Scarica il file GPX di questo articolo

Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Colombia

Patrimoni mondiali dell'umanità in Colombia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Colombia al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

La Colombia ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 24 maggio 1983.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Porto, fortezza e monumenti di Cartagena 1984 Culturale (iv)(vi) Situata in una baia nel Mar dei Caraibi, Cartagena ha la più ampia fortificazione del Sud America. Un sistema di zone divide la città in tre quartieri: San Pedro, con la cattedrale e molti palazzi in stile andaluso; San Diego, dove vivevano mercanti e la classe media; e Getsemani, il quartiere popolare. 64 - Carthagène - Décembre 2008.jpg
2 Parco nazionale Los Katios 1994 Naturale (ix)(x) Con un'estensione di oltre 72.000 ettari nel nord-ovest della Colombia, il Parco nazionale Los Katios comprende basse colline, boschi e pianure umide. Una diversità biologica eccezionale si trova nel parco, che ospita molte specie animali minacciate, così come molte piante endemiche. Rio Atrato.JPG
3 Centro storico di Santa Cruz de Mompox 1995 Culturale (iv)(v) Fondata nel 1540 sulle sponde del fiume Magdalena, Mompox svolto un ruolo chiave nella colonizzazione spagnola del nord del Sud America. Dal XVI al XIX secolo la città si sviluppò parallelamente al fiume, con la strada principale che fa da diga. Il centro storico ha conservato l'armonia e l'unità del paesaggio urbano. La maggior parte degli edifici sono ancora utilizzati per i loro scopi originali, fornendo un quadro eccezionale di come fosse una città coloniale spagnola. Arcos peregrinos.jpg
4 Parco archeologico nazionale di Tierradentro 1995 Culturale (iii) Diverse statue monumentali di figure umane possono essere viste nel parco, che contiene anche molti ipogei risalenti dal VI al X secolo. Queste enormi tombe sotterranee (alcune camere funerarie arrivano a 12 m di larghezza) sono decorate con motivi che riproducono l'arredamento interno delle case dell'epoca. Esse rivelano la complessità sociale e la ricchezza culturale di una società pre-ispanica nelle Ande settentrionali. Tombs in Tierra Dentro.jpg
5 Parco Archeologico San Agustín 1995 Culturale (iii) Il più grande gruppo di monumenti religiosi e sculture megalitiche in Sud America situato in un selvaggio, spettacolare paesaggio. Dei e animali mitici sono sapientemente rappresentati in stili che vanno dall'astratto al realista. Queste opere d'arte visualizzano la creatività e la fantasia di una cultura andina settentrionale che fiorì dal I all'VIII secolo. Parque Arqueológico de San Agustín - Tumb with deity.jpg
6 Santuario floro-faunistico dell'Isola Malpelo 2006 Culturale (vii)(ix) Situata a circa 506 km al largo della costa della Colombia, il sito comprende l'isola Malpelo (350 ha) e l'ambiente marino circostante (857.150 ettari). Questo vasto parco marino, la più grande zona col divieto di pesca nel Pacifico tropicale orientale, offre un habitat fondamentale per specie marine minacciate a livello internazionale, ed è una fonte importante di nutrienti con conseguenti grandi aggregazioni di biodiversità marina. Si tratta, in particolare, una "riserva" per gli squali, cernie giganti e marlin ed è uno dei pochi posti al mondo dove gli avvistamenti di particolari squali tigre e squali d'acque profonde, sono stati confermati. Ampiamente riconosciuto come uno dei migliori siti di immersione nel mondo, a causa della presenza di pareti ripide e grotte di straordinaria bellezza naturale, queste acque profonde supportano importanti popolazioni di grandi predatori e pelagici (ad esempio, le aggregazioni di più di 200 squali martello e oltre 1.000 squali seta, squali balena e tonni sono stati registrati) in un ambiente dove indisturbati mantengono comportamenti naturali. Malpelo island NOAA.jpg
7 Paesaggi culturali del caffè della Colombia 2011 Culturale (v)(vi) Un eccezionale esempio di un paesaggio culturale sostenibile e produttivo che è unico e rappresentativo di una tradizione che è un forte simbolo per aree di coltivazione del caffè in tutto il mondo, comprende sei paesaggi agricoli, tra cui 18 centri urbani sulle pendici delle catene occidentali e centrali della cordigliera delle Ande nella parte occidentale del Paese. Essa riflette una tradizione secolare di coltivazione del caffè in piccoli appezzamenti in alta foresta e il modo in cui gli agricoltori si sono adattati alle difficili condizioni di coltivazione montane. Le aree urbane, principalmente situate sulle cime relativamente piatte di colline sopra gli scoscesi campi di caffè, sono caratterizzati dall'architettura della colonizzazione di Antioquia con influenza spagnola. Materiali da costruzione erano, e rimangono in alcune aree, pannocchia e canna intrecciate per le pareti con piastrelle di terracotta per i tetti. Cafetales, en Colombia.jpg
Qhapaq Ñan, sistema stradale andino 2014 Culturale (ii)(iii)(iv)(vi) Questo sito è un ampia rete di strade usate per comunicazione, commercio e difesa che coprono 30.000 km. Costruito dagli Inca per diversi secoli e basato in parte sulle infrastrutture pre-Inca, questa straordinaria rete attraversa uno dei terreni geografici più estremi del mondo legato alle cime innevate delle Ande (ad un'altitudine di oltre 6.000 m) fino alla costa, che attraversa foreste pluviali calde, fertili vallate e deserti assoluti. Ha raggiunto la sua massima espansione nel XV secolo, quando si diffuse in tutta la lunghezza e la larghezza delle Ande. Il sistema stradale andino, noto col nome di Qhapac Ñan, si sviluppa su più di 6.000 chilometri e comprende 273 siti che sono stati selezionati per evidenziare le conquiste sociali, politiche, di architettura e di ingegneria della rete, insieme con la sua infrastruttura associata per il commercio, alloggio e stoccaggio, nonché luoghi di significato religioso. Incatrail in Peru.jpg
8 Parco nazionale naturale Sierra de Chiribiquete - "Maloca del giaguaro" 2018 Misto (iii)(ix)(x) Il Parco nazionale naturale Sierra de Chiribiquete, la più grande area protetta della Colombia, è il punto di confluenza di quattro province biogeografiche: Orinoquia, Guyana, Amazzonia e Ande del Nord. Come tale, il parco nazionale garantisce la connettività e la conservazione della biodiversità di queste province, costituendosi come uno scenario di interazione in cui la diversità di flora e fauna e l'endemismo sono fioriti. Una delle caratteristiche principali di Chiribiquete è la presenza di tepui (montagne a cima piatta), altipiani in pietra arenaria a strapiombo che si estendono nella foresta e si traducono in uno scenario teatrale che viene rafforzato dalla sua lontananza, inaccessibilità e conservazione eccezionale. Oltre 75.000 personaggi sono stati fatti da indigeni sulle pareti dei 60 rifugi rocciosi dal 20.000 a.C., e sono ancora fatti oggigiorno dalle popolazioni protette dal parco nazionale pertanto mai entrate contatto con altri. Questi dipinti raffigurano scene di caccia, battaglie, danze e cerimonie, oltre a specie faunistiche e vegetali, con un particolare culto del giaguaro, simbolo di potere e fertilità. Le comunità indigene, che non sono direttamente presenti nel sito, considerano Chiribiquete un luogo sacro che non può essere visitato e che dovrebbe essere preservato inalterato. Chiribiquete view.jpg
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti