lago Husain Sagar
  • Museo archeologico. —Ospitato in un bel palazzo inaugurato nel 1961, in occasione del centenario della nascita del poeta RabindranathTagore, il museo archeologico sta al centro di un vasto parco insieme ad altri palazzi governativi. Le sue collezioni spaziano dalla periodo preistorico fino al XIV secolo e comprendono statue in bronzo del periodo [Vijayanagar], manoscritti, armi e monete. Una sezione del museo è dedicata a scultori e pittori moderni dell'Andhra Pradesh.
  • Husain Sagar. —L'Husain Sagar è un lago artificiale molto esteso e contornato da giardini e parchi che ne fanno l'area ricreativa di Hyderabad. Al centro del lago sta un isolotto, detto Rock of Gibraltar. Vi è stata posta una gigantesca statua del Budda alta 14 m. e ricavata da un unico blocco di granito.


III. Forte Golconda[modifica]

Hyderabad: il forte Golconda


Il Forte Golconda, oggi in rovina, si trova 11 km ad ovest del centro di Hyderabad. Fu la sede di uno dei 5 sultanati musulmani che si erano spartiti il Deccan nel XIV secolo. Nel 1687, l'imperatore moghul Aurangzeb dopo un assedio durato 9 mesi, riuscì a impadronirsi del forte distruggendolo, grazie al tradimento di una guardia che aprì una porta alle sue truppe. Il perimetro del forte è di circa 7 km. La prosperità di Golconda era dovuta alle sue miniere da dove si estraevano diamanti. È certo che il diamante Darya-e Nur il cui nome significa "mare di luce" provenga da queste miniere. Il diamante di ben 185 carati faceva parte dei gioielli della corona dello scià di Persia. Altri diamanti estratti dalle miniere di Golconda sono: Nur-Ul-Ain di 60 carati regalato dallo scia di Persia Reza Pahlavi alla consorte Farah il giorno delle loro nozze. Il "Koh-i-noor" un diamante di 105 carati, oggi parte dei gioielli della corona britannica. Fu donato dal 1° ministro Benjamin Disraeli alla regina Vittoria, il giorno della sua proclamazione a imperatrice dell'India. "Hope Diamond" di 45 carati e di un colore blu intenso che pervenne nelle mani del re di Francia. Trafugato negli anni della rivoluzione francese è oggi esposto al museo Nazionale di storia Naturale di New York. Il "Regent Diamond", oggi esposto al Louvre di Parigi, fu incastonato nella corona dell'imperatrice Eugenia de Montijo (1826–1920), consorte dell'imperatore Napoleone III (1808–1873).

Eventi e feste[modifica]

  • Festival del Deccan - Organizzato dal dipartimento del turismo si svolge ogni anno nei mesi di febbraio/marzo. È accompagnato da esibizioni di cantanti di successo e da una fiera delle perle e dei "chudi", monili tipici dell'India che in genere le donne indossano a coppia come per gli orecchini


Cosa fare[modifica]

Riproduzione di un giardino di epoca moghul agli studi cinematografici di Ramoji City
  • Snow WorldLower Tank Bund Road (Indra Park). —Un parco che riproduce un ambiente alpino e dove è possibile anche sciare grazie alla produzione di neve artificiale e alle basse temperature degli spazi interni.
  • Imax Theatre (Prasad Hyderabad)—L'Imax theatre è una sala cinematografica dotata di schermo gigante 3D di 29 X 22 m. La sala può accogliere 635 spettatori. È ospitata in un complesso al cui interno stanno i più svariati ristoranti e anche un centro commerciale.
  • Ramoji Film City—Uno dei più grandi studi cinematografici al mondo. Il complesso che si estende su ben 2000 acri di terreno si trova a 25 km da Hyderabad sull'autostrada NH9. È anche un centro ricreativo tra i più visitati dell'intero continente asiatico. Vicino l'ingresso principale si trovano un albergo di terza categoria, il "Tara Hotel" e il più lussuoso "Sitara Hotel". Una volta entrati un pullman fa il giro del complesso. All'interno si trovano svariati giardini di epoca moghul e in stile giapponese, riproduzioni di chiese, moschee e templi indù oltre che di stazioni ferroviarie e terminal aeroportuali. Numerose carrozze e automobili d'epoca delle marche più diverse. Per i patiti dello shopping esistono negozi di souvenir e oggetti artigianali. È possibile scegliere fra diversi tipi di ristoranti mentre per le attività ricreative sono disponibili piscine, centri di fitness e di yoga e persino sale da biliardo.


Acquisti[modifica]

Hyderabad è una vera mecca per gli amanti dello shopping ed è capace di soddisfare ogni esigenza.

Oltre alle opportunità offerte dagli shopping center del quartiere di Begumpet, va menzionato il centro commerciale di Banjara Hills, vicino l'albergo di lusso Taj Krishna. A Banjara Hills è presente un negozio di Fab India, casa di fama internazionale specializzata in abbigliamento e tessuti per la casa.

A Hyderabad è fiorente il commercio di perle coltivate reperibili nelle gioiellerie del Babukhan Estate sul centrale viale di Basheerbagh.

Laad Bazar, vicino Charminar, in pieno centro, è il posto dove le dame in visita ad Hyderabad potranno agghindarsi con pietre semipreziose, braccialetti in vetro e articoli di bigiotteria in genere.

Shilparamam è un centro commerciale in forma di villaggio tradizionale ove sono in vendita prodotti artigianali accattivanti. Si trova lungo la HITEC Road e dista 14 km dal centro.

Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

L'albergo Taj Krishna, il più lussuoso di Hyderabad in assoluto

Gli alberghi più a buon mercato si trovano nei pressi della "Hyderabad Railway station" (Nampally). I più lussuosi sulla collina di Banjara

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • Baseraa Inn5-9-30/16-20, Basheerbagh (Di fronte al Ghandhi Medical College), +91-040-23236504, fax: +91-040-23298855. Ecb copyright.svg Da 1650 Rs. per la singola standard alle 3000 per la doppia di categoria superiore di lusso.. Albergo a 3 stelle con 77 stanze.
  • Kamat Lingapur Hotel1-10-44/2, Chikoti Gardens, Begumpet, +91-040-27764242, fax: +91-040-27765151, @ . Albergo a 3 stelle con 77 stanze.
  • Hotel Asrani International1-7-179, M.G. Road (Vicino a Paradise Circle, Secunderabad. A 2 km dal centro e a 1,5 dall'aeroporto), +91-040-27846901, fax: +91-040-27845583. Ecb copyright.svg Prezzi tra le 1000 e le 1500 Rs (2006). Albergo a tre stelle. Dispone di 63 stanze e due ristoranti.
  • Deccan ContinentalSir Ronal Ross Road (Nel quartiere di Secunderabad), +91 40 27840981. Albergo a tre stelle con 84 stanze con vista sul lago di Hussain Sagar.
  • Aditya ParkAditya Trade Center, Ameerpet, +91-40-66788888, fax: +91 40 6678 9999. Albergo a 3 stelle. Stanze con aria condizionata e connessione internet.

Prezzi elevati[modifica]

  • Taj Krishna, +9140 66662323. L'albergo più lussuoso di Hyderabad. È situato sulla collina di Banjara tra eccezionali giardini. La catena alberghiera Taj gestisce altri due alberghi nelle vicinanze, il Taj Banjara e il Taj Deccan.


Sicurezza[modifica]

Ad Hyderabad si sono verificati numerosi attentati terroristici di matrice religiosa che oppongono la comunità Indù a quella musulmana. Gli attacchi più sanguinosi hanno preso di mira Mecca Masjid, il parco Lumbini e il sobborgo di Kothi, luoghi sempre molto affollati e frequentati anche dai visitatori stranieri. Tutti i luoghi pubblici, dai centri commerciali ai teatri sono oggi muniti di metal detector e sorvegliati da agenti privati. La città vecchia rimane la più esposta al pericolo di attentati.

Bisogna inoltre considerare il pericolo rappresentato dai piccoli borseggiatori, all'opera nei luoghi affollati della città vecchia come del resto ovunque nel mondo.

In caso di emergenza è possibile chiamare i seguenti numeri:

  • Polizia: 100
  • Vigili del fuoco: 101
  • Pronto soccorso: 102


Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Le chiamate di telefonia mobile sono molto a buon mercato. Si può comprare una SIM locale dietro presentazione del passaporto e anche un cellulare nuovo di zecca o addirittura un netbook dotato di WIMAX in uno dei numerosi shopping center nel quartiere di Begumpet. Al momento (2008) sono 40,000 le città dell'India coperte da questa recente tecnologia (da noi si contano sul pugno di una mano).


Tenersi informati[modifica]

Stampa locale[modifica]

  • "Deccan Chronicle" è il più antico giornale di Hyderabad. Vi si trovano molti annunci pubblicitari.
  • "The Times of India" sta aumentando di popolarità da quando ha aperto una succursale nella città ed ha molte pagine dedicate alla cronaca locale.

Altri quotidiani molto letti sono "The Hindu" e "Indian Express".

Nei dintorni[modifica]

Escursioni[modifica]

  • Bidar (136 km)—Fascinosa città che fu capitale di due sultanati del Deccan.
  • Nagarjunakonda (150 km)—Sito archeologico con rovine di epoca buddista.



Altri progetti