Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Islanda settentrionale
Baia di Hunafloi
Localizzazione
Islanda settentrionale - Localizzazione
Stato
Sito istituzionale

Islanda settentrionale è una regione dell'Islanda.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Comprende la parte settentrionale dei territori di Norðurland eystra (Terra del nordest) e Norðurland vestra (Terra del nordovest).

Cenni storici[modifica]

Alcune tra le più conosciute leggende islandesi hanno origine proprio in queste terre: Grettir il forte, Vatnsdalur, e la guerra civile di Sturlunga.

Hafragilsundurland, valle di Jökulsá á Fjöllum oltre Hafragilfoss nel Parco nazionale Jökulsárgljúfur


Territori e mete turistiche[modifica]

Il Nordovest dell'Islanda
  • Vatnsnes — La penisola occidentale il cui litorale ospita colonie di foche e trichechi. L'ampia baia di Húnaflói la separa dalla regione dei Fiordi occidentali
  • Tröllaskagi (letteralmente: Penisola dei Giganti) — La penisola montuosa con picchi montuosi di 1000 – 1500 m.
  • Skagafjörður — Il fiordo che limita la penisola dei Giganti ad ovest. È anche il nome di una contea famosa per l'allevamento di cavalli.
  • Grimsey — Isola sulla linea del Circolo Polare Artico

Centri urbani[modifica]

Hvammstangi vista dall'altra sponda del Miðfjörður
Paesaggio tra Blönduós e Varmahlíð

Da est ad ovest:

  • Hvammstangi — Con i suoi 580 abitanti, Hvammstangi è il maggior centro della zona occidentale della regione. Giace sul Miðfjörður, all'ingresso della penisola di Vatnsnes e a 10 km dalla statale nº 1 (Ring Road). La località offre possibilità di escursioni a cavallo (informazioni sul sito Gauksmyri).
  • Blönduós
  • Skagaströnd — Poco più a nord di Blönduós.
  • Sauðárkrókur — Con i suoi 2600 abitanti, Sauðárkrókur è il secondo centro regionale. È dotata di alberghi ma il suo interesse turistico è limitato. Offre comunque possibilità di escursioni in barca alle isole dello Skagafjörður.
  • Glaumbær — Poco più a sud di Sauðárkrókur, Glaumbær è un caratteristico villaggio islandese con un museo del folclore.
  • Varmahlíð (Letteralmente: Calda collina) — Dotato di numerose fonti termali, il villaggio di Varmahlíð è situato sulla Ring Road e possiede alberghi. Offre possibilità di escursioni a cavallo (Informazioni sul sito della Hesta Sport) ma anche di praticare il rafting nel periodo estivo grazie all'abbondanza di fiumi nei dintorni che spesso attraversano gole selvagge e formano rapide. (maggiori informazioni: www.rafting.is e www.bakkaflot.com).
  • Siglufjörður — Al capolinea della strada panoramica nº 76 che si distacca dalla ring road lambendo la costa della occidentale della penisola di Tröllaskagi.


Come arrivare[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Norðurland eystra

Itinerari[modifica]

Il vulcano Herdubreid
Il vulcano Askja

Itinerario principale (Ring Road)[modifica]

Entrando nel Nord-est dell'Islanda da Varmahlíð e percorrendo la Ring Road incontreremo dapprima Akureyri, seconda città del paese e quindi Reykjahlíð, unico villaggio sulle rive del famoso lago Mývatn.

Pochi km oltre Reykjahlíð sta il bivio a sinistra per Krafla, famosa caldera.

Tornati sulla Ring Road incontreremo dopo 25 km l'incrocio a destra con la F88 che altro non è che una pista, praticabile in fuoristrada nella sola stagione estiva. La F88 si dipana per 100 km sui Monti Drekagil permettendo l'accesso ad Herðubreið, altro vulcano dell'entroterra che si erge nel deserto lavico di Ódáðahraun e che lascia spazio ad una sola oasi detta Herðubreiðarlindir ove è stato allestito un campeggio.

La strada si arresta al parcheggio di Vikraborgir. Da qui si percorre a piedi un tratto di 2,5 km fino al cratere di Víti che fa parte del sistema vulcanico detto Askja. La zona ha un aspetto lunare a tal punto che fu scelta come luogo di addestramento per la missione Apollo. Askja si raggiunge tramite la strada F88 che non è altro che una pista, praticabile in fuoristrada nella sola stagione estiva. Essa si distacca dalla Ring Road alcune decine di km ad est di Mývatn per poi dipanarsi per 100 km sui Monti Drekagil fino al parcheggio di Vikraborgir. Il tratto dal parcheggio fino al cratere centrale detto Víti è di circa 2,5 km e va fatto a piedi.

Akureyri-Ásbyrgi[modifica]

Dettifoss

Un itinerario secondario ma non per questo meno interessante è il percorso della statale 85 da Akureyri fino a Húsavík, la capitale europea delle balene.

Da questa località si prosegue fino ad Ásbyrgi, ingresso principale al Parco nazionale Jökulsárgljúfur. Spesso riferito come "Grand Canyon d'Islanda", il parco occupa le gole scavate dal "Jökulsá á Fjöllum", secondo fiume d'Islanda che ha le sue sorgenti nel ghiacciaio Vatnajökull. All'interno del parco stanno le cascate più grandi d'Europa, Dettifoss, spesso paragonate a quelle del Niagara.

Asbyrgi-Raufarhofn[modifica]

Altro itinerario possibile ma poco percorso dai turisti che hanno fretta, è quello che da Asbyrgi a Raufarhofn, il comune più settentrionale d'Islanda. Da qui è possibile proseguire fino a Þórshöfn, villaggio nella penisola di Langanes.

Cosa fare[modifica]


A tavola[modifica]


Sicurezza[modifica]


Altri progetti