Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Itinerari > Percorso dei palazzi storici di Brugherio

Percorso dei palazzi storici di Brugherio

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Introduzione[modifica]

Quello dei palazzi storici di Brugherio è un itinerario che può portarci alla scoperta dei più importanti palazzi e ville storici del comune di Brugherio.

Tappe[modifica]

  • 1 Palazzo Ghirlanda-Silva - punto di partenza
  • 2 Villa Fiorita
  • 3 Villa Sormani-Andreani
  • 4 Villa Somaglia-Balconi
  • 5 Villa Tizzoni Ottolini
  • 6 Villa Brivio

Palazzo Ghirlanda-Silva[modifica]

Il Palazzo Ghirlanda-Silva è ubicato in via Italia 27 e al suo interno si trova la biblioteca civica di Brugherio.

Si tratta di una struttura patrizia del diciottesimo secolo, con un'area di 1992 m²: 1407 m² sono impiegati dai servizi bibliotecari, il resto è occupato dalla galleria espositiva, una sala conferenze e uffici.

Villa Fiorita[modifica]

Per arrivare a Villa Fiorita, usciti da Palazzo Ghirlanda-Silva, girare a destra, nella strettoia girare a destra intorno alla Chiesa di San Bartolomeo ed entrati in Piazza Roma tenere la sinistra. La villa si trova alla vostra sinistra, quasi di fronte alla farmacia.

Villa Fiorita ospita la casa comunale di Brugherio ed è situata nell'omonimo parco. Fu costruita dove già esisteva, nel 1721, una "casa da nobile" con rustici e giardino, di proprietà dei conti Scotti, presenti a Brugherio dagli inizi del 1500. Il territorio su cui sorgeva si trovava sotto la Corte di Monza.

Villa Sormani-Andreani[modifica]

Prospetto meridionale di villa Sormani-Andreani

Per arrivare a Villa Sormani-Andreani, uscire dal parco di Villa Fiorita dall'ingresso settentrionale su via Alcide De Gasperi. Andare a sinistra fino a raggiungere viale Lombardia, quindi, una volta imboccato il viale a sinistra, proseguire fino al semaforo. Qui, in prossimità del tempietto di San Lucio in Moncucco, svoltare a destra. La villa si trova a 50 m sulla destra.

La villa si trova in località Moncucco ed è celebre in quanto qui Paolo Andreani effettuò, nel 1784, il primo volo in mongolfiera sul suolo italiano.

Villa Sormani è realizzata in stile barocchetto milanese e caratterizzata da una pianta a U rivolta verso l'ingresso di via San Maurizio. In seguito al boom edilizio degli anni '50/'60, lo spazio originario intorno a cui sorgeva Villa Sormani, caratterizzato da vaste aree agresti che ne rendevano lo spettacolo ameno, fu completamente stravolto. Dalle incisioni del Dal Re, infatti, la Villa era completamente immersa in un vastissimo parco retrostante, attraversato da un lungo viale in direzione di Monza.

Villa Somaglia-Balconi[modifica]

Per raggiungere Villa Somaglia-Balconi, lasciandosi il cancello di Villa Sormani alle spalle, proseguire a sinistra fino a tornare sul viale Lombardia. Qui tenendo la destra si può imboccare via Marsala; dopo aver superato il primo semaforo, continuare lungo la strada fino all'incrocio con via Luigi Teruzzi sulla sinistra. All'angolo tra le due strade si trova la villa Somaglia-Balconi.

Questa dimora signorile con impianto planimetrico a L risale alla prima metà del XVIII secolo. Al suo interno si trova un triportico che conduce al salone centrale del piano terra e, percorrendo un grande scalone, al piano nobile. Sono visibili solo poche tracce dell'originario giardino all'italiana, che è stato nel tempo largamente ridimensionato.

Villa Tizzoni Ottolini[modifica]

Villa Tizzoni Ottolini

Villa Tizzoni Ottolini si trova nei pressi di Cascina Increa, a sud-est di Brugherio. Lasciandosi Villa Somaglia alle spalle, imboccare via dei Mille verso est; superare le due rotonde e, al semaforo, svoltare a destra in via Increa. Villa Tizzoni Ottolini si trova immediatamente dopo la rotonda, sulla destra.

Questa villa era utilizzata come luogo di villeggiatura delle famiglie milanesi dei Tizzoni, poi degli Ottolini e, infine, dei Robbiani. L'edificio presenta un portico a cinque archi sovrastato da un balconcino in ferro battuto e due ali di servizio leggermente più basse. Il salone centrale a pian terreno, oggi sede di un'attività commerciale, è sovrastato da un soffitto a cassettoni molto antico. Dal porticato si accede ad uno scalone di rappresentanza con una pregevole balaustra.

Villa Brivio[modifica]

Ultima tappa di questo è Villa Brivio, abbastanza distante da villa Tizzoni Ottolini. Ubicata in via Santa Margherita 28, è di proprietà del comune ed ospita un centro residenziale di terapia psichiatrica.

L'edificio visibile oggi è molto diverso da quello originario a causa della fusione con la cortina edilizia affacciata sulla strada. Unica testimonianza della struttura originaria (risalente al Cinquecento ed andata perduta nel corso dei secoli) è la cappella di Santa Margherita d'Antiochia, annessa all'edificio. Dal 1869 la villa divenne proprietà dei marchesi Brivio, dei quali porta il nome. In anni recenti è stata acquistata dal comune di Brugherio e ristrutturata tra il 1994 e il 1999.

A Villa Brivio è annesso il parco omonimo, che è una delle aree di verde pubblico della città.